Scottish Premiership

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Scottish Premier League)
Scottish Premiership
Sport Football pictogram.svg Calcio
Paese Scozia Scozia
Titolo Campione di Scozia
Cadenza annuale
Apertura agosto
Partecipanti 12 squadre
Formula Girone A/R/A
più un quarto girone con incontri tra le prime 6 e le ultime 6 e playout
Retrocessione in Scottish Championship
Sito Internet spfl.com
Storia
Fondazione 1890
Detentore Celtic Celtic
Maggiori titoli Rangers Rangers (54)
Edizione in corso Scottish Premiership 2013-2014
Spltrophy.png
Trofeo o riconoscimento

La Scottish Premiership è il massimo campionato scozzese di calcio ed è organizzato dalla Scottish Professional Football League.

Nel 1998 i club di prima divisione secedettero dalla Scottish Football League sull'esempio di quanto accaduto in Inghilterra sei anni prima. Originariamente composta da 10 club, la lega si espanse a 12 squadre nel 2000. Nel 2013 si decise invece di tornare sui propri passi, e reinserirsi in un'unica associazione del calcio professionale in Scozia. Il campionato prevede l'ordinario sistema di punteggio che assegna tre punti alla squadra che vince una partita, un punto a ciascuna squadra in caso di pareggio e zero alla squadra sconfitta.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Attualmente viene disputato da 12 squadre, con un particolare regolamento che prevede due gironi d'andata inframezzati da un girone di ritorno, cosicché ogni squadra incontra le altre tre volte invece di due per un totale di 33 giornate di campionato, dopodiché si effettua il cosiddetto split, ovvero la divisione in due del campionato: le prime sei si affrontano tra di loro in un giro veloce valevole per il titolo e la qualificazione alle coppe europee, mentre le ultime sei partecipano ad un'analoga competizione con l'obiettivo di non retrocedere. L'elaborato meccanismo ha l'evidente finalità di generare un campionato con 38 giornate di gara, cioè esattamente lo stesso numero dei grandi tornei europei a 20 squadre.

Logo dell'ex SPL

Fino al 2000, la formula a 10 squadre del torneo si svolgeva più semplicemente su due gironi di andata ed altrettanti di ritorno, per un totale di 36 giornate. Nell'era precedente la fondazione dell'attuale lega, il campionato scozzese era gestito dalla Scottish Premier League, abbreviata in SPL e creata nel 1998, e prima ancora dalla Scottish Football League ed aveva due divisioni, la Division One e la Division Two, con club che venivano promossi e retrocessi alla fine di ogni stagione; tuttavia, a metà degli anni settanta, questa organizzazione cominciò ad essere stagnante, e si decise di dividere la struttura in tre divisioni chiamate Premier Division, First Division e Second Division. Questa formula continuò fino alla metà degli anni novanta, quando fu deciso di aggiungere una quarta categoria, la Third Division.

Come si può vedere dall'albo d'oro, il campionato scozzese è stato dominato da questi due club nel corso degli anni: l'ultimo titolo al di fuori di Glasgow fu conquistato dall'Aberdeen nel 1985, mentre l'ultima squadra a interporsi tra le due (prima del fallimento dei Rangers nel 2012) fu l'Hearts of Midlothian nella stagione 2005-2006, conquistando il secondo posto alle spalle del Celtic, con i Rangers che dovettero accontentarsi della terza piazza. le due squadre detengono attualmente 99 titoli (di cui uno condiviso) di Scozia sui 117 totali. Questo strapotere rende chiaramente meno interessante al pubblico televisivo la visione delle partite di questo campionato e si traduce in un dato economico molto importante: la televisione che trasmette via satellite le partite del campionato scozzese, Sky, non è disposta a sborsare cifre folli per ottenere i diritti televisivi delle squadre scozzesi. Pertanto non molto tempo fa sia i Rangers sia il Celtic avevano manifestato l'intenzione di abbandonare la Scottish Premier League per entrare a far parte della Premier League, il massimo campionato inglese, scontrandosi tuttavia contro l'opposizione dei club inglesi meno forti che, con l'arrivo delle squadre di Glasgow, avrebbero vista ridotta la possibilità di partecipazione alle coppe europee.

Al momento, la squadra più titolata di Scozia è quella dei Rangers con 54 titoli nazionali più una Coppa delle Coppe, anche se il Celtic può vantare in bacheca il massimo trofeo continentale, la Coppa dei Campioni. Il fallimento dei Rangers nel 2012, con la loro rifondazione che parte dalla Third Division, cancellerà l'Old Firm dal campionato almeno fino al 2015.

Squadre 2013-2014[modifica | modifica sorgente]

Le squadre[modifica | modifica sorgente]

Sono 45 le squadre che hanno preso parte ai 117 campionati di massima serie scozzese che sono stati disputati a partire dal 1890-91 fino alla stagione 2013-14.

Con il fallimento dei Rangers nel 2012, il Celtic rimane l'unica squadra ad aver partecipato a tutte le 117 edizioni del massimo campionato scozzese. Bisogna segnalare tuttavia come l'Aberdeen non abbia mai abbandonato la categoria dai tempi della sua ultima promozione nel 1905, sebbene in due occasioni ciò sia stato possibile tramite un ripescaggio.

Albo d'oro[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Albo d'oro del campionato scozzese di calcio.

Classifica Titoli[modifica | modifica sorgente]

Club Vittorie
Rangers Rangers 54
Celtic Celtic 45
Aberdeen Aberdeen 4
Hearts Hearts 4
Hibernian Hibernian 4
Dumbarton Dumbarton 2
Dundee Dundee 1
Dundee Utd Dundee Utd 1
Kilmarnock Kilmarnock 1
Motherwell Motherwell 1
600px Rosso2.png Third Lanark 1

Premi[modifica | modifica sorgente]

Al termine di ogni stagione vengono assegnati dei premi ai calciatori meritevoli:

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio