Vysšaja Liga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la massima serie del campionato russo di calcio (così nota fino al 1997), vedi Prem'er-Liga.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la massima serie del campionato bielorusso di calcio, vedi Vysšaja Liha.
Vysšaja liga
Высшая лига
Sport Football pictogram.svg Calcio
Tipo Squadre di club
Federazione UEFA
Paese URSS URSS
Apertura Primavera
Chiusura Autunno
Formula Girone all'italiana (A/R)
Retrocessione in Pervaja Liga
Storia
Fondazione 1936
Soppressione 1991

La Vysšaja Liga (in russo: Высшая лига?[1], traslitterato come Vysšaja liga, Prima divisione) era il primo livello del campionato sovietico di calcio e si disputò tra il 1936 ed il 1991, anno dello scioglimento dell'Unione Sovietica. Vi prendevano parte squadre rappresentanti le varie repubbliche dell'Unione Sovietica.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso delle cinquantaquattro edizioni disputate, la massima divisione calcistica sovietica ha subìto diversi mutamenti nel formato: per le edizioni 1936 e 1976 fu inoltre adottato un altro tipo di format, con le squadre che si affrontavano in due campionati distinti (uno in primavera e l'altro in autunno) nel corso della stagione calcistica[2] e gare di sola andata, sullo stile dei campionati sudamericani. Altrettanto variabile fu il numero delle squadre partecipanti, arrivando ad un massimo di 26 squadre nella stagione 1938[2], ad un minimo di 11 nella stagione 1953[2]. È opportuno ricordare che nel 1938 la massima serie era anche l'unica serie del campionato, dato che vi giocarono tutte le 26 squadre iscritte al campionato, senza la presenza di un secondo livello.

Il sistema di assegnazione dei punti prevedeva inizialmente tre punti per la vittoria, due per il pareggio, uno per la sconfitta e zero in caso di mancata partecipazione; solo dal 1938 furono assegnati due punti per la squadra vincitrice dell'incontro, uno a entrambe in caso di pareggio, zero per la squadra sconfitta[3], formula che rimase quasi sempre invariata. Le uniche modifiche furono apportate per la sola edizione del 1973, in cui furono introdotti i tiri di rigore per gli incontri terminati in parità, alla cui vincitrice sarebbe stato aggiunto un punto[2], e dal 1978 al 1988, l'introduzione di un limite ai pareggi: dopo un certo numero di pareggi (tale soglia fu spostata da 8 a 10 nel corso degli anni) il pareggio non dava punti.

Per quanto riguarda le discriminanti adottate in caso di parità di punti, furono inizialmente adottati gli spareggi[2] (con un'eccezione nella stagione 1970, in cui la discriminante fu basata dal numero di giocatori convocati in nazionale durante la stagione[2]) per poi passare, a partire dal 1978, ad un sistema che dava la priorità al maggior numero di incontri vinti[2].

In alcune stagioni il campionato prevedeva diverse fasi e le squadre erano divise in gironi: ciò accadde tra il 1960 e il 1962 e nel 1969[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Denominata inizialmente Gruppa A, subì vari cambi di denominazione: nel secondo dopoguerra fu, infatti, conosciuta come Pervaja Gruppa, nome che rimase per appena cinque edizioni; dal 1950 al 1962 era noto come Klass A, dal 1963 al 1969 fu noto come Pervaja Gruppa A, per il solo 1970 come Vysšaja Gruppa A, mentre dal 1971 in poi assunse la denominazione finale di Vysšaja Liga.

Fin dalla sua prima edizione, datata 1936, la massima divisione sovietica è stata dominata dalle squadre moscovite. Bisogna infatti andare all'edizione 1961, vinta dalla squadra ucraina della Dinamo Kiev, per avere una vincitrice che non sia della città capitale dell'Unione. Tra 1936 e 1960 le quattro squadre principali di Mosca si spartiscono tutti i titoli: la Dinamo Mosca trionfa 9 volte, lo Spartak Mosca 7 volte, il CSKA Mosca (squadra dell'esercito) 5 volte e la Torpedo Mosca 1 volta.

Nel 1961 la Dinamo Kiev, che diverrà la squadra a vincere in assoluto più campionati sovietici, si impone per la prima volta. Negli anni sessanta gli ucraini si impongono altre tre volte (nel 1966, 1967 e 1968). Nel 1964 vincono il loro primo titolo i georgiani della Dinamo Tblisi. Gli anni settanta si aprono con due sorprese: nel 1972 vince il titolo la matricola ucraina Zorya Voroshilovgrad, e nel 1973 ad imporsi sono gli armeni dell'Ararat Yerevan. Anche questo decennio è però dominato (eccezion fatta per il 1978, quando vince il suo secondo titolo la Dinamo Tblisi) dalla Dinamo Kiev e dalle squadre moscovite. Negli anni ottanta le sorprese sono rappresentate dalla prima e unica vittoria dei bielorussi della Dinamo Minsk, datata 1982, e dall'incredibile doppio trionfo degli ucraini del Dnipro. Il 1984 è poi l'anno della prima vittoria dello Zenit Leningrado. L'ultima edizione del campionato, nel 1991, ha visto trionfare il CSKA Mosca, che non vinceva dal lontano 1970.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Albo d'oro del campionato sovietico di calcio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In ucraino Вища ліга; in bielorusso Вышэйшая ліга.
  2. ^ a b c d e f g h (EN) USSR (Soviet Union) - Final Tables 1924-1992, RSSSF. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  3. ^ (EN) Soviet Union 1938, RSSSF. URL consultato il 2 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio