Jimmy il Fenomeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jimmy il Fenomeno, pseudonimo di Luigi Origene Soffrano (Lucera, 22 aprile 1932Milano, 6 agosto 2018), è stato un attore italiano.

Attore caratterista, non ha mai ricoperto ruoli da protagonista: è ricordato per il viso dall'espressione inconfondibile, lo sguardo strabico, la parlata dialettale e la sconclusionata risata.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

«Ho girato le città e il mondo intero, una faccia da fesso come la tua non l'avevo mai vista»

(Totò a Jimmy il fenomeno durante la lavorazione di Gambe d'oro.[1])

Il suo esordio nel cinema risale al 1957, quando l'attore dei fotoromanzi Rosario Borrelli lo porta a fare un provino alla Titanus con altri aspiranti attori del foggiano. Viene ingaggiato di lì a venti giorni per il film di Totò Gambe d'oro con un compenso di 25.000 lire. Il nome d'arte Jimmy il Fenomeno gli viene suggerito dalla produttrice Vania Protti, prima moglie di Teddy Reno, quando viene ingaggiato per il musicarello Io bacio... tu baci.[1]

In quasi cinquant'anni di carriera, grazie anche alla sua fama di portafortuna,[2][1] ha partecipato a oltre 150 film, partendo da quelli interpretati da Totò e Aldo Fabrizi per arrivare alla commedia sexy all'italiana degli anni settanta: in essi ha ricoperto molteplici ruoli, che vanno dal postino alla suora, dall'erotomane al bidello.

Negli anni ottanta sbarca in televisione, partecipando al fortunato programma Drive In di Antonio Ricci, come spalla di Ezio Greggio. Nello stesso periodo si afferma come portafortuna anche nel mondo del calcio, e spesso lo si trovava in Lega o al mercato accanto ai dirigenti, diventandone la mascotte e firmando autografi.[3][4]

A metà degli anni novanta si trasferisce da Roma a Milano: in seguito sopraggiungono problemi di salute che compromettono la sua capacità di camminare, cosicché è costretto a muoversi su una sedia a rotelle. Abbandonata l'attività professionale, dal 2003 è ospite presso la residenza per anziani Casa per coniugi nel quartiere Corvetto di Milano.[5], dove muore il 6 agosto 2018 ad 86 anni[6], dopo aver tentato senza successo otto anni prima di ricevere il sussidio previsto dalla Legge Bacchelli, avviando una raccolta fondi via Facebook con l'assistenza del fratello Mario e di un amico. [7][6].

Dopo le esequie, caratterizzate dall’assenza degli attori ancora in vita che avevano lavorato con lui[8], è stato sepolto nel vicino cimitero di Chiaravalle[9].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Intervista rilasciata al programma "Una faccia una razza" di Cine Movie, condotto da Steve Della Casa nel 2002
  2. ^ cinema.fanpage.it, cinema.fanpage.it. URL consultato il 10 settembre 2018.
  3. ^ ADDIO A JIMMY IL FENOMENO, POPOLARE CARATTERISTA DELLA COMMEDIA ITALIANA, film.it. URL consultato il 10 settembre 2018.
  4. ^ Morto Jimmy il Fenomeno, caratterista e comico con più di 150 film in carriera, tvzap.kataweb.it. URL consultato il 10 settembre 2018.
  5. ^ Jimmy il Fenomeno caduto in disgrazia lancia appello ai fan e chiede la Bacchelli, adnkronos.com, 12 agosto 2010.
  6. ^ a b Addio a Jimmy il Fenomeno: morto a 86 anni il noto caratterista di tanti film comici, in www.comingsoon.it, 7 agosto 2018. URL consultato il 7 agosto 2018.
  7. ^ Adnkronos, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 15 agosto 2018.
  8. ^ JIMMY IL FENOMENO È MORTO/ Stamattina i funerali di Luigi Origene Soffrano con grandi assenze: 'Dimenticato', in Il Sussidiario.net. URL consultato il 15 agosto 2018.
  9. ^ Comune di Milano, applicazione di ricerca defunti '”Not2 4get”.