Aromaterapia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze.

L'aromaterapia può essere considerata un ramo della fitoterapia che usa gli olii essenziali, ossia le sostanze volatili e fortemente odoranti delle piante. Gli olii vengono estratti di solito tramite distillazione in corrente di vapore, che una volta raffreddato consente la separazione dell'olio essenziale dall'acqua; nel caso dell'epicarpo dei frutti del genere Citrus) si utilizza anche la spremitura a freddo. Sostanze aromatiche estratte con altre metodologie (estrazione con solventi organici, estrazione con fluidi supercritici) non sono considerate da tutti gli autori come olii essenziali. I cosiddetti olii essenziali ottenuti dissolvendo resine e oleoresine in alcoli sono in realtà definiti come resinoidi[1];[2];[3]. Gli oli essenziali sono contenuti in strutture specifiche all'interno di vari organi della pianta. In alcuni casi solo alcuni organi ne sono ricchi, in altri tutti gli organi hanno percentuali significative di olio essenziale, in molti casi la composizione degli oli essenziali in diversi organi della stessa pianta hanno composizione differente. Tra gli organi dai quali si possono ottenere oli essenziali troviamo: foglie, fiori, petali, corteccia, legno, semi, pericarpi, radici[2];[3]..

Il termine aromaterapia ha significati diversi a seconda dei Paesi in cui viene usato, per esempio in Inghilterra, Russia, negli USA e in Francia. Contrariamente alla vulgata, il termine aromaterapia non identifica esclusivamente l'utilizzo olfattivo degli olii essenziali, bensì comprende tutte le applicazioni: topica (massaggi, impacchi, applicazioni pure), inalatoria e orale. Una definizione generale da tutti accettata potrebbe essere questa: l'utilizzo degli olii essenziali per il mantenimento della salute o per la terapia. Per queste ragioni, e per la scarsezza di dati clinici l'aromaterapia è lontana dal poter essere definita come una vera terapia, con un corpus di testi canonici, modalità riconosciute, curriculum di studio standardizzati, ecc., anche se i materiali utilizzati dalla terapia e alcune delle modalità di utilizzo sono state sottoposte a studi clinici e farmacologici.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

In tutte le culture umane le piante aromatiche hanno goduto di uno status particolarmente importante, probabilmente, ed originariamente proprio per le loro caratteristiche organolettiche, per la loro “salienza percettiva”, che ne ha certamente favorito l'individuazione[4]. Cenni all'utilizzo di resine, piante aromatiche, spezie, incensi ed olii grassi infusi di piante aromatiche si ritrovano nei testi sumerici[5]. Purtuttavia, l'utilizzo a scopo terapeutico degli olii essenziali è molto più recente. Non ci sono infatti indicazioni storiche, letterarie o iconografiche, che indichino la conoscenza degli olii essenziali nell'antichità classica. Nonostante sia probabile che la teoria e la pratica della distillazione fossero conosciute in ambito arabo intorno al 1000 d.C., fu solo nell'alto medioevo che questa tecnica fu utilizzata per ottenere gli olii essenziali, e fu solo intorno agli anni venti del XX secolo che il chimico francese René Maurice Gattefossé contribuì alla rinascita dell'interesse per i trattamenti naturali, grazie ai suoi studi sulle proprietà medicinali dell'essenza di lavanda ed alle sue applicazioni ai militari feriti della prima guerra mondiale. Se a Gattefosse viene attribuita l'invenzione del termine "aromaterapia", ad un altro medico francese, Jean Valnet viene riconosciuta l'opera fondamentale per la disciplina, intitolata Aromathérapie e pubblicata nel 1964.[1].

Principi terapeutici[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni oli essenziali secondo questa teoria eserciterebbero una serie di effetti a seguito della loro applicazione:

Gli olii si impiegano singolarmente o miscelati.

Applicazione a largo spettro[modifica | modifica wikitesto]

In aromaterapia gli oli essenziali possono essere utilizzati con varie modalità:

  • applicazione cutanea (ovvero per contatto con la cute):
    • bagni e pediluvi (profumati con oli)
    • massaggi (che utilizzano oli essenziali diluiti in oli vegetali nel ruolo di eccipienti e sfruttano le tecniche di base, ossia lo sfioramento, la manipolazione circolare e l'impastamento)
    • maschere (composte con l'aggiunta di oli essenziali)
    • fanghi
    • creme e lozioni
    • impacchi (attraverso una pezza di cotone immersa in acqua fredda o calda, a seconda delle esigenze, a cui sono state aggiunte alcune gocce di olio essenziale)
  • permucotico (ovvero per contatto con le mucose: ad esempio risciacqui o gargarismi e collutori)
  • inalatorio
    • inalatori (grazie agli oli essenziali disciolti in una catinella di acqua bollente, che grazie al calore aumentano la loro proprietà antibatterica)
    • vaporizzatori (diffondono in aria le proprietà degli oli grazie al calore. Il tipo più diffuso è ceramico e viene riscaldato da una candela, il più moderno è elettrico, il più alternativo è costituito da un vasetto collocato su un calorifero)
  • orale
  • olfattiva

Applicazione diluita[modifica | modifica wikitesto]

In aromaterapia si usano quasi sempre gli olii essenziali fortemente diluiti in un solvente adeguato, per ridurre i rischi di reazioni avverse, in particolare di reazioni di ipersensibilità; vista la loro forte lipofilicità degli olii essenziali, i solventi più utilizzati sono gli olii grassi e l'alcol. La percentuale di diluizione per una applicazione topica dipenderà: dall'area di pelle interessata (maggiore l'area, minore la percentuale di olio essenziale nel vettore), dalle condizioni della pelle (l'assorbimento transdermico aumenta in caso di pelle lesionata o altrimenti non sana, di pelle fortemente idratata, di pelle detersa e di temperature corporee elevate), dal tipo di olio (olii maggiormente aggressivi, come ad esempio timo, origano, chiodi di garofano, cannella, ecc., devono essere utilizzati a percentuali minori) e dalla condizione che si desidera trattare.

Potenziali indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Secondo gli aromaterapeuti l'aromaterapia sarebbe indicata nei seguenti casi:

  • infezioni cutanee e delle mucose
  • infezioni del tratto gastrointestinale
  • infezioni e disturbi catarrali delle prime vie respiratorie
  • spasmi della muscolatura liscia gastrointestinale
  • gonfiore addominale
  • dispepsia iposecretoria
  • condizioni nelle quali una stimolazione della perfusione ematica sia indicata (disordini reumatici ed artrosici, uso esterno)
  • modulazione dell'umore

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

Gli oli essenziali possono provocare effetti collaterali più o meno importanti in conseguenza della via di assunzione, della quantità, dello specifico olio essenziale assunto, e dell'età, del peso corporeo individuale e di specifiche patologie preesistenti. Gli oli essenziali, comunque assunti, possono portare a fenomeni di sensibilizzazione, irritazione, tossicità (possibile per via orale anche a dosaggi di alcuni ml).

Controindicazioni generiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Gravidanza
  • Bimbi al di sotto dei 3 anni
  • Allergici
  • Epilettici
  • Gravi epatopatie e insufficienze renali

Principali oli essenziali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Guenther, Ernst (1948) The essential oils - Vol.1:History - Origin in plants - Production - Analysis. New York, Van Nostrand Co.. pp.87-213
  2. ^ a b Hay, R.K.M., Waterman, P.G (1993) Voltile oil crops: their biology, biochemistry and production. London, Longman Scientific and Technical. pp.57-61
  3. ^ a b Senatore, Felice (2000) Oli essenziali pp.133-152
  4. ^ Groom N. (1981) Frankincense and Myrrh: a study of the arabian incense trade. Longman, New York
  5. ^ The ETCSL project (2006) Faculty of Oriental Studies, University of Oxford
  6. ^ Palmeira-de-Oliveira A, Salgueiro L, Palmeira-de-Oliveira R, Martinez-de-Oliveira J, Pina-Vaz C, Queiroz JA, Rodrigues AG (2009) Anti-Candida activity of essential oils.. Mini Rev Med Chem. ;9(11):1292-1305
  7. ^ de Almeida RN, Agra Mde F, Maior FN, de Sousa DP (2011) Essential oils and their constituents: anticonvulsant activity. Molecules. 23;16(3):2726-42
  8. ^ de Sousa DP (2011) Analgesic-like activity of essential oils constituents.. Molecules. 2011 Mar 7;16(3):2233-52.
  9. ^ Miguel MG (2010) Antioxidant and anti-inflammatory activities of essential oils: a short review.. Molecules. 15;15(12):9252-87
  10. ^ Nerio LS, Olivero-Verbel J, Stashenko E. (2010) Repellent activity of essential oils: a review. Bioresour Technol. 2010 Jan;101(1):372-8.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tisserand Robert: manuale di aromaterapia; edizioni mediterranee
  • Price Shirley; Price Len: trattato di aromaterapia; editore Antonio Pellicani
  • F.Firenzuoli. Gli oli essenziali. Tecniche Nuove ed., Milano, 2002
  • F. Firenzuoli. Fitoterapia. Elsevier ed, IV Ed., Milano, 2008
  • Valnet Jean-Duraffourd Christian-Lapraz Jean C.: cura delle malattie con piante e aromi; Giunti 2004
  • P.Campagna. "Farmaci vegetali". Minerva Medica ed. 2008
  • L.Fortuna. "Aromaterapia per l'anima". Xenia ed. 2005
  • (EN) Buchbauer G, Jirovetz, L, Jager W et al. (1993) "Fragrance compound and essential oils with sedative effects upon inhalation". J Pharm Sci, 82(6): 660-664
  • (EN) De Blasi V, Debrot S, Menoud PA, Gendre L, Schowing J. (1990) "Amoebicidal effect of essential oils in vitro". J Toxicol Clin Exp;10(6):361-73
  • (EN) Deans, SG e Ritchie, G (1987) "Antibacterial properties of plant essential oils." International Journal of Food Microbiology 5:165-180
  • (EN) Deans, SG e Svoboda, KP (1990b) "Essential oil profiles of several temperate and tropical aromatic plants: their antimicrobial and antioxidative properties." Proceedings of the 75th Symposium of the Research Institute for Medicinal Plants, Budakalasz, Hungary: 25-27
  • (EN) Ferley, JP, Poutignat, N, Zmirou, D, et al (1989) "Prophylactic aromatherapy for supervening infections in patients with chronic bronchitis. Statistical evaluation conducted in clinics against a placebo". Phytother Res, (3):97-100
  • (EN) Giacchetti, D, Taddei, E e Taddei, I (1988) "Pharmacological activity of essential oils on Oddi's sphincter". Planta Medica, 54(5):389-392
  • (EN) Janssen, A.M., Scheffer, J.J. e Svendson, A.B. (1987) "Antimicrobial activity of essential oils: 1976-1986 literature review. Aspects of the test methods." Planta Medica 53(5):395-398
  • (EN) Janssen, MA, Scheffer JJC, Parhan-Van Atten, AW e Svendson, AB (1988) "Screening of some essential oils for their activities on dermatophytes" Pharmaceutisch Weekblad (Scientific Edition); 10:277
  • (EN) Kabara, JJ (1984) "Aroma preservatives: essential oils and fragrances as antimicrobial agents". In JJ Kabara (ed) Cosmetic and drug preservation: principles and practice. 1. New York, Marcel Dekker: 237-273
  • (EN) Knobloch, K, Pauli, A, Iberl, B, Weigand, H e Weis, N (1989) "Antibacterial and antifungal properties of essential oil components." Journal of Essential Oil Research 1:119-128
  • (EN) Knobloch, K, Weis, N e Weigand, H (1986) "Mechanisms of antimicrobial activity of essential oils". Planta Medica 52:556-557
  • (EN) Lis-Balchin M, Deans SG, Eaglesham E (1998) "Relationship between bioactivity and chemical composition of commercial essential oils." Flavour and Fragrance Journal; 13:98-104
  • (EN) Melzig, M e Teuschen, E (1991) "Investigations of the influence of essential oil and their main components on the adenosine uptake by cultivated endothelial cells". Planta Medica 57(1):41-42
  • (EN) Moleyar V e Narasimaham P (1992) "Antibacterial activity of essential oil components." International Journal of Food Microbiology. 16(4):337-34
  • (EN) Pattnaik S, Subramanyam, VR, Bapaji, M et al (1997) "Antibacterial and antifungal activity of aromatic constituents of essential oils." Microbios. 89(358):39-46
  • (EN) Pauli, A e Knobloch, K (1987) "Inhibitory effects of essential oil components on growth of food-contaminating fungi" Zeitschrift fur Lebensmittel-Untersuschung and Forschung; 185(1):10-13
  • (EN) errucci, S, Mancianti, F, Cioni, P.L., et al (1994) "In vitro antifungal activity of essential oils against some isolates of Microsporum canis and Microsporum gypseum" (letter) Planta Medica, 60(2):184-187
  • (EN) Shapiro, S, Meier, A e Guggenheim, B (1994) "The antimicrobial activity of essential oils and essential oil components towards oral bacteria." Oral Microbiology and Immunology; 9(4):202-208
  • (EN) Taylor, B.A., et al (1985) "Calcium antagonist activity of menthol on gastrointestinal smooth muscle" BrJ Clin Pharmacol, 20:293P-294P
  • (EN) Taylor, B.A., Luscombe, C.K. e Duthie, H.L. (1984) Inhibitory effect of peppermint and menthol on human isolated coli Gut, 25:A1168
  • (EN) Van den Berghe, DA, Leven, M, Mertens, Fvlietnick, AJ e Lammens, E (1978) "Screening of higher plants for biological activities: antiviral activity." Lloydia 41:463-471

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina