Meteorognostica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La meteorognostica (gr. metéoro- “cose celesti”+ gr. gnòsis= “conoscenza”) si può considerare in un certo qual modo la versione “non scientifica” o “popolare” della meteorologia: si tratta, infatti, della previsione dei fenomeni atmosferici legata alle credenze popolari (soprattutto contadine, per le esigenze del raccolto), basate oltre che su antiche osservazioni di tipo astrologico anche sull'osservazione di vari fenomeni naturali (non solo atmosferici, ma anche della fauna e della flora), e associate spesso ad un determinato periodo, mese, data, ecc. e che si esprime attraverso le cosiddette “regole meteorognostiche”, vale a dire dei proverbi – spesso in rima – del tipo Rosso di sera, bel tempo si spera, Una rondine non fa primavera o Candelora, candelora, de l’inverno semo fora.[1][2]

Le regole meteorognostiche, chiamate anche "proverbi meteorologici", erano tramandate oralmente e anche in seguito dai cosiddetti “almanacchi meteorognostici” o "lunari meteorognostici"[3], la cui specifica funzione è quella di contenere delle previsioni per ogni singolo giorno dell'anno[4].

Per questo tipo di previsioni assumono particolare rilevanza alcune date – associate normalmente, nelle regole meteorognostiche al santo del giorno – considerate importanti anche per determinare il tempo dei giorni a venire e che fungono così da veri e propri "indicatori meteorologici". Questi giorni, che, secondo le superstizioni popolari, possono avere anche altri ruoli nella determinazione del destino (non solo in campo meteorologico), non hanno un vero e proprio nome in italiano, così come ce l'hanno, ad esempio in tedesco, dove vengono chiamati Lostage (lett.: "giorni del destino").[5][2][6][7]

Sull’attendibilità delle regole meteorognostiche si può certamente dubitare, anche se - ovviamente - non è detto che le previsioni non si possano verificare. Bisogna poi aggiungere che, visti gli sconvolgimenti climatici verificatisi nel corso dei decenni, molte non sono più valide; altre “regole”, invece, fanno riferimento ancora al vecchio calendario (come alcune per il giorno di Santa Lucia).
In ogni caso, fino a qualche decennio fa, tali proverbi rappresentavano un importante punto di riferimento per chi viveva di agricoltura e doveva conoscere i giorni più adatti per la semina, il raccolto, ecc.

Di regole meteorognostiche (o proverbi meteorologici) se ne trovano nelle varie lingue: in inglese si chiamano weather proverbs o weather sayings, in spagnolo si chiamano proverbios meteorológicos, in tedesco Bauernregeln (lett. “regole contadine”) o Wetterregeln, in nederlandese weerspreuken, ecc. Molte sono corrispondenti anche da un Paese all’altro, altre non sono concordanti per via delle diverse condizioni climatiche a latitudini differenti.

Date e ricorrenze rilevanti per le concezioni meteorognostiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra le date e/o ricorrenze che fungono da “indicatori meteorologici” (v. sopra) o che, perlomeno, assumono una certa rilevanza nelle concezioni meteorognostiche, ricordiamo:

Esempi di regole meteorognostiche (Proverbi meteorologici)[modifica | modifica wikitesto]

Gennaio[modifica | modifica wikitesto]

Febbraio[modifica | modifica wikitesto]

Marzo[modifica | modifica wikitesto]

Aprile[modifica | modifica wikitesto]

Maggio[modifica | modifica wikitesto]

  • Di maggio si dorme per assaggio
  • In maggio per vestirsi pesante ci vuole coraggio
  • Maggio dell'estate è già un grande assaggio
  • Maggio Maggione, non togliere il maglione
  • Maggio ventoso, anno generoso
  • Per Sant’Urbano, il frumento è fatto grano (25/5)
  • Se piove per l'Assensa (Ascensione), per quaranta dì non semo sensa

Giugno[modifica | modifica wikitesto]

Luglio[modifica | modifica wikitesto]

  • Di luglio, il temporale dura poco e non fa male
  • Luglio, dal gran caldo, bevi bene e batti saldo
  • Ogni pioggia di luglio incendia il cespuglio
  • Santa Madalena l'acqua se la mena (22/7)

Agosto[modifica | modifica wikitesto]

  • Agosto annuncia l'inverno[8]
  • Alla prima pioggia d'agosto, ritira fuori il panno di lana da dove l'hai riposto
  • In agosto il sole tramonta prima
  • Pioggia d’agosto rinfresca il bosco

Settembre[modifica | modifica wikitesto]

  • A settembre braghe di tela e meloni non sono più buoni
  • Se l’Arcangelo si bagna l’ale, piove fino a Natale (29/12)
  • Settembre caldo e asciutto, fa maturare ogni frutto

Ottobre[modifica | modifica wikitesto]

  • Ottobre è bello, ma tieni pronto l’ombrello
  • San Gallo, quaranta dì durallo (vale a dire “il tempo di questo giorno sarà lo stesso per i prossimi quaranta”) (16/12)

Novembre[modifica | modifica wikitesto]

Dicembre[modifica | modifica wikitesto]

  • Dicembre nevoso, anno fruttuoso
  • Santa Bibiana, quaranta dì e una settimana (vale a dire “se piove in questo giorno, pioverà per altri quaranta”) (2/12)
  • San Nicolò, neve sui falò (6/12)
  • Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia (13/12)
  • Se nevica a Natale, non nevica a Pasqua
  • Se piove il giorno di Natale, siamo senza sale (nel senso che l'acqua scioglie la neve)

Feste mobili[modifica | modifica wikitesto]

  • O nelle Palme o nelle uova (vale a dire “o piove in questo giorno (Domenica delle Palme) o nella Domenica di Pasqua”)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cfr. p. es. A.A.V.V., Brockhaus Enzyklopädie, Mannheim, 19. Auflage, 1986 - 1994, Bd. I, p. 646
  2. ^ a b Stegemann, Bauernregeln, in: Hoffmann – Krayer (a cura di), Handwörterbuch der deutschen Völkerkunde, Abt. I : Aberglaube, Walter de Gruyter & Co., Berlin – Leipzig, 1927 – 1942, Bd. I
  3. ^ Ferrari, Augusto, Da un San Martino all’altro, Editrice Veneta, Vicenza, 2001
  4. ^ cfr. p. es. Ferrari, Augusto, op. cit., p. 351 e segg.
  5. ^ cfr. p. es. Heiligenlexikon: Glossar > Bauernregeln
  6. ^ cfr. p. es. Brauchtumsseiten: Lostage
  7. ^ Ferrari, Augusto, op. cit., p. 10
  8. ^ Nella versione siciliana il testo recita: Ûstu raûstu, capu d'imbernu (trad. ferragosto d'agosto capo di inverno)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferrari, Augusto, Da un San Martino all’altro, Editrice Veneta, Vicenza, 2001. ISBN 9788884491275
  • Hoffmann – Krayer (a cura di), Handwörterbuch der deutschen Völkerkunde, Abt. I: Aberglaube, 10 voll., Walter de Gruyter & Co., Berlin – Leipzig, 1927 – 1942
  • Schwamenthal, Riccardo – Straniero, Michele L., Dizionario dei proverbi italiani, Rizzoli, Milano, 1991, 1993

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]