Luigi Ferraris (calciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Ferraris
Luigi Ferraris 1911.gif
Luigi Ferraris nel 1911.
Nazionalità Italia Italia
Altezza 187 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1911
Carriera
Giovanili
1902[1]-1904 Genoa
Squadre di club1
1904-1906 Genoa II 1+ (?)
1907-1911 Genoa 35 (1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Luigi Ferraris (Firenze, 18 novembre 1887Monte Maggio, 23 agosto 1915) è stato un calciatore, ingegnere e militare italiano caduto nella prima guerra mondiale ed insignito della medaglia d'argento al valore.

Prima della partenza per il fronte era centrocampista del Genoa.

Era andato in guerra come volontario e giunse sino al grado di tenente. Cadde durante una missione in Val Posina, valle minore della Val d'Astico nel comune di Posina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini piemontesi, la sua famiglia era di Saluzzo, Ferraris è stato un calciatore del Genoa.

Dopo aver frequentato il Liceo ginnasio Andrea D'Oria di Genova, si diplomò nel 1906 e in seguito frequentò il Politecnico di Milano e nel 1911 si laureò in ingegneria.

Di professione ingegnere prima alle Officine Elettriche Genovesi (OEG) di San Fruttuoso e poi alla Pirelli di Milano, militò nella squadra genovese come centromediano dal 1909 al 1912.

Morì sul Monte Maggio il 23 agosto 1915 alle ore 9:45 a causa di un proiettile d'artigliera da 152 Shrapnel che lo uccise all'istante.

La notizia della morte venne comunicata dal preside del Liceo ginnasio Andrea D'Oria alla famiglia il 28 settembre.

Nel giorno di Capodanno del 1933, in occasione del quarantennale del Genoa, lo stadio comunale di Genova è stato intitolato alla sua memoria. Situato in via Giovanni De Prà nel quartiere di Marassi, il campo da calcio ospita da sempre le partite casalinghe del Genoa e, dal 1946, ospita anche quelle dell'altra squadra genovese: la Sampdoria.

Durante la cerimonia di intitolazione dello stadio è stata sotterrata, in prossimità della porta di gioco situata sotto la Gradinata Nord, la sua medaglia d'argento al valor militare.

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto calcisticamente nel Genoa, nel 1904 vinse con i rossoblu la Seconda Categoria, una sorta di campionato giovanile ante-litteram, battendo nella finale del 17 aprile 4-0 la squadra riserve della Juventus.[2]

Entrò nella rosa della prima squadra rossoblu nel 1907 rimanendovi sino al 1911, anno del suo ritiro. Esordì nel derby disputato il 13 gennaio 1907 contro l'Andrea Doria e terminato uno ad uno. Vanta in rossoblu anche 6 presenze ed una rete nella competizione nota Palla Dapples.

Fu impiegato nell'amichevole inaugurale del nuovo campo sportivo di San Gottardo dell'8 dicembre 1907 contro l'equipaggio della nave britannica Canopic.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Genoa II: 1904

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.
  • Aldo Padovano, Accadde domani... un anno con il Genoa, Genova, De Ferrari, 2005, ISBN 88-7172-689-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]