Egidio abate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Egidio
"Sant'Egidio e la cerva" 1491 circa, di Hans Memling - Museo di Arte e Storia Culturale Sant'Anna, Convento Lübeck
"Sant'Egidio e la cerva" 1491 circa, di Hans Memling - Museo di Arte e Storia Culturale Sant'Anna, Convento Lübeck

Eremita e abate

Nascita 640 circa, Atene, Grecia
Morte 720 circa, Settimania, Languedoc, Francia meridionale
Venerato da Chiesa cattolica
Santuario principale Chiesa di Sant'Egidio (Tolfa) (Tolfa, Italia)
Ricorrenza 1º settembre
Attributi freccia; pastorale; cerva
Patrono di fabbri; allattamento; disabili;epilettici; foreste; eremiti; cavalli; lebbrosi; poveri; pecore; sterili;

Sant' Egidio, in latino: Ægidius, in francese: Gilles, in Inglese: Giles in spagnolo: Gil (640? – 720?), è stato un eremita (e probabilmente abate) di un monastero nel sud della Francia; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

È una figura di santo divenuta molto popolare nel Medioevo in seguito a numerose leggende, ma del quale non si hanno notizie sicure.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I dati storici sulla sua vita sono molto incerti. Secondo alcuni nacque ad Atene all'inizio del secolo VII e in seguito si recò in Provenza dove fondò un monastero nei pressi di Arles in cui fu nominato abate. Qui Egidio morì, probabilmente nel 725, e il monastero venne chiamato con il suo nome: "Abbazia di Saint-Gilles".

Culto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiesa di Sant'Egidio in Fontanella.

Sul luogo della sua cripta, sul finire del IX secolo, venne costruita una basilica nella quale, in una tomba di età merovingia, si sarebbe conservato il suo corpo. La località, posta nella regione di Nîmes, prese da allora il nome di Saint Gilles du Gard. L'abbazia di sant'Egidio divenne luogo di numerosi pellegrinaggi soprattutto nel X secolo. Coloni francesi, valloni e sassoni diffusero nel Medioevo il culto di sant'Egidio anche nelle terre orientali d'Europa, in particolare in Slovacchia, Ungheria e Transilvania. È venerato come patrono dei lebbrosi, degli storpi e dei tessitori, nonché dei paesi di Cavezzo, Cellere, Tolfa, Linguaglossa, Sant'Egidio del Monte Albino, Sant'Egidio alla Vibrata, Latronico, Sommati (frazione di Amatrice), Orte, Vaiano (frazione di Castiglione del Lago), Staffolo, Caprarola, Rocca di Cave e Scanno. A Firenze nel 1284 fu fondata una compagnia laica sotto la sua protezione, di cui ci sono rimasti gli "Statuti" e un prezioso laudario (conservato alla Biblioteca Nazionale di Firenze, B.R. 19, già Magliabechiano II.I.212; edito col titolo: Il Laudario della Compagnia di san Gilio, Firenze 1990). Viene festeggiato il 1º settembre.

La leggenda di Sant'Egidio[modifica | modifica sorgente]

La più antica recensione della sua vita, databile al X secolo[1] e riportata anche dalla Legenda Aurea, narra che Egidio, venuto in Gallia da Atene, dopo una breve sosta in Provenza si era ritirato a vivere in vita eremitica in un luogo deserto della Settimania, in compagnia soltanto di una cerva che gli offriva il suo latte. Durante una battuta di caccia l'animale si salvò perché Egidio fu colpito al suo posto da una freccia scagliata dal re dei Goti, rimanendo ferito ad una gamba. Il sovrano donò allora all'eremita delle terre sulle quali egli costruì un monastero di cui divenne abate. Diffusasi ormai la sua fama di santità, Egidio fu invitato da Carlo Martello, che lo supplicò di pregare per ottenergli il perdono di una colpa che non osava confessare a nessuno. La domenica successiva, mentre celebrava la messa, apparve ad Egidio un angelo che depose sull'altare un biglietto sul quale era scritto il peccato segreto del sovrano, che così poté essere perdonato.

In seguito Egidio si sarebbe recato a Roma per porre il suo monastero sotto la protezione papale, ottenendo dal pontefice privilegi che sottraevano il cenobio ad ogni altra ingerenza. Morì poco dopo il ritorno da Roma, nella notte del 1º settembre, giorno a lui dedicato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carlo Donà, Per le vie dell'altro mondo: l'animale guida e il mito del viaggio, Rubbettino Editore, 2003 ISBN 88-498-0416-4

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Sant'Egidio in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 50016263 LCCN: n84115167