Istologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'istologia (dal greco istos, tela e logia,da logos, discorso) è la disciplina scientifica che studia i tessuti vegetali e animali. È un'importante branca della medicina e della biologia, essenziale anche per le analisi pre- e post-operatorie in ambito medico e chirurgico.

Una sezione di muscolo scheletrico; sono visibili dei fasci di nervi. Colorazione: ematossilina/eosina.

I tessuti sono tipi cellulari differenziati per forma e funzione che sono presenti solo negli animali e nelle piante.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'istologia ebbe un importante precursore nel barone Albrecht von Haller (1708 - 1777), grande figura di scienziato, letterato ed erudito del XVIII secolo. Questi fu il primo a suggerire una organizzazione strutturale microscopica dei corpi viventi, che egli riconduceva a delle invisibili "fibre". Le fibre di von Haller costituivano i componenti fondamentali degli organi, e venivano distinte in tre tipi fondamentali: le "fibre strutturali", che andavano a costituire i vasi sanguigni, le membrane che possono essere assimilate ai moderni connettivi, le "fibre irritabili", capaci di rispondere agli stimoli, corrispondenti al tessuto muscolare e infine le "fibre sensibili", corrispondenti al tessuto nervoso.

L'istologia moderna, tuttavia, intesa come studio delle cellule che compongono i diversi tessuti, nacque solo nella metà del XIX secolo, come conseguenza della teoria cellulare formulata nella sua prima enunciazione nel 1838 da Matthias Jacob Schleiden e Theodor Schwann. Fu solo a partire da questa rivoluzionaria scoperta, che riconobbe nella cellula l'unità strutturale e funzionale fondamentale dei viventi che, anche grazie ai progressi effettuati nel campo della microscopia, si iniziò ad analizzare la struttura microscopica degli organi, e a studiare e classificare i diversi tipi cellulari che compongono i vari tessuti.

Nomi importanti dell'istologia di metà ottocento furono François Magendie e Charles Bell, che concentrarono i loro studi sul tessuto nervoso e giunsero indipendentemente a distinguere i nervi sensitivi dai nervi motori nel midollo spinale, e Albert von Kölliker, allievo del grande anatomista e fisiologo Jakob Henle, che studiò l'organizzazione del tessuto muscolare sia liscio che striato.

Jan Evangelista Purkyně diede importanti contributi all'istologia del tessuto nervoso, tanto che sono molte le strutture che portano il suo nome, e fu il primo a descrivere l'anatomia del neurone. Anche lo spagnolo Ramon y Cayal condusse importanti studi sul tessuto nervoso, e contribuì a formulare quella che sarebbe rimasta nota come "Teoria del neurone", con la quale si definivano molte delle peculiarità della cellula nervosa, il modello di trasmissione degli impulsi, e soprattutto l'unità strutturale e funzionale del neurone stesso. Cayal condivise il Premio Nobel per la medicina con Camillo Golgi, altra figura fondamentale dell'istologia, anch'egli studioso del sistema nervoso nonché scopritore della struttura cellulare che porta il suo nome.

Classificazione istologica dei tessuti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tessuto (biologia).
Una porzione di cartilagine ialina, un tipo di tessuto cartilagineo.
Uno striscio di sangue umano, colorato con un colorante basico, che mette in risalto il citoplasma fortemente acido di un granulocita.

I tessuti sono strutture costituite da cellule simili per morfologia e/o per funzione, deputati a svolgere uno o più determinati compiti all'interno dell'organismo. Secondo la classificazione corrente, esistono quattro tipi di tessuti fondamentali:

Questi quattro tessuti fondamentali derivano dai tessuti o foglietti embrionali:

Tecniche istologiche[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tecniche istologiche.

L'istologia studia la morfologia dei tessuti, e le cellule che li compongono, sia da un punto di vista morfologico che funzionale. Strumento essenziale per l'istologia è il microscopio ottico, che permette l'osservazione diretta dei tessuti che si vogliono studiare. Perché tale osservazione sia possibile, tuttavia, questi devono essere lavorati e trattati in vari modi: devono essere tagliati in strisce sottilissime, così da poter essere osservati in controluce, devono essere colorati in vari modi, così da poter essere più facilmente riconoscibili e distinguibili, e devono infine essere trattati in modo da prevenirne la decomposizione e permetterne la conservazione per analisi successive. Un tessuto che sia stato in questo modo trattato prende il nome di preparato istologico.

Scienze correlate[modifica | modifica sorgente]

L'istologia è considerata sia una branca della medicina che della biologia; il suo campo di studi è inoltre strettamente correlato a quello di altre scienze:

  • l'anatomia patologica, che è una disciplina della medicina che sfrutta l'istologia a scopo diagnostico e se ne serve, a titolo di esempio, per determinare la stadiazione di neoplasie o gli eventi morfo-cellulari precancerosi.
  • la citologia, che studia l'ultrastruttura cellulare
  • l'anatomia, che studia gli organi
  • la fisiologia, che studia i processi e i meccanismi di regolazione e di risposta degli organismi
  • l'embriologia, che studia i processi embrionali di formazione dei tessuti

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • S. Adamo, P. Carinci, M. Molinaro, G. Siracusa, M. Stefanini, E. Ziparo (a cura di), Istologia di V. Monesi. Piccin Editore, 5ª edizione, ISBN 88-299-1639-0
  • D.W. Fawcett, Bloom & Fawcett Trattato di Istologia. McGraw-Hill, 12ª edizione, ISBN 88-386-2050-4
  • B. Young, J.W. Heath, Atlante di istologia e anatomia microscopica del Wheater. Casa Editrice Ambrosiana, 3ª edizione, ISBN 88-408-1171-0
  • M.H. Ross, W. Pawlina, T.A. Barnash, Atlante di istologia e anatomia microscopica. Casa Editrice Ambrosiana, 2010, ISBN 978-8808-18320-0
  • E. Casasco, Citologia e Istologia. La Goliardica Pavese, 2ª edizione, ISBN 978-88-7830-025-5
  • L.P. Gartner, J.L. Hiatt, Istologia. Edises, 2ª edizione, ISBN 88-7959-256-4

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]