Shunsuke Nakamura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il wrestler giapponese, vedi Shinsuke Nakamura.
Shunsuke Nakamura
Shunsuke2 20080622.png
Nakamura con la divisa del Giappone.
Dati biografici
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 177 cm
Peso 66 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra F·Marinos F·Marinos
Carriera
Giovanili
1991-1994
1994-1997
Nissan Jr.
Toko Gakuen
Squadre di club1
1997-2001 F·Marinos F·Marinos 146 (33)
2002-2005 Reggina Reggina 81 (11)
2005-2009 Celtic Celtic 119 (29)
2009-2010 Espanyol Espanyol 12 (0)
2010- F·Marinos F·Marinos 145 (28)
Nazionale
1996-1997
1998-2000
2000-2010
Giappone Giappone U-20
Giappone Giappone U-23
Giappone Giappone
11 (2)
18 (7)
98 (24)
Palmarès
Coppa Asia.svg Coppa d'Asia
Oro Libano 2000
Oro Cina 2004
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 settembre 2014

Shunsuke Nakamura (中村 俊輔 Nakamura Shunsuke?) (Yokohama, 24 giugno 1978) è un calciatore giapponese, centrocampista del Yokohama F. Marinos.

È stato il primo giocatore giapponese a segnare in Champions League ed il secondo a parteciparvi. Dopo gli inizi nel paese natio ha giocato in Italia con la Reggina, dove in tre anni ha collezionato 81 presenze e 11 gol. Nell'estate del 2005 viene ceduto agli scozzesi del Celtic. Nella sua prima stagione al Celtic, Nakamura ha aiutato il club a vincere la Scottish Premier League e la Scottish League Cup. Dopo quattro stagioni con i biancoverdi, firma un contratto biennale con l'Espanyol. I suoi contributi alla nazionale giapponese sono invece rappresentati dai 24 gol segnati.

Ha vinto la Coppa d'Asia nel 2000 e nel 2004 con la Nazionale giapponese, ed è stato nominato MVP dell'edizione 2004. Ha pure partecipato al Mondiale Under-20 1997 e alla XXVIII Olimpiade come membro della Nazionale Under-23 giapponese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Dotato di un mancino preciso con il quale spesso trova la porta[1], Nakamura predilige giocare sulla fascia destra, dove può permettersi di accentrare la sua posizione per il tiro o per le verticalizzazioni ai compagni. È inoltre dotato di una tecnica sopraffina[2] e di una visione totale del campo.[3]

Pur non essendo particolarmente veloce, compensa questo difetto con la sua propensione offensiva[4], che gli permette spesso di trovare il gol[5] grazie al suo tiro preciso e al buon tiro dalla distanza[6]; abbina a queste sue qualità un ottimo dribbling; nel novero delle sue abilità rientrano anche i calci piazzati: è infatti uno specialista dei rigori e in particolar modo delle punizioni.[6][7][8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Yokohama, Nakamura inizia a praticare il calcio all'età di 5 anni, giocando per le giovanili del club locale Misono FC fino a poco prima della scuola media.

Nel 1991, a 12 anni, il giapponese si unisce al Nissan FC Junior Youth, la selezione primaverile del Nissan Motors, che prenderà poi il nome di Yokohama Marinos all'inaugurazione della J-League nel 1993. Tuttavia nel 1994 Shunsuke decide di trasferirsi al Toko Gakuen High School di Kawasaki. Qui Nakamura viene eletto MVP del torneo nazionale giovanile a livello di scuola media, e riesce a guidare la squadra alla finale della competizione nel 1996. Dopo essersi diplomato al Toko Gakuen nel 1997, Nakamura decide di fare il gran passo, firmando per i Yokohama Marinos.

Yokohama Marinos[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997, il diciannovenne Nakamura si unisce ai Yokohama Marinos nella J-League (in seguito la squadra cambierà il suo nome in Yokohama F. Marinos, in seguito all'unione con i Yokohama Flugels), per i quali ha già giocato in passato ai tempi della Nissan Motors FC. Il suo debutto da professionista risale al 16 aprile dello stesso anno, in una partita contro il Gamba Osaka. Nakamura porta a termine la sua prima stagione con un bottino di 27 presenze e 5 gol.

Nel 2000 il giovane giocatore disputa la sua migliore stagione in tutta la sua permanenza a Yokohama: mette a segno 5 reti, 11 assist e viene nominato MVP della J-League. Nakamura lascia i Marinos nel 2002 per accasarsi in Italia presso la Reggina, per una cifra di 3.5 milioni di dollari.

Reggina[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'amara esclusione dalla rosa giapponese che ha preso parte al campionato del mondo 2002 (disputato tra l'altro in casa), Nakamura si trasferisce alla Reggina, neopromossa in Serie A. Le aspettative generali sul giapponese erano alte, e dopo aver ricevuto la maglia numero 10, Shunsuke segna 3 gol consecutivi nelle prime tre giornate di campionato. Termina la sua prima stagione italiana con 7 marcature in 36 partite totali. Ciononostante nell'annata successiva Shunsuke non riesce a riproporsi su tali livelli, complici anche gli infortuni, mentre gli "Amaranto" tentano comunque di evitare la zona retrocessione.

Anche la stagione 2004-2005 non finisce molto bene e il calciatore nipponico racimola solamente 2 reti in 33 presenze. Dopo un'ennesima annata non particolarmente brillante, Nakamura decide che è arrivato il momento di cambiare maglia.

Celtic[modifica | modifica wikitesto]

Nakamura si riscalda per la partita tra Celtic e Dundee United.

Nell'estate 2005 Nakamura esprime il suo desiderio di giocare in Spagna e molte voci lo accostano all'Atlético Madrid e al Deportivo La Coruña, militanti nella Primera División, così come a club della Bundesliga tra i quali Borussia Dortmund e Borussia Mönchengladbach.[9] Ciò nonostante la fiducia del giapponese è ricaduta sulla squadra scozzese del Celtic, militante in Scottish Premier League. Il suo impatto con il nuovo club è molto positivo: viene nominato uomo partita al debutto contro il Dundee United il 6 agosto 2005.[10] La sua creatività, così come la sua etica del lavoro e la compostezza sotto pressione, riceve subito l'elogio dei compagni di squadra, del CT Gordon Strachan e dei sostenitori del Celtic.[11][12] Nella sua prima stagione in Scozia, Nakamura conquista subito due titoli nazionali: la Scottish Premier League e la Scottish League Cup.[13] Il 13 settembre 2006 debutta in Champions League con la maglia bianco-verde, in una partita contro il Manchester United all'Old Trafford. Il giapponese disputa una buona partita e riesce anche a segnare su calcio di punizione per il pareggio del 2-2. Tuttavia i Red Devils hanno la meglio, riuscendo a strappare una vittoria per 3-2. Il 14 ottobre, contro il Dundee United al Tannadice, Nakamura mette a segno la sua prima tripletta con il Celtic, vincendo nuovamente il riconoscimento di uomo-partita. L'incontro termina per 4-1 a favore dei Celts. Il 21 novembre Nakamura segna uno dei gol più importanti della sua carriera: una punizione precisa da 28 metri contro il Manchester United al Celtic Park in una cruciale gara di Champions League. La rete ha permesso agli Hoops di avanzare alla fase ad eliminazione per la prima volta.[14] Il 26 dicembre segna una rete importante sempre contro il Dundee United al Celtic Park (la marcatura del nipponico è riconosciuta come Gol della stagione[15]). È stata proprio la performance di Nakamura nei 20 minuti finali che ha permesso al Celtic di conquistare un punto prezioso, il che ha portato l'allenatore Gordon Strachan a proclamarlo "un genio".[16] Nel 2007 viene incluso nella shortlist per il Pallone d'Oro[17]

Espanyol[modifica | modifica wikitesto]

Shunsuke Nakamura con la maglia dell'Espanyol

Molti media parlarono del fatto che Nakamura potesse tornare alla sua città natale Yokohama, dopo il contratto di quattro anni con il Celtic. Nel giugno 2009, poco prima di un controllo medico a Yokohama la negoziazione non si concluse, per cause tuttora ignote. Il 22 giugno 2009, venne annunciato che Nakamura firmò un contratto di due anni per la squadra spagnola Espanyol. Fece il suo debutto con i "Los Pericos" nella prima partita di campionato della stagione 2009-10 contro l'Athletic Bilbao, giocando tutto il match. Tuttavia, egli non trovò più spazio in prima squadra, e riuscì a fare solo brevi apparizioni nel secondo tempo come sostituto.

Ritorno ai Yokohama Marinos[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 febbraio 2010, Nakamura annuncia ufficialmente il suo ritorno in patria, in prestito agli Yokohama F. Marinos. Nella partita di esordio (vinta 4-1) mette inoltre a segno il gol del momentaneo 1-0 con un tiro potentissimo da oltre venticinque metri.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nakamura fa il suo debutto ufficiale con la maglia della Nazionale giapponese il 13 febbraio 2000 contro il Singapore e segna il suo primo gol il 16 febbraio 2000 nella partita contro i Brunei. Nakamura ha preso parte a 3 mondiali con la sua nazionale (2002,2006,2010), con la maglia della nazionale nipponica conta 98 presenze e 24 gol, si ritira ufficialmente dalla nazionale dopo il mondiale del 2010 in cui il Giappone viene sconfitto agli ottavi di finale ai rigori contro il Paraguay.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Celtic Glasgow: 2005-2006, 2006-2007, 2007-2008
Celtic Glasgow: 2007
Celtic Glasgow: 2006, 2009

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giappone: 2000, 2004

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2000
2004
2007
2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 101455776