Tokyo Verdy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tokyo Verdy
東京ヴェルディ
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Verde con V Bianca.png Verde
Simboli Condor
Inno Winning Winds
Tetsuya Komuro
Dati societari
Città Chōfu, Tokyo
Paese Giappone Giappone
Confederazione AFC
Federazione Flag of Japan.svg JFA
Campionato J. League Division 2
Fondazione 1969
Rifondazione 1992
Presidente Giappone Hideyuki Hanyu
Allenatore Giappone Yasutoshi Miura
Stadio Tokyo Stadium
(50,100 posti)
Sito web www.verdy.co.jp/
Palmarès
Titoli nazionali 7
Trofei nazionali 5 Coppe dell'Imperatore
7 JSL Cup / Nabisco Cup
2 Xerox Super Cup
Trofei internazionali 1 Campionato d'Asia per club
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Tokyo Verdy (東京ヴェルディ Tōkyō Verudi?) è una società calcistica giapponese con sede a Chōfu, quartiere di Tokyo.

Fondata nel 1969 come squadra satellite della holding editoriale Yomiuri, nell'arco di undici stagioni ha avuto modo di vincere sette campionati, detenendo assieme al Kashima Antlers il record di titoli nazionali vinti[1][2][3]. In quello stesso periodo la squadra riuscì inoltre a conseguire il suo unico titolo internazionale, vincendo l'edizione 1987-88 del Campionato d'Asia per club. A partire dalla seconda metà degli anni novanta la squadra ha conosciuto un periodo di declino delle prestazioni culminato con due retrocessioni in seconda divisione nel 2005 e nel 2008.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia del Tokyo Verdy.

Periodo amatoriale[modifica | modifica sorgente]

Pepe, allenatore dello Yomiuri nella stagione 1991-92.

Il club fu fondato nell'ottobre 1969[4][5] con il nome di NTV Soccer Club (日本テレビサッカー部?)[6] per poi passare, nella stagione successiva, alla denominazione di Yomiuri Football Club (読売サッカークラブ?)[5]. Fautrice di quest'iniziativa fu la holding editoriale Yomiuri Shimbun, su suggerimento dell'allora presidente della Japan Football Association Ken Nozu, intenzionato a promuovere lo sviluppo del calcio in Giappone dopo i buoni risultati conseguiti dalla Nazionale alle Olimpiadi di Città del Messico[7][8][9][10]. Adottando delle strategie societarie all'epoca sconosciute (come l'assegnazione di uno stipendio per i calciatori, la creazione di settori giovanili[11][8] e società satelliti[4], nonché il reclutamento di calciatori stranieri, soprattutto brasiliani)[10], nel giro di pochi anni lo Yomiuri completò la scalata del sistema calcistico giapponese esordendo in massima serie nel 1978[4].

Dopo cinque anni di prestazioni alterne, nel 1983 lo Yomiuri vinse il suo primo titolo nazionale a cui seguì nella stagione successiva l'accoppiata campionato-coppa nazionale[4]. Nelle successive stagioni la squadra ebbe modo di vincere altri tre titoli (di cui due consecutivi nel 1990-91 e nel 1991-92[4]) e di affermarsi a livello continentale vincendo, sia pure a tavolino, l'edizione 1987-88 del Campionato d'Asia per club[3].

Periodo professionistico[modifica | modifica sorgente]

Hulk militò nel Tokyo Verdy durante le stagioni 2007 e 2008.

Già nel corso della stagione 1991-92, in previsione dell'avvento del calcio professionistico in Giappone, lo Yomiuri aveva abbandonato lo status di società calcistica amatoriale assumendo la denominazione commerciale di Verdy Kawasaki (ヴェルディ川崎?), divenuta effettiva al termine del campionato[12]. Nelle prime edizioni della J. League il club confermò le proprie prestazioni vincendo le prime due edizioni e affermandosi nelle prime tre stagioni della Coppa di Lega, ma negli anni successivi subì un brusco declino delle prestazioni dovuto ad alcuni errori della dirigenza, propensa a creare un team che potesse ottenere seguito in tutta la nazione[12] e a confermare una rosa composta da giocatori molto avanti con l'età[12].

Con il passaggio del controllo finanziario a Nippon Television avvenuto nel 1999[4], la società fu ristrutturata migliorando dal punto di vista dei risultati[12], ma non degli spettatori: nel 2001 si arrivò quindi alla decisione di trasferire la sede a Tokyo, mutando il nome della società in Tokyo Verdy 1969 (東京ヴェルディ1969?)[12]. Tale strategia non ottenne che in parte i risultati auspicati (a causa della presenza del FC Tokyo, che già contava un buon seguito di pubblico), ma la squadra continuò a migliorare le proprie prestazioni vincendo l'edizione 2004 della Coppa dell'Imperatore[12]. A questo conseguimento seguì tuttavia la retrocessione in J. League Division 2: di lì in poi la squadra militerà ininterrottamente in seconda categoria[12][10], con una parentesi nella stagione 2008 al termine della quale la squadra, reduce dalla seconda retrocessione dalla prima divisione[13], entrò in un'ennesima crisi societaria che culminerà con l'acquisizione, avvenuta nel settembre 2009[14][12], del pacchetto azionario da parte di un gruppo imprenditoriale formato da personalità in passato legate al club[15].

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

[4]

Cronistoria del Tokyo Verdy

 

 

Colori e simboli[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Colori e simboli del Tokyo Verdy.

Colori[modifica | modifica sorgente]

Sin dalle sue origini la società ha mantenuto il verde come colore dominante delle proprie divise: fino al 1992 queste subirono delle modifiche marginali come l'aggiunta, nei primi anni ottanta, di bordature rosse bianche e blu[16]. Dopo l'approdo della squadra nel professionismo, le divise divennero oggetto di costanti cambiamenti di motivo e di aggiunte di altre tonalità alla principale (tra cui il nero nel 1995 e il giallo nel 2006)[17]. Le divise utilizzate per le gare esterne non subirono invece modifiche di rilievo fino ai primi anni duemiladieci (salvo una parentesi nei primi anni ottanta, in cui furono adottate delle divise di colore celeste e nero[18][19] o rosso e blu[19]) quando, alle tradizionali divise bianche con calzoncini verdi, si sostituirono divise di colore nero o giallo[17].

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Esordio in massima serie (1977)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Primo titolo nazionale (1983)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Titolo continentale
(1988)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Esordio professionistico
(1993)

Simboli ufficiali[modifica | modifica sorgente]

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Nel corso degli anni lo stemma della squadra rimase sostanzialmente inalterato, riproducendo un zoologia color oro con le ali spiegate verso un pallone di color verde[20][18][17]. L'unica modifica di rilievo che lo stemma subì, escludendo i cambi di denominazione della società, avvenne nel 2001, quando la forma circolare dello stemma fu sostituita da un poligono con il vertice circolare[17].

Mascotte[modifica | modifica sorgente]

La mascotte del club è un condor umanoide di nome Verdao (ヴェルダオ Verudao?), indossante la maglia della squadra[21].

Inno[modifica | modifica sorgente]

Dal 2011[22] l'inno della squadra è Winning Winds, brano composto da Tetsuya Komuro e interpretato dalla cantante Miz[23].

Strutture[modifica | modifica sorgente]

Il Todoroki Athletics Stadium di Kawasaki, in cui la squadra disputò le proprie gare interne tra il 1993 e il 2000.

Stadio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tokyo Stadium.

Il primo terreno in cui la squadra disputò le partite casalinghe fu un'area adeguatamente attrezzata all'interno dello Yomiuri Land, parco di divertimenti di proprietà dello Yomiuri Shimbun[10][4]. Successivamente all'approdo del club in massima divisione, si iniziò ad utilizzare il National Stadium di Tokyo dove, negli ultimi anni del periodo dilettantistico, la squadra disputava la quasi totalità delle proprie gare interne[24]. Con l'acquisizione dello status di squadra professionistica e il cambio di sede a Kawasaki, il club iniziò a disputare le partite casalinghe nel Todoroki Athletics Stadium fino al 2000 quando, in occasione del cambio di sede a Tokyo, si trasferì nel Tokyo Stadium, terreno condiviso con i rivali cittadini del FC Tokyo.

In occasione del cambio di proprietà avvenuto nel 2009 è stata ventilata l'ipotesi della costruzione di uno stadio di proprietà, da progettarsi entro il 2015 nel quartiere speciale di Nerima[25][26].

Centro di allenamento[modifica | modifica sorgente]

Il Tokyo Verdy svolge le proprie sedute di allenamento nella Clubhouse Verdy (クラブ情報?)[27], situata nei pressi dello Yomiuri Land[28].

Società[modifica | modifica sorgente]

A partire dal settembre 2009 la squadra è amministrata dalla Tokyo Verdy Holdings (東京ヴェルディホールディングス株式会社?)[29], in seguito rinominata come Tokyo Verdy 1969 Football Club Co. Ltd. (東京ヴェルディ1969フットボールクラブ?)[30][31]: questa società, fondata da alcune personalità legate in passato alla squadra come Ruy Ramos, Tetsuji Hashiratani e Takuya Takagi[12], è stata in seguito ceduta alla Buddy Planning Institute (バディ企画研究所?), che ne controlla il 98% del pacchetto azionario[32]. Il restante 2% è invece detenuto da tredici società fra cui la Xebio, che si occupa della fornitura tecnica delle divise[12].

Precedentemente al 2009 la società era controllata dalla Nippon Television tramite una società denominata Nippon Television Football Club (株式会社日本テレビフットボールクラブ?)[29], che nel 1998 era subentrata alla Yomiuri Nippon Football Club (株式会社読売日本サッカークラブ?), fondata dal gruppo editoriale Yomiuri il 1º ottobre 1991[29], in previsione dell'avvento del professionismo nel calcio giapponese.

[modifica | modifica sorgente]

Cronologia degli sponsor tecnici[17]
Cronologia degli sponsor ufficiali[17]

Parte anteriore

Manica

Parte posteriore

  • 1992-1995 Coca Cola
  • 1996-1998 Suntory
  • 1999-2001 Konami
  • 2002-2004 Cornes
  • 2005-2007 CyberAgent
  • 2008 NTV 55
  • 2009-oggi MJS

Calzoncini

  • 2003-2005 Fielding
  • 2006 SOPH
  • 2007 vap
  • 2008 MJS
  • 2009 Central High School
  • 2010-oggi Victoria

Settore giovanile[modifica | modifica sorgente]

Sin dalla fondazione come club dilettantistico[33], il Tokyo Verdy ha adottato una politica societaria volta a scoprire e a valorizzare i giovani[11][8], prelevandoli inizialmente da squadre liceali e universitarie[34] o da club minori esteri (soprattutto olandesi e brasiliani[10]). A partire dalla fine degli anni settanta la società si dotò poi di un vero e proprio settore giovanile[4] che includeva anche una società satellite (denominata Yomiuri Junior Football Club ed inizialmente iscritta alle leghe prefetturali) volta a completare la formazione di quei giocatori destinati alla prima squadra: fino all'avvento del professionismo nel calcio giapponese (1992), il settore giovanile dello Yomiuri vinse otto campionati nazionali[4] con la squadra satellite che arrivò a partecipare alle ultime due edizioni della Japan Soccer League Division 2[4][35][36].

In concomitanza con la trasformazione dello Yomiuri in squadra professionistica, la società satellite fu fusa con la principale[35] mentre il settore giovanile fu mantenuto, ramificandolo in tre sezioni a seconda della fascia di età dei giocatori che ne fanno parte[33]. Di lì in poi, il settore giovanile della squadra vincerà altri cinque trofei, l'ultimo dei quali è il campionato nazionale vinto nel 2007[4].

Allenatori e presidenti[modifica | modifica sorgente]

Giocatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori del Tokyo Verdy.

Vincitori di titoli[modifica | modifica sorgente]

Calciatore asiatico dell'anno

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

I titoli conseguiti dalla squadra vengono riportati con la denominazione che la società utilizzava in quel periodo[2][3].

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Yomiuri: 1983, 1984, 1986-87, 1990-91, 1991-92
Yomiuri: 1984, 1986, 1987
Verdy Kawasaki: 1996
Tokyo Verdy: 2004
Yomiuri: 1979, 1985, 1991
Yomiuri: 1990
Verdy Kawasaki: 1993, 1994
Verdy Kawasaki: 1992, 1993, 1994
Verdy Kawasaki: 1994, 1995
Tokyo Verdy: 2005

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Yomiuri: 1987-88

Statistiche e record[modifica | modifica sorgente]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica sorgente]

[4]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Japan Soccer League Division 1 14 1978 1991-92
J. League Division 1 14 1993 2008
Japan Soccer League Division 2 6 1972 1977
J. League Division 2 6 2006 2012

Organico[modifica | modifica sorgente]

Rosa 2013[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tokyo Verdy 2013.

[38]

N. Ruolo Giocatore
1 Giappone P Yoichi Doi
2 Giappone D Mitsuyuki Yoshihiro
3 Giappone D Kota Fukatsu
4 Giappone D Shohei Takahashi
5 Giappone C Naoya Saeki
6 Giappone C Yusuke Nakatani
7 Giappone C Kosei Shibasaki
8 Giappone C Masaki Chugo
11 Giappone C Norihiro Nishi
14 Giappone C Junki Koike
16 Giappone C Kazunori Iio
17 Giappone D Yukio Tsuchiya
18 Giappone A Seiichiro Maki
19 Giappone D Yusuke Mori
20 Brasile C Alex
21 Giappone D Ryosuke Tone
N. Ruolo Giocatore 600px Verde con V Bianca.png
22 Giappone D Takuya Wada
23 Giappone C Ryota Kajikawa
24 Giappone A Shuto Minami
26 Giappone P Takahiro Shibasaki
28 Giappone D Takahiro Tanaka
29 Brasile D Nicollas
30 Giappone A Koki Takenaka
31 Giappone P Yoichi Futori
32 Giappone C Yushi Akiba
33 Giappone C Ryuji Sugimoto
34 Giappone P Shota Arai
36 Giappone C Shoya Nakajima
42 Giappone D Bae Dae-Won
45 Brasile A Jymmy França
50 Giappone A Ryosuke Kijima

Staff tecnico[modifica | modifica sorgente]

[39]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Contents of Domestic Competition of Football in Japan
  2. ^ a b J. LEAGUE - RECORDS
  3. ^ a b c Japan - List of Champions su RSSSF
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n クラブのあゆみ
  5. ^ a b クラブサッカーの始祖鳥 pag. 302
  6. ^ 3月例会報告 -「サロン2002in岡山」-報告(全体編)
  7. ^ 元日本テレビ・プロデューサーに秘められた矜持(1/3)
  8. ^ a b c 月例会報告
  9. ^ クラブサッカーの始祖鳥 pagg. 3, 8-12, 15, 31, 54, 55
  10. ^ a b c d e Tokyo Verdy 1969, FIFA.com
  11. ^ a b クラブサッカーの始祖鳥 pagg. 34
  12. ^ a b c d e f g h i j Tokyo Verdy - History
  13. ^ J.League 2008 .:. 34. Round
  14. ^ Weak ad income prompts Japan`s Nipon TV to sell pro soccer club.
  15. ^ Japan’s Tokyo Verdy secure much needed sponsorship, 20 ottobre 2010.
  16. ^ 展示品入れ替え前の読売クラブユニフォーム
  17. ^ a b c d e f Tokyo Verdy -- Team Uniforms (1988-07)
  18. ^ a b 加藤久選手の水色のユニフォーム・1987年天皇杯優勝メダル
  19. ^ a b ラモス引退記念
  20. ^ 1986-1987 JSL Year Book, pag. 36
  21. ^ クラブ情報
  22. ^ Winning Winds su Amazon.com
  23. ^ 東京ヴェルディオフィシャルソング「WINNING WINDS」
  24. ^ Le schede delle stagioni 1990/91 e 1991/92 del Mitsubishi Motors riportano il National Stadium di Tokyo come terreno in cui lo Yomiuri disputava le gare casalinghe.
  25. ^ 東京V 練馬区新スタジアムへ移転構想も
  26. ^ 東京V5年間放浪 よみうりランド撤退
  27. ^ クラブハウスについて
  28. ^ クラブハウスアクセス
  29. ^ a b c 子会社の株式譲渡に関するお知らせ
  30. ^ 東京ヴェルディ 法人名・チーム名変更について
  31. ^ 東京ヴェルディ 法人名・チーム名変更について
  32. ^ 東京V 筆頭株主に「バディ」が内定
  33. ^ a b クラブ概要
  34. ^ クラブサッカーの始祖鳥 pagg. 3, 8-12, 15, 31, 54, 55
  35. ^ a b Japan Soccer League 1991/1992
  36. ^ Japan Soccer League 1990/1991
  37. ^ 東京ヴェルディ
  38. ^ 東京ヴェルディの精鋭たち
  39. ^ ヴェルディを動かすスタッフたち

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Informazione storica[modifica | modifica sorgente]

Liste e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Informazioni economiche[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio