Pierino il fichissimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pierino il fichissimo
Pierino il fichissimo 1.JPG
Una delle poche scene comiche, con Arturo (Diego Cappuccio) e la sua neo moglie (Alessandra Canale)
Titolo originalePierino il fichissimo
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1981
Durata91 min
Generecomico
RegiaAlessandro Metz
SoggettoAlessandro Metz, Dardano Sacchetti
SceneggiaturaAlessandro Metz, Dardano Sacchetti
Casa di produzioneInternational Apollo
Distribuzione (Italia)Martino
FotografiaMaurizio Maggi
MontaggioVincenzo Tomassi
MusicheStelvio Cipriani
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

« Siamo già alle imitazioni di Pierino di Alvaro Vitali... »

(Tullio Kezich su la Repubblica)

Pierino il fichissimo è una pellicola del 1981 diretto da Alessandro Metz, facente parte del filone dei film barzelletta in voga in quell'anno, il primo "apocrifo" della serie Pierino, ovvero non interpretato da Alvaro Vitali.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'esile intreccio fa da contenitore alle arcinote marachelle di un Pierino fin tanto cresciuto, ovvero la vendita di una vecchia osteria a degli improbabili sceicchi arabi, intento che sfuma sgradevolmente nel finale. Fanno da contorno un carabiniere, protagonista e vittima delle famosissime barzellette sull'Arma, ed una svenevole e procace fidanzata, interpretata da una Alessandra Canale poi divenuta annunciatrice RAI.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]