Ipnosi regressiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Avvertenza
Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze.

L'ipnosi regressiva è una metodologia utilizzata da alcuni psicoterapeuti che, secondo i suoi sostenitori, sarebbe in grado di fare affiorare durante la trance ricordi rimossi di eventi traumatici che influenzerebbero la vita presente di un soggetto provocando pertanto in lui problemi di ordine psicologico.

Secondo tale ipotesi il termine "regressiva" indicherebbe proprio l'intenzione di stimolare nel soggetto in trance la capacità di ricordare esperienze rimosse dal conscio facendo, per l'appunto, "regredire" lo stesso soggetto nello stato ipnotico capace di indurlo a recuperare suoi ricordi rimossi di eventi passati e, grazie a questo recupero, di eliminare i suoi problemi psicologici conseguentemente.

L'ipnosi regressiva è considerata dalla maggior parte dei medici e più in generale dalla comunità scientifica una procedura metodologica pseudoscientifica che crea dei falsi ricordi:[1] la fonte dei ricordi, presentati come frutto di vite passate, è costituita da racconti creati dal subconscio sotto l'influenza delle informazioni e dei suggerimenti forniti dal terapeuta.[2][3][4][5][6][7][8] I ricordi creati sotto ipnosi non sarebbero inoltre distinguibili dai reali ricordi e potrebbero apparire più vivi di quelli reali.[3]

La pratica[modifica | modifica wikitesto]

L'ipnosi regressiva è uno strumento della psicoterapia e come tale deve essere utilizzato. In primo luogo occorre depotenziare nel soggetto la relazione con l'ambiente esterno. Per far ciò, come afferma Milton Erickson, è necessario tramite una serie di suggestioni di stanchezza e di sopore portare il paziente ad una condizione di dormiveglia riposante.[9] Successivamente si induce il fenomeno chiamato "regressione". Erickson intende con questo termine la capacità dei soggetti che abbiano ricevuto appropriate suggestioni e istruzioni di richiamare in vita ricordi, schemi comportamentali e abitudini di un periodo precedente che può giungere fino all'infanzia.[10]

Esistono invece soggetti che ritengono l'ipnosi in grado di far retrocedere a tempi antecedenti la vita attuale.[11] La liberazione (abreazione) e la rielaborazione dei contenuti emozionali favorirebbero il riequilibrio psicologico del soggetto.[12][13][14]

La questione della rievocazione di presunte vite precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Durante la rievocazione intraipnotica il paziente può comunicare contenuti riferibili a presunte vite precedenti.

Secondo il parere prevalente della comunità scientifica, ciò è attribuibile a immaginazione, falsi ricordi, suggestione e condizionamento da parte del conduttore che favorirebbe l'emersione nel soggetto di criptomnesie e confabulazioni.[15][16]

A sostenere il parere opposto sono invece pseudo-scienziati e praticanti della disciplina quali Raymond Moody, Brian Weiss, Ian Stevenson, Angelo Bona che nella loro pratica clinica affermano di avere riscontrato, durante le regressioni ipnotiche, l'emersione di contenuti riferibili a presunte vite precedenti.[17][18][19][20]

Le più antiche pratiche di regressione a vite precedenti compaiono nelle Upaniṣad, risalenti al 900 a.C.[21] Patanjali, vissuto probabilmente tra il IX e il IV secolo a.C. e ritenuto il maggior esponente del Raja Yoga, negli Yogasutra[22] definisce la regressione pratiprasavah[23] (riassorbimento, nascita a ritroso). Secondo la scuola di pensiero a lui ispirata la regressione a vite precedenti sarebbe in grado di eliminare il karma accumulato nei samskara (impressioni coscienziali) durante esistenze precedenti.[24]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo critico del CICAP sull'ipnosi regressiva
  2. ^ Carroll RT, The Skeptic's Dictionary: a collection of strange beliefs, amusing deceptions, and dangerous delusions, New York, Wiley, 2003, 276–7, ISBN 0-471-27242-6.
  3. ^ a b Cordón LA, Popular psychology: an encyclopedia, Westport, Conn, Greenwood Press, 2005, pp. 183–5, ISBN 0-313-32457-3.
  4. ^ Linse P; Shermer M, The Skeptic encyclopedia of pseudoscience, Santa Barbara, Calif, ABC-CLIO, 2002, 206-7, ISBN 1-57607-653-9.
  5. ^ I Wilson, The After Death Experience, Sidgwick & Jackson, 1987, ISBN 0-283-99495-9.
  6. ^ I Wilson, Mind Out of Time?: Reincarnation Claims Investigated, Gollancz, 1981, ISBN 0-575-02968-4.
  7. ^ P Edwards, Reincarnation: A Critical Examination, Prometheus Books, 1996, ISBN 1-57392-005-3.
  8. ^ M Harris, Investigating the Unexplained, Prometheus Books, 2003, ISBN 1-59102-108-1.
  9. ^ Milton Erickson, Opere. L'ipnoterapia innovatrice, Vol. IV, Casa Editrice Astrolabio, Roma, 1984, p. 35
  10. ^ M. H. Erickson, Opere. L'ipnoterapia innovatrice, Vol. IV, Casa Editrice Astrolabio, Roma, 1984, p. 38
  11. ^ R. A. Moody, Ricordi di altre vite, Oscar Mondadori, Milano,1996, p. 210
  12. ^ R. A. Moody, Ricordi di altre vite, Oscar Mondadori, Milano,1996, p. 210
  13. ^ B. Weiss, Molte vite, un solo amore, Oscar Mondadori, Milano, 1997
  14. ^ A. Bona, L'amore oltre la vita. L'ipnosi regressiva e il segreto della reincarnazione, Oscar Mondadori, Milano, 2004
  15. ^ Carroll RT (2003),The Skeptic's Dictionary: a collection of strange beliefs, amusing deceptions, and dangerous delusions, New York: Wiley. pp. 276-7
  16. ^ Cordòn LA (2005),Popular psychology: an encyclopedia Westport, Conn: Greenwood Press, pp. 183-5
  17. ^ R. Moody, Ricordi di altre vite, Oscar Mondadori, Milano, 1990
  18. ^ B. Weiss, Molte vite, un solo amore, Oscar Mondadori, Milano, 1997
  19. ^ I. Stevenson, Le prove della reincarnazione, Armenia Editore, Milano, 1999
  20. ^ A. Bona, L'amore oltre la vita. L'ipnosi regressiva e il segreto della reincarnazione, Oscar Mondadori, Milano, 2004
  21. ^ Mudholkar, VV (1971), Analytic Survey of the Isavasyopanisad, Karnatak University, pp. 73
  22. ^ I.K. Taimni, La scienza dello Yoga. Commento agli yogasutra di Patanjali, Astrolabio- Ubaldini Editore, Roma, 1970
  23. ^ I.K. Taimni, op. cit., p.396
  24. ^ Yoga Sutras 3.17-3.37: Experiences from Samyama. http://www.swamij.com/yoga-sutras-31737.htm. Retrieved on 2008-12-15

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia