Elezioni regionali italiane del 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le elezioni regionali italiane del 2019 si sono tenute in date diverse in cinque regioni italiane: domenica 10 febbraio in Abruzzo, domenica 24 febbraio in Sardegna, domenica 24 marzo in Basilicata, domenica 26 maggio in Piemonte (contemporaneamente alle elezioni europee) e domenica 27 ottobre in Umbria.

Elezioni dei presidenti di regione[modifica | modifica wikitesto]

Regione Candidati Presidenti uscenti
Centro-sinistra Centro-destra Movimento 5 Stelle Altri
Abruzzo
(10 febbraio)
Giovanni Legnini (IND)
31,28%
Marco Marsilio (FdI)
48,03%
Sara Marcozzi
20,20%
Stefano Flajani (CasaPound)
0,47%
Giovanni Lolli[1] (PD)
Sardegna
(24 febbraio)
Massimo Zedda (CP)
32,92%
Christian Solinas (PSd'Az)
47,78%
Francesco Desogus
11,20%
Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi)
3,35%
Altri 4,64%
Francesco Pigliaru (PD)
Basilicata
(24 marzo)
Carlo Trerotola (PD)
33,11%
Vito Bardi (FI)
42,20%
Antonio Mattia
20,32%
Valerio Tramutoli (Basilicata Possibile)
4,37%
Flavia Franconi[2] (PD)
Piemonte
(26 maggio)
Sergio Chiamparino (PD)
35,80%
Alberto Cirio (FI)
49,86%
Giorgio Bertola
13,61%
Valter Boero (Il Popolo della Famiglia)
0,73%
Sergio Chiamparino (PD)
Umbria
(27 ottobre)
Vincenzo Bianconi (IND)
37,48%
Donatella Tesei (Lega)
57,55%
Claudio Ricci (Ricci Presidente)
2,64%
Altri 2,34%
Fabio Paparelli[3] (PD)

Risultati di lista[modifica | modifica wikitesto]

Complessivo per coalizione dei risultati delle liste circoscrizionali[modifica | modifica wikitesto]

Dati definitivi

Aventi diritto: 7.575.362
Votanti: 4.486.729 59.23%
Voti ai partiti: 3.941.042 87.84%
Schede nulle/bianche/contestate 131.155 2.92%
Coalizione o partito Voti %
Centro-destra 2.062.161 52.33%
Centro-sinistra 1.255.872 31.87%
Movimento 5 Stelle 518.446 13.16%
Indipendenti 65.770 1.67%
Sinistra 23.983 0.61%
Totale 100

Fonte:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Facente funzioni a seguito delle dimissioni di Luciano D'Alfonso (PD).
  2. ^ Facente funzioni a seguito della sospensione di Marcello Pittella (PD).
  3. ^ Facente funzioni a seguito delle dimissioni di Catiuscia Marini (PD).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]