37ª Divisione fanteria "Modena"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
37ª Divisione fanteria "Modena"
Descrizione generale
Attiva 25 marzo 1939 - 21 settembre 1943
Nazione bandiera Regno d'Italia
Alleanza Asse
Servizio Regio Esercito
Tipo divisione di fanteria da montagna
Dimensione 394 ufficiali e 10015 sottufficiali, graduati e truppa (all'11 ottobre 1943)[1]
Guarnigione/QG Savona
Battaglie/guerre Occupazione italiana della Francia meridionale
Campagna italiana di Grecia
Parte di
Reparti dipendenti
41º Reggimento fanteria "Modena"
42º Reggimento fanteria "Modena"
36ª Legione CC.NN. d'assalto "Cristoforo Colombo"
29º Reggimento artiglieria "Cosseria"
Simboli
Mostrina Mostrina divisione modena.jpg

G. F. Nafziger, op. cit.

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 37ª Divisione fanteria "Modena" fu una grande unità del Regio Esercito, operativa durante la seconda guerra mondiale. Era in particolare una divisione di fanteria da montagna, che si distingueva dalle analoghe unità di fanteria ordinarie per la trazione del Reggimento di artiglieria divisionale, che risultava composto da due gruppi someggiati e di uno carrellato, invece che di due ippotrainati ed uno someggiato e per l'utilizzo di salmerie invece che del classico carreggio. Con il progredire della guerra e la progressiva motorizzazione di una parte considerevole delle artiglierie divisionali, le divisioni da montagna divennero sostanzialmente indistinguibili dalle normali divisioni di fanteria, e la denominazione specifica andò progressivamente in disuso.

Ordine di battaglia: 1940[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di battaglia: 1943[modifica | modifica wikitesto]

Comandanti (1939-1943)[modifica | modifica wikitesto]

  • Gen. D. Carlo Rossi
  • Gen. D. Alessandro Gloria
  • Col. Francesco Sclavo (interim)
  • Gen. B. Luigi Trionfi (interim)
  • Gen. B. Giovani Magli (interim)
  • Gen. D. Alessandro Gloria
  • Gen. D. Mario Guassardo
  • Gen. D. Italo Caracciolo
  • Gen. B. Ernesto Papini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Crimini di guerra

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Italian Order of Battle: An organizational history of the Italian Army in World War II, George F. Nafziger.
  • A Military History of Italy., Ciro Paoletti, Greenwood Publishing Group, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]