Elezioni regionali italiane del 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mappa politica regionale aggiornata alle elezioni del 24 marzo 2019

Le elezioni regionali del 2019 si sono tenute o si terranno in date diverse in sette regioni: domenica 10 febbraio in Abruzzo, domenica 24 febbraio in Sardegna, domenica 24 marzo in Basilicata, domenica 26 maggio in Piemonte (contestualmente alle elezioni europee), in autunno in Umbria, tra novembre e dicembre in Calabria ed Emilia-Romagna.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riportati alcuni fra i candidati alla presidenza della Regione con indicato fra parentesi il relativo partito di appartenenza al momento del voto, il quale tuttavia non sempre coincide col nome della lista a proprio sostegno.

Regione Candidati Presidenti uscenti
Centro-destra Centro-sinistra M5S Altri
Abruzzo
(10 febbraio)
Marco Marsilio[1] (FdI)
48,03%
Giovanni Legnini[2] (IND)
31,28%
Sara Marcozzi
20,20%
Stefano Flajani[3] (CasaPound)
0,47%
Giovanni Lolli[4] (PD)
Sardegna
(24 febbraio)
Christian Solinas[5] (PSd'Az)
47,78 %
Massimo Zedda (IND)
32,92 %
Francesco Desogus
11,20 %
Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi)
3,35 %
Altri 4,64 %
Francesco Pigliaru (PD)
Basilicata
(24 marzo)
Vito Bardi[6] (FI)
42,20 %
Carlo Trerotola[7] (PD)
33,11 %
Antonio Mattia
20,32 %
Valerio Tramutoli[8] (Basilicata Possibile)
4,37 %
Flavia Franconi[9] (PD)
Piemonte
(26 maggio)
Alberto Cirio (FI)[10] Sergio Chiamparino (PD) Giorgio Bertola[11] Valter Boero[12] (Il Popolo della Famiglia) Sergio Chiamparino (PD)
Calabria
(novembre)
Mario Oliverio (PD)
Emilia-Romagna
(novembre)
Stefano Bonaccini (PD)
Umbria
(autunno)
Catiuscia Marini (PD)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]