Desmosoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diagramma di un desmosoma

Un desmosoma, o macula adhaerens è una giunzione di natura proteica tra cellule non esclusivamente ma soprattutto epiteliali adiacenti che salda i rispettivi citoscheletri (in particolare i filamenti intermedi, quindi nel caso di un epitelio filamenti di cheratina) donando al tessuto di cui le cellule fanno parte resistenza alla trazione ed altri traumi fisici. In pratica i desmosomi impediscono anche la separazione cellulare della pelle, che potrebbe verificarsi in seguito a stiramento o pressioni superficiali. Il desmosoma si lega ai filamenti intermedi, fatti di cheratina, tramite una placca citoplasmatica composta da tre proteine chiamate desmoplachina, plectina e placoglobina, che legano anche le proteine integrali di membrana desmocollina e desmogleina, alle quali spetta il compito di legarsi a proteine analoghe su di un desmosoma della cellula adiacente.

Componente proteica del desmosoma[modifica | modifica wikitesto]

costituenti il desmosoma si possono classificare in base alla loro localizzazione. Pertanto si distingue una componente proteica citoplasmatica, una trans membrana ed una extracellulare. I desmosomi si legano ai filamenti intermedi attraverso strutture proteiche citoplasmatiche quali: desmoplachine, proteine che si legano direttamente ai filamenti intermedi; placo globine, proteine che si legano direttamente a delle placofiline ed entrambe sono strettamente collegate alla desmoplachina. Pertanto il legame con i filamenti intermedi è mediato da queste tre proteine. Il legame extracellulare e quindi con la cellula adiacente avviene ad opera di proteine appartenenti alla famiglia delle caderine quali in particolare: desmogleina e desmocollina. Tali proteine sporgono dalla membrana plasmatica verso la matrice extracellulare entrando in mutuo contatto con le strutture omologhe adiacenti. Le proteine della famiglia delle caderine sono calcio-dipendenti: perciò, a seguito di una carenza di calcio nello spazio intercellulare (ovvero tra due cellule epiteliali, nella parte basolaterale), il desmosoma viene distrutto e l'alta stabilità meccanica annullata. I filamenti intermedi legati dalle desmoplachine possono variare in base al sito in cui ci si trova: nelle cellule epiteliali i microfilamenti legati alle desmoplachine sono principalmente le tono fibrille di cheratina, se ci si sposta in un cardiomiocita allora si vedrà come il filamento intermedio sia costituito da desmina, mentre nel caso del sistema linfatico sarà la vimentina il componente principale del filamento intermedio.

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

Il Pemfigo è una malattia autoimmune che colpisce i desmosomi: vengono creati autoanticorpi (IgG) che attaccano le desmogleine, distruggendo così il desmosoma intero e danneggiando notevolmente la stabilità della cute. Si manifesta con numerose bolle su tutto il corpo, le quali sono particolarmente fragili e possono venire rotte facilmente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]