Mark Henry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mark Henry
Mark Henry nel 2014
Mark Henry nel 2014
Nome Mark Jerrold Henry
Ring name Mark Henry
World's Strongest Man
The Sexual Chocolate
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Houston, Texas
12 giugno 1971
Altezza 193[1] cm
Peso 187[1] kg
Allenatore Stu Hart
Bret Hart
Debutto 22 settembre 1996
Federazione WWE
Progetto Wrestling

Mark Jerrold Henry (Houston, 12 giugno 1971) è un wrestler ed ex sollevatore statunitense.

È sotto contratto con la WWE dal 1996. Henry è un due volte campione del mondo, avendo vinto l'ECW Championship e il World Heavyweight Championship. Ha inoltre vinto una volta il WWF European Championship. È stato anche un olimpionico di Barcellona 1992 e Atlanta 1996 nel sollevamento pesi.

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Mark Henry sposta un carro armato

Henry fu soprannominato "World's Strongest Man" dopo essersi qualificato nel sollevamento pesi per le Olimpiadi di Barcellona 1992, dove si classificò al decimo posto nella categoria. La World Wrestling Federation sponsorizzò Henry ad Atlanta 1996 e gli fece sottoscrivere un contratto di dieci anni, un'anomalia nel mondo del pro wrestling.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

World Wrestling Federation/Entertainment/WWE[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni (1996-1997)[modifica | modifica wikitesto]

Allenato da Stu e Bret Hart, la sua prima faida nella WWF fu contro Jerry Lawler, il quale parlò male di lui nel corso di una puntata di Monday Night RAW. A SummerSlam 1996 Henry corse in aiuto di Jake Roberts contro Lawler. Sconfisse Lawler nel suo primo match trasmesso in televisione, a In Your House: Mind Games il 22 settembre.

Nation of Domination e Sexual Chocolate (1998-2000)[modifica | modifica wikitesto]

Verso la fine del 1997 Henry aderì alla Nation of Domination, alleandosi a The Rock. Quando la stable si sciolse, formò un tag team con D'Lo Brown. Nel corso del match tra D'Lo e Jeff Jarrett di SummerSlam 1999 per il WWF Intercontinental Championship ed il WWF European Championship (entrambi detenuti da D'Lo), Henry aiutò Jarrett a vincere match e titoli. La sera successiva, Henry ottenne lo European Championship da Jarrett.

Henry cominciò a provarci con diverse lottatrici della WWF, da Chyna a Mae Young. Ebbe un feud con Viscera poiché, secondo la storyline, Viscera colpì Mae Young mentre questa era incinta del figlio di Henry. La storyline divenne sempre più imbarazzante e raggiunse l'apice quando la Young partorì una mano.

Henry fu in seguito inserito in molte altre storyline al limite della decenza, alcune delle quali decisamente di pessimo gusto; i booker lo obbligarono a portare in scena una relazione con una drag (senza che Henry si rendesse conto che non si trattava di una donna), a fargli dire di essere malato di sesso e che la sua prima esperienza sessuale fu con sua sorella.

Ohio Valley Wrestling e ritorno al sollevamento pesi (2000-2002)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 fu spedito alla Ohio Valley Wrestling per migliorare le sue abilità. Poco tempo dopo prese un periodo di pausa dal wrestling per concentrarsi sul sollevamento pesi e il 23 febbraio 2002 vinse una gara di strongman nel corso dell'Arnold Classic, vincendo un Hummer H1 da 75.000 dollari.[2]

Cambi di roster (2002–2004)[modifica | modifica wikitesto]

Henry tornò il mese successivo nella WWF e fu mandato nel roster di SmackDown!, dove la sua gimmick da "feats of strength" non ebbe il successo sperato. Henry tornò nella OVW, si fece crescere i capelli e fare i dreadlocks; perse inoltre la sua attitudine face e divenne heel.

Nell'agosto del 2003 Henry tornò negli show della World Wrestling Entertainment nel roster di RAW, riscuotendo un discreto successo come membro dei "Thuggin' And Buggin' Enterprises," un gruppo di afroamericani guidati da Theodore Long impegnati in un angle che li voleva vittime di comportamenti razzisti da parte degli "uomini bianchi". Henry non era l'unico membro del team ma ne faceva parte anche Rodney Mack atleta che fu poi licenziato poco dopo il debutto del World's Strongest Man. In quel periodo Henry fu inserito in un breve feud contro l'allora World Heavyweight Champion Bill Goldberg aiutando l'ex campione Triple H. In una puntata di RAW del febbraio 2004 Henry lottò un match contro Chris Benoit; verso la fine del match Benoit imprigionò Henry nella sua Crippler Crossface, obbligandolo a cedere. Henry fu costretto ad un'operazione alla spalla per un infortunio subito a causa della Crippler Crossface. Henry fu quindi utilizzato dalla WWE per le pubbliche relazioni durante la convalescenza.

Dopo aver passato un altro periodo nella OVW per riprendere confidenza col ring, Henry tornò nella WWE il 28 novembre 2005 lottando in dark match nel roster di RAW. Il suo coinvolgimento nel pay-per-view Taboo Tuesday 2005 andò a monte quando Steve Austin si rifiutò di partecipare all'angle per lui programmato contro Jonathan Coachman.

Rincorsa al World Heavyweight Championship (2005–2007)[modifica | modifica wikitesto]

Mark Henry in un match contro The Undertaker.

Durante una puntata di SmackDown registrata il 27 dicembre, Henry fece il suo ritorno nel roster, interferendo in un WWE Tag Team Championship match per aiutare gli MNM a sconfiggere i campioni Rey Mysterio e Batista. Henry quindi si alleò agli MNM ed ebbe come manager Melina. La settimana successiva a SmackDown ebbe un faccia a faccia con il World Heavyweight Champion Batista ed in seguito interferì in uno Steel Cage match tra gli MNM ed il team Rey Mysterio - Batista, aiutando gli MNM a mantenere le cinture. Henry ebbe un match con Batista in un evento dal vivo, ma Batista si infortunò gravemente al tricipite e fu costretto a rendere vacante il titolo.

Nella puntata del 10 gennaio 2006 di SmackDown, Henry prese parte ad una Battle Royal match per il vacante World Heavyweight Championship; a vincere fu Kurt Angle. La settimana successiva Henry cambiò manager in favore di Daivari, il quale si ribellò ad Angle presentando proprio Henry come suo nuovo cliente. Henry affrontò Kurt Angle per il World title alla Royal Rumble 2006, ma non riuscì a vincere il match.

Mark Henry nel 2006.

Il 10 marzo Mark Henry fu sfidato da The Undertaker a WrestleMania 22 in un Casket match. Henry, desideroso di porre fine alla striscia di vittorie di Undertaker a WrestleMania, non riuscì a battere il Becchino. Henry ottenne un rematch contro The Undertaker nella puntata di SmackDown! del 7 aprile, ma la contesa finì con un no-contest quando Daivari annunciò il debutto del suo nuovo cliente, The Great Khali. Khali arrivò sul ring ed attaccò The Undertaker, ponendo fine alla faida tra Henry ed il Becchino.

Tra marzo e aprile Henry vinse due volte per schienamento contro il World Heavyweight Champion Rey Mysterio in "non title match"; partecipò inoltre al torneo per il titolo di King of the Ring 2006, venendo sconfitto da Bobby Lashley al primo round. Intervenne anche nel match tra Mysterio e Kurt Angle, impedendo a quest'ultimo di conquistare il titolo. Fu quindi sfidato da Angle a Judgement Day 2006; al pay-per-view Henry sconfisse Kurt Angle per count-out, ma subì la furia di Angle che lo colpì con una sedia; Angle inoltre scaraventò Henry contro il tavolo dei commentatori, cosa fatta in precedenza dallo stesso World's Strongest Man su Angle in un paio di occasioni. Mark Henry in seguito iniziò il cosiddetto "percorso di distruzione", infortunando diversi wrestler. Attaccò Chris Benoit, Paul Burchill, Rey Mysterio e Chavo Guerrero, riuscendo ad infortunare i primi due. Entrò quindi in un feud con Batista in previsione di un match tra i due a The Great American Bash. Poche settimane prima dell'evento, nel corso di una puntata di Saturday Night's Main Event, Henry partecipò ad un six-man tag team match con King Booker e Finlay contro Batista, Rey Mysterio e Lashley; nel corso del match, Henry subì un grave infortunio, rompendosi un tendine della rotula e la stessa rotula in due parti.[3] Mark Henry tornò nella Ohio Valley Wrestling verso la fine di febbraio 2007, battendo Daniel Rodimer in un match a senso unico. Rientrò a Smackdown il 1º maggio, attaccando Undertker al termine di uno Steel Cage match contro Batista. Di lì in poi, ha tentato diverse volte di entrare nel giro degli sfidanti per il titolo del mondo, senza successo. Iniziò un feud con Undertaker, culminato in un match a Unforgiven 2007 vinto da quest'ultimo.

ECW Champion (2008–2009)[modifica | modifica wikitesto]

Henry come ECW Champion.

Con il Draft 2008 è passato al roster della ECW. Durante il pay-per-view Night Of Champions 2008 ha sconfitto Big Show e l'ECW Champion Kane in un triple threat match valevole per l'ECW Championship, conquistando, così, per la prima volta il titolo. A The Great American Bash 2008 ha difeso il suo titolo contro Tommy Dreamer. Mark Henry ha difeso il titolo dall'assalto di Matt Hardy a SummerSlam 2008 grazie ad una sconfitta per DQ causata dal suo manager Tony Atlas, ma lo ha perso in favore di questi durante l'ECW Championship Scramble match svoltosi ad Unforgiven 2008. A No Mercy 2008 Mark Henry non è riuscito a sconfiggere Matt Hardy e a riconquistare l'ECW Championship. Dopo Cyber Sunday, in cui non fu scelto come sfidante al titolo dal pubblico, intraprese un lungo feud contro Finlay terminato ad Armageddon dove venne sconfitto in un Belfast Brawl Match. Nel marzo 2009 a Raw sconfigge Santino Marella conquistando un posto a Wrestlemania 25 nel Money in the Bank.

Rincorsa al WWE Tag Team Championship (2009-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'edizione di Raw successiva al PPV The Bash, dove è uscito sconfitto nello scramble contro Dreamer, Christian, Swagger e Finlay, Mark Henry passa nel roster di Raw debuttando in un gauntlet match schienando il campione WWE Randy Orton. Effettuando così un Turn Face. Henry inizia un ottimissimo periodo di vittorie ai danni dei membri della Legacy, Chavo Guerrero e di Chris Masters. Nella puntata di RAW del 24/08 si allea con MVP. E insieme ad esso cercherà di sottrarre le cinture di coppia, a Jericho e Big Show, nel prossimo PPV Breaking Point. In quest'ultimo, che si è svolto a Montreal, lui e MVP non sono riusciti a conquistare le cinture di coppia unificate. Nel PPV WWE Bragging Rights il team di Raw viene sconfitto dal team di SmackDown grazie al tradimento di Big Show. Alle Survivor Series lotterà nel team capitanato da Kofi Kingston. Nonostante venga eliminato dopo pochi secondi da Orton il team Kingston riesce ad aggiudicarsi il match.

Mark Henry al Tribute to the Troops nel 2010

Nella puntata di Raw del 7 dicembre ha un match contro The Miz valido per il WWE United States Championship ma è il campione a vincere il match. Nella puntata di Raw del 4 gennaio partecipa ad un fatal-4-way valido per il primo contendente al titolo degli stati uniti detenuto da The Miz, a questo match partecipano anche Jack Swagger Carlito ed MVP. A trionfare è MVP ed è qui che finisce l'amicizia tra MVP e Mark Henry. Nella puntata del 5 gennaio 2010 non riesce a qualificarsi per la finale del torneo ECW Homecoming venendo sconfitto da CM Punk.

La sera seguente al PPV Elimination Chamber Mark Henry e MVP vengono sconfitti da The Miz e Big Show per i titoli di coppia. A Extreme Rules MVP & Mark Henry perdono un tag team Gauntlet match contro la Hart Dynasty; nel match erano coinvolti anche The Miz & Big Show e R-Truth & John Morrison. Nella puntata di Raw del 24 maggio, viene sconfitto da Sheamus non riuscendo a qualificarsi per il Fatal 4 Way valido per il WWE Championship al nuovo PPV Fatal 4 Way.

A Night of the Champions 2010 ha perso la possibilità di diventare Campione di Coppia WWE insieme ad Evan Bourne. Insieme al suo compagno Yoshi Tatsu non riesce a vincere i WWE Tag Team Championship in un Fatal 4-Way Tag Team Match contro i campioni Heath Slater & Justin Gabriel, The Usos e Santino Marella & Vladimir Kozlov. Il match viene vinto dalla coppia italo-russa. Nel 2011, inizia poi un feud con Sheamus, che si chiude con la vittoria di Mark Henry in una puntata di Raw. Il 10 marzo, a Superstars, Henry, in coppia con The Great Khali e Natalya, sconfigge in un six-person mixed tag team match Tyson Kidd, William Regal e Melina. A Wrestlemania 27, Henry partecipa al dark match battle royal a 22 uomini dove però viene eliminato. Nella puntata di Raw dell'11 aprile, Henry partecipa ad un 8-man tag team match insieme a Santino Marella, Daniel Bryan e Evan Bourne ma i quattro vengono sconfitti dal Corre a causa dello schienamento di Heath Slater su Santino Marella. Nella puntata di Raw dedicata al Draft 2011, Mark Henry partecipa alla battle royal SmackDown vs Raw dove però si autoelimina per eliminare Brodus Clay.

World Heavyweight Champion, Hall of Pain e infortunio (2011-2012)[modifica | modifica wikitesto]

Mark Henry come World Heavyweight Champion.

Nella puntata del Draft 2011 viene trasferito a SmackDown! dopo il match tra Randy Orton e Dolph Ziggler. Nel main event è in coppia con John Cena e Christian per rappresentare SmackDown contro Alberto Del Rio, CM Punk e The Miz per rappresentare RAW. Ad un certo punto, Mark Henry attacca il suo compagno Cena con una clothesline e se ne va verso gli spogliatoi, sbattendo Christian sui gradoni d'acciaio, effettuando così un Turn Heel. Nella puntata di SmackDown del 27 maggio, perde un triple treath match contro Christian e Sheamus che decretava il primo sfidante al World Heavyweight Championship detenuto da Randy Orton. Il match viene vinto dall'irlandese che però schiena Christian per vincere.

Nel PPV Money in the Bank, sconfigge Big Show. A fine match, con l'ausilio di una sedia, esegue una Henry Bomb sulla gamba di Big Show. Successivamente inizia una faida con Sheamus e a Summerslam, i due si affrontano e vince Mark Henry per un Count Out.

Nella puntata di SmackDown del 19 agosto vince la 20-Men Battle Royal per il #1 contender al World Title eliminando per ultimo Sin Cara, laureandosi come primo sfidante al titolo. Nella puntata di Super Smackdown del 30 agosto, Mark Henry dopo la vittoria di Randy Orton contro Christian nello Steel Cage match, irrompe nella gabbia d'acciaio, assale brutalmente Randy Orton ed infine lo mette K.O. con la World Strongest Slam. A Night of Champions, batte Randy Orton e diventa per la prima volta dopo 15 anni di carriera nella WWE campione dei pesi massimi.

Mark Henry nel 2011

Nella puntata di SmackDown del 7 ottobre, come promesso, Big Show fa ritorno dopo tre mesi e lo fa attaccando Mark Henry; prima dell'attacco Big Show chiede una title shot per il titolo dei pesi massimi poi negatagli da Henry, in seguito Show scaraventa Henry con una Chokeslam sul tavolo dei commentatori, per poi cercare di colpirgli la gamba e venendo fermato dal GM di SmackDown! Theodore Long che conferisce a Big Show il ruolo da numero 1 Contender al titolo di Mark Henry. A Vengeance il match contro Big Show finisce in un No-contest dopo il crollo del ring, mantenendo così il World Heavyweight Title. Il 4 novembre, a Smackdown, sfida Daniel Bryan con fuori dal ring Big Show che riesce quasi a farsi ottenere, grazie alla valigetta del Money in the Bank di Daniel, una sfida a Mark Henry per la cintura ma quest'ultimo colpisce Daniel con la World's Strongest Slam impedendogli la possibilità di sfida. Ma proprio a quel punto arriva il GM Theodore Long che avverte che i due giganti si affronteranno a Survivor Series per il titolo dei pesi massimi. Alle Survivor Series Mark Henry viene sconfitto da Big Show per squalifica, riuscendo a mantenere il titolo. Dopo il match, lo stesso Henry tenta di rompere nuovamente la caviglia a Big Show, ma quest'ultimo riesce ad evitare l'attacco e a colpire Henry con la Big Finisher. Successivamente Show prende la sedia e rompe la caviglia a Henry, che viene portato via in barella. Nella puntata di SmackDown del 25 novembre torna in stampelle e viene attaccato da Big Show con la Big Finisher. Poco dopo interviene Daniel Bryan, che incassa il Money in the Bank, e conquista il World Heavyweight Championship. Ma poco dopo Theodore Long cancella la vittoria e restituisce la valigetta a Bryan, in quanto Henry non era in condizioni da combattere. Nella puntata di SmackDown "Holiday Special" del 29 novembre sconfigge Daniel Bryan, mantenendo il titolo. A WWE TLC perde il World Heavyweight Championship in favore di Big Show in un Chairs match. Subito dopo però Daniel Bryan incassa la valigetta Money In The Bank e schiena Big Show, diventando nuovo campione. Continua quindi la faida con Big Show e il neo campione Daniel Bryan, che ha incassato la valigetta del Money In The Bank sul World's Largest Athlete. Nella puntata di SmackDown del 20 gennaio, svoltasi a Las Vegas, affronta il campione Daniel Bryan per il World Heavyweight Championship in un lumberjack match ma l'incontro termina ancora una volta in un No-contest dopo che i wrestlers a bordo ring hanno interferito all'interno del quadrato. Alla Royal Rumble, prende parte al Triple Threat Steel Cage match insieme a Big Show e al campione Daniel Bryan, ma ne esce sconfitto. Il 3 febbraio, a Smackdown, Theodore Long annuncia i partecipanti all'Elimination Chamber Match per il World Heavyweight Championship che si terrà al PPV Elimination Chamber: il campione Daniel Bryan, Wade Barrett, Big Show, Cody Rhodes, Randy Orton, e proprio Henry, che sale sul ring infuriato con Long, dicendogli che in quel match ha una possibilità su sei di vincere, e chiede di essere tolto da quel match. Inoltre, vuole un match titolato contro Bryan la sera stessa. Long, in tutta risposta, non solo lo toglie dal match che lo aspettava al PPV, ma lo sospende per essersi rivolto a mali modi al GM (Kayfabe).

Al pay-per-view Elimination Chamber si tiene un siparietto sul ring nel quale intervengono Henry e i rientranti Alberto Del Rio e Christian, che chiedono la nomina di Laurinaitis come General Manager di Raw e Smackdown. A Raw, Henry vince un 2 on 1 Handicap Match in squadra con David Otunga contro il solo Santino Marella. Dopo il match, Laurinatis annuncia che sia Otunga che Henry faranno parte del Team Laurinaitis a Wrestlemania XXVIII che andrà contro il Team Long per decidere il vero General Manager dei due roster. A WrestleMania XXVIII Mark, con il Team Laurinaitis, sconfigge il Team di Teddy Long.

Il 9 aprile a Raw, ha un'altra opportunità per il WWE Championship; Mark si aggiudica il match ma solo per squalifica, non riuscendo così a conquistare il titolo che è rimasto nelle mani di CM Punk. Sul sito della WWE, però, viene riportato che Mark affronterà ancora CM Punk per il titolo in un match senza conteggio fuori dal ring e senza squalifica. Nella puntata di Raw del 16 aprile svoltasi a Londra viene sconfitto da CM Punk, fallendo ancora una volta l'assalto al titolo. Nella puntata di Raw del 23 aprile sconfigge Sheamus, grazie a Daniel Bryan che era lo Special Guest Referee. Nella puntata di SmackDown del 27 aprile combatte ancora contro Sheamus, ma questa volta viene sconfitto. Una settimana dopo, tramite il sito ufficiale WWE, viene comunicato che Mark Henry resterà fuori per un po' di tempo perché subirà un'operazione ad una spalla.

Ritorno e varie faide (2013-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Ritorna a sorpresa il 4 febbraio a Raw, dove attacca Daniel Bryan (che aveva appena terminato un match con Rey Mysterio), lo stesso Mysterio e Sin Cara. Nella puntata di SmackDown dell'8 febbraio prima attacca sia Titus O'Neil che Great Khali e successivamente, sconfigge Randy Orton venendo ammesso all'Elimination Chamber match. Allo SmackDown successivo, sconfigge Great Khali. Nella puntata di SmackDown prima del pay-per-view sconfigge nuovamente Randy Orton, ma questa volta solo per squalifica dopo che The Viper lo aveva attaccato con una sedia.

Al pay-per-view Elimination Chamber viene selezionato come ultimo entrante nella struttura, e riesce velocemente ad eliminare Daniel Bryan e Kane, ma viene eliminato da Randy Orton pochi minuti dopo. A Raw, sconfigge facilmente Sin Cara.Nella puntata di Raw Old School, durante l'entrata si incrocia con un vittorioso Ryback, lanciandosi sguardi di fuoco; successivamente sconfiggerà Zack Ryder. A Smackdown, il 9 marzo, sconfigge molto facilmente Yoshi Tatsu, e successivamente si incrocia nuovamente con Ryback. A Raw, l'11 marzo, assiste al match di Ryback che esce vittorioso contro Heath Slater, successivamente cerca di attaccare Ryback, ma poi ci ripensa ed esce dal ring. Successivamente, sempre a Raw, sconfigge Kofi Kingston.Mark inizia così una faida con Ryback con diversi scontri non verbali.Il 15 marzo a Smackdown viene sconfitto da Ryback perché lo Shield interviene attaccando Ryback.In seguito Henry ha consegnato 3 World's strongest slam a Ryback.Il 19 marzo Mark e Ryback si sfidano nel sollevamento pesi,dove Henry ha concluso 53 ripetizione e lo stesso Ryback ma quando quest'ultimo tenta di fare la cinquantaquattresima ripetizione Mark interviene soffocandolo con il bilanciere. Il 2 aprile a Wrestlemania Mark riesce a sconfiggere Ryback in un match singolo. Nella puntata di Raw del 29 aprile, Henry sfida Tensai e Brodus Clay al tiro alla fune, vincendo. Successivamente Sheamus entra in arena e propone a Mark una sfida. Inizialmente Mark è contrario, ma poi accetta e, mentre stava per vincere, Sheamus lascia la presa facendo cadere Henry per poi colpirlo con il Brogue Kick. Nella settimana prima del pay-per-view, Mark Henry riesce addirittura a spostare 2 camion facendo notare tutta la forza che ha. Ad Extreme Rules viene sconfitto da Sheamus in uno Strap match. Henry sarà presente alla puntata di Raw del 17 giugno dove, secondo alcune fonti, annuncerà il suo ritiro dal mondo del pro wrestling. Nella puntata di Raw del 17 giugno, torna interrompendo John Cena, e annuncia ufficialmente il suo ritiro. Quando però Cena prova ad abbracciarlo dopo il discorso, Henry lo stende con una World's Strongest Slam, urlando che presto il WWE Championship detenuto da Cena sarà suo. A Money in the Bank non riesce a conquistare la corona, in quanto è costretto a cedere alla STF di Cena. A Raw del 15 luglio viene attaccato dallo Shield dopo aver chiesto un'altra opportunità per il WWE Championship.

Nella puntata di SmackDown del 19 luglio salva i The Usos dall'attacco dello Shield, iniziando dunque una rivalità con loro e compiendo un Turn Face. Durante un’intervista, Mark Henry ha rivelato di aver prolungato il suo contratto con la WWE di tre anni, fino a giugno 2016. Il 22 luglio a raw è salvato dagli Usos dallo shield. Il 29, insieme agli Usos perde contro lo The Shield. Sempre a Raw il 5 agosto batte per count-out Ryback.

Ritorna a Survivor Series 2013 sconfiggendo Ryback in meno di 5 minuti. Nella puntata di WWE Raw del 25 novembre Mark Henry e Big E Langston sconfiggono Curtis Axel e Ryback e i due Face decidono di formare un vero e proprio team. Nella puntata di WWE SmackDown del 29 novembre sconfigge Curtis Axel. Nella puntata di Raw del 2 dicembre il World Strongest Man sconfigge Fandango. Nella puntata di SmackDown del 13 dicembre Henry sconfigge Damien Sandow per count out. Nella puntata di Raw del 16 dicembre Mark Henry e Big E Langston sconfiggono i Real Americans. Nella puntata del 30 dicembre di Raw, interrompe un rientrante Brock Lesnar, i due daranno luogo ad una rissa, dove ad avere la peggio sarà proprio Henry, che subirà anche l'F5, all'esterno del ring. La stessa cosa accadrà a Raw old School del 6 gennaio, dove però stavolta subirà la Kimura Lock, che provocherà al World's Strongest Man una frattura al braccio.

Mark Henry torna nella puntata di Raw del 10 febbraio sconfiggendo Dean Ambrose in un Open Challenge United States Championship per squalifica. Nella puntata di SmackDown del 14 febbraio Mark Henry partecipa oltre ad Rey Mysterio, Kofi Kingston e Jack Swagger ad un Fatal 4-Way Intercontinental Championship's Number One Conteders Match venendo vinto da Swagger. Nella puntata di Raw del 17 febbraio Henry viene sconfitto da Roman Reigns.

Dopo un periodo di assenza per infortunio, dopo alcuni house show, Henry è tornato on-screen nella puntata di Raw del 5 agosto, in cui ha sconfitto in pochi minuti Damien Sandow, reo di aver offeso il Texas (stato natio di Henry e in cui si svolgeva la puntata). Nella puntata di SmackDown dell'8 agosto ha combattuto al fianco di Big Show, in un tag team match contro i RybAxel (Ryback e Curtis Axel), match vinto dai due giganti. I due assieme combattono diversi Tag Team Match, aprendo anche una breve feud con Luke Harper e Erick Rowan della Wyatt Family. Nel post-SummerSlam, Henry intraprende una feud con Rusev, dopo che quest'ultimo, assieme alla manager Lana, aveva disonorato la bandiera americana. I due si affrontano in un International Arm Wrestling Contest durante la puntata di SmackDown del 12 settembre, vinto dall'americano, e in un match nel Pay-per-View Night of Champions, in cui invece è Rusev a vincere. Nel Kick-off di Hell in a Cell, sconfigge Bo Dallas.

Turn Heel (2014-Presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 27 ottobre, nel match valido per i titoli di coppia WWE, Mark Henry compie un Turn Heel attaccando il suo compagno di team Big Show permettendo cosi a Gold e Stardust di mentenere i titoli. Nella puntata di Raw del 3 novembre, perde per squalifica contro Big Show e dopo il match stende con una World Strongest Slam ai danni del gigante sui gradoni d'acciaio. La settimana successiva a Raw viene si unisce al Team Authority che affronterà il Team Cena a Survivor Series. Il 23 novembre alle Survivor Series, il Team Authority viene sconfitto dal Team Cena grazie all'aiuto di Sting.

Hall of Pain[modifica | modifica wikitesto]

Le vittime che sono state infortunate da Mark Henry sono The Big Show, Kane, Vladimir Kozlov, Batista, Sheamus, Randy Orton, Jim Ross, Jerry Lawler, The Great Khali e infine CM Punk, che sono stati tutti vittime della sua Corner Slingshot Splash eseguita su una gamba dell'avversario incastrata in una sedia. Sheamus ha subito una World Strongest Slam sui gradoni d'acciaio venendo infortunato seriamente alla schiena. Randy Orton ha invece subito uno strangolamento effettuato da una sedia d'acciaio con Mark Henry seduto sopra. Jim Ross ha subito un altro strangolamento effettuato stringendo la sciarpe di J.R. intorno al suo collo. Jerry Lawler ha subito invece una World Strongest Slam sul tavolo di commento, cosa effettuata anche su The Big Show e su Kane. La differenza è che il tavolo su cui è stato schiantato Lawler era rinforzato, perché non era previsto che Henry effettuasse la mossa su di esso, perciò l'impatto è stato molto più forte e ha causato un infortunio al commentatore. CM Punk ha subito una World Strongest Slam alla fine di un match infortunandolo gravemente alla schiena. Negli ultimi quattro mesi Mark Henry ha combattuto contro varie superstar (anche in handichap match), tra cui quello contro i fratelli Usos, Ted Dibiase e Cody Rhodes; vittime della Running Corner Body Avalanche e di lanci contro il tavolo dei commentatori o contro le protezioni per il pubblico (a Sheamus ha eseguito una specie di World Strongest Slam proprio contro le protezioni del pubblico, sfondandole a SummerSlam 2011).

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mark Henry esegue la World Strongest Slam su John Cena.
Mark Henry esegue il World Strongest Splash su CM Punk.
Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]
Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]
Mark Henry esegue il running corner body avalanche su Ted DiBiase e Cody Rhodes.
Manager[modifica | modifica wikitesto]
Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]
  • "Power" di Jim Johnston (1998)
  • "Sexual Chocolate" eseguita da Stevan Swann e composta da Jim Johnston (1998–2000; 15 novembre 2010)
  • "Some Bodies Gonna Get It" dei Three 6 Mafia (21 maggio 2006–presente)
Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]
  • "The World's Strongest Man"
  • "Sexual Chocolate"
  • "The Silverback"
  • "The King of the Jungle"
  • Arazzio Chinghi Conghi
  • "The World's Strongest Champion" (usato durante il suo regno da ECW e World Heavyweight Champion)
Condotta a WrestleMania[modifica | modifica wikitesto]

Titoli, record e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Mark Henry con il World Heavyweight Championship.

Sollevamento pesi[modifica | modifica wikitesto]

  • Parte del team degli statunitense per le Olimpiadi (1992, 1996)
  • Pan American Games: medaglia d'argento (1995)
  • Detentore del record "Senior American" nelle diverse tipologie di sollevamento (1993-1997)
  • Senior National Championship (1993, 1994, 1996)

Powerlifting[modifica | modifica wikitesto]

  • Detentore del record di squat a corpo libero senza struttura di protezione: 430 Kg.[4]

Strongman[modifica | modifica wikitesto]

  • Arnold Classic Strongest Man (2002)
  • Unico uomo al mondo ad essere riuscito dopo Thomas Inch, a sollevare il manubrio di Thomas Inch[5] da 78 kg di peso (172 libbre) sopra la sua testa utilizzando esclusivamente il braccio destro per stacco da terra e sollevamento senza appoggiarlo al corpo[6].

Wrestling professionistico[modifica | modifica wikitesto]

Pro Wrestling Illustrated

World Wrestling Federation/World Wrestling Entertainment/WWE

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Profilo su WWE
  2. ^ Mark Henry, strongest man article
  3. ^ Mark Henry´s surgery highlights
  4. ^ www.powerliftingwatch.com
  5. ^ powerathlete2000.tripod.com
  6. ^ www.bodybuilding.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 58720186 LCCN: no99072600