Stefano Salvati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stefano Salvati fotografato durante le riprese di un film

Stefano Salvati (Bologna, 21 gennaio 1968) è un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Stefano Salvati nasce a Bologna, in Italia, il 21 gennaio del 1968. Inizia l'attività professionale di realizzazione di videoclip a vent'anni, dopo aver fondato la casa di produzione Videoshow.

Salvati inizia a girare i primi videoclip nel 1987 con autori come Zucchero e Venditti realizzando opere come “Con le mani” e “Ricordati di me”. Successivamente collabora con altri grandi autori come Litfiba, Gino Paoli e Teresa De Sio. Nel 1987 arriva dirige il suo primo film, Videonovela degli Skiantos. Nel 1988 con un breve film sul nuovo album Liberi Liberi”inizia la collaborazione tra Stefano Salvati e Vasco Rossi. Nel 1989 dirige il primo film sulla nazionale cantanti di calcio[1]. Alla fine degli anni ‘80 iniziano i progetti su scala internazionale; continuando la collaborazione con Zucchero, Salvati cura il concerto Live at the Kremlin, e sempre per lo stesso artista gira Dune Mosse[2] con Miles Davis e Something Strong con la co-regia di Tinto Brass.[3]

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 Stefano Salvati dirige il videoclip "Alta Marea" di Antonello Venditti[4]. Ha lavorato come autore nel 1992 all'ultimo progetto di Federico Fellini, rimasto incompiuto per la morte del regista riminese. Ha lavorato in varie rappresentazioni teatrali di opere liriche come Il barbiere di Siviglia e Pagliacci. Con Andrea Bocelli ha lavorato nel Werther di Jules Massenet. Salvati collabora con Sting curando la regia di due videoclip nel 1998: Fields of Gold [5]e Freak the mighty.[6]

Con Carlo Lucarelli ha scritto cinque sceneggiature di film e oltre un centinaio di soggetti per videoclip. Nel 1998 ha realizzato Jolly blu, il film degli 883, per il mercato home video.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 ha diretto il movie clip È solo un rock'n'roll show con Vasco Rossi, che mescola il cinema al videoclip. Nel 2008 scrive il libro Albakiara, da cui è stato tratto il suo primo film per il cinema.[7]

Nel 2009 Stefano Salvati dirige per Vasco Rossi Ad ogni costo.[8]

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 è l’ideatore dello spettacolo de L’altra metà del cielo e collabora con Vasco Rossi nella scrittura della drammaturgia dello stesso spettacolo.

Dal 2012 al 2013 è manager di Vasco Rossi per tutto il mondo.

Nel 2016 idea e scrive il musical internazionale The Singer, basato sulla vita di Enrico Caruso. Nello stesso anno produce insieme a Raffaella Tommasi il “MOSAIC MUSIC VIDEO AWARDS”.

Nello stesso anno, con Daimon film realizza IMAGinACTION, la prima edizione del Festival Internazionale del Videoclip, a Cesena.

Nel 2018 è organizzatore del Comacchio Beach Festival e della Notte Oro Spring a Ravenna. Si conferma co-produttore e direttore artistico di IMAGinACTION 2018.

Nel 2019 dirige il videoclip La vetrina di Renato Zero e L'avvelenata di Guccini. Produce vari eventi culturali e musicali tra cui il Comacchio Beach Festival.

Come direttore artistico di IMAGinACTION, e in risposta alla situazione pandemica, progetta per l'occasione il più grande Drive-in d'Europa[9].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip (come regista)[modifica | modifica wikitesto]

1987[modifica | modifica wikitesto]

1988[modifica | modifica wikitesto]

1989[modifica | modifica wikitesto]

1990[modifica | modifica wikitesto]

1991[modifica | modifica wikitesto]

1992[modifica | modifica wikitesto]

1993[modifica | modifica wikitesto]

1994[modifica | modifica wikitesto]

1995[modifica | modifica wikitesto]

1996[modifica | modifica wikitesto]

1997[modifica | modifica wikitesto]

1998[modifica | modifica wikitesto]

1999[modifica | modifica wikitesto]

2000[modifica | modifica wikitesto]

2001[modifica | modifica wikitesto]

2002[modifica | modifica wikitesto]

2003[modifica | modifica wikitesto]

2004[modifica | modifica wikitesto]

2005[modifica | modifica wikitesto]

2006[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

2015[modifica | modifica wikitesto]

2017[modifica | modifica wikitesto]

2018[modifica | modifica wikitesto]

2019[modifica | modifica wikitesto]

2020[modifica | modifica wikitesto]

2021[modifica | modifica wikitesto]

???[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip (come produttore)[modifica | modifica wikitesto]

Spot pubblicitari[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • L.A. Italia Filmfest - Los Angeles 2007 - Film Italiano più innovativo degli ultimi 30 anni per "È solo un rock'n'roll show" di Vasco Rossi con Franco Nero.
  • PVI - Milano 2005 - Premio - Miglior DVD Musicale dell'anno per "È solo un rock'n'roll show" di Vasco Rossi.
  • AD Spot Award Milano 1997 - Premio Effetti Speciali per "Va' pensiero" di Zucchero.
  • Area Clip 1993- Premio Miglior videoclip "Il pelo nell'uovo" di Zucchero.
  • Area Clip 1992 - Premio Miglior Regia per "Gli spari sopra" di Vasco Rossi.
  • Area Clip 1991 - Miglior regia per "Heroes" di Billy Preston, e Miglior Video Live per "Malinconoia" di Marco Masini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]