Santalum album

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sandalo citrino
Santalum album - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-128.jpg
Santalum album.
Stato di conservazione
Status iucn2.3 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Santalales
Famiglia Santalaceae
Genere Santalum
Specie S. album
Nomenclatura binomiale
Santalum album
L.
Nomi comuni

Sandalo citrino

Il sandalo citrino (Santalum album L.) è una piccola pianta tropicale della famiglia delle Santalaceae. Alcuni popoli hanno attribuito grande significato alla sua fragranza e alle sue qualità medicinali.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La pianta è originaria dell'India meridionale, dell'Indonesia orientale e dell'Australia settentrionale, ma attualmente cresce nelle foreste tropicali e subtropicali di differenti Paesi, con clima umido, piovoso (tra 500 e 3000 mm annuali) e con una temperatura compresa fra 0 e 38 °C, e vive anche un secolo.

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

La pianta cresce in associazione simbiotica o parassitica con altri vegetali.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

È un albero sempreverde che può raggiungere i 10 metri e che colpisce per la sua bellezza.

Possiede foglie intere ed opposte.

La pianta è provvista di piccoli fiori.

Il frutto è carnoso e manifesta un calice persistente.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List classifica S. album come specie vulnerabile.[1]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il suo legno contiene un olio volatile (olio di sandalo) utilizzato prevalentemente nei prodotti per massaggio e in quelli per l'igiene e la pulizia (saponi dermopurificanti).[2]
In Asia, nella medicina ayurvedica il sandalo è utilizzato come astringente e diuretico e la polvere del legno veniva usata per curare la gonorrea.
Attualmente il sandalo è indicato, sempre sotto prescrizione e controllo medico, come balsamico e antisettico ed impiegato nella terapie delle cistiti.[2] In aromaterapia gli vengono attribuite proprietà battericide, sedative, antidepressive, afrodisiache.[3]

Un'antica credenza popolare indiana affermava che nessuno spirito maligno potesse entrare in un luogo impregnato del profumo di sandalo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Asian Regional Workshop (Conservation & Sustainable Management of Trees, Viet Nam) 1998, Santalum album in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ a b "Le piante medicinali", di Roberto Michele Suozzi, Newton&Compton, Roma, 1994, pag.42
  3. ^ "Aromaterapia", di Sheila Lavery, Gruppo Editoriale Armenia, Milano, 1997, pag.50-51

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica