Kurt Angle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kurt Angle
Kurt Angle nell'agosto 2005.
Kurt Angle nell'agosto 2005.
Nome Kurt Steven Angle
Ring name Kurt Angle
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Mt. Lebanon
9 dicembre 1968
Residenza Pittsburgh
Altezza 178[1] cm
Peso 109[2] kg
Altezza dichiarata 183 cm
Peso dichiarato 110 kg
Allenatore Dave Schultz
Tom Prichard
Dory Funk, Jr.
Debutto ottobre 1998
Progetto Wrestling

Kurt Steven Angle (Mount Lebanon, 9 dicembre 1968) è un wrestler e lottatore statunitense.

Angle è l'unico wrestler nella storia ad aver detenuto il WWF/E Championship (quattro regni), il WCW Championship (un regno), il World Heavyweight Championship (un regno), il TNA World Heavyweight Championship (cinque regni) e l'IWGP Third Belt Championship (un regno), oltre a diversi titoli secondari nella WWF/E e nella TNA. È stato campione olimpico di lotta libera ai Giochi della XXVI Olimpiade di Atlanta nel 1996 e dodici volte campione del mondo. È una leggenda in TNA e in WWE, ed è considerato il lottatore più tecnico della storia del wrestling, e anche uno dei più vincenti di sempre. Dotato di un gran carisma, nel 2010 è stato considerato, dal Wrestling Observer Newsletter, il miglior wrestler della prima decade del nuovo millennio.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Lotta libera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle
Dati biografici
Nome Kurt Steven Angle
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 178[1] cm
Peso 100[1] kg
Lotta Wrestling pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Libera, pesi massimi (90-100 kg)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Atlanta 1996 p.massimi
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Atlanta 1995 p.massimi
 

Iniziò la sua carriera agonistica nella lotta libera. Nel 1995 fu medaglia d'oro ai Mondiali di Atlanta e l'anno successivo ancora oro alle Olimpiadi sempre ad Atlanta (medaglia che vinse ai punti e con il collo infortunato), nella categoria dei pesi massimi (tra 90 e 100 kg).

World Wrestling Federation/Entertainment[modifica | modifica wikitesto]

Eurocontinental Champion (1998–2000)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver conquistato la vittoria ai Giochi olimpici si dedicò al mondo del wrestling, nella World Wrestling Entertainment. Nell'ottobre 1998 firmò un contratto di cinque anni con l'allora WWF. Fu assegnato alla Power Pro Wrestling, una federazione di sviluppo di Memphis (Tennessee), dove iniziò ad allenarsi. La prima apparizione di Kurt Angle in WWF ci fu durante l'edizione di Sunday Night Heat del 7 marzo 1999, dove prese parte ad un angle con Tiger Ali Singh. In questo angle Singh gli offrì denaro per soffiarsi il naso sulla bandiera americana. Angle rifiutò di farlo e invece assalì Singh. Il suo primo match ufficiale in WWF fu un Dark Match che lo vide vincente contro Brian Christopher l'11 aprile 1999. Nei mesi seguenti combatté in house show ed altri dark match di preparazione al suo debutto televisivo.

Debuttò il 14 novembre 1999 a Survivor Series, sconfiggendo nel suo match di debutto Shawn Stasiak. La gimmick moralistica di Angle, che si dichiarava l’eroe americano che diffondeva ideali patriottici e le sue “"tre I"” (Intensità, Integrità, Intelligenza), era una parodia dei face degli anni ottanta.

Rimase imbattuto fino a gennaio 2000, dove venne sconfitto dal debuttante Tazz, ex ECW Champion. Angle conquistò a febbraio sia il titolo Europeo sia quello intercontinentale, iniziando a farsi definire il campione "eurocontinentale". Il veterano del wrestling Bob Backlund divenne il mentore di Angle, ma, sfortunatamente per lui, Backlund accettò la proposta di un Triple Threat Match per WrestleMania 2000 contro Chris Benoit e Chris Jericho con entrambi i titoli di Angle in palio. Arrabbiato, Angle sfogò la sua rabbia sul suo mentore, usando su di lui la "finisher" di Bob, ossia la Crossface Chickenwing, ma per sua sfortuna Angle perse entrambi i titoli senza esser schienato.

WWF Champion (2000–2001)[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle a King of the Ring 2000

Durante la metà del 2000 Angle, Edge e Christian ("Team ECK") iniziarono una faida contro i Too Cool e Rikishi; durante questa faida Angle e Rikishi si incontrarono nella finale del torneo King of the Ring, che vinse l'eroe americano, divenuto così Re del ring. Ebbe quindi una rivalità con Triple H, eletta "faida dell'anno" dalla rivista specializzata Pro Wrestling Illustrated, che culminò in una sconfitta ad Unforgiven 2000. Kurt Angle è quindi lanciato nell’orbita del WWE Championship, che vinse contro The Rock il 22 ottobre 2000 a No Mercy 2000. Difenderà con successo la cintura per il resto dell'anno, sconfiggendo The Undertaker a Survivor Series 2000 e trionfando in un tremendo Hell in a Cell Match ad Armageddon 2000. Ebbe inoltre uno strano premio nel 2000: quello di "lottatore più odiato dell'anno".

Il 2001 per Angle iniziò con la cintura mondiale ancora alla vita. Dopo una difesa vittoriosa del titolo contro Triple H alla Royal Rumble, l’eroe olimpico perse la sua cintura contro colui da cui l’aveva conquistata, ossia The Rock, nel febbraio 2001. Finita la faida con The Rock, Kurt Angle disputò una lunga rivalità con Chris Benoit per stabilire chi fosse il lottatore più tecnico del mondo. Famoso il match fra i due in cui Angle eseguì un moonsault (salto mortale all'indietro) dalla cima di una gabbia d'acciaio.

L'Invasion (2001–2002)[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle durante un house show.

Dopo questa rivalità, Kurt Angle ebbe un turn face e un ruolo importante durante l'Invasion degli atleti della WCW e della ECW negli show WWE. In particolare ebbe un'accesa rivalità con Stone Cold Steve Austin, leader del team dell'Alliance (il nome dato per definire il team degli atleti WCW e ECW) da cui vinse il suo secondo titolo WWE. Sempre durante l'Invasion Angle riuscì ad aggiungere al suo ricco palmares anche i WWF Hardcore Championship, WCW US Championship, WCW World Heavyweight Championship. Sempre nell'anno 2001 ebbe modo di vincere il "PWI 500", la speciale classifica redatta dalla Pro Wrestling Illustrated che indica i lottatori complessivamente più vincenti al mondo. Dopo aver vinto per squalifica contro Austin a SummerSlam, Angle sconfisse poi Austin per sottomissione a Unforgiven 2001 vincendo il suo secondo WWF Championship. Angle diventò così il secondo wrestler ad aver vinto i titoli massimi WCW e WWF nello stesso anno senza aver mai lottato per la WCW. Comunque, perse il titolo contro Austin l'8 ottobre 2001 a Raw quando William Regal tradì la WWF per allearsi all'Alliance e quindi a Steve Austin. Come parte della storyline, anche Angle si unì in seguito all'Alliance, ma alla fine tornò alla WWF aiutanto The Rock a sconfiggere Austin in un "Winner Takes All" Match fra WWF ed Alliance alle Survivor Series.

Il 2001 però finì male per Kurt Angle, che esce sconfitto dal mini-torneo di Vengeance per stabilire il primo WWE Undisputed Champion dopo esser stato schienato da Steve Austin nella prima semifinale. Angle partecipò al suo primo Royal Rumble Match all’inizio del 2002, dove fu l'ultimo eliminato dal vincitore Triple H. A WrestleMania X8 Kurt Angle sconfisse Kane. Successivamente riprese un comportamento da heel e combatté una lunga faida contro Edge: i tifosi cominciarono a sbeffeggiarlo, rivolgendogli a ogni entrata i caratteristici cori "You suck! You suck!" (tradotto: Fai schifo!) che da allora in poi lo accompagneranno più o meno durante tutta la sua carriera in WWE. Celebre il match di Judgment Day 2002 in cui, secondo la stipulazione prevista, il perdente fra i due sarebbe stato rasato a zero. Fu proprio Angle a subire questo destino. Angle iniziò quindi ad indossare una parrucca negli show seguenti, dicendo che quelli erano i suoi veri capelli. Iniziò a fare strani commenti contro i calvi che porterà ad una faida con Hulk Hogan, durante la quale Hogan tentava di togliere la parrucca ad Angle. A King of the Ring 2002, Angle affrontò Hulk Hogan per la prima volta vincendo via sottomissione grazie alla sua Ankle Lock. Questo fu il primo match di sempre perso da Hogan via sottomissione nella WWE. Fu quindi Kurt Angle stesso a sbarazzarsi della parrucca, in un particolare episodio di SmackDown! dove lanciò una sfida a qualunque wrestler che non aveva mai affrontato. La sfida fu accettata dal debuttante John Cena che, pur perdendo contro il wrestler olimpico, fece un’ottima figura. Da allora Angle è rimasto calvo.

Angle si alleò poi al suo storico rivale, Chris Benoit, nel tentativo di vincere i WWE Tag Team Titles, messi in palio in un torneo per la prima volta dalla General Manager di Smackdown! Stephanie McMahon. I due lottatori vinsero i titoli ai danni di Edge e Rey Mysterio nella finale del torneo, ma li persero poco dopo in una puntata di Smackdown! proprio in favore di Edge e Mysterio. Angle si dedicò quindi alla conquista del suo terzo titolo mondiale, cosa che avverrà nel dicembre 2002 sconfiggendo Big Show grazie all’aiuto determinante di Brock Lesnar. L’eroe olimpico rifiutò però di concedere a Lesnar l’incontro per il titolo promessogli in cambio dell’aiuto, alleandosi tra l’altro con Paul Heyman, che aveva una faida con Lesnar proprio in quell periodo e con il cosiddetto Team Angle. Fu allora che cominciò una delle faide più importanti della carriera di Kurt Angle.

Faida con Brock Lesnar e Eddie Guerrero (2003–2004)[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle e Brock Lesnar dopo il loro match per il WWE Championship a WrestleMania XIX.

La faida fu eletta "faida dell'anno" del 2003. Angle, però, non affrontò subito Lesnar, che per affrontare Angle dovette partecipare alla Royal Rumble 2003, match che fu vinto proprio da Lesnar. In quello stesso pay per view Angle sconfisse Chris Benoit in un match valido per il titolo WWE. Affrontò quindi Brock Lesnar main-event di WrestleMania XIX e dopo aver perso il titolo in questo ppv si prese un’altra pausa per i suoi problemi al collo.

Questo fece anche riconsiderare ad Angle l’opportunità di tornare alla lotta libera per partecipare alle olimpiadi di Atene, opportunità che Angle aveva preso sul serio. Nella metà del 2003, però, Angle si sottopose ad un nuovo tipo di intervento al collo che gli permette di tornare sul ring in tre mesi e non in un anno, nel caso dell’operazione tradizionale: l'ipotesi di partecipare ai Giochi olimpici del 2004 era stata scartata.

Al suo ritorno Angle, che aveva ripreso caratteristiche da face, puntò subito gli occhi al titolo WWE che riuscì a riconquistare a Vengeance in un Triple threat match contro Lesnar e Big Show. A SummerSlam 2003 Angle difese con successo la cintura sconfiggendo Lesnar con la sua Ankle Lock. Angle riperderà il titolo contro Brock Lesnar in uno stupendo Iron Man Match nel settembre 2003. Angle formò poi un team di cinque uomini per affrontare un team di altrettanti uomini capitanati da Lesnar alle Survivor Series 2003, che vide la squadra di Angle uscire vittoriosa dal Pay-per-view. Le prestazioni di Angle gli permisero di essere eletto "Wrestler dell'anno" dalla rivista Pro Wrestling Illustrated. Il suo nome inoltre comparì nei tre match migliori dell'anno sempre secondo la rivista "Pro Wrestling Illustrated", cosa mai successa a nessun lottatore nella storia del wrestling.

A inizio 2004 Kurt Angle rientrò sul ring dopo una pausa causata dai suoi soliti problemi al collo. Fu poi protagonista di un ulteriore e noto turn heel e di un breve incarico da GM del roster, dando il via a una lunga faida col campione Eddie Guerrero. A No Way Out 2004, Kurt Angle sconfisse Big Show e John Cena in un Triple Threat Match guadagnandosi un match per il WWE Championship, ma i problemi al collo lo costrinsero a rimanere fuori dalle scene di nuovo dopo il match a WrestleMania XX contro Guerrero, che venne comunque perso da Angle. Fu così che, dopo l'uscita di scena da parte di Paul Heyman, egli divenne il General Manager dello show "blu" affiancato dalla bodyguard Luther Reigns, e il suo comportamento ostile lo spinse a ostacolare in tutti i modi sia Eddie Guerrero, favoreggiando l'altro rivale di Guerrero, John Bradshaw Layfield, il quale era intenzionato a vincere il titolo, sia John Cena, quest'ultimo privato a un certo punto del titolo di WWE United States Champion poiché aveva colpito accidentalmente Angle. Nell'aprile del 2004, Angle disse che se Big Show non avesse sconfitto Eddie Guerrero per il WWE Championship, lo avrebbe licenziato dalla federazione. L'incontro fu perso proprio da Big Show, il quale preso dalla rabbia distrusse la macchina della collega Torrie Wilson, e gettò poi nel vuoto il manager Kurt Angle, facendolo cadere da un'altezza di 7,50 m circa (kayfabe). In seguito Angle riapparirà su una sedia a rotelle e con una gamba ingessata, riprendendo il suo ruolo da dirigente. Ma dopo tre mesi, stanco del suo atteggiamento dispotico, il proprietario della WWE Vince McMahon lo licenziò come General Manager e lo riassunse come lottatore a tempo pieno.

Dopo esser tornato al roster attivo sconfiggendo Charlie Haas il 29 luglio, Angle continuò così la sua faida con Eddie Guerrero. Il primo match fra i due, avvenuto a SummerSlam 2004, vide Kurt Angle trionfare. Ma la faida finì solo alcuni mesi dopo, a novembre durante Survivor Series 2004 quando il Team Guerrero (formato da Eddie, Cena, Rob Van Dam e Big Show) sconfisse il Team Angle (formato da Angle, Luther, Jindrak e Carlito). Il 16 novembre 2004, poco dopo Survivor Series, Angle iniziò il Kurt Angle Invitational. In pratica Angle consentiva wrestler locali di sfidarlo in match con in palio la sua medaglia d’oro olimpica del 1996.

La Wrestling Machine e abbandono (2005-2006)[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle a SummerSlam 2005.

A inizio 2005, Angle ebbe altri screzi con Big Show e con il campione WWE JBL, culminati in un match valido per il WWE Championship fra lui, Show e JBL, match che sarà vinto da quest'ultimo che manterrà il possesso della cintura. Angle inoltre partecipò alla Royal Rumble, ma venne presto eliminato da Shawn Michaels. Seguì una rissa fra i due che diede inizio ufficialmente alla loro faida, che sfociò inizialmente in uno splendido match a WrestleMania 21, vinto da Angle. Il 13 giugno 2005 Angle passò infatti al roster di Raw per effetto della Draft Lottery. La sua avventura nel roster di Raw iniziò con una rivincita del match di WrestleMania, a Vengeance 2005, dove stavolta vince Michaels. Continuò poi il suo Kurt Angle Invitational, sconfiggendo per due settimane consecutive Matt Striker conservando la sua medaglia d'oro. L'edizione di Raw del 25 luglio 2005 vide la fine del Kurt Angle Invitational quando il rientrante Eugene riuscì a non essere sconfitto in tre minuti da Angle (condizione per vincere la medaglia), vincendo così la medaglia d'oro di Angle. Angle riconquistò la medaglia poco dopo, sconfiggendo Eugene in un match normale a SummerSlam 2005. Al termine di questa faida Angle ricominciò la scalata al WWE Championship detenuto da John Cena. Egli si alleò col Genaral Manager Eric Bischoff per raggiungere il suo scopo ottenendo subito un match titolato per Unforgiven 2005 contro John Cena. Angle riuscì a sconfiggere Cena, ma solo per squalifica ed Angle uscì quindi dal pay per view con un nulla di fatto. La faida continuò ancora e venne sanzionata una rivincita tra Cena ed Angle per Survivor Series 2005. Angle ottenne intanto un “arbitro personale”, ossia Daivari, che iniziò ad arbitrare tutti i match di Angle, compreso quello di Survivor Series. Angle però perse il match, dopo il conteggio dell’arbitro di SmackDown! Charles Robinson (Daivari era stato infatti messo KO durante il match). Angle però non desistette dal desiderio di conquistare il titolo mondiale. Sconfitto Ric Flair durante un’edizione di Raw, si qualificò per l'Elimination Chamber Match di New Year's Revolution 2006, dove fu però il primo eliminato, essendo stato schienato da Shawn Micheals.

Kurt Angle nel backstage.

Durante l’edizione di SmackDown! del 13 gennaio 2006, Angle vinse una Battle Royal valida per il vacante World Heavyweight Championship, entrato come ventesimo partecipante, dopo aver eliminato per ultimo Mark Henry. Per gran parte del match, Angle rimase fuori dal ring, in seguito ad una Gorilla Press Slam sul tavolo dei commentatori da parte di Mark Henry, dopo che quest'ultimo lo trascinò sotto la terza corda. Angle si riprese solo quando Henry aveva eliminato tutti gli altri lottatori. Angle passò quindi definitivamente al roster di SmackDown!, effettuando un Turn Face dopo 2 anni, difendendo il titolo contro Mark Henry alla Royal Rumble 2006 e contro The Undertaker a No Way Out 2006. A WrestleMania XXII Angle perse il suo titolo in un Triple Threat Match contro Rey Mysterio e Randy Orton quando Mysterio schienò Orton. Angle partecipò quindi al torneo del King of the Ring 2006. Nel primo turno Angle sconfisse Orton, anche se Angle non prese parte al secondo turno del torneo: infatti, durante un match il 28 aprile contro Rey Mysterio valido per il titolo mondiale, Kurt viene infortunato dal "World Strongest Man" Mark Henry, che affrontò al suo ritorno per il pay per view Judgment Day 2006. Al Pay-per-view Kurt Angle fu sconfitto da Mark Henry per countout (conteggio fuori dal ring). Sebbene abbia perso, Angle ottenne comunque la sua rivincita, attaccando Henry con una sedia per poi finirlo lanciandolo contro il tavolo dei commentatori.

Immagine di uno Steel Cage match con protagonisti Kurt Angle e John Cena.

Il 29 maggio a RAW Angle venne introdotto da Paul Heyman come nuovo membro della redidiva ECW. Angle lasciò quindi SmackDown! non prima di aver lanciato una sfida aperta a tutti gli atleti della WWE per ECW One Night Stand, accettata dal rientrante Randy Orton. Angle sconfisse Orton a One Night Stand, ma nella rivincita fra i due a Vengeance 2006 fu Orton a trionfare. Angle apparve sporadicamente negli show seguenti della WWE durante la metà del 2006. Il 25 agosto 2006, Angle richiede ed ottiene di essere rilasciato dalla WWE mesi prima del termine del suo contratto a causa di "problemi personali"; il wrestler si trova nella condizione di dover combattere benché gravemente infortunato e la continua lontananza da casa ha portato a fratture insanabili tra le pareti domestiche: è infatti alle prese con il divorzio da sua moglie, dalla quale ha già avuto una bambina ed è in attesa del secondo figlio. La WWE informa i fans del ritiro del wrestler con un comunicato.[4] Molti wrestler, insieme alla stessa dirigenza della federazione, hanno mostrato il loro dispiacere per la decisione di Angle di abbandonare il mondo del wrestling.[5].

New Japan Pro Wrestling (2007–2009)[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 febbraio 2007 Angle debuttò nella New Japan Pro Wrestling (NJPW), lottando assieme all'ex IWGP World Heavyweight Champion Yuji Nagata contro gli ex WWE Travis Tomko e Giant Bernard.

Il 29 giugno 2007 Angle affrontò Brock Lesnar in un match "Campione contro Campione", conquistando la IWGP Third Belt Championship di Lesnar e sfidandolo ad un match di arti marziali miste[6]. Tra dicembre 2007 e gennaio 2008 difese in due occasioni la cintura, per poi perderla il 17 febbraio contro Shinsuke Nakamura, IWGP Heavyweight Champion, in un match che ha determinato l'unificazione delle cinture.

Anche nel 2009 Kurt Angle ha preso parte al Wrestle Kingdome in Tokyo Dome il 4 gennaio, insieme al compagno di stable Kevin Nash e alle leggende giapponesi Riki Choshu e Masahiro Chono sconfigge Karl Anderson, Takeshi Lizuka, Tomohiro Ishii e Giant Bernard, quest'ultimo attacca Angle a fine match e lo sfida per il 15 febbraio nel PPV successivo della compagnia, il match è vinto da Kurt Angle.

Total Nonstop Action Wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Regni come campione del mondo (2006–2008)[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle con Karen Angle e con le cinture di TNA World Tag Team Championship fuori ring durante TNA Impact

Il 24 settembre durante il pay-per-view No Surrender della TNA accade qualcosa di impensabile: nel finale va in onda un promo che pubblicizza l'approdo nella federazione di Orlando di Angle; tale video mostra un Angle agguerrito che dice "It's real. It's damn real!".

Il suo debutto in TNA è avvenuto il 19 ottobre in un confronto con Samoa Joe finito in rissa. Il suo primo match risale al 16 novembre nel corso di una puntata di iMPACT! sconfiggendo per sottomissione Abyss e subendo al termine del match un assalto da parte di Samoa Joe. Pochi giorni dopo, nel corso del pay-per-view Genesis ha sconfitto Samoa Joe, mettendo fine alla striscia vincente del samoano che durava ormai da 17 mesi.

Nel corso del pay-per-view Turning Point il match tra Angle e Joe ha visto quest'ultimo avere la meglio sul campione olimpico. A Sacrifice 2007 Angle ha sconfitto Christian Cage e Sting in un three way match.

Il 15 luglio ha lottato in un match valido per il TNA World Tag Team Championship detenuto dal Team 3D (Brother Ray e Brother Devon), assieme a Samoa Joe. Angle e Joe hanno vinto il match, ma per la particolare stipulazione del match Samoa Joe è l'unico detentore della cintura e potrà decidere in seguito con quale wrestler difendere il titolo. Joe ed Angle si sono in seguito sfidati il 12 agosto al pay-per-view Hard Justice in un match il cui vincitore avrebbe preso tutte le cinture dell'avversario. Angle vinse il match, conquistando perciò anche l'X Division Championship ed il World Tag Team Championship. Comunque, Angle perse in seguito l'X Division Championship e i titoli di coppia rispettivamente a Jay Lethal e al Team Pacman (Adam "Pacman" Jones e Ron Killings) nel corso del pay-per-view No Surrender. A Bound for Glory Angle ha perso la cintura di campione del mondo TNA in favore di Sting. Comunque, Kurt Angle è riuscito a riconquistarla durante la puntata di iMPACT! in onda il 25 ottobre.

L'11 novembre 2007 a Genesis difese con successo la sua cintura in un tag team match contro Sting ed il debuttante Booker T; compagno di squadra di Angle per l'occasione è stato Kevin Nash. Angle riuscì ad ottenere lo schienamento ai danni di Sting grazie al fondamentale intervento dei TNA World Tag Team Champions AJ Styles e Tomko. I tre formano quindi una vera e propria stable, chiamata Angle Alliance.

Il 13 aprile 2008, durante il pay-per-view Lockdown, Angle ha perso il titolo in favore di Samoa Joe.

Qualche mese dopo, iniziò un feud con AJ Styles nel quale rimase coinvolta anche sua moglie Karen Angle. Alla fine, AJ vinse il feud. Kurt iniziò poi un feud con Jeff Jarrett che si concluse a Bound For Glory con la vittoria di Jarrett.

Main Event Mafia (2008–2009)[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima puntata di Impact in HD, Kurt, Kevin Nash, il campione del mondo Sting e il neo Campione delle leggende Booker T formano la Main Event Mafia(MeM), ovvero diventano "mafiosi" per colpire gli altri wrestler con uno stile simile a quello dei gangster. A sorpresa e dopo il suo ritorno sul ring, anche Scott Steiner si unisce ai MeM per vincere contro Abyss durante un Turning Point, in un Falls Count Anywhere ed in seguito sconfiggere anche Rhino, conquistando così la possibilità di una rivincita contro Jarret al Genesis. Angle, vince il match contro Jarrett e lo riduce in condizioni così gravi da dover essere portato in barella nel backstage. A Against All Odds ha combattuto un Fatal Four Way match contro Brother Ray, Brother D-Von, e il campione e difensore del titolo Sting. Tra i due (Angle e Sting) c'erano sono state incomprensioni, prima e dopo AAO e, in un Empty Arena match, Angle e Sting si erano scontrati senza vincitori dato che gli altri membri della Mem erano intervenuti per dividere i due compari e, quando Angle stringe la mano a Sting, gli sputa in faccia ed in seguito dice di volere un match proprio contro Sting ed in cui sia messo in palio il titolo di campione del mondo dei pesi massimi. Match che però, al Destination X della TNA, Angle perde. A TNA Lockdown il Team Angle sconfigge il Team Jarrett e Sting perde il titolo contro Mick Foley in un Steel Cage Match. A Sacrifice però Sting lo schiena diventando il nuovo leader della MEM anche se il titolo rimane a Mick Foley. A Slammiversary riconquista per la terza volta il titolo contro AJ Styles, Mick Foley e proprio Jeff Jarrett. A No Surrender perde il titolo in un Four Fatal Way match contro Sting, Matt Morgan e il vincente AJ Styles.

Varie faide (2009–2011)[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle.

Dopo aver sconfitto Matt Morgan a Bound For Glory, nella puntata successiva di Impact! effettua un Turn Face. Nella stessa serata viene attaccato dal debuttante Desmond Wolfe, che lo sconfigge la settimana seguente. A TNA Turning Point Angle sconfigge Wolfe. A Genesis 2010, Angle perde il match contro AJ Styles valido per il titolo mondiale grazie al Turn Heel di quest'ultimo e di Ric Flair. Nella sua ultima occasione contro AJ Styles, Angle viene sconfitto in maniera controversa, quando AJ lo chiude nella Ankle Lock e l'arbitro Earl Hebner ha suonato la campana senza che Angle si sia arreso.

All'inizio Angle ha incolpato Hogan di questo "Screwjob" (Earl Hebner tra l'altro era l'arbitro coinvolto nel famosissimo "Montreal Screwjob", avvenuto 12 anni prima a Montreal in circostanze pressoché identiche con Shawn Michaels e Bret Hart), ma si scopre in seguito che era stato Ric Flair a corrompere Hebner.

L'eroe olimpico è ora impegnato in un feud contro Mr. Anderson. Dopo aver sconfitto Anderson a Lockdown 2010, Angle ha dichiarato che si prenderà un periodo di pausa. Angle ritorna nella TNA il 17/05/2010. A TNA Slammiversary VIII, affronterà Kazarian. Al PPV, Angle sconfigge Kazarian. A TNA Victory Road Angle vuole affrontare The Pope. A Victory Road vince l'incontro. Nella puntata del 22/07/10 Angle sconfigge Hernendez.

Angle si confronta con Rhino.

A TNA No Surrender 2010 il suo match contro Jeff Hardy per decretare il finalista per il torneo che decreterà il nuovo Campione Mondiale TNA, finisce in No Contest. Nel corso del match riporta l'incrinazione di una costola.

A Impact dopo No Surrender Kurt Angle e Jeff Hardy si riaffrontano però il risultato non cambia, il match finisce con un No Contest, allora si decide che a Bound For Glory ci sarà un triple threat match per il titolo vacante: Kurt Angle vs Jeff Hardy vs Mr Anderson. Il match finirà con la vittoria di Hardy (che effettua un Turn Heel) grazie all'aiuto di Eric Bishoff e Hulk Hogan.

Nell'edizione di Impact dopo Bound For Glory Kurt Angle annuncia di ritirarsi dopo aver fallito il match per il titolo mondiale, ma lo interrompe Jeff Jarrett dove parlano della ex moglie di Kurt e adesso moglie di Jeff Jarrett Karen Jarrett, Jeff dice di aver siglato un patto con Hogan e Bishoff e dice di voler essere lui a far finire la carriera di Angle. Inizia un lungo feud dove Angle prevale su Jarret a Genesis e a Sacrifice; perde però a Against All Odds e a Lockdown in uno Steel Cage match. La sfida decisiva avviene a TNA Slammiversary IX, Kurt Angle batte Jeff Jarrett nel Main Event grazie alla Ankle Lock.

Altri regni titolati (2011-2012)[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle in TNA.

Ad Hardcore Justice 2011 il 7 agosto, Angle sconfigge illegalmente Sting, conquistando il TNA World Heavyweight Championship per la quinta volta. Nella puntata dell 8 agosto di Impact Wrestling compie un Turn Heel spiegando che l'alleanza con Sting è finita, in quanto ne è iniziata una con Hulk Hogan, leader degli Immortal. Nella puntata del 18 agosto accetta la sfida di Crimson in un match per la prossima settimana ovvero il 25 agosto dove Angle perde per squalifica a causa dell'intervento di Samoa Joe. Il 1º settembre sconfigge Sting in un match titolato, con Special Referee Hulk Hogan invece l'8 settembre perde per squalifica sempre in un match titolato contro Mr. Anderson a causa dell'interferenza degli Immortal ma rimane comunque campione.

A No Surrender 2011 sconfigge Sting e Mr. Anderson in un triple threat match valido per il TNA World Heavyweight Championship. Nella puntata del 15 settembre sconfigge Mr. Anderson e mantiene la cintura. Nella puntata del 22 settembre matiene la cintura in un match contro James Storm. Il 29 settembre non combatte ma sancisce il match AJ Styles vs Robert Roode invece il 6 ottobre interviene (senza esser visto dall'arbitro) nel match tra Bobby Roode e James Storm attaccando quest' ultimo quando era fuori dal ring. Il 13 ottobre sancisce un Handicap match che vede Bobby Roode opposto a Jeff Jarrett e Gunner. A Bound For Glory 2011 mantiene il titolo del mondo TNA contro Robert Roode.

Nella puntata di Impact Wrestling successiva al PPV perde il titolo contro James Storm in meno di 3 minuti. Nella puntata del 17 novembre ritorna attaccando James Storm rivelandosi colui che lo aveva assalito sette giorni prima, viene così ufficializzato un match tra lo stesso Kurt Angle e James Storm che avrà luogo al PPV Final Resolution 2012. Nella puntata del 24 Kurt esce con un promo contro James Storm che lo raggiunge sul ring e lo attacca, scoppia una rissa insieme ad altri wrestler intervenuti. nella puntata dell'8 dicembre James Storm e Angle hanno un lungo diverbio sul ring dove Storm si gira di spalle e invita Angle a colpirlo ma lui non lo fa. A Final Resolution 2012 viene sconfitto da James Storm. Nella puntata del 15 dicembre chiede a Sting un rematch contro James Storm me lui no lo concede dicendo che Storm ha vinto lealmente. Il 29 dicembre Kurt perde per squalifica contro Rob Van Dam a causa dell'interferenza di Storm. Il 5 gennaio affiancato da Bully Ray e Robert Roode perde contro Jeff Hardy, Abyss e James Storm. Al PPV Genesis 2012, sconfigge James Storm in un match singolo. Nella puntata del 12 gennaio Storm vuole un rematch contro Angle che dice che lui vuole lottare per il World Title così Sting sancisce un match per diventare il primo contendente al TNA World Heavyweight Championship contro James Storm in cui Angle viene sconfitto e finisce la loro faida.

Fa il suo ritorno in una puntata di Impact Wrestling seguente il PPV Against All Odds 2012, dove interviene nel match tra Jeff Hardy e Bobby Rhoode valido per il TNA World Heavyweight Championship. Da qui inizia una rivalità con Jeff Hardy. Nella puntata del 16 febbraio aiuta Bobby Roode a sconfiggere Jeff Hardy in un match per il titolo, nella puntata del 23 febbraio perde in coppia con Bulla Ray contro James Storm e Jeff Hardy. Nella puntata del 1º marzo va in onda un promo dove Kurt Angle critica Jeff Hardy e lo chiama a unirsi sul ring, i due si accordano per un match a Victory Road 2012 prima che scatti una rissa sedata dagli arbitri. Nella puntata dell'8 marzo perde un match di coppia con Gunner contro Garett Bischoff e Jeff Hardy. Nella puntata del 15 marzo sconfigge Garett Bischoff in un Beat The Clock Match. A Victory Road 2012 il 18 marzo sconfigge Jeff Hardy irregolarmente. Il 22 marzo perde per squalifica un Three Minute Challenge contro Garett Bischoff a causa dell interferenza di Jeff Hardy. A Impact Wrestling del 29 marzo, interferisce (senza essere visto dall'arbitro) nel match che vedeva opposti Jeff Hardy e Mr. Anderson, permettendo a quest'ultimo di vincere. Nella puntata del 5 aprile perde per count-out in un match contro Jeff Hardy fuggendo dal ring così Hulk Hogan annuncia uno Steel Cage match a Lockdown 2012 contro Jeff Hardy. Il 15 aprile a Lockdown affronta Jeff Hardy in un Steel Cage match perdendo ma pur facendo un buon match decretando così la fine della loro faida.

Kurt comunica ai suoi fans tramite Twitter che prenderà un periodo di riposo, ma tornerà al PPV Sacrifice 2012 dove probabilmente affronterà AJ Styles. Nella puntata del 19 aprile successiva al PPV, affronta e sconfigge AJ Styles grazie alla distrazione ai danni di AJ da parte di Kazarian e Christopher Daniels. Nella puntata del 26 aprile raccoglie la sfida di Anarquia e lo sconfigge sottomettendolo alla Ankle Lock. Il 3 maggio in coppia con Kazarian e Christopher Daniels perde contro AJ Styles,Samoa Joe Magnus. Al PPV, Sacrifice 2012 il 13 maggio sconfigge AJ Styles. Dopo il match, salva quest'ultimo dall'assalto di Kazarian e Daniels, effettuando un Turn Face.

Nuova Main Event Mafia (2012-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata del 17 maggio sconfigge Samoa Joe in un Qualifying Match che gli permetterà di lottare nel Fatal Four Way con i vincitori degli altri tre "Qualifying match", ovvero Jeff Hardy, AJ Styles, Bully Ray: il vincitore avrebbe avuto la possibilità di lottare in un match titolato contro Bobby Rhoode. Il match titolato lo vince AJ Styles.

Il 31 maggio interviene in soccorso di AJ Styles attaccato da Christopher Daniels e Kazarian, ma viene messo fuori gioco. A Slammiversary combatterà in coppia con Styles contro Daniels e Kaz per il TNA World Tag Team Championship. Nella puntata del 7 giugno vince insieme a Sting e a AJ Styles contro Bobby Roode, Christopher Daniels e Kazarian.

A Slammiversary insieme ad A.J. Styles, sconfigge Christopher Daniels & Kaz conquistando i TNA World Tag Team Championship. Nella puntata di iMPACT del 28/6/12 lui e AJ Styles vengono sconfitti da Daniels e Kazarian perdendo i titoli di coppia. Nel PPV Destination X perde per sottomissione contro Samoa Joe in un match valido per la Bound of Glory Series. Si riscatta nella puntata del 12 luglio sconfiggendo Mr. Anderson sempre in un match valido per la Series. Il 2 agosto ad Impact viene sconfitto da James Storm ma vince 2 settimane dopo contro AJ Styles. Ad HardCore Justiice affronterà in un Ladder Match Daniels, Samoa Joe e AJ Styles. Ad HardCore Justice non riesce nel tentativo di vincere il Ladder Match contro Daniels, Samoa Joe e A.J. Styles, match che si aggiudica quest’ultimo. A Bound For Glory 2012 perde l'opportunità, insieme a A.J. Styles, di diventare TNA World Tag Team Champion, cinture andate alla coppia Chavo-Hernandez.

Angle inizia poi un feud con gli Aces & Eights, in particolare con uno dei primi "smascherati" della stable, ovvero Devon. I due si affrontano al PPV Turning Point, nel quale Angle sconfigge Devon grazie alla sua Ankle Lock. Il feud con la stable di motociclisti continua, e Angle risulta sempre vincitore nei match contro Devon. Inizia poi un feud anche con il rientrante AJ Styles,al quale chiede aiuto per lottare contro gli Aces & Eights. Styles rifiuta,attaccando Angle. Quando sembra che l'ex campione mondiale stia per unirsi alla stable ora capitanata da Bully Ray, Angle interviene, ma viene attaccato dagli altri membri della stable, i quali però vengono messi KO proprio da Styles,che vuole lottare solo per sé stesso. Angle e Styles si affrontano a Slammiversary 2013, durante la quale a vincere è l'eroe olimpico. Nella stessa serata Angle viene annunciato come secondo introdotto nella TNA Hall of Fame.

Poche settimane dopo, Angle viene rivelato come primo membro della New Main Event Mafia, stable riformata da Sting per contrastare gli Aces & Eights. In seguito anche Samoa Joe, Magnus e il nuovo arrivato Rampage Jackson entreranno in essa.

Faida con Bobby Roode e Ethan Carter III (2013-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle torna in TNA il 10 ottobre attaccando la E.G.O , poi sfida Bobby Roode in un match a TNA Bound for Glory 2013. A TNA Bound for Glory viene battuto da Bobby Roode, dopo essere caduto in malo modo da un running belly-to-belly suplex. Il 31 ottobre puntata di Impact, Angle ha mentito circa il suo infortunio (kayfabe), infatti ha avvertito delle convulsioni e addirittura dopo il match, ha mostrato sintomi di amnesia post-traumatiche. Il 5 novembre, a seguito di esami medici risultò negativo per la commozione cerebrale, ma le ferite al ginocchio avrebbe dovuto tenerle sotto controllo. La settimana successiva, ha visto il nuovo Main Event Mafia scioglersi, poi è stato attaccato da Roode e lo accusò di usare le sue ferite come scusa per evitare il match. Il 14 novembre, ha vinto un match di contro Austin Aries nel torneo per il titolo mondiale, utilizzando finisher di Roode. Tuttavia, ha perso il suo successivo match contro Magnus a causa un'interferenza di Roode. A Final Resolution, fu sconfitto da Roode in un 2-out-of 3 falls match, ma a Genesis, ha battuto Roode in uno Steel Cage match che mise fine alla faida.

Il 27 febbraio puntata di Impact, Angle ha attaccato Ethan Carter III, mentre la settimana successiva è quest'ultimo ad attaccare l'eroe olimpico infortunandolo al ginocchio, perdendo così la sua possibilità di combattere a Lockdown. Ha fatto il suo ritorno il 17 aprile giurando vendetta. Nel mese di maggio, ha subito un intervento chirurgico al ginocchio e resterà lontano dal ring per quattro mesi.

Direttore delle operazioni e abbandono (2014)[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 giugno 2014, Angle è stato nominato direttore esecutivo delle operazioni dal consiglio di amministrazione della TNA. La stessa sera ha indetto per il 3 luglio un rematch per il TNA World Heavyweight Championship tra Bobby Lashley e Eric Young. Inoltre ha reintregato Bobby Roode, che era stato sospeso a tempo indeterminato da MVP.

Il 21 settembre 2014 il contratto di Angle è ufficialmente scaduto e ha lasciato la federazione.[7]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 marzo 2007 il sito di Sports Illustrated ha riportato la notizia che il nome di Angle, insieme a quello di altri sportivi di diverse discipline, è stato trovato nel database clienti di un centro benessere della Florida che si sospetta essere il centro di smistamento di sostanze illegali per il miglioramento delle prestazioni fisiche. Nel pezzo è scritto che Angle avrebbe ricevuto due prescrizioni per il trenbolone ed una per il nandrolone, entrambi steroidi anabolizzanti, tra l'ottobre 2004 ed il febbraio 2005.[8]

Angle ha prontamente ribattuto alle accuse ricordando i gravi problemi alle vertebre del collo che lo hanno tormentato nel corso della carriera e che se ha assunto tali sostanze è solo perché gli era stato prescritto dei medici che lo avevano in cura.

Kurt Angle è stato arrestato il 28 settembre 2007 dalla polizia di Moon Township, Pennsylvania, con l'accusa di guida in stato di ebbrezza; l'arresto è stato eseguito in seguito alla telefonata di una donna che ha rischiato di avere un incidente stradale con Angle all'uscita da un ristorante. Gli agenti che hanno proceduto al fermo del lottatore hanno specificato che Angle è stato sottoposto ad un test per misurare il grado di ubriachezza e si è contestualmente rifiutato di sottoporsi ad un test del sangue.[9]

Kurt era sposato con Karen Smedley; la donna lavorava al fianco di Angle nella TNA, ricoprendone il ruolo di manager e valletta.

Tra la notte del 13 e 14 giugno 2013 Kurt è stato arrestato a Washington D.C. in stato di ebbrezza, possesso di marijuana,eccesso di velocità e tentata resistenza a pubblico ufficiale. È stato rilasciato dopo l'arresto pagando una cauzione di 1000$.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Angle applica l'Ankle Lock su Shawn Michaels.
Angle esegue l'Olympic Slam su Samoa Joe.
Kurt Angle effettua il Moonsault.

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

Kurt Angle.
  • "The American Hero"
  • "The Most Celebrated Real Athlete in WWF History" (WWF)
  • "The Olympic Gold Medalist"
  • "The Olympic Hero"
  • "Your Olympic Hero" (WWF)
  • "The Wrestling Machine"
  • "The Godfather of The Main Event Mafia" (TNA)
  • "The Cyborg" (TNA)

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

World Wrestling Federation/Entertainment

  • "Medal" di Jim Johnston (14 novembre 1999–2 gennaio 2006)
  • "Medal (Remix)" di Jim Johnston (29 gennaio 2006–11 luglio 2006)
  • "Medal (Rivisitata)" di Jim Johnston (11 luglio 2006–8 agosto 2006)

Total Nonstop Action Wrestling

  • "My Quest" di Dale Oliver (24 settembre 2006–9 agosto 2007)
  • "Gold Medal" di Tha Trademarc (12 agosto 2007–29 settembre 2014)
  • "Main Event Mafia" di Dale Oliver (2 ottobre 2008 – 21 giugno 2009; 2013; usata come membro dei "Main Event Mafia")
  • "Immortal" di Dale Oliver (usata come membro degli "Immortal"; 2011–2012)
Condotta a WrestleMania[modifica | modifica wikitesto]
Condotta a TNA Bound For Glory[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Inoki Genome Federation

Pro Wrestling Illustrated

  • tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2001)

Total Nonstop Action Wrestling

World Wrestling Federation/Entertainment

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Video[modifica | modifica wikitesto]

  • Kurt Angle: It's True! It's True! (VHS)
  • Kurt Angle-Champion (DVD)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Kurt Angle Biography and Olympic Results, sports-reference.com.
  2. ^ TNA Profile, TNA. URL consultato il 24 settembre 2013.
  3. ^ Según el Wrestling Observer… ¿Quiénes son los mejores los mejores de la década? Superluchas Magazine
  4. ^ WWE "Angle granted early release"
  5. ^ WWE "Superstars shocked at Angle's release" | August 27, 2006
  6. ^ 411mania.com: Wrestling - Kurt Angle Beats Brock Lesnar In Japan
  7. ^ (EN) Kurt Angle’s TNA Contract Officially Expires Leaving Door Open for WWE Return in insidepulse.com, 24 settembre 2014. URL consultato il 3 ottobre 2014.
  8. ^ Kurt Angle e gli steroidi, articolo su SI.com
  9. ^ Kurt Angle Wrestles DUI, Careless Driving Charges, WPXI.com. URL consultato il 3 ottobre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 65821499 LCCN: n2001105531