Elezioni regionali italiane del 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le elezioni regionali del 2019 si sono tenute o si terranno in date diverse in sette regioni: domenica 10 febbraio in Abruzzo, domenica 24 febbraio in Sardegna, domenica 24 marzo in Basilicata, domenica 26 maggio in Piemonte (contestualmente alle elezioni europee), tra novembre e dicembre in Calabria, Emilia-Romagna e Umbria (data da definirsi).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riportati alcuni fra i candidati alla presidenza della Regione con indicato fra parentesi il relativo partito di appartenenza al momento del voto, il quale tuttavia non sempre coincide col nome della lista a proprio sostegno.

Regione Candidati Presidenti uscenti
Centro-destra Centro-sinistra M5S Altri
Abruzzo
(10 febbraio)
Marco Marsilio[1] (FdI)
48,03%
Giovanni Legnini[2] (Ind.)
31,28%
Sara Marcozzi
20,20%
Stefano Flajani[3] (CasaPound)
0,47%
Giovanni Lolli[4] (PD)
Sardegna
(24 febbraio)
Christian Solinas[5] (PSd'Az)
47,78 %
Massimo Zedda (CP)
32,92 %
Francesco Desogus
11,20 %
Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi)
3,35 %
Altri 4,64 %
Francesco Pigliaru (PD)
Basilicata
(24 marzo)
Vito Bardi[6] (FI)
42,20 %
Carlo Trerotola[7] (PD)
33,11 %
Antonio Mattia
20,32 %
Valerio Tramutoli[8] (Basilicata Possibile)
4,37 %
Flavia Franconi[9] (PD)
Piemonte
(26 maggio)
Alberto Cirio[10][11] (FI)
49,86 %
Sergio Chiamparino (PD)
35,80 %
Giorgio Bertola
13,61 %
Valter Boero[12] (Il Popolo della Famiglia)
0,73 %
Sergio Chiamparino (PD)
Calabria
(novembre)
Mario Oliverio (PD)
Emilia-Romagna
(novembre)
Stefano Bonaccini (PD)
Umbria
(novembre)
Fabio Paparelli[13] (PD)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]