Citrus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il genere Cedro appartenente alla famiglia delle conifere, vedi Cedrus.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Citrus
Citrus medica.JPG
Citrus medica
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Sapindales
Famiglia Rutaceae
Sottofamiglia Aurantioideae
Genere Citrus
Specie

In botanica, Citrus è un genere di angiosperme della sottofamiglia Aurantioideae della famiglia Rutaceae.

Si ritiene che abbiano avuto origine in Asia tropicale e subtropicale. Il genere contiene tre specie e numerosi ibridi naturali e coltivati, compresi alberi come l'arancio, il limone, il pompelmo e la limetta.

La classificazione del genere è complessa, ma recenti analisi genetiche hanno mostrato (come mostra il collegamento esterno sotto) come esistano solo tre specie: Citrus maxima, Citrus medica, Citrus reticulata, il che significa tutti gli altri membri del genere prima considerati specie e sottospecie sono da considerarsi ibridi tra questi tre specie. Sono grandi arbusti sempreverdi o alberelli che raggiungono i 5-15 m di altezza.

I frutti sono fragranti e molti sono ricchi di succo. Contengono una larga percentuale di acido citrico che conferisce ai frutti il caratteristico odore e sapore astringente. Sono anche ottime fonti di vitamina C.

Dal momento che gli alberi del genere ibridizzano molto facilmente (i semi di una limetta possono anche produrre frutti simili al pompelmo), tutti gli alberi coltivati sono prodotti innestando le desiderate cultivar su piante progenitrici selezionate per la resistenza dalle malattie e per la rusticità.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Frutto di limone

Gli alberi del genere Citrus non sono generalmente resistenti alle gelate. Pochi ibridi possono sopportare temperature sotto il punto di gelo (0 °C) ma non producono frutti di qualità. Gli alberi crescono bene in un clima costantemente soleggiato e umido, con una buona irrigazione. Sebbene siano latifoglie, sono sempreverdi e non perdono mai il fogliame. Gli alberi fioriscono in primavera e i frutti compaiono poco dopo. I frutti comincino a maturare in autunno o all'inizio dell'inverno, a seconda della specie, il loro succo tende ad addolcirsi con la maturazione.

Alcuni amatori coltivano specie nane in vaso o serre ("aranciere" e "limonaie") nelle aree dove è troppo freddo per coltivarle all'aria aperta. Un clima adatto, un adeguato irraggiamento solare, e un approvvigionamento d'acqua costante sono necessari per produrre e far maturare i frutti.

Origini e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti gli agrumi, i citrus hanno origine nell'Asia sudorientale, a meridione dell'Himalaya (India, Pakistan, Birmania) fino alla Cina Meridionale, Thailandia, Malaysia, nonché Filippine e Indonesia. Di queste zone, è l'India quella con più forme selvatiche.

La sua coltura è cominciata circa 3000 anni or sono, inizialmente per ricavare profumi e per scopi ornamentali, successivamente per produrre frutti commestibili. Attualmente è coltivato soprattutto nell'area mediterranea, in Medio Oriente, in Brasile, in Florida, California, Caraibi, ma anche in Sudafrica, Mozambico, Australia, oltre che ovviamente anche nelle zone asiatiche di origine.

In Italia si producono soprattutto arance, limoni, mandarini e clementine.

Impieghi[modifica | modifica wikitesto]

Un citrus utilizzatissimo in profumeria per le sue note fresche di testa è il Citrus bergamia, Risso et Poiteau (Bergamotto).

Questa specie se coltivata nella provincia di Reggio Calabria (Italia), seguendo le regole di un disciplinare di produzione, gode del marchio DOP (Denominazione di Origine Protetta) rilasciato dalla Comunità europea per le sue peculiari caratteristiche.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]