Metodo Di Bella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze.

Il cosiddetto Metodo Di Bella (o multitrattamento Di Bella in sigla MDB) è una terapia alternativa per il trattamento dei tumori, che è priva di riscontri scientifici circa i suoi fondamenti e la sua efficacia. Ideata dal medico Luigi Di Bella, fra il 1997 e il 1998 fu oggetto di una grande attenzione da parte dei mass media italiani.

La sperimentazione condotta nel 1999 dal Ministero della Salute sancì la sostanziale "inattività", cioè l'inefficacia terapeutica, del cosiddetto "multitrattamento Di Bella"[1]. I risultati furono pubblicati sul British Medical Journal. Vennero inoltre osservate in via complementare (anche se questo non rientrava negli scopi della sperimentazione) le curve di sopravvivenza dei pazienti sottoposti allo studio. Tutte rientravano nei parametri delle curve di sopravvivenza relative alle specifiche forme di tumore in assenza di trattamento: in poche parole quei pazienti non avevano avuto alcun beneficio né terapeutico né in termini di allungamento della sopravvivenza con MDB[2].

Nel 2005 arriva una nuova bocciatura del Metodo Di Bella nella lettera scritta dal presidente del Consiglio Superiore di Sanità Mario Condorelli all'allora Ministro della salute Francesco Storace:

« Il gruppo di lavoro del consiglio superiore di sanità ritiene di non avere elementi che dimostrino l'efficacia della multiterapia Di Bella e pertanto ne sconsiglia una nuova sperimentazione clinica ministeriale; questa potrebbe essere non solo inefficace ma anche nociva per i pazienti negando a essi (o procrastinando) l'accesso a farmaci anti-neoplastici di dimostrata efficacia[3] »

La terapia di Di Bella fu ed è[4][5] oggetto anche di alcune teorie complottistiche, da parte dei suoi sostenitori[6] (anche chiamati "dibelliani") e dei figli Giuseppe e Adolfo[4].

Luigi Di Bella[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Di Bella

Luigi Di Bella (Linguaglossa, 17 luglio 1912 – Modena, 1º luglio 2003), ultimo di tredici figli, si laurea il 14 luglio 1936 in medicina e chirurgia col massimo dei voti all'Università di Bari.[7] Negli anni successivi ottiene anche le lauree in chimica e farmacia e la specializzazione in fisiologia; entra, nel 1939, nell’istituto di fisiologia umana dell’Università di Modena, da dove va in pensione, quale professore associato, nel 1984[8]. Nel 1941, col grado di capitano medico di complemento del Regio Esercito, parte per la Grecia, dove dirige l'Ospedale da campo della 33ª Divisione fanteria "Acqui" e, nel 1942, della 37ª Divisione fanteria "Modena". Contrae la malaria e il 4 settembre 1943 viene rimpatriato e messo in congedo illimitato per motivi di salute, tornando al lavoro di ricerca e insegnamento in Italia.[7].

Il metodo Di Bella[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Di Bella inizia le sue ricerche sul cancro nel 1963[9] e nel 1967 la sperimentazione su alcuni pazienti. Nel 1977 introduce nella sua multiterapia l'uso della somatostatina[9], in modo da curare anche i cosiddetti "tumori solidi". Nel 1989 viene presentato ufficialmente anche questo nuovo metodo di cura, Di Bella afferma di poter prevenire la formazione della metastasi[9].

Da oltre dieci anni quindi si sapeva che Luigi Di Bella praticava una terapia non convenzionale nella cura dei tumori; nel 1996 la Commissione Oncologica Nazionale, su richiesta delle autorità sanitarie, comunica che tale terapia è priva di validazione scientifica[10][11]; si muove in quel mentre un'associazione di pazienti in cura con Di Bella (AIAN), coordinati da un tour operator, per richiedere la gratuità della somatostatina[12] già allora non inclusa tra i farmaci antitumore.

Nello stesso periodo la Commissione unica del farmaco ridisegna le fasce di farmaci a carico del Sistema Sanitario Nazionale; la somatostatina (uno dei farmaci usati da Di Bella) è a quel tempo reperibile solo negli ospedali (poiché classificata come farmaco di fascia H); agli inizi del 1997 il costo della cura è molto oneroso per i pazienti[10]. In questo contesto, l'AIAN spinge[12] per accendere l'attenzione dei media, dell'opinione pubblica e dei magistrati (che emanano decreti in favore della somministrazione della cura; il 16 dicembre 1997 il giudice Carlo Madaro, pretore di Maglie, ordinò alla Azienda sanitaria locale di competenza di fornire gratuitamente i farmaci necessari per tale terapia a un paziente)[10], il tutto amplificato dall'organizzazione che segue e sponsorizza il prof. Di Bella[10][13] appoggiato anche da Alleanza Nazionale[13].

In questo contesto interviene l'allora Ministro della Sanità Rosy Bindi: richiede un nuovo parere alla Commissione Unica per i Farmaci, ma i risultati degli studi a disposizione non giustificavano la gratuità della somatostatina per terapie oncologiche, e la stessa azienda produttrice di tale ormone non poteva promuovere tale richiesta stante la mancanza di prove scientifiche sull'efficacia anti-tumorale della somatostatina[12]; con una ordinanza[14] il Ministro impone a Luigi Di Bella (e a tutti coloro che ne sono in possesso[14]) di consegnare le cartelle cliniche che dimostrino l'efficacia terapeutica del metodo[13]. Di Bella si rifiuta adducendo il segreto professionale, consegnando solo 4 cartelle cliniche ai carabinieri[13] (in seguito perverranno al Ministero 70 cartelle cliniche[12]). Pur in assenza di qualsiasi presupposto scientifico che la giustificasse[6], la sperimentazione venne autorizzata dal governo il 10 gennaio 1998[13]; l'allora Ministro della Salute sottolineò che il presupposto scientifico della sperimentazione era da rinvenire nell'allarme sociale che stava causando la vicenda[6].

Il metodo[modifica | modifica wikitesto]

La "multiterapia" avrà nel tempo molteplici variazioni, ma la sostanza del "cocktail", come sarà denominato[15], è costituita da quattro componenti[9][16][17] e si basa sull'uso di farmaci, ormoni e vitamine. In particolare, la cura Di Bella si concretava nella somministrazione di un composto di[10]:

Questi farmaci costituivano il cosiddetto "modulo fisso" del trattamento. Altri farmaci, di volta in volta diversi (come l'ACTH) venivano utilizzati a seconda del tipo di tumore.

Della somatostatina (e del suo analogo octreotide), già dal 1972, erano note limitate proprietà anti-cancro, ma l'efficacia è brevissima e non priva di effetti collaterali[13] tra i quali diabete mellito di tipo 2[21], diarrea, gastrite, calvizie[22]. Anche l'analisi degli studi sulla molecola non ha mostrato particolari effetti antitumorali se si escludono quelli sui tumori neuroendocrini per i quali la sostanza è già utilizzata da tempo[23]. L'ACTH invece è un ormone in grado di causare sindrome di Cushing, diabete mellito, osteoporosi, ipertensione, immunosoppressione, depressione.

Di Bella sosteneva di avere curato 10.000 persone[24] senza effetti collaterali[25], ma non aveva mai pubblicato nulla di rilievo in merito su una rivista peer reviewed, la documentazione in suo possesso su queste presunte guarigioni era molto lacunosa, perché non menzionava se nel frattempo i malati erano sottoposti a chemioterapia, inoltre i presunti miglioramenti erano privi di dati scientifici e venivano descritti con dei vaghi "sta meglio"[26][27].

Nel gennaio del 1998, in una conferenza a Bruxelles dichiara che la sua cura sarebbe stata a suo dire efficace anche contro altre patologie, come l'Alzheimer e la Sclerosi multipla[28] sollevando le proteste degli specialisti[6].

Analisi retrospettiva delle cartelle cliniche di Di Bella[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Di Bella affermava di essere riuscito a curare migliaia di malati di cancro, eppure nel giugno del 1998, dopo che Luigi Di Bella concesse l'accesso ai propri archivi[29], venne pubblicata[29][30] l'analisi delle cartelle cliniche (relative a 20 anni di cura Di Bella) effettuata da una commissione di esperti oncologi: i dati erano molto lacunosi e i risultati deludenti[10][30]. Dei 3076 casi analizzati, di circa il 50% non si sapeva se in effetti avessero un tumore, del 30% mancavano dati circa la sopravvivenza dopo la terapia Di Bella, del restante 20% (605 casi) con dati circa la sopravvivenza, solo per 248 (8%) esistevano dati certi sia in merito alla diagnosi che al trattamento, di questi 244 avevano ricevuto trattamenti convenzionali per la cura dei tumori, solo 4 erano stati trattati con la cura completa di Luigi Di Bella senza chemioterapia [31][10][32][8], i quali morirono tutti in un periodo compreso tra uno e tre anni dalla diagnosi [33].

Sperimentazione[modifica | modifica wikitesto]

« Restava un dato di fatto, preciso, inequivocabile: i suoi pazienti morivano come gli altri. Non c'era alcun vantaggio terapeutico. Nessuna salvezza. Di Bella non accettò mai che si verificasse se la sua terapia avesse un valore di tipo palliativo. Non è un palliativo, ha sempre detto. È una cura. »
(Eva Buiatti[34])

La sperimentazione viene concordata alla fine di gennaio del 1998 tra l'allora Ministro della Salute Rosy Bindi, Lorenzo Tomatis, Umberto Veronesi e Luigi Di Bella[35]. I protocolli vengono sottoscritti da Luigi Di Bella e da un'equipe di oncologi e garanti tra i migliori in Italia[2]. L'accordo prevede la sperimentazione di 9 protocolli (diventeranno 11[35]) su altrettante neoplasie per un totale di 600 pazienti e un ulteriore protocollo di osservazione che coinvolgerà 2000 pazienti; i centri coinvolti sono 21[10][36].

I principali criteri comuni ai diversi protocolli per l'accesso alla terapia sono rappresentati da:

  • avere ricevuto una diagnosi istologica o citologica di malattia neoplastica;
  • presentare una malattia misurabile e/o valutabile;
  • presentare uno stadio avanzato di malattia;
  • non avere ricevuto precedenti trattamenti MDB;
  • non assumere contemporaneamente altri farmaci antitumorali.[37][38]

Nello stesso periodo di tempo vengono attivati gli 11 studi multicentrici di fase II su 8 tipi di neoplasie (la fase II è finalizzata ad acquisire conoscenze sui livelli di "attività" di un farmaco o di un insieme di farmaci, il che, in ambito oncologico, significa valutare se un determinato trattamento è in grado di ridurre le dimensioni delle masse tumorali in un numero significativo di pazienti). La valutazione finale da parte dell'Italian Study Group for the Di Bella Multitherapy Trial fu che quelle sperimentazioni non avevano prodotto alcuna prova che giustificasse ulteriori trials clinici[39][40].

In particolare la sperimentazione di fase II evidenziò come il MDB non avesse «attività clinica sufficiente per giustificare ulteriori indagini» (cioè la fase III),

« i 3 casi di risposta parziale osservati tra i 386 pazienti rappresentano un tasso di risposta dello 0,8% che è ben al di sotto di ogni soglia ragionevole per dichiarare che un nuovo trattamento mostra un'attività promettente. Il basso tasso di risposta consente di escludere la possibilità che il trattamento, preso nel suo complesso, abbia alcun effetto oltre la moderata attività che è già stata dimostrata per alcuni suoi componenti »

Nel maggio 1999 erano ancora in terapia 21 pazienti, 5 avevano avuto una risposta parziale (poi annullata dalla ripresa di malattia per due di loro), di alcuni (il 5,7 per cento) si erano perse le tracce e 598 (77,8%) erano deceduti[41]; in totale si erano osservati 385 eventi avversi su 237 pazienti considerati correlabili al trattamento Di Bella[37].

La rivista Cancer scrisse che i pazienti trattati con la terapia Di Bella vivevano in media meno di quelli trattati con terapie tradizionali di riconosciuta efficacia[26][42] e sottolineava che tale terapia non è comunque priva di effetti collaterali[25].

I risultati in dettaglio[modifica | modifica wikitesto]

Protocollo (in ordine crescente del numero di pazienti coinvolti) Risultati all'ultimo controllo previsto dallo studio
(luglio 1998)
Peggioramenti o decessi
(dati al 31/10/98)
peggioramenti decessi stazionari risposte parziali o complete ritirati per tossicità
Protocollo 9 (glioblastoma cerebrale dopo chirurgia e radioterapia esterna) 70% 20% 10% 0 0 100%
Protocollo 7 (carcinoma del pancreas esocrino, pazienti mai sottoposti a chemioterapia) 45% 28% 21% 3% 3% 90%
Protocollo 3 (carcinoma mammario metastatico resistente a ormonoterapia e/o chemioterapia) 70% 12% 12% 3% 3% 91%
Protocollo 1 (primo braccio: leucemia linfoide cronica) 45,4% 0% 36,4% 0% 18,2% 91%
Protocollo 1 (secondo braccio: linfoma non-Hodgkin) 53% 19% 25% 3% 0% 85%
Protocollo 5 (primo braccio: carcinoma polmonare non a piccole cellule, metastatico, malati pretrattati) 43% 45% 1% 0% 6% 91%
Protocollo 5 (secondo braccio: carcinoma polmonare non a piccole cellule, metastatico, malati non pretrattati) 53% 25% 12% 0% 8% 86%

Tutti i pazienti dei restanti quattro protocolli (n. 4, 6, 8, 10) erano al 31 ottobre o peggiorati o deceduti (in percentuali variabili dall'82% al 97,1%)[43].

Risultati complessivi al 31 ottobre 1998 di tutti i protocolli (386 pazienti)[43]:

Decessi Progressione di malattia Malati stazionari risposte parziali Pazienti non rintracciabili risposta completa
53% 33% 3% 1% 6% 0%

Critiche alla sperimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Di Bella attribuì il fallimento della sperimentazione a tre fattori:[44]

  • Utilizzo di medicinali scaduti: secondo il rapporto del Nucleo anti-sofisticazione dei Carabinieri firmato dai marescialli Ciro Spiniello e Antonio Barrasso, 1048 pazienti assunsero "un farmaco potenzialmente imperfetto e non più possedente le caratteristiche terapeutiche iniziali [...] Ne consegue che dai risultati ottenuti dalla sperimentazione essa debba essere quantomeno rivista". La procura di Firenze[45] tuttavia archiviò il caso[46]; per la procura non esistevano indicazioni di Di Bella sulla scadenza del preparato prima del suo utilizzo e tutto si era svolto secondo il protocollo concordato[47]. Lo stesso Di Bella inoltre aveva affermato che se custodito in ben precise condizioni al riparo dalla luce e dal calore, lo sciroppo ai retinoidi era del tutto stabile[2].
  • Dosaggi errati e preparazioni non corrispondenti alle istruzioni: nella preparazione della vitamina E, utilizzata nella terapia, secondo il promemoria del professore Di Bella è necessario "gorgogliare l'azoto a medio flusso per qualche minuto fino ad eliminazione del solvente organico", in particolare se tale solvente è l'acetone, che presenta una certa tossicità, e uno dei composti conteneva acetone fino a 250 milligrammi per litro[48]. L'Istituto farmaceutico militare di Firenze (che preparò i composti) affermò che l'acetone fu usato secondo le indicazioni del professor Di Bella. I residui di questo solvente, in un secondo tempo, non possono essere completamente eliminati senza distruggere anche i retinoidi[48][49]. Anche per questo aspetto la Procura archiviò il caso (promosso dall'Aian, l'associazione dei pazienti del professor Di Bella) poiché, nel protocollo d'intesa fra il Ministero della sanità e Di Bella, fra i reagenti previsti per la produzione della soluzione ai retinoidi era previsto proprio l'acetone e non l'alcol, sostanza equivalente sotto il profilo della tossicità[47]. La stessa Procura, da un confronto dei farmaci prodotti a Firenze e a Modena, rilevò che i preparati erano stati giudicati sostanzialmente identici, per cui non si rilevavano differenze di efficacia[47].
  • Selezione dei pazienti: secondo Di Bella i pazienti erano già in stadio avanzato, ed erano già stati sottoposti a chemioterapia che secondo il professore "ha un effetto deleterio sui pazienti". Era il protocollo concordato tuttavia a prevedere, tra i requisiti di accesso, che il soggetto presentasse uno stadio avanzato di malattia,[37] alcuni protocolli inoltre prevedevano la partecipazione di pazienti non pre-trattati[43].

Il caso mediatico[modifica | modifica wikitesto]

« il caso Di Bella è stato un trionfo della fiducia magica nel risultato immediato »
(Umberto Eco[50])

La vicenda legata alla sperimentazione del metodo Di Bella è stata analizzata anche dal punto di vista del risalto mediatico dato alla vicenda e di come l'opinione pubblica ha reagito a tali avvenimenti[51]: la vicenda ha suscitato un processo emotivo di adozione da parte del pubblico di quella figura di eroe capace di opporsi alle istituzioni (illegittime per definizione) e ai loro oscuri interessi per indicare una nuova via facile e comoda attraverso la quale ottenere risultati senza fatica[9]. La ribalta mediatica inizia nel 1997[8]: a Modena un quotidiano locale organizza una serata in cui il professor Di Bella risponde in pubblico alle domande rivolte dai giornalisti. Nel mese di luglio dello stesso anno il Corriere della Sera e il Messaggero pubblicano una pagina a pagamento in cui veniva annunciato un convegno in un hotel di Roma, nel quale Di Bella avrebbe illustrato i suoi metodi terapeutici. Di quell'anno sono le presenze anche in trasmissioni su canali nazionali; tra il dicembre 1997 e il gennaio 1998 vengono dedicati al caso Di Bella, sui cinque principali quotidiani, 636 articoli dei quali 86 in prima pagina[8]. Piero Angela, unitamente ad altri giornalisti scientifici, sottoscrive un documento critico sul modo con cui viene trattato dall'informazione il caso Di Bella[52]. Il 15 febbraio del 1998 15.000 sostenitori di Di Bella sfilano per Roma per chiedere la gratuità della terapia[13]. Rileva un sondaggio dell'epoca che l'85% degli italiani era favorevole alla cura Di Bella[8].

Il metodo Di Bella dopo la sperimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 la Camera dei Deputati approva un atto di indirizzo per il governo ai fini di una nuova sperimentazione del metodo[53]. Nel 2005 arriva la nuova bocciatura da parte dell'Istituto Superiore di Sanità[3].

Al 2004 si affermava che circa 100/150 medici continuavano ad applicare il MDB[54]; al 2011 il metodo è divulgato attraverso diversi siti internet dai figli che hanno anche istituito una Fondazione. A questa data tuttavia non esistono né studi né statistiche in merito ai casi trattati che possano deporre per l'efficacia della terapia: nel caso del MDB la statistica non esiste. Non vi sono dati conservati sistematicamente e catalogati in maniera completa, non c’è puntuale presenza di eventuali cure effettuate in precedenza, il decorso ed il follow-up (cioè l’evoluzione della malattia successiva alla cura) [...] gli unici dati forniti dal gruppo Di Bella sono molto generici, spesso non fanno riferimento ad eventuali terapie effettuate prima della cura, altre volte non si conosce bene la storia del paziente[55].

L'American Cancer Society dichiara[56] a proposito del MDB: "L'evidenza scientifica disponibile non supporta le affermazioni sull'efficacia della terapia Di Bella nel curare il cancro. Può causare effetti collaterali seri e pericolosi". Nei primi mesi del 2012 una nuova sentenza in Puglia che impone alla ASL locale il rimborso della terapia riaccende l'attenzione dei media sul metodo di Bella[57], decisione che viene revocata dal giudice del lavoro del tribunale di Bari[58]. Il figlio di Luigi Di Bella, Giuseppe afferma[59] che a sostenere la validità del metodo ci sono anche i risultati da lui presentati a due convegni oncologici mondiali svolti uno in Cina e uno a Singapore; tali convegni tuttavia non solo risultano privi di una qualsiasi valenza scientifica ma risulta anche che ad essere invitato quale relatore è chiunque paghi l'importo richiesto per la partecipazione a prescindere da ogni validità o plausibilità scientifica di quello che contiene la propria relazione[4].

Periodicamente la fondazione Di Bella, anche attraverso la stampa generalista, porta alla ribalta notizie di studi che in qualche misura comproverebbero la validità del metodo. Questi studi tuttavia concernono solo alcuni degli elementi usati da Di Bella, non sono pubblicati su riviste autorevoli e tutti si riferiscono a colture cellulari e non a esseri umani, quindi non hanno alcuna validità per un uso clinico "in vivo"[60].

Il 28 gennaio 2014 il tribunale di Lecce ordina il rimborso, da parte della ASL cittadina, di 25.000 euro ad una donna malata di tumore che sostenne un trattamento con il metodo Di Bella; il tribunale dichiara che «emerge una situazione clinica in cui, accanto ad una progressione di malattia, sono evidenti riduzioni e addirittura la scomparsa di alcune lesioni, con un miglioramento rispetto al periodo pre-trattamento».[61]

Nello stesso periodo, alla Regione Siciliana è stato deposto un disegno di legge per uno stanziamento di 5 milioni di euro riservato a trattamenti per pazienti malati di tumore.[61]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Evaluation of an unconventional cancer treatment (the Di Bella multitherapy): results of phase II trials in Italy
  2. ^ a b c Dossier Di Bella: la sperimentazione
  3. ^ a b Storia di una morte opportuna. Il diario del medico che ha fatto la volontà di Welby, Mario Riccio, Gianna Milano, Sironi Editore, 2008, ISBN 8851801061, 9788851801069
  4. ^ a b c Il cetriolo della salute
  5. ^ La terapia Di Bella ha ottenuto un vero riconoscimento mondiale
  6. ^ a b c d Scienza e ricerca--conquiste, sfide e dilemmi: l'importanza della divulgazione scientifica e tecnologica, Ugo Apollonio, Rubbettino Editore, 2002, ISBN 88-498-0281-1, 9788849802818
  7. ^ a b CV di Luigi Di Bella
  8. ^ a b c d e Editoriale su Toscana Medica
  9. ^ a b c d e Il caso Di Bella e l'opinione pubblica italiana
  10. ^ a b c d e f g h Medicina oncologica, Gianni Bonadonna, Gioacchino Robustelli Della Cuna, Pinuccia Valagussa, Elsevier srl, 2007, ISBN 88-214-2814-1, 9788821428142
  11. ^ Analoghi pareri si succedono nel tempo: oltre alla Commissione Oncologica Nazionale in data 5 febbraio 1996, danno parere negativo la Commissione Unica del Farmaco in data 8 gennaio 1997 e 5 agosto 1997, la presidenza del Consiglio Superiore di Sanità in data 16 luglio 1997, e l'assemblea generale del Consiglio stesso in data 19 dicembre 1997 (cfr. l'ordinanza del 23 dicembre 1997 del Ministro Rosy Bindi)
  12. ^ a b c d La salute impaziente, Rosy Bindi, Editoriale Jaca Book, 2005, ISBN 88-16-40597-X, 9788816405974
  13. ^ a b c d e f g Patria 1978-2008,Enrico Deaglio, Il Saggiatore, 2010, ISBN 88-565-0213-5, 9788856502138
  14. ^ a b Tutte le Leggi sul caso "Di Bella"
  15. ^ "Il metodo Di Bella qui non ha funzionato"
  16. ^ Di Bella G, The Di Bella Method (DBM) in Neuro Endocrinol Lett, 2010, PMID 20881933.
  17. ^ Di Bella, G.; Mascia, F.; Gualano, L.; Di Bella, L., Melatonin Anticancer Effects: Review. in Int. J. Mol. Sci. 2013, 14, 2410-2430, DOI:10.3390/ijms14022410, PMID 23348932.
  18. ^ Polemiche per un brevetto sul farmaco
  19. ^ Camera dei deputati; Resoconto della XII Commissione permanente
  20. ^ Ufficio Brevetti - N. Brevetto 0001230493
  21. ^ Decreased leg glucose uptake duri... [Clin Physiol Funct Imaging. 2010] - PubMed - NCBI
  22. ^ A risk-benefit assessment of octreotide in the trea... [Drug Saf. 1997] - PubMed - NCBI
  23. ^ A review of the use of somatostatin analogs in oncology. Onco Targets Ther. 2013 Apr 26;6:471-83. doi: 10.2147/OTT.S39987. Print 2013 [1]
  24. ^ Il caso di Bella e l'opinione pubblica italiana
  25. ^ a b Di Bella Therapy su Cancer
  26. ^ a b Sanità. Nuovo potere, Bruno P. Pieroni, Springer, 2004, ISBN 88-470-0250-8, 9788847002500
  27. ^ (EN) DiBella Therapy Was Worthless
  28. ^ "Io curo anche Alzheimer e sclerosi" sul Corriere della Sera
  29. ^ a b Risultati di un'indagine retrospettiva sulla sopravvivenza di pazienti malati di cancro trattati con la Multiterapia Di Bella. Si veda anche su Medline
  30. ^ a b Con la terapia Di Bella scarse speranze di guarigione
  31. ^ Lecture Notes Oncology, Mark Bower, Jonathan Waxman, John Wiley and Sons, 2010, ISBN 1-4051-9513-4, 9781405195133
  32. ^ Metodo Di Bella: e' troppo presto per giudicare
  33. ^ MedBunker - Le scomode verità: Dossier Di Bella
  34. ^ Eva Buiatti venne chiamata ad esaminare le cartelle cliniche del professore. Ecco perché non era una cura Il medico: i suoi pazienti? Nessuno si è salvato
  35. ^ a b Metodo Di Bella le tappe della vicenda
  36. ^ La regione Lombardia aveva iniziato in proprio la sperimentazione e non viene quindi inclusa nella sperimentazione nazionale. I risultati ottenuti nella regione Lombardia sono tuttavia analoghi a quelli della sperimentazione nazionale, confermano quindi l'inefficacia della MDB
  37. ^ a b c Risultati della sperimentazione del Multitrattamento Di Bella
  38. ^ Bollettino d'informazione sui farmaci
  39. ^ Risultati dello studio osservazionale sul Metodo Di Bella, Tempo Medico Web
  40. ^ Sentenza definitiva: Di Bella non funziona
  41. ^ La sperimentazione Di Bella
  42. ^ Definition of Di Bella cancer therapy
  43. ^ a b c Protocollo per protocollo i dati della sperimentazione
  44. ^ Chiesta una nuova legge sulla cura Di Bella di Mattias Mainiero, Libero - sabato 24 maggio 2003 - Anno XXXVIII numero 126
  45. ^ L'inchiesta, aperta da Raffaele Guariniello a Torino era stata trasferita a Firenze per competenza (cfr. La procura di Firenze boccia la cura Di Bella)
  46. ^ Da Report
  47. ^ a b c Di Bella, inchiesta archiviata Sperimentazione in regola
  48. ^ a b L'acetone nella miscela di retinoidi quali effetti tossici sulla salute dei pazienti
  49. ^ La fine del sogno
  50. ^ A passo di gambero: guerre calde e populismo mediatico, Umberto Eco, Bompiani, 2006, ISBN 8845256200, 9788845256202m pag. 106
  51. ^ Medicina, valori e interessi: dichiarati e nascosti, Cesare Catananti, Vita e Pensiero, 2002, ISBN 8834307755,
  52. ^ Di Bella: Angela, soffro per malainformazione
  53. ^ Seduta n. 314 del 27/5/2003
  54. ^ Un medico convinto di poter sconfiggere il cancro
  55. ^ Dossier Di Bella: forma e sostanza
  56. ^ Di Bella Therapy su Cancer.org
  57. ^ Metodo Di Bella, piovono ricorsi
  58. ^ Bari, il giudice blocca i pagamenti della Asl per la cura Di Bella
  59. ^ Ritorna il metodo Di Bella. Il figlio: “100mila firme per la somatostatina gratuita”
  60. ^ Esempio di studio portato come "prova" dai dibelliani (cfr.) nonostante esso sia stato svolto in vitro, riguardi solo tre degli elementi usati da Di Bella e non venga indicizzato come peer review
  61. ^ a b «La terapia Di Bella produce benefici» Il tribunale di Lecce ordina il rimborso della cura, Corriere della Sera, 1 febbraio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]