Provincia di Reggio Calabria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Provincia di Reggio Calabria
provincia
Provincia di Reggio Calabria – Stemma Provincia di Reggio Calabria – Bandiera
Palazzo Foti, sede della Provincia.
Palazzo Foti, sede della Provincia.
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Amministrazione
Capoluogo Reggio Calabria
Presidente Giuseppe Raffa (PdL) dal 31/05/2011
Territorio
Coordinate
del capoluogo
38°06′41″N 15°39′43″E / 38.111389°N 15.661944°E38.111389; 15.661944 (Provincia di Reggio Calabria)Coordinate: 38°06′41″N 15°39′43″E / 38.111389°N 15.661944°E38.111389; 15.661944 (Provincia di Reggio Calabria)
Superficie 3 183 km²
Abitanti 559 675[1] (28-02-2014)
Densità 175,83 ab./km²
Comuni 97 comuni
Province confinanti Vibo-Valentia, Catanzaro
Altre informazioni
Cod. postale 89010-89018, 89020-89036, 89039-89050, 89052, 89054, 89056-89058, 89060, 89063-89065, 89069
Prefisso 0964, 0965, 0966
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 080
Targa RC
Cartografia

Provincia di Reggio Calabria – Localizzazione

Sito istituzionale
« Ricca, nobile e gloriosa è la Provincia di Calabria ultradetta la Magna Grecia dai Greci, oggi Provincia di Reggio, che vedendo ed ammirando l'amenità del cielo, la fertilità della terra, l'aere salubre, e la grandezza degli abitanti, la elessero per loro stanza. »
(Luzio D'Orsi, "Terremoti di Calabria")

La provincia di Reggio Calabria (pruvincia di Rriggiu in dialetto reggino e provincia i Riggiu nel resto della provincia) è una provincia della Calabria di 559 675 abitanti[1]. È la provincia calabrese con la più alta densità abitativa.

Si affaccia ad ovest sul mar Tirreno, a sud e ad est sul mar Ionio, confina a nord-est con la provincia di Catanzaro e a nord-ovest con la provincia di Vibo Valentia; a sud-ovest dista dalla Sicilia 3,2 km.

I confini della provincia di Reggio Calabria ricalcano, grosso modo, quelli della Calabria Ulteriore Prima, provincia del Regno delle Due Sicilie; mentre i suoi simboli derivano alle armi della provincia di Calabria Ultra, istituita in età normanno-sveva.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Mappa della Provincia di Reggio Calabria
La Provincia di Reggio Calabria

La geografia della provincia, data l'estensione territoriale di 3.183 km²[2], risulta essere contraddistinta da una grandissima varietà di caratteristiche territoriali, ambientali e paesaggistiche, che differenziano tra loro le varie zone. La provincia, la più a sud della penisola italiana, costituisce la punta del cosiddetto stivale e si trova al centro esatto del Mar Mediterraneo; si estende dalla costa del Mar Tirreno allo Ionio da Rosarno a Punta Stilo per circa 220 km.

Il territorio della provincia di Reggio è in gran parte interessato dall'orografia del massiccio dell'Aspromonte, costituita da tre versanti principali: sud orientale e meridionale ionico, carattezizzato da coste basse, sud occidentale e nord occidentale tirrenico, caratterizzato da coste alte, separati dalla zona centrale del massiccio.

L'Aspromonte (1.956 m) con il suo parco nazionale è interamente compreso nel territorio provinciale. Dalla montagna si originano numerosi torrenti e fiumare; i più importanti sono l'Amendolea e il Calopinace. Lungo il torrente Menta, principale affluente della grande fiumara dell'Amendolea, è stata di recente costruita una diga (Diga del Menta), che nei prossimi anni dovrebbe risolvere un problema di approvvigionamento idrico nel comune di Reggio. L'unica pianura è "a chjàna" (la Piana di Gioia), a sud sul Tirreno.

Il territorio, che comprende il 28% della popolazione calabrese, conta 97 comuni; si estende per 3.183 km² occupando il 21,1% del territorio della Calabria.

La provincia opera il decentramento amministrativo istituendo dal novembre 1998 tre circondari[3]:

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Appartengono alla provincia di Reggio Calabria i seguenti 97 comuni:

Comuni più popolosi[modifica | modifica wikitesto]

Veduta del centro di Reggio Calabria
Veduta del centro di Palmi
Veduta aerea di Gioia Tauro
Vista del centro di Villa San Giovanni

Le dinamiche sociali, economiche ed insediative che hanno determinato gli attuali caratteri del territorio sono l’esito di processi storici complessi. Tra essi:

  • la complessa ed articolata struttura morfologica del territorio, che ha condizionato sia le forme dell’insediamento che le relazioni funzionali, economiche e sociali;
  • le grandi catastrofi (i terremoti del 1783, del 1908 e le alluvioni degli anni 50), che hanno inciso sulla storia dei luoghi, sulle dinamiche sociali ed economiche, sulle organizzazioni insediative, determinando spesso l’azzeramento del patrimonio storico dei luoghi;
  • i processi migratori sviluppatisi a partire dall’inizio del secolo scorso, che hanno modificato radicalmente gli assetti del territorio provinciale.

Il sistema insediativo della Provincia di Reggio Calabria si presenta con una forte concentrazione di territorio urbanizzato e popolazione sulle coste e conseguente addensarsi di funzioni e infrastrutture sociali e di collegamento.

I comuni con più di 10.000 abitanti[6] della Provincia di Reggio Calabria sono:

Stemma Comune Popolazione
Reggio Calabria Stemma.png Reggio di Calabria 184.964
Gioia Tauro-Stemma.png Gioia Tauro 19.219
Palmi-Stemma.png Palmi 18.740
Siderno-Stemma.png Siderno 16.953
Taurianova-Stemma.png Taurianova 15.366
Rosarno-Stemma.png Rosarno 14.722
Villa San Giovanni-Stemma.png Villa San Giovanni 13.570
Locri-Stemma.png Locri 12.487
Melito di Porto Salvo-Stemma.png Melito di Porto Salvo 11.130
Polistena-Stemma.png Polistena 10.688
Bagnara Calabra-Stemma.png Bagnara Calabra 10.466
Cittanova (Italia)-Stemma.png Cittanova 10.358

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Bova innevata
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Reggio Calabria.

Dal punto di vista climatico la Provincia di Reggio Calabria, territorio pienamente mediterraneo, presenta alcune anomalie rispetto alle caratteristiche che essa dovrebbe avere, considerando la posizione geografica e l'accentuato carattere marittimo. È l'elevata e prevalente montuosità del territorio, che racchiude alcune conche isolate dalle correnti aeree, a determinare in molte zone situazioni del tutto particolari. La provincia di Reggio presenta due stagioni ben differenziate: un inverno anche rigido e umido, un'estate nettamente calda e asciutta.

L'influsso marittimo, che fa sentire i suoi effetti prevalentemente lungo la costa, si esaurisce via via che si procede verso l'interno, data la vicinanza dei rilievi al mare. È soprattutto d'inverno che sono veramente marcate le differenze. Mentre sulle coste la media di gennaio è di circa 10 °C, nelle zone interne, su quasi metà della provincia, addirittura non supera i 4 °C, che, al di sopra dei 1.700 metri sull'Aspromonte, scendono anche al di sotto dello zero. Le montagne tuttavia esercitano un'influenza ancora più significativa sulla piovosità; in modo abbastanza netto si oppongono pianure costiere aride a zone montuose interne con precipitazioni frequentemente abbondanti, e soprattutto sul versante tirrenico, con piogge tra le più abbondanti dell'Italia peninsulare. In tutta l'area affacciata sul mare Tirreno i monti esercitano una determinante azione di cattura delle correnti umide di origine atlantica. Nella Catena Costiera e sull'Aspromonte si toccano e persino si possono superare i 2.000 mm annui di precipitazioni che, concentrandosi nell'inverno, fanno della provincia uno tra i territori con più intensa caduta nevosa dell'Italia meridionale. Per contro tutta la fascia orientale, ionica, si colloca tra i 600 e i 1.000 mm annui.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Calabria Ulteriore e Calabria Ulteriore Prima.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Reggio Calabria.

La Provincia di Reggio Calabria corrisponde ai territori dell'antica provincia di Calabria Ulteriore Prima (nota anche come Calabria Ultra Prima o Calabria Reggina), istituita nel 1817 dalla divisione della Calabria Ulteriore in Ulteriore I e Ulteriore II.

La provincia reggina è stata nell'antichità uno dei centri più fiorenti della cultura e della potenza della Magna Grecia, infatti sul territorio sorsero importanti polis come Rhegion, Locri Epizefiri, Kaulon, Medma, Taureanum e Metauros.

Inoltre della Provincia di Reggio sono nativi molti personaggi illustri tra i quali il filosofo Tommaso Campanella, il compositore Francesco Cilea, l'archimandrita di Costantinopoli Barlaam maestro del Boccaccio e del Petrarca, celebri musicisti come Mia Martini, Loredana Bertè, Mino Reitano e Sergio Cammariere, il pittore e scultore caposcuola del movimento futurista Umberto Boccioni, il celebre stilista di fama mondiale Gianni Versace, grandi scrittori e giornalisti come Corrado Alvaro, Leonida Rèpaci, Saverio Strati e Carmine Abate.

La provincia nel corso della sua storia ha avuto delle variazioni amministrative:

Cronologia essenziale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Reggio Calabria e Storia amministrativa della Calabria.
2000 a.C. leggendario sbarco di Aschenez, primi insediamenti di Reggio
730 a.C. fondazione greca di Rhegion (Reggio) su un preesistente insediamento denominato Pallantiòn
700 a.C. fondazione di Locri Epizefiri
675 a.C. fondazione di Kaulon
VII secolo a.C. fondazione di Medma e Metauros
VI secolo a.C. l'alleanza tra Reggio e Locri Epizefiri sconfigge quella tra Crotone e Caulonia nella Battaglia della Sagra
450 a.C. Metauros diviene avamposto di Reggio
494 a.C. Anassila prende il potere a Reggio e diviene tiranno, occupa Zancle (Messina) unificando le due città dello Stretto sotto il governo reggino
Anassila fortifica la rocca di Scilla a guardia dello Stretto
Reggio si allea con Cartagine
493 a.C. arrivo di profughi samii a Locri Epizefiri
477 a.C. l'attacco di Leofrone (figlio di Anassila di Reggio) nei confronti di Locri Epizefiri viene evitato grazie all'intervento diplomatico di Gerone I di Siracusa, cade l'alleanza tra le due polis e Locri si allea con Siracusa
476 a.C. Dopo la morte di Anassila, il suo successore Micito si allea con Taranto
461 a.C. muore Micito, cade l'alleanza tra Reggio e Siracusa stretta tra Anassila e Ierone, gli Anassilaidi vengono cacciati dallo Stretto
427 a.C. Guerra del Peloponneso, Reggio si allea con Atene mentre Locri Epizefiri si allea con Sparta
389 a.C. le forze congiunte dei Lucani e di Dionisio I di Siracusa distruggono Kaulon
386 a.C. dopo 11 mesi d'assedio Reggio viene espugnata da Dionisio I di Siracusa
352 a.C. Dionisio II scacciato da Siracusa instaura la sua tirannide a Locri Epizefiri
341 a.C. Reggio città confederata di Roma
282 a.C. Reggio si allea con Roma contro Pirro
280 a.C. Locri Epizefiri si allea con Pirro
277 a.C. a Locri Epizefiri prevale il partito aristocratico, e la città viene consegnata al console romano Publio Cornelio Rufino
275 a.C. Locri Epizefiri viene distrutta da Pirro per vendetta
132 a.C. viene costruita la Via Popilia per collegare Roma con la civitas confederata Rhegium
61 San Paolo sbarca a Reggio e diffonde il Cristianesimo
440 fondazione di Bova
536 Reggio conquistata da Belisario diventa bizantina
IX secolo Reggio diventa "Metropoli dei possessi bizantini dell'Italia meridionale"
909 Reggio nominata "Capitale del Ducato di Calabria"
IX secolo Gli esuli di Kaulon fondano Stilo
915 gli esuli di Locri Epizefiri fondano Gerace
1060 Reggio conquistata da Roberto il Guiscardo diventa normanna e "Sede del giustizierato di Calabria"
1783 grave terremoto tra Reggio e Messina che distrugge le città
1817 viene creata la provincia di Calabria Ulteriore prima o Calabria Reggina con capoluogo Reggio, costituita dai tre distretti di Reggio, Palmi e Gerace
1847 moti risorgimentali
1860 vengono istituiti tre circondari in cui è suddivisa la provincia con capoluogo a Reggio, Palmi e Gerace.
conquista garibaldina
Regno d'Italia
1908 terremoto di Reggio e Messina, il più catastrofico della storia d'Italia con 130.000 morti
1927 attuata la "Grande Reggio", conurbazione di Reggio con 14 comuni limitrofi
1939 viene costruito l'Aeroporto di Reggio Calabria che serve l'intera provincia
1943 Bombardamenti di Reggio e sbarco degli Alleati
1943 Repubblica Italiana, unificazione delle calabrie e Reggio capoluogo della Calabria
1970 vengono istituiti gli enti regionali e istituito il capoluogo a Catanzaro, cosa che scatena la protesta dei reggini e i Moti di Reggio
1974 viene completata l'Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, considerata la maggiore opera realizzata direttamente dallo Stato
1984 viene terminato il Porto di Gioia Tauro, il più grande scalo commerciale del Mediterraneo
1989 viene istituito il Parco nazionale dell'Aspromonte, che sorge interamente nella provincia reggina
1990 viene completata la Strada Grande Comunicazione SS 682 Jonio-Tirreno (Gioiosa-Rosarno)
anni novanta comincia la cosiddetta "Primavera di Reggio" e della sua provincia
2005 l'Aeroporto di Reggio Calabria viene rimodernato e diventa aeroporto internazionale
2009 Reggio diventa Città metropolitana dello Stato italiano

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Stemma della provincia
« Fa per Arme questa Provincia due Croci nere in campo argento, con quattro pali vermigli in campo oro, insegne di Aragonesi. Don Ferdinando Duca di Calabria, Figliolo di Alfonso Re di Napoli, per dimostrare che egli delle due Calabrie era Signore, inventò le due Croci. »
(Luzio D'Orsi, descrizione dello stemma della Provincia di Reggio Calabria in "Terremoti di Calabria")

L'antichissimo stemma araldico della Provincia di Reggio Calabria consta di uno scudo partito in campi uguali di oro ed argento: due croci nere in campo argento nel mezzo scudo a sinistra, a memoria del valore dei Crociati Calabresi, sotto la guida di Boemondo Duca di Calabria nelle guerre per la liberazione di Gerusalemme: i guerrieri della Croce, dopo adorato il Santo Sepolcro, erano cinti Cavalieri, in ricompensa degli eroici sforzi e degli aiuti prestati nella guerra di Gerusalemme. Da questa cerimonia ebbero poi origine, come è noto, i Cavalieri di Gerusalemme, chiamati poi Cavalieri di Malta, e l'istituzione dei Templari.

I quattro pali perpendicolari vermigli in campo oro nell'altra metà a destra sono le armi aragonesi, poste da don Ferdinando di Aragona, Duca di Calabria. Le croci sono soltanto due perché la Calabria era divisa in due province, e sono entrambe in una sola parte dello scudo per significare che ambedue le province erano sotto il dominio di un solo Signore. I quattro pali, poi, sono uniti nello scudo alle armi di Calabria per mostrare l'unione della Calabria alla dinastia degli Aragonesi. La corona è d'oro con gemme.

Gonfalone della provincia

Lo stemma condivide gli stessi elementi di quello della provincia di Catanzaro, anche se disposti diversamente, questo in quanto ambedue le odierne province costituivano inizialmente la provincia di Calabria Ulteriore successivamente distinta in Calabria Ulteriore Prima e Calabria Ulteriore Seconda.

Lo stemma, concesso con decreto reale del 1º aprile 1938, di cm 90 x 75 x 8 di spessore con rilievo della corona di cm 16, esposto nel Salone "Mons. Ferro" del Palazzo Provinciale, è scolpito su legno pregiato "pinus cembico" e rifinito in foglia d'oro zecchino 24 carati, foglia d'argento vero 1.000 e colori a tempera anticati. Nello Stemma le perle della corona ducale sono bianche, le bacche d'oro, il nastro tricolore.

Sembra chiaro che questa Provincia non faccia uso di uno stemma senza titoli e senza concessione; poiché i titoli sono il premiato valore Calabrese nelle guerre dei Crociati, e la concessione venne fatta da Ferdinando di Aragona, nel secolo decimoquinto, quando gli Aragonesi erano Signori del Reame di Napoli.

« Consta dunque che le Armi di questa Provincia contengano in sé un fatto avvenuto nel Medio Evo, sotto il regno dei Normanni, che furono I primi signori del Reame di Napoli; cioè nel secolo decimosecondo, quando Boemondo, principe di Taranto e Duca di Calabria, figliolo di Roberto Guiscardo, con dodicimila guerrieri di Calabria, tra i quali quel Tancredi celebrato dal Tasso, passò con Goffredo in oriente, e, presa Antiochia, vi si stabilì principe di quella città. »
(Luzio D'Orsi, descrizione dello stemma della Provincia di Reggio Calabria in "Terremoti di Calabria")

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili e private[modifica | modifica wikitesto]

Villa De Leo

Bagnara Calabra: Villa De Leo

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

La Cattolica di Stilo.
(Gentile concessione)

Numerose le architetture religiose di pregio artistico presenti in provincia, tra le principali vanno menzionate:

Architetture religiose a Reggio Calabria[modifica | modifica wikitesto]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiese di Reggio Calabria.
Architetture religiose della provincia[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Il Castello Ruffo di Scilla
Castello di Reggio
Gioiosa Jonica Castello e Teatro
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Fortificazioni e castelli di Reggio.

A testimonianza dell'avvicendarsi nel tempo di invasioni e dominazioni, la Provincia di Reggio è disseminata di esempi di architettura difensiva (torri, castelli, fortini)[7] tanto sulle alture e intorno ai principali centri urbani, quanto sulla costa: più recentemente, ai primi anni dell'Ottocento, con Gioacchino Murat, e fino la seconda guerra mondiale, furono costruite batterie da costa a controllo dello stretto. Tra quelli in migliore o discreto stato di conservazione vanno menzionati:

Provincia di Reggio Calabria-Stemma.png Ch teau-fort 01.svg Castelli
Reggio Calabria Castello Demaniale
Ammendolea Castello Demaniale
Ardore Castello Feudale
Bagnara Calabra Castello Feudale
Bova Castello Demaniale
Bovalino Castello Demaniale
Brancaleone Castello Feudale
Bruzzano Zeffirio Castello Feudale
Candidoni
Caulonia Castello Feudale
Condojanni Castello Feudale
Gerace Castello Demaniale
Gioiosa Jonica Castello Feudale
Grotteria Castello Feudale
Laureana di Borrello Castello Feudale
Monasterace Castello Feudale
Montebello Jonico Castello Feudale
Motta San Giovanni Castello Feudale
Palizzi Castello Feudale
Pentedattilo Castello Demaniale
Oppido Mamertina Castello Aragonese
Placanica Castello Feudale
Piale Fortino
Roccella Jonica Castello Feudale
Samo Castello Feudale
San Giorgio Morgeto Castello Demaniale
Santa Cristina d'Aspromonte Castello Demaniale e Feudale
Scilla Castello Feudale
Seminara Castello Demaniale
Sinopoli Castello Feudale
Stignano
Stilo Castello Demaniale

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici a Reggio Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Siti archeologici a Reggio Calabria.

Siti archeologici della provincia[modifica | modifica wikitesto]

L'antica strada principale di Locri Epizefiri
Gioiosa Jonica Naniglio

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parco nazionale dell'Aspromonte.
La vallata dello Stilaro
Panorama della Costa Viola, Scilla in primo piano

L'adiacenza tra mare e ambienti dai tratti tipicamente montani determina nel territorio della Provincia di Reggio Calabria una varietà di ambiti, connotati da specifici caratteri naturalistici. Nella complessità dei sistemi morfologici, idrografici e vegetazionali, nella conseguente ricchezza dei paesaggi, nella molteplicità degli ambiti, emergono due elementi dominanti: l'Aspromonte con il suo parco Nazionale e la costa. Il primo si propone come ambito naturalistico e culturale apparentemente unico, ma in realtà divaricato tra due sistemi che sono concretamente separati con caratteri differenti, a livello naturalistico ed identitario. Il secondo si impone per le sue caratteristiche di variegata bellezza ed anche in molti casi per il suo degrado, a cui si aggiunge la valenza simbolica e paesaggistica dello stretto di Messina che appare come spartiacque e nodo unificante con riferimento visivo e percettivo di tutto il sistema costiero.

Questi due caratteri, il mare e la montagna, costituiscono due potenti riferimenti ambientali e culturali, sui quali si è innervata la storia del territorio provinciale, in un complesso quanto controverso rapporto tra popolazione e ambiente, che ha dato luogo a lunghe permanenze e a convulse diaspore, a radicamenti e ad abbandoni.

Da un punto di vista naturalistico la complessa frammentazione del territorio reggino si affianca alla varietà di ecosistemi rari e paesaggi caratteristici mediterranei, che contribuiscono alla definizione di ambiti identitari come ad esempio, la Costa Viola, la Riviera dei gelsomini, la Vallata del Torbido e la Vallata dello Stilaro. A questi ambiti si affiancano altri contesti caratteristici come la Locride, con forte vocazione rurale, legate alle colture tradizionali, la Piana di Gioia Tauro, dove il ruolo assunto dal porto nei disegni strategici di carattere internazionale produce l'esigenza di coniugare l'obiettivo di rafforzamento logistico, produttivo e infrastrutturale, con le esigenze di tutela dell’ambiente e di rigenerazione del patrimonio delle risorse locali.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Reggio_Calabria#Biblioteche.
Palazzo Spinelli già sede del rettorato dell'Università Mediterranea

Numerose le biblioteche comunali presenti nei vari centri del territorio provinciale ma le principali e le più ricche in volumi si trovano in città. Tra esse:

Università[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

I "Bronzi di Riace" costituiscono uno dei simboli di Reggio e dello stesso museo.
in primo piano la statua A (il giovane), in fondo la statua B (il vecchio).
il Kouros di Reggio

La Provincia di Reggio può vantare diversi musei e sedi espositive[10] essenzialmente nel suo capoluogo ma anche in alcune delle sue città maggiori. A Reggio si ricorda il Museo nazionale che ospita i famosi Bronzi di Riace nonché reperti archeologici prevalentemente di provenienza greca.

Musei e sedi espositive a Reggio Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Reggio_Calabria#Musei.

Musei e sedi espositive nella Provincia[modifica | modifica wikitesto]

Teatri[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Teatri di Reggio Calabria.
Interno del teatro Cilea

Il principale teatro della Provincia è senz'altro il Teatro Francesco Cilea, ha una capienza di oltre 1.500 posti a sedere, dove si svolge la stagione concertistica, dei balletti, d'opera e di prosa. Al suo interno opera il "Coro Lirico Francesco Cilea", composto in massima parte da giovani diplomati in canto presso i Conservatori calabresi e di Messina, il coro è nato nel 1981 e si è costituito in Cooperativa nel maggio 1983[11].

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il ritorno di Mia Martini a Sanremo (1989)

Tra le principali rassegne musicali che si svolgono in provincia si citano il festival di musica jazz di Roccella, il Premio in memoria di Mia Martini di Bagnara, il Premio Internazionale in memoria di Mino Reitano di Fiumara di Muro e il Paleariza.

  • Dal 1980, ogni mese di agosto a Roccella Jonica si svolge un importante festival di musica Jazz, noto come "Roccella Jazz festival - Rumori Mediterranei[12], il cui cartellone annovera artisti di fama mondiale. Attualmente i concerti del festival si tengono anche in altri comuni nelle vicinanze, ma Roccella Ionica rimane la sede storica e principale e la denominazione del festival è rimasta invariata.
  • Il Premio Mia Martini[13], viene istituito nell’anno 1995 a Bagnara Calabra, città natia della grande interprete della Canzone Italiana, per volontà del regista Nino Romeo, con l’intento di ricordare l’amica scomparsa e di valorizzare e promuovere la cultura del canto e della musica, fornendo ai giovani partecipanti occasioni d’incontro con operatori artistici, culturali e professionali del settore.
  • Dal 2009, in agosto a Fiumara di Muro, paese natale del famoso cantante Mino Reitano, si svolge il Premio Internazionale in memoria del cantante[14].
  • Il Paleariza, che vuol dire Antica Radice in greco di Calabria, è un festival etno-culturale-musicale che si svolge annualmente nell'area grecanica della provincia di Reggio Calabria.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Reggio_Calabria#Cinema.

Personaggi illustri[modifica | modifica wikitesto]

Tra i personaggi nati in provincia di Reggio che hanno contribuito alla storia della cultura italiana vanno ricordati il filosofo Tommaso Campanella, i compositori Francesco Cilea e Nicola Antonio Manfroce, l'archimandrita di Costantinopoli Barlaam maestro del Boccaccio e del Petrarca, grandi scrittori e giornalisti come Corrado Alvaro, Leonida Répaci, Fortunato Seminara e Saverio Strati, il celebre stilista Gianni Versace, grandi scultori come Alessandro Monteleone, Michele Guerrisi e il pittore Nik Spatari.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Il grafico riporta l'evoluzione del numero dei residenti nella provincia dal 1861 al 2009[15].

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2009 nel territorio provinciale di Reggio Calabria risultano essere regolarmente iscritti 22.105 stranieri[16].

Di sotto sono riportate le comunità con più di 100 persone:

Popolazione e lingua[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dialetto reggino e Dialetti calabresi.
Diffusione del Greco di Calabria

La popolazione calabrese ha sempre parlato il proprio idioma che però, come la maggior parte dei dialetti italiani, non ha alcuna ufficialità.

Il dialetto reggino, che tra gli idiomi calabresi è quello parlato nella Calabria meridionale, si è evoluto negli anni: nato dal greco dei primi coloni calcidesi, che fu parlato fino all'età bizantina, fu arricchito dal latino non tanto sotto l'impero, ma più probabilmente in età medioevale con l'arrivo dei normanni.

La lingua ampiamente diffusa fino qualche secolo fa in tutta la Calabria meridionale, piena di influenze di greco antico, è oggi quasi scomparsa, poiché ha perso molto in favore dell'unità linguistica nazionale quindi dell'italiano. Su di esso però si sono sviluppati un tipo di dialetto ed una parlata molto particolari, che presentano molte analogie e similitudini con la lingua siciliana (definita infatti "Lingua Calabro-Sicula"), che dà alla lingua parlata una "cadenza" (accento) simile al siciliano. Il dialetto della provincia reggina, nell'area compresa tra Scilla e Bova presenta infatti un'assenza delle consonanti "dure" tipiche del resto della Calabria, manifestando delle corrispondenze linguistico-lessicali con la lingua parlata in Sicilia.

Minoranze linguistiche[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Greco di Calabria.

Nella provincia di Reggio è tutt'oggi parlato il greco di Calabria, la versione del greco d'Italia usata in Calabria.

Un tempo parlato in tutta la Calabria meridionale è oggi sopravvissuto in alcuni luoghi della vallata dell'Amendolea quali Bova, Bova Marina, Roghudi, Gallicianò, Chorìo di Roghudi, ed in alcuni quartieri di Reggio Calabria come San Giorgio Extra Moenia, Rione Modena, Sbarre e Arangea.

Qualità della vita[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la ricerca de Il Sole 24 ORE sulla qualità della vita nelle province italiane, la provincia di Reggio nel 2011 si è collocata al 94º posto, avanzando di nove posizioni rispetto all'anno precedente[17]. Mentre secondo un'indagine analoga di Italia Oggi si trova all'85º posto, guadagnando otto posizioni rispetto all'anno precedente[18].

Anno Qualità della Vita (Sole 24 Ore) Qualità della Vita (Italia Oggi) Rapporto Ecosistema Urbano (Legambiente)
2003 99º posto 103º posto 95º posto
2004 97º posto 100º posto 101º posto
2005 90º posto 96º posto 103º posto
2006 94º posto 97º posto 97º posto
2007 97º posto 96º posto 86º posto
2008 92º posto 90º posto 78º posto
2009 91º posto 97º posto 76º posto
2010 103º posto 93º posto 86º posto
2011 94º posto 85º posto 76º posto

Ordine pubblico[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda gli indicatori riferiti all'ordine pubblico, la provincia si trova al 60º posto. La variazione del trend dei delitti totali rispetto all'anno 2005, a cui è stato attribuito valore 100, ha raggiunto il valore 94,60 e la città si trova al 16º posto. In riferimento ai furti in casa denunciati la provincia di Reggio si trovi in buona posizione(16º posto) con 58,33 furti ogni 100 000 abitanti; per ciò che concerne gli scippi, rapine e borseggi si classifica in 47.a posizione con un indice complessivo di 55,68 ogni 100.000 abitanti.

Lavoro e disoccupazione[modifica | modifica wikitesto]

L'analisi effettuata dal Il Sole 24 Ore sulla qualità della vita delle 107 provincie italiane nel 2010[19], ha individuato i principali problemi della provincia di Reggio Calabria. Uno dei più annosi è la disoccupazione. Reggio si trova al 97º posto tra le provincie italiane per occupazione in percentuale sulla fascia di età 25-34 anni con un valore del 46,20% e al 92º posto per quota percentuale di occupazione femminile con un valore del 22,80%.

La provincia di Reggio Calabria è in basso in classifica (85º posto) anche in riferimento al numero di fallimenti delle imprese: nel periodo compreso tra ottobre 2009 e settembre 2010 il tasso di imprese registrate che hanno dovuto cessare l'attività per fallimento è stato del 23,00‰. Contestualmente, anche lo spirito di iniziativa imprenditoriale si è rivelato molto basso: sono state solo 8,79 le imprese registrate ogni cento abitanti (92ºposto). Altro indicatore rilevante è il rapporto tra iscrizioni e cancellazioni annuali delle imprese alla Camera di commercio: la provincia reggina è al 9º posto con il valore di 1,34, in lieve peggioramento rispetto l'anno precedente.

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'indice di Legambiente sull'ecosistema urbano dell'ottobre 2010, la provincia di Reggio Calabria si trova in 86.a posizione su 103, con il punteggio percentuale di 41,30%, perdendo dieci posizioni rispetto l'anno precedente[20].

Inoltre in alcune spiagge del litorale reggino e della città persistono gravi problemi di inquinamento marino, a causa di alcune fogne abusive. Queste infatti sversano il loro contenuto direttamente a mare senza alcun trattamento, anche in posizione immediatamente adiacente al locale Lido comunale[21].

Problematica anche la situazione riferita alla potabilità delle acque. Secondo il rapporto di Legambiente del 2008[22] Reggio è al 95º posto in classifica in riferimento alla quantità di nitrati (NO3) in acqua potabile (Contenuto medio di 23 mg per litro). La classifica della capacità di depurazione[23] vede Reggio in 68.a posizione, con il valore dell'84%[22].

Nel 2009 Reggio è indietro anche nella classifica della raccolta differenziata: raccoglie solo il 13,1% di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti (85º posto in classifica).

Così come in tutta la Calabria, anche in provincia di Reggio è forte il problema legato alle ecomafie, ed in particolare in riferimento all'attività di associazioni criminali dedite all'abusivismo edilizio di larga scala[24].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L’esame della composizione del valore aggiunto per settori economici mostra come la Provincia di Reggio Calabria continui ad essere interessata da un importante peso del settore dei servizi, con un’incidenza sulla formazione della ricchezza provinciale pari all’80,4% (Italia 70,4%). Occorre evidenziare che tale incidenza è il risultato di una significativa rilevanza del commercio, delle attività consulenziali e professionali (es. legale ed amministrazione), della Pubblica Amministrazione e del settore della mobilità e della logistica. Analizzando il contributo fornito dall’agricoltura si osserva che, con un valore pari al 4,5%, Reggio Calabria presenta all’interno della Calabria l’incidenza più elevata dopo Vibo Valentia (5,8%), ma anche un peso notevolmente superiore a quello delle province del Mezzogiorno (3,5%) e dell’Italia in generale (2,1%). Per quanto riguarda il contributo dell'industria alla formazione del valore aggiunto reggino, con un livello pari al 15,2%, risulta il più contenuto sia se confrontato con le altre province della Calabria, sia con il corrispettivo valore regionale (17,5%), del Mezzogiorno (20,9%) e nazionale (27,5%). In particolare, il settore manifatturiero, fornendo l’8,9% del valore aggiunto provinciale, si distanzia dal valore medio regionale pari a 10,3%, da quello del Mezzogiorno (13,8%) ma, soprattutto, dalla quota nazionale (21,4%). Il settore edile presenta, invece, un peso più in linea con il valore medio nazionale (6,1%), anche se, da un confronto a livello regionale, emerge che l’apporto fornito dalle costruzioni alla ricchezza locale (6,3%) è inferiore a quello delle altre province calabresi[25].

Secondo l'ultimo rapporto di Confindustria sugli Indicatori economici e sociali regionali e provinciali delle 107 province italiane curato annualmente dall'area Mezzogiorno dell'associazione degli industriali, posta uguale a 100 la media nazionale del periodo 2008-2009, nella provincia reggina l'indicatore sintetico elaborato nel volume raggiunge un valore di 72,4, collocandosi all'ottantanovesimo posto, migliore performance tra le province calabresi[26].

Struttura produttiva e servizi alle imprese[modifica | modifica wikitesto]

Forza lavoro (anno 2007): 186.341 – Occupati: 166.851 – Disoccupati: 19.490

Struttura produttiva[27]

Il numero delle imprese censite in provincia nell'anno 2007 ammontava a 43.141 e per ambito di competenza erano così suddivise:

  • Agricoltura: 7.594
  • Manifatturiere: 5.007
  • Costruzioni: 5.102
  • Commercio: 16.700
  • Alberghi/Ristoraz.: 1.660
  • Trasporti/Comunicaz.: 1.625
  • Immobiliare/Informatica: 2.221 (di cui Informatica 637 e Ricerca/Sviluppo 25)
  • Sanità: 223
  • Artigianato: 9.779
Servizi alle imprese
  • Intermediazione Monetario/Finanziaria: 773
  • Istruzione: 214
  • Servizi Pubblici, Sociali e Personali: 1.722

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Un tipico uliveto della Valle del Tuccio
Un agrumeto della Piana di Gioia
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bergamotto.

Industria[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda le aree di sviluppo industriale sono localizzate prevalentemente sulla fascia tirrenica ed in particolare nella Piana e nell’area dello Stretto con un prolungamento fino a Saline Ioniche[27]. In tale contesto assume un ruolo fondamentale il porto di Gioia Tauro, che fino a poco tempo era considerato luogo irrisolto dell’industrializzazione ed oggi rappresenta grande opportunità della Provincia e della Regione.

Le principali aree industriali sono:

  • Area industriale di Gioia Tauro-Rosarno-San Ferdinando, estesa 1483 ha compresa l'area portuale, dove sono localizzate aziende le cui produzioni industriali sono orientate verso il comparto alimentare, la lavorazione del legno e dei metalli.
  • Area del Consorzio ASI (Area Sviluppo Industriale), estesa per 550.000 m² nel comune di Reggio Calabria e per 870.000 m² tra i comuni di Villa San Giovanni e Campo Calabro le cui produzioni sono orientate nella fabbricazione di prodotti plastici e chimici, di locomotive e materiale ferrotranviario, nonché la lavorazione agroalimentare.

Altre aree industriali minori sono presenti in San Giorgio Morgeto (artigianato); Taurianova, Siderno, Oppido Mamertina, Stilo (artigianato e piccola industria); Polistena (informatica, tessile, alimentari, ferro, legno). Nel territorio tra Montebello Ionico e Melito Porto Salvo è stata localizzata un'area industriale nella quale si concentrano produzione e distribuzione di energia elettrica, fabbricazione di trasmittenti radio, costruzione locomotive, fabbricazione grassi e olii vegetali.

Energia[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune di Rizziconi opera la società "Rizziconi Energia SpA" del Gruppo EGL che è proprietaria di una centrale termoelettrica a ciclo combinato della potenza da 760 MW[28].

Artigianato ed enogastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Le produzioni artigianali ed enogastronomiche caratterizzano l'economia del territorio provinciale. Ampia è la varietà delle produzioni tipiche del territorio provinciale. Infatti, alcune di esse operano nel settore vitivinicolo, altre nel settore olivicolo, altre nel settore della pasticceria artigianale, altre nel settore dei sottoli e dei sottaceti ed altre nel settore delle ceramiche artistiche, della lavorazione del legno, tutte con produzioni di eccellenza che caratterizzano e distinguono il territorio della Provincia di Reggio Calabria.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Imbarcazioni specializzate nella caccia al pesce spada nel porticciolo di Bagnara

L'attività della pesca è assai antica e molto radicata nel tempo, soprattutto nei borghi marinari.

Si rileva la presenza di imprese nel settore di attività Pesca, piscicoltura e servizi connessi in quasi tutti i comuni costieri della Provincia. Le imbarcazioni da pesca sono concentrate nei porti principali di Palmi, Bagnara, Villa San Giovanni, Reggio Calabria, Melito ma anche lungo la costa tra Villa San Giovanni e Scilla. L'attività di pesca è principalmente costituita da piccola pesca.

Commercio[modifica | modifica wikitesto]

La città di Reggio Calabria e alcuni comuni della provincia, principalmente Gioia Tauro per la zona Tirrenica e Siderno per la zona ionica, possiedono importanti poli commerciali e aziendali di rilevanza provinciale e regionale. Il commercio rappresenta uno dei principali volani occupazionali dell'intero territorio provinciale. Nel periodo compreso tra il 31.12.2008 e il 30.11.2009 la Provincia di Reggio Calabria ha visto aumentare la sua base imprenditoriale di 504 unità ponendola al 15-esimo posto tra le province italiane[29].

Commercio marittimo[modifica | modifica wikitesto]

Il grande porto di Gioia Tauro
  • Il porto di Gioia Tauro, primo porto italiano nelle attività di transhipment di merci containerizzate, è uno dei più importanti hub del traffico container nel bacino del Mediterraneo. Il maggior punto di forza del porto è la sua localizzazione baricentrica rispetto alle rotte intercontinentali che solcano il Mediterraneo da un estremo all'altro, da Suez a Gibilterra. Altri elementi di forza sono le idonee caratteristiche fisiche e infrastrutturali (fondali profondi, banchine rettilinee, ampi piazzali di stoccaggio a ridosso delle banchine, ecc.) e la sua collocazione sul territorio continentale, che gli consente un collegamento diretto con la rete infrastrutturale terrestre europea. Il porto presenta una configurazione a canale. Attualmente in esso sono operativi un terminal container in concessione alla M.C.T. (Medcenter Container Terminal) che si sviluppa lungo il lato nord del canale, ed un terminal auto (gestito dalla società BLG Automobile Logistics Italia), localizzato in corrispondenza dei piazzali adiacenti il bacino di evoluzione nord. L'accessibilità viaria all'area portuale è garantita dall'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria (collegata al porto tramite un raccordo tangenziale) e dalla strada statale S.S. 18. Il porto è inoltre connesso alla rete ferroviaria nazionale mediante la linea S.Ferdinando-Rosarno, a doppio binario di cui uno elettrificato.

Mercato turistico[modifica | modifica wikitesto]

  • Già consolidato ma sempre in forte crescita è il mercato turistico in tutta la provincia, con la sua ricchissima offerta naturalistica storica e culturale.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporto su strada[modifica | modifica wikitesto]

Trasporto su ferro[modifica | modifica wikitesto]

Trasporto aereo[modifica | modifica wikitesto]

L'Aeroporto dello Stretto "Tito Minniti" di Reggio Calabria, serve l'intera provincia di Reggio e quella di Messina.

Trasporto marittimo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porto di Reggio Calabria e Porto di Gioia Tauro.
Il porto di Villa San Giovanni, che collega la sponda calabra con quella siciliana

Nella Provincia di Reggio sorgono numerosi porti commerciali e turistici, inoltre a Reggio ha sede la direzione marittima della Calabria. I principali scali marittimi in provincia sono:

  • il Porto di Reggio, tra i più importanti della regione è collegato con Malta, con Isole Eolie e con Messina, le navi traghetto e gli aliscafi effettuano un intenso traffico tra le due città dello stretto; con oltre 10 milioni di passeggeri trasportati all'anno, è il secondo in Italia nel settore[30];
  • il porto di Villa San Giovanni, con gli approdi delle navi della Caronte&Tourist e le invasature delle navi FFS, che collega il trasporto ferroviario e il grande traffico nazionale tra l'Italia e la Sicilia;
  • il Porto di Gioia Tauro, nato per servire un centro siderurgico mai realizzato, è stato riconvertito oggi ad altra destinazione divenendo il più grande scalo commerciale del Mediterraneo, è sede di autorità portuale;
  • il Porto di Saline Joniche, nato per servire il polo industriale chimico mai entrato in funzione, oggi è insabbiato a causa dell'erosione costiera;
  • i porti turistici di Palmi, Scilla, Bagnara, Roccella Ionica, ed altri minori.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Palmi: spiaggia presso la frazione Tonnara, Scoglio dell'Ulivo
Gerace: Veduta del Borgo
Scilla: Veduta notturna

Principali località turistiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Reggio Calabria, città dello stretto situata tra il Mar Tirreno ed il Mar Ionio, rinomata per il suo Lungomare, è sede del Museo Nazionale della Magna Grecia dove sono esposti i Bronzi di Riace.
  • Scilla, sulla costa del Mar Tirreno, pittoresca località balneare colma di mito e leggenda, dove si pratica ancora oggi la pesca tradizionale del Pesce Spada. In particolare la zona di Chianalea di Scilla è definita uno dei borghi più belli d'Italia[31].
  • Bova, situata sul versante del Mar Ionio, nella vallata dell'Amendolea, è la "capitale" della cultura grecanica. È definita uno dei borghi più belli d'Italia[32].
  • Gerace, nell'entroterra della locride, è una cittadina medievale, con alcune antiche abitazioni scavate nella roccia, un castello normanno, molte importanti chiese monumentali, tra cui un'antica cattedrale anch'essa normanna. È definita uno dei borghi più belli d'Italia[33].
  • Seminara, Monastero ortodosso dei Santi Elia il Giovane e Filarete l'Ortolano.
  • Siderno, sulla costa del Mar Ionio, epicentro turistico della Costa dei Gelsomini.
  • Stilo, cittadina medievale ricca di storia, fu residenza e città natale del filosofo Tommaso Campanella, con un castello Normanno e un'importante chiesa bizantina, la Cattolica. È definita uno dei borghi più belli d'Italia[34].
  • Gambarie, nel cuore dell'Aspromonte a 1.450 m s.l.m., è la prima stazione sciistica del meridione, famosa per le piste, per gli impianti di risalita e le strutture alberghiere, l'ambiente naturale, i suggestivi paesaggi; è considerata tra le più importanti località turistiche invernali dell'Italia meridionale.
  • Mammola, cittadina d'arte e di gastronomia. Da visitare: il borgo antico, caratteristico per le piccole case con portali in granito, strette viuzze, piccole piazze, antiche Chiese e Palazzi gentilizi; il Museo Santa Barbara considerato uno dei più importati Musei di Arte Moderna a livello internazionale; il Santuario di San Nicodemo alla Limina (risalente al X secolo); il Geosito della Miniera Macariace; il Mulino ad acqua. Rinomata la gastronomia con lo Stocco di Mammola cucinato in vari modi, la ricotta affumicata tipica di Mammola, la "pizzata", i funghi, i salumi e l'olio extra vergine di oliva ricavato da una cultura locale (Grossa di Mammola o Mammolese).
  • Gioiosa Jonica, Medievale è il suo Borgo, dove c'è il Castello sulla roccia, punto più alto che domina l'abitato, e la Chiesa Matrice, il culto più antico del luogo, all'interno della Cinta Muraria, accessibile dalla Porta Falsa e dalla Porta Barletta, quest'ultima dalla scalinata dietro la Fontana Ferdinando I, altro monumento storico, che si trova in Piazza Plebiscito con al centro il Palco Musicale in ghisa; dalla Porta Falsa si attraversa parte del Borgo sino alla Chiesa San Rocco, Santuario dell'omonimo Santo Protettore, 'Festa di San Rocco' molto conosciuta per il suo ballo votivo a suono incessante di tamburi, al fianco del luogo di culto, la Chiesa dei SS. Pietro e Paolo in stato di abbandono e il Palazzo Amaduri, sede della Pinacoteca, con all'interno esposizione di dipinti tra cui di Mattia Preti “La Regina Tomiri e la testa di Ciro il Grande” e reperti archeologici del Naniglio; scendendo s'incontra la Chiesa San Nicola e di fronte la Chiesa SS. della Trinità, subito dopo la Chiesa dell'Addolorata, edificio sacro in stile neoclassico, tra i luoghi più belli e ricchi di tutta la Diocesi di Locri. La bella facciata con il grande portale tra quattro colonne doriche, all'interno la 'Pietà' di Giuseppe Cavalieri e altre sculture; la navata, decorata a stucchi di ottima lavorazione; vi sono opere di gran pregio, tra cui il monumentale organo a 22 registri e 1400 canne, della seconda metà del XIX secolo. Sul territorio anche due, dei tre, monasteri esistenti. Il monastero dei PP. Agostiniani fondato nel 1569 è si trova sulla Collinetta dei Pini e il convento dei PP. Minori Osservanti, sorto durante la seconda metà del XVI secolo il cui edificio è oggi adibito a Palazzo Municipale. In questo percorso del Centro Storico da ammirare i tanti Palazzi del '600 e '700 tra cui: Ajossa, Amaduri, Linares, Macrì, Naymo-Pellicano-Spina, Passarelli, Pellicano-Castagna, Ripolo-Girardis, Totino, Zarzaca, con portali granitici finemente lavorati. Fuori dal centro abitato, tra la Chiesa dell'Annunziata e di Santa Maria delle Grazie, l'area archeologica e il Naniglio di età romana imperiale, del II°-III° sec. d.C.. Gioiosa Jonica non si può lasciare senza gustare il "Pezzo Duro" tipico gelato gioiosano.

Eventi, feste e fiere[modifica | modifica wikitesto]

È molto ricco il cartellone delle manifestazioni a carattere storico-rievocativo che si svolgono nel territorio reggino, degne dei principali eventi europei. La principale è la Varia di Palmi, festa inserita nella lista del patrimonio orale e immateriale dell'umanità dall'UNESCO[35]. Altre feste importanti sono anche il Palio di Ribusa di Stilo, il Corteo storico di Seminara, il Palio delle Marinerie dello Stretto di Scilla e la festa di San Rocco a Palmi. Del calendario, fitto di appuntamenti, ecco i principali eventi:

Data/periodo Comune Evento
gennaio
6 gennaio Stilo Fiera dell'Epifania
febbraio
5 febbraio Bivongi Festa di Maria S.S. Mamma Nostra
Periodo del Carnevale Melito di Porto Salvo Sfilata di carri allegorici carnevaleschi
marzo
12 marzo Mammola Festa Patronale di San Nicodemo
Pazzano Festa patronale e processione di San Giuseppe
19 Melito di Porto Salvo Festa di San Giuseppe
19 Annà-Melito di Porto Salvo Festa di San Giuseppe
26 Motticella Festa della Santissima Annunziata
aprile
20 Bruzzano Zeffirio Festa della Madonna dei Massari
23 Maropati Festa di San Giorgio (patrono)
23 Martone Festa di San Giorgio (patrono)
Settimana Santa Polistena La Passione di Cristo nella domenica delle Palme

Via Crucis del martedì Santo, Coena Domini e Visita ai Sepolcri il giovedì Santo, Processione dell'Addolorata all'alba e Agonia di N.S. Gesù Cristo e Processione della Pietà e Processione dei Misteri in notturna il venerdì Santo, Affrontata domenica di Pasqua

Settimana Santa Stilo Tradizionali e secolari riti Pasquali: il Giro delle Croci, la processione della Madonna Addolorata, L'Agonia, la processione del Monumentu, A Cunfrunta
Venerdì santo Rizziconi La Sacra Tragedia
Venerdì santo Cittanova Processione dei Misteri
Pasqua Gerace Sacre rappresentazioni
Pasqua Rizziconi L'Affruntata
Pasqua Bagnara Calabra L'Affruntata
Pasqua Cittanova L'Affruntata
Sabato Santo Caulonia Processione del Caracolo
Venerdì Santo Mammola Processione con la Madonna Addolorata e Cristo Morto al Monte Calvario.
Domenica di Pasqua Mammola La "Sbelata", incontro della Madonna con Cristo Risorto.
Ultima domenica di aprile Melito di Porto Salvo Processione con il quadro della Madonna Santissima di Porto Salvo e festeggiamenti presso Porto Salvo e il lungomare.
maggio
3 Palmi Festa del Santissimo Crocifisso
5 Bova Festa di San Leo
5 Pilati-Melito di Porto Salvo Festa di San Leo
prima domenica Bova Marina Festa della Madonna del mare
12 maggio Monasterace Festa S. Andrea Avellino
12 maggio e domenica successiva Mammola Festeggiamenti al Santuario di San Nicodemo alla Limina.
giugno
13 giugno Palmi Festa di Sant'Antonio da Padova
13 giugno Mammola Processione di Sant'Antonio di Padova.
13 giugno Stignano Festa sant'Antonio
24 giugno Stilo Fiera di San Giovanni
24 Villa San Giovanni Festa di San Giovanni Battista
24 giugno Prunella- Melito di Porto Salvo Festa di San Giovanni Battista, con processione e festeggiamenti civili serali
29 Brancaleone Marina Festa dei Santi Pietro e Paolo
Ultima domenica Monasterace Marina Festa e Fiera Maria S.S. di Porto Salvo
periodo estivo
luglio/agosto/settembre Reggio Reggio Estate Mediterranea (Festival dello Stretto, concerti, teatro all'Arena dello stretto, sul lungomare, festival internazionale del cinema..)
luglio/agosto/settembre Mammola Manifestazioni artistiche e culturali al Parco Museo Santa Barbara
luglio
prima domenica Delianuova Festa della Madonna delle Grazie (patrona)
penultima domenica Palmi Festa di Sant'Elia Profeta (Monte Sant'Elia)
ultima domenica Palmi Festa della Madonna dell'Alto Mare (Taureana di Palmi)
1 Gerace Festa del Sacro Cuore (con tradizionale ballo del cavalluccio)
1 Locri Festa della Madonna Immacolata
1 e 2 Tresilico di Oppido Mamertina Festa della Madonna delle Grazie
2 Pezzo di Villa San Giovanni Festa della Madonna delle Grazie
2 Roghudi Festa della Madonna delle Grazie
3/4 Roccella Ionica Festa Maria Santissima delle Grazie
15 Gerace Festa di Maria Santissima del Carmelo (Processione in costume tradizionale)
16 luglio Palmi Festa di Maria Santissima del Carmelo
dal 16 al 26 Staiti Festa di Sant'Anna (patrona)
18 Laureana di Borrello Festa della Madonna del Carmine
24 Palmi Festa di San Fantino (Taureana di Palmi)
dal 26 San Roberto Estate Sanrobertese (folklore, tradizioni popolari, artigianato)
27 Delianuova Festa di Sant'Elia (patrono)
agosto
prima domenica Palmi Festa di Maria Santissima del Soccorso
agosto Brancaleone Marina Alba Jonica (festival nazionale di poesia)
14 agosto Seminara Festa in onore della Modonna dei Poveri
agosto Motta San Giovanni Rassegna internazionale del folclore
agosto Cosoleto Estate Cosoletana (folklore, tradizioni popolari, artigianato e gastronomia)
prima domenica Stilo Palio di Ribusa
metà agosto San Giorgio Morgeto Festa dell'emigrante
primo lunedì San Roberto Festa di San Giorgio Martire
primo sabato Ferruzzano Marina Festa di San Giuseppe
prima domenica Polistena Festa di Santa Marina - patrona
prima domenica Brancaleone Marina Festa della Madonna del Carmine
prima domenica dopo il 5 agosto Pazzano Festa del Santo Salvatore
prima domenica Ferruzzano Superiore Festa di San Giuseppe
prima domenica Fiumara Festa della Madonna del Carmine
seconda domenica Fiumara Festa di San Rocco
terza domenica Marina di Gioiosa Ionica Festa della Madonna del Carmine
quarta domenica Brancaleone Marina Festa di Maria Santissima Annunziata
ultima domenica Gioiosa Ionica Festa di San Rocco (nota per il suo ballo votivo che si svolge per tutta la giornata preceduto dalla vigilia)
ultima domenica Palmi Festa della Madonna della Sacra Lettera (non a cadenza annuale viene celebrata la Varia di Palmi)
fine agosto Locri Rassegna di Teatro classico
fine agosto Locri Festa degli anziani
1 Sant'Agata del Bianco Escursioni in Aspromonte
1 Bagaladi Festa del Gonfalone
1/7 Gerace Settimana del turista
2 Molochio Festa della Madonna di Lourdes (processione, sfilata dei tamburinari e serata con cantanti e mercato)
4 San Ferdinando Processione a mare dell'Immacolata
4 Roccella Ionica Festa di San Giuseppe e Ballo del ciuccio
5/6 Africo Festa del Santissimo Salvatore (patrono)
6 Motticella Festa di San Salvatore
6/8 Locri Locride Summer Village - Arte Musica Sport Campeggio
11 Mammola Festa del volontariato regionale a cura della Croce Viola
9 San Ferdinando Arte e lavoro
10 San Lorenzo Festa di San Lorenzo
12/15 San Lorenzo Festa della Madonna della Cappella
13/14/15 Gambarie Festa dell'artigianato
14/15 Pazzano Pellegrinaggio alla grotta del santuario della Madonna della stella
14/15 Seminara Festa della Madonna dei Poveri o Madonna Nera (processione, sfilata dei tamburinari e ballo dei Giganti Mata e Grifone)
15 Bianco Festa della Madonna di Pugliano (spettacolare processione per le vie del paese e affascinante spettacolo pirotecnico sul mare apprezzato anche fuori i confini della provincia)
15 Africo Festa degli emigranti (serata con prodotti tipici e cantanti)
15 Molochio Festa della Madonna della Montagna (processione, sfilata dei tamburinari e "Ballo del ciuccio")
15 Mammola Villaggio Limina – Festa della “Madonna dell'Assunta” (Processione, fuochi d'artificio e tradizionale fiera)
Metà agosto Melito di Porto Salvo Sagra del pesce
Domenica dopo Ferragosto Oppido Mamertina Festa della Madonna dell'Annunziata, Patrona della Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi
16 Roccella Ionica Monti d'amare
16 Palmi Festa di San Rocco e corteo degli spinati
16 agosto Stilo Festa San Rocco
16/17 Casignana Festa di San Rocco
16/19 Locri Festival della Musica etnica
16/31 Roccella Ionica Teatro nazionale dei Burattini
17/24 Bagaladi Festa della Madonna del Carmine
circa 15/20 Villa San Giovanni - Cannitello Festa di Maria Santissima di Porto Salvo
Domenica successiva al 16 agosto e giorni prossimi. Scilla Festa di San Rocco
19 Ferruzzano Marina Festa della Madonna del Mare
19/20 Roccella Ionica Roccella com'era (riscoperta delle vie e dei sapori del paese rurale)
21/24 Roccella Ionica Rumori Mediterranei, Festival Internazionale del Jazz
24 San Luca Festa della Madonna di Polsi
29 Taurianova Fiera e "u'mbitu" (Tradizionale focolare che segna l'inizio della novena in onore di Maria Santissima della Montagna)
settembre
prima domenica Palmi Festa di Maria Santissima della Montagna (Monte Sant'Elia)
secondo sabato Reggio Festa della Madonna della Consolazione, protettrice della città.
dal primo venerdì
alla prima domenica
Bruzzano Zeffirio Festa della Madonna della Catena, processione e fiaccolata
prima domenica Pazzano Festa di San Rocco.
seconda domenica Bivongi Festa di Maria S.S. Mamma Nostra
terza domenica Cittanova Festa di San Rocco.
terza domenica Placanica Festa dell'Addolorata
Venerdì, sabato e la prima domenica di settembre Mammola Festeggiamenti in onore di San Nicodemo
dal 4 all'8 settembre Siderno Fiera di Portosalvo (patrono)
dal 7 al 9 settembre Taurianova Fiera e Grande Festa in onore di Maria Santissima della Montagna (patrono)
9 Roghudi Festa di San Nicola
12 Condofuri Superiore Fiera dell'artigianato e delle tradizioni popolari locali
15 o terza domenica Ferruzzano Superiore Festa della Madonna dell'Addolorata
25/26/27 Riace Festa dei Santi Medici Cosma e Damiano
26 Mammola Festa dei Santi Cosma e Damiano
29 Benestare Festa di San Michele
Ultima domenica di settembre Prunella-Melito di Porto Salvo Festa della Madonna Addolorata
ottobre
ottobre Scilla Ottobre scillese (folklore, tradizioni popolari, artigianato, gastronomia)
prima domenica Bagnara Calabra Festa della Madonna del Rosario
prima domenica Calanna Festa della Madonna del Rosario
6/12 Mammola Festa di Maria Santissima del Rosario
prima domenica Benestare Festa del Rosario
28 Delianuova Fiera di Sant'Arcangelo (esposizione e vendita dei prodotti dell'artigianato locale)
novembre
16 Palmi Anniversario del Miracolo del 1894 di Maria Santissima del Carmelo
9 Rizziconi Festa di San Teodoro di Amasea (patrono)
dicembre
8 dicembre Palmi Festa di Maria Santissima Immacolata
8 dicembre Stilo Festa dell'Immacolata
periodo natalizio Fiumara Presepe vivente
periodo natalizio Caulonia Presepe artistico meccanizzato
6 Ciminà Festa di San Nicola da Bari (patrono)
27 Motta San Giovanni Festa di San Giovanni Evangelista (patrono)

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cucina calabrese.

La cucina della provincia è strettamente collegata alla vita religiosa e spirituale e comporta regole e abitudini spesso legate alle ricorrenze che risalgono ai tempi antichi, essendo il risultato di quasi 3.000 anni di storia, dalla Magna Grecia all'Unità d'Italia.

Piatti tipici[modifica | modifica wikitesto]

Un piatto di Frìttuli
Stocco alla Mammolese

Molti i piatti tipici che caratterizzano la cucina della provincia reggina, tra essi alcuni sono:

  • Le "frittole" altro non sono che le carni meno pregiate del maiale, cucinate sapientemente da mani esperte nella "caddara", un caratteristico pentolone di rame zincato, la cui cottura, alimentata dal fuoco della legna, avviene lentamente e, come si suol dire, nel proprio grasso.
  • U "suffrittu": si tratta di un secondo piatto composto di frattaglie di vaccino in pezzetti (trippa, rene, intestino) accuratamente puliti e raschiati in acqua bollente e limone e quindi stufati in salsa molto rossa e piccante.
  • I "maccarruni": si tratta dei maccheroni con il buco, che venivano lavorati abilmente con i ferri sottili utilizzati per lavorare la lana.
  • Le "fave a maccu": si tratta di fave secche, sgusciate pazientemente, fatte sfaldare a mo' di purè, da amalgamare con abbondante cipolla e, in alcuni casi mescolate con la pasta lunga, anche spaghetti, spezzata prima di essere buttata in pentola.
  • Il pescespada, proposto sotto forma di delicati involtini con ripieno di mollica, olive, capperi e prezzemolo cosparso di salmoriglio con abbondante aglio, oppure gratinato con il pomodoro a pezzetti e la mollica, o ancora nella sua variante alla ghiotta, con pomodorino fresco, cipolla, olive bianche o nere e capperi.
  • Il pesce stocco, quello secco, che viene sapientemente ammollato in acqua corrente con acque delle sorgenti dell'area aspromontana, l'arte della lavorazione artigianale e la cucina, sono le cose più importanti per ottenere la qualità migliore dello Stocco. Lo Stocco di Mammola è stato incluso nell’Elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Lo stocco viene preparato in diversi modi: insalata crudo, arrostito, con patate, a frittelle, viene preparato con pomodorini e condito con aglio, olio e peperoncino, si può anche gustare cucinato alla "ghiotta", con olive, capperi, cipolla, patate e poca salsa di pomodoro.
  • Costardelle, piccoli pesci azzurri muniti di minuscola spada, si gustano preferibilmente con una cottura che li propone "'ndorati e fritti" o a cipuddata, praticamente cosparsi di aceto, aglio e cipolla dopo essere stati fritti.
  • Frittelle di "nannata": si tratta del neonato pesce azzurro, che viene consumato anche crudo, condito con succo di limone ed un goccio di olio.

Altri prodotti che caratterizzano l'alimentazione della provincia, nei lunghi inverni ma anche in altre stagioni dell'anno, sono le salsicce secche o le soppressate, ma pure i vasi delle conserve, che possono essere confezionati con giardiniera oppure con pomodori secchi sott'olio.

Dolci[modifica | modifica wikitesto]

La pignolata
Amaretti, pitta di San Martino, Chjinuli, fichi secchi e biscotti

Miele, mandorle, fichi secchi, agrumi sono alcuni degli ingredienti che danno colore e profumo alla vasta gamma di dolci tradizionali che imbadiscono le tavole reggine. Tra essi:

  • La "nzudda" rimane il simbolo di questa antichissima tradizione: miele caramellato, farina e fichi secchi prendono le forme più curiose e simpatiche per essere venduti sui colorati banconi dei venditori ambulanti, spesso dentro caratteristiche cassapanche.
  • I "petrali", dolcetti ripieni di fichi secchi, noci e canditi, e decorati con cioccolato e zucchero.
  • I "cuddhuraci", decorati con uova sode: le forme sono varie ma le più usate sono il paniere e la colomba. Un tempo la massaia usava fare un cuddhuraci particolare per la nuora o il genero, generalmente a forma di cuore e con un gran numero di uova, sinonimo di abbondanza, purché dispari per questione di superstizione.
  • La "pignolata", polpettine di pasta dolce, fritte in olio di oliva e unite tra di loro dal miele.

Vini[modifica | modifica wikitesto]

Tra i migliori vini e più famosi vanno menzionati:

Ma ottimi vini sono anche quelli provenienti dal Palmese e, sulla costa ionica con il famoso "Palizzi". Una menzione particolare meritano i vini di Bianco: il "Montonico" e il "Greco", ormai famosi in tutta Italia, che sono piuttosto da dessert o comunque liquorosi.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La provincia reggina è il centro monastico principale dell'Arcidiocesi ortodossa d'Italia con il Monastero greco-ortodosso di San Giovanni Theristis a Bivongi, che ha un Metochio a Gallicianò di Condofuri (Cappella della Madonna della Grecia); inoltre in provincia sorge anche il Monastero greco-ortodosso di Sant'Elia lo Speleota a Melicuccà, con i Metochi Cappella greco-ortodossa di San Biagio a Palmi, e Chiesa greco-ortodossa di Sant'Elia il giovane e Niceforo l'ortolano.
  • Dalla sesta giornata del campionato di Serie B 2010-2011 la Provincia di Reggio Calabria è sponsor principale della Reggina Calcio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat al 28/02/2014
  2. ^ Calendario Atlante De Agostini 1997.
  3. ^ [1] documento su decentramento amministrativo
  4. ^ Circondario di Palmi sul sito della provincia. URL consultato il 2 novembre 2010.
  5. ^ Circondario di Locri sul sito della provincia. URL consultato il 2 novembre 2010.
  6. ^ Dato Istat al 31/01/2013
  7. ^ Castelli della provincia di Reggio Calabria pagina 1, Castelli della Calabria
  8. ^ Taureana (scavi archeologici)
  9. ^ sito della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di Reggio Calabria
  10. ^ Lista Musei Provincia di Reggio Calabria
  11. ^ Coro Lirico Francesco Cilea
  12. ^ Home Page - Roccella Jazz Festival 2011
  13. ^ Premio Mia Martini Nuove Proposte per l'Europa
  14. ^ PREMIO INTERNAZIONALE MINO REITANO: A FIUMARA IL 29 AGOSTO LA FINALISSIMA DELLA PRIMA EDIZIONE. PRESENTA LORENA BIANCHETTI. OSPITI IVA ZANICCHI, TONY ESPOSITO, ROSANNA FRATELL...
  15. ^ Elaborazione su dati Istat. URL consultato il 17 dicembre 2010.
  16. ^ Cittadini stranieri secondo Demo Istat 2010. URL consultato il 17 dicembre 2010.
  17. ^ Qualità della vita 2009 - Il Sole 24 ORE. URL consultato il 10 agosto 2010.
  18. ^ Qualità della vita 2009 - Italia Oggi. URL consultato il 29 dicembre 2010.
  19. ^ Qualità della vita 2010. URL consultato il 6 dicembre 2010.
  20. ^ (PDF) Ecosistema urbano 2010. URL consultato il 6 dicembre 2010.
  21. ^ Tratti di costa non balneabili nel comune di Reggio Calabria (da ministerosalute.it).
  22. ^ a b (PDF) Ecosistema urbano 2008 (pag.38-39). URL consultato il 5 febbraio 2009.
  23. ^ la capacità di depurazione è rappresentata dall'indice sintetico di % di abitanti allacciati agli impianti di depurazione, giorni di funzionamento dell'impianto di depurazione, capacità di abbattimento del C.O.D. (domanda chimica di ossigeno)
  24. ^ Introduzione del rapporto sull'ecomafia 2007 di Legambiente (PDF). URL consultato il 5 febbraio 2009., Ecomafia: Calabria seconda anche nel ciclo del cemento.
  25. ^ I dati riportati sono stati tratti dal "Rapporto sull'economia della Provincia di Reggio Calabria del 2008" redatto dalla locale Camera di commercio
  26. ^ Notizia Ansa del 26.02.2011
  27. ^ a b http://www.asireg.it/dmdocuments/scheda_ASI_31-03-2009.pdf
  28. ^ Rizziconi Energia SpA - home
  29. ^ [2] fonte Unioncamere
  30. ^ dati Istat 2006, vedi Lista dei porti italiani per flusso di passeggeri.
  31. ^ I Borghi più bellii d'Italia: Chianalea di Scilla
  32. ^ I Borghi più bellii d'Italia: Bova
  33. ^ I Borghi più bellii d'Italia: Gerace
  34. ^ I Borghi più bellii d'Italia: Stilo
  35. ^ Scheda UNESCO della "Rete delle grandi macchine a spalla italiane

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Aree geografiche d'interesse della provincia reggina[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]