Don Muraco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Don Muraco
Nome Donald Muraco
Ring name Don Morrow
Don Muraco
Dr.X
Magnificent M
The Magnificent Muraco The Rock
Aka Oni[1]
Nazionalità Hawaii Hawaii
Nascita Sunset Beach, Hawaii
10 settembre 1949
Altezza dichiarata 191 cm
Peso dichiarato 120 kg
Allenatore Ray Stevens
Ivan Koloff
Debutto 1970[2]
Ritiro 2006
Progetto Wrestling

Donald "Don" Muraco (Hawaii, 10 settembre 1949) è un ex wrestler e attore statunitense.

Nella WWF (oggi WWE) riuscì a vincere la WWE Intercontinental Championship e il WWF European Championship e nel 1985 raggiunse il WWE King of the Ring. Nel 2004 è entrato a far parte della WWE Hall of Fame. Nelle altre federazioni conquistò la ECW World Heavyweight Championship e nella NWA la cintura NWA World Tag Team Championship.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Wrestling in America e in Canada (1970-1981)[modifica | modifica sorgente]

Dopo vari anni di wrestling in Hawaii, nel 1967, Muraco si allenò a Vancouver e a Los Angeles prima di firmare un contratto con l'AWA. Fu uno dei favoriti dei fan e lottò in coppia in diverse occasioni con Jimmy Snuka contro Larry Hennig, Ivan Koloff e Dusty Rhodes. Nel 1973, Muraco lasciò l'AWA perché si trasferì a Minneapolis.

Nel 1974, Muraco si trasferì in Championship Wrestling from Florida (CWF), dove si costruì un nome combattendo con l'NWA World Champion Jack Brisco. Diventò famoso quando Muraco, durante un match con Brisco, si liberò dalla letale Figur 4-Lock. In realtà, Muraco perse poi quel match ma acquisì una grande fama che gli permise in futuro di diventare NWA Americas Heavyweight Champion e NWA World Tag Team Championship. Dal 1977 al 1981, Muraco militò nelle federazioni indipendenti di San Francisco, avendo anche un feud importante con Barry Windham.

World Wrestling Federation (1981-1988)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1981, Muraco fece la sua prima apparizione in World Wrestling Federation. Aiutato dal suo manager The Grand Wizard, Il 20 giugno 1981 sconfisse Pedro Morales conquistando il WWF Intercontinental Championship ma lo perse sempre contro Morales il 23 novembre in un Texas Death Match. Cominciò poi ad interessarsi al WWF Championship avendo anche un feud con Bob Backlund ma non riuscì mai a diventare campione del mondo. Nel 1982 si trasferì in Mid-Atlantic Championship Wrestling insieme a Roddy Piper con il quale lottò diverse volte in coppia, prima di ritornare in WWF l'anno dopo. Muraco riconquistò il WWF Intercontinental Championship il 22 gennaio 1983 sempre contro Pedro Morales. Ebbe anche un feud importante con Jimmy Snuka che si chiuse con la vittoria di quest'ultimo al Madison Square Garden. Quell'incontro viene considerato uno dei più importanti della storia del wrestling poiché Snuka effettuò uno dei suoi Superfly su Muraco da una gabbia alta 15 piedi. Il suo secondo regno da campione intercontinentale si chiuse l'11 febbraio 1984 per mano di Tito Santana. Muraco affrontò poi diverse volte Hulk Hogan ma non riuscì mai a vincere. Ebbe un feud con Ricky Steamboat che culminò al King Of The Ring , dove Muraco fu vittorioso diventando il primo "re del ring". Si ritirò nel 1993 dopo un breve periodo passato in ECW.

Nel wrestling[modifica | modifica sorgente]

  • Soprannome
    • "The Magnificent"
    • "The Rock"
  • Musiche d'entrata
    • Durante il periodo nel quale era uno dei "protetti" di "Superstar" Billy Graham, Muraco utilizzò come musica d'ingresso una versione strumentale del tema di Jesus Christ Superstar di Andrew Lloyd Webber.

Titoli e Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Eastern Championship Wrestling

World Wrestling Federation

Pro Wrestling Illustrated

  • 124° tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (1991)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Don Muraco profile, from The Internet Wrestling Database
  2. ^ Don Muraco's profile, from WrestlingData.com
  3. ^ Don Muraco's profile, from WrestlingData.com