Dindondio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dindondio
ArtistaZucchero Fornaciari
Tipo albumSingolo
Pubblicazione25 gennaio 2002
Album di provenienzaShake
GenereBlues
Rock
Pop
EtichettaUniversal
FormatiCD singolo, CD Maxi
Zucchero Fornaciari - cronologia
Singolo precedente
(2001)
Singolo successivo
(2002)

Dindondio è un singolo del cantante italiano Zucchero Fornaciari pubblicato il 25 gennaio 2002 per il mercato radiofonico e il 15 febbraio 2002 come CD singolo dalla Universal.[1]

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

È il terzo singolo estratto dall'album Shake. Di particolare interesse il fatto che il CD nel quale Dindondio è stato pubblicato, contiene la cover di Ho visto Nina volare, eseguita da Zucchero durante il concerto-tributo reso al cantautore genovese Fabrizio De André il 12 marzo 2000, poi incluso nel doppio album Faber, amico fragile del 2003.[2].

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

In occasione del lancio come singolo, è stato realizzato il videoclip del brano, che inscena l'organizzazione della registrazione del clip stesso da parte di Zucchero e della troupe.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD singolo[modifica | modifica wikitesto]

  • COD: Universal 5002 718
  1. Dindondio (Radio Edit) – 4:04 (testo: Zucchero, Pasquale Panella)
  • COD: Universal 570 882-2
  1. Dindondio – 4:34 (testo: Zucchero, Pasquale Panella)
  2. Senza rimorso – 4:36 (testo: Zucchero, Alberto Salerno)

CD Maxi[modifica | modifica wikitesto]

  • COD: Universal 570 628-2
  1. Dindondio (Radio Edit) – 4:34 (testo: Zucchero, Pasquale Panella)
  2. Ho visto Nina volare (Live at Faber, amico fragile) – 4:34 (Fabrizio De André, Ivano Fossati)
  3. Senza rimorso – 4:36 (testo: Zucchero, Alberto Salerno)
  4. Un'orgia di anime perse – 3:45

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2002) Posizione
massima
Italia[3] 31
Belgio (Vallonia)[4] 16

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zucchero – Dindondio, su discogs.com. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  2. ^ Giuseppe Videtti, Dori Ghezzi: una canzone del mio Faber per Zucchero, in la Repubblica, 21 gennaio 2002. URL consultato l'11 aprile 2019.
  3. ^ Zucchero - Dindondio, Italian charts. URL consultato il 15 agosto 2019.
  4. ^ Zucchero - Dindondio, Ultratop.be/fr. URL consultato il 15 agosto 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock