Felicity Smoak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Felicity Smoak
UniversoArrow
Alter ego
  • "Overwatch" (hacker)
AutoreGreg Berlanti
Andrew Kreisberg
Marc Guggenheim
1ª app. inIl killer solitario
Interpretato daEmily Bett Rickards
Voce italianaPaola Majano
Specieumana
Sessofemminile
Data di nascita1989
ProfessioneAmministratore delegato della Palmer Technologies Impiegata della Queen Consolidated (st. 1-2)
Assistente esecutiva di Oliver Queen (st. 2)
Impiegata del Tech Village (st. 3)
Vice-presidente della Palmer Technologies (st. 3)
Affiliazione
  • Team Arrow

«Un mio caro amico mi ha detto che se combatti il fuoco con il fuoco rischi di bruciarti, ma poi un altro amico, ha superato una situazione terrificante stasera, perché aveva bravi rinforzi ... un team»

(Felicity Smoak ad Alena[1])

Felicity Megan Smoak è un personaggio immaginario, tra i protagonisti della serie televisiva statunitense Arrow. Il personaggio è ispirato ai fumetti della DC Comics, da cui però differisce notevolmente[2]. È interpretata da Emily Bett Rickards.

Felicity è una nerd, molto intelligente ed esperta di computer. All'inizio della serie lavora come informatica nel reparto di scienze applicate della Queen Consolidated, sotto la direzione di Walter Steele. È qui che incontra per la prima volta Oliver Queen, il quale si rivolge a lei per recuperare dei file da un computer. In seguito Oliver decide di rivelarle il suo segreto e di coinvolgere anche lei, oltre a John Diggle, nella sua crociata. Inizialmente Felicity accetta per aiutare il suo capo Walter, che è stato misteriosamente rapito, ma in seguito diventa un membro permanente del Team Arrow. Inizialmente intesa come semplice comparsa, in breve tempo Felicity diventa uno dei personaggi principali dello show, maggior supporto del team Arrow nonché la persona più importante della vita di Oliver, con il quale si sposerà nella sesta stagione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Felicity nasce nel 1989 da una famiglia di origini ebree. Suo padre l'abbandona quando è ancora molto piccola, lasciandola sola con la madre Donna, la quale lavora duramente come cameriera per poterla crescere e farla studiare. Fin da bambina Felicity mostra una spiccata intelligenza e un forte interesse per i computer, tanto che si dimostra in grado di costruirli. All'età di soli 19 anni si classifica seconda in una competizione nazionale di tecnologia informatica. Le forti differenze di personalità tra Felicity e Donna rendono il loro rapporto difficile, soprattutto perché Felicity teme di finire come sua madre a fare la cameriera, senza poter sfruttare le sue potenzialità. In seguito inizia a frequentare l'M.I.T. (Massachusetts Institute of Technology), dove si laurea nel 2009 con il massimo dei voti. Durante gli anni al college inizia a frequentare il suo collega Cooper Seldon, e insieme a lui e al compagno di stanza di quest'ultimo, Myron Forest, costruisce un super virus con l'obiettivo che questo venga utilizzato per nobili cause, come catturare criminali o scovare delle frodi ai danni del governo. Cooper però decide di utilizzare il virus per infiltrarsi nel sistema dell'università ed annullare tutti i debiti contratti dagli studenti. Felicity decide di fermarlo e Cooper viene arrestato, prendendosi tutta la colpa di quanto accaduto e scagionando la ragazza. In seguito, prima di essere condannato, si suicida in prigione (si scoprirà che si era trattato solo di una messinscena per evadere). Felicity si tinge i capelli, divenendo bionda, e decide di lasciarsi completamente alle spalle la vita da hacker. Successivamente si trasferisce a Starling City e inizia a lavorare alla Queen Consolidated.

L'incontro con Oliver Queen[modifica | modifica wikitesto]

Felicity lavora nel reparto di scienze applicate della Queen Consolidated, quando Oliver Queen si rivolge a lei per recuperare dei file da un computer, raccontandole che vi ha rovesciato sopra del caffè, mentre Felicity sottolinea che sembra piuttosto essere stato colpito da dei proiettili. In realtà il loro primo incontro, seppur inconsapevole per Felicity, era avvenuto qualche anno prima, quando Oliver, ancora creduto morto, era tornato di nascosto a Starling City e si era introdotto alla Queen Consolidated. Qui aveva sorpreso Felicity a balbettare con una sua foto, mentre lei diceva che era "carino". Oliver si rivolge diverse volte a Felicity per risolvere problemi con i computer, fino a quando una sera, zoppo e sanguinante dopo essere stato colpito con un proiettile da sua madre, s'introduce nell'auto della ragazza e le rivela la sua identità. Felicity inizia così ad essere parte della missione di Oliver. È lei a coniare il termine Team Arrow, per indicare se stessa, Oliver e Diggle. Fin da subito Felicity mostra di essere attratta da Oliver, tanto da fissarlo mentre lui fa esercizi a petto nudo e da preoccuparsi continuamente per lui. Anche Oliver sviluppa dei sentimenti per la ragazza, ma nella seconda stagione, quando lei gli rimprovera di essere andato a letto con Isabel Rochev, mostrandosi gelosa, lui afferma di non volere una relazione con qualcuno di cui potrebbe innamorarsi davvero per via della vita pericolosa che conduce. Nell'episodio finale della seconda stagione Oliver e Felicity organizzano un piano per deviare Slade Wilson, che ha rapito Laurel volendo uccidere la donna amata da Oliver. Sapendo che Slade è in ascolto, Oliver dice a Felicity che in realtà è lei la donna che ama. In seguito la ragazza gli confessa di aver davvero creduto a quell'affermazione per un istante, e i due si scambiano uno sguardo che fa intuire che entrambi provano dei sentimenti l'uno per l'altra. All'inizio della terza stagione, Oliver sembra considerare l'ipotesi di concedersi una vita privata e chiede a Felicity un appuntamento. Durante la cena in un ristorante italiano però i due vengono attaccati, e questo induce Oliver a convincersi di non poter essere se stesso e Arrow contemporaneamente, così, pur dicendo a Felicity di amarla, la respinge. Felicity cerca allora di andare avanti con la propria vita, iniziando una relazione con il suo nuovo capo Ray Palmer, che tuttavia non dura a lungo poiché entrambi si rendono conto che Felicity ama Oliver. La ragazza segue Oliver a Nanda Parbat, dove lui sta per unirsi alla Lega degli Assassini, e qui gli confessa di essere innamorata di lui e i due fanno l'amore per la prima volta. Dopo aver sconfitto Ra's al Ghul, Oliver decide di abbandonare la vita da vigilante e chiede a Felicity di trasferirsi insieme a lui in un'altra città lontano da Starling City.

Stagioni[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Felicity Smoak lavora alla Queen Consolidated come informatica. Il suo capo è Walter Steele, amministratore delegato della compagnia. Oliver Queen si rivolge a lei per recuperare dei file dai computer, per ottenere informazioni sui casi di cui si occupa o per scoprire quando e da chi una determinata arma è stata acquistata e risalire a degli indirizzi. Oliver racconta a Felicity delle ridicole storie di copertura ma è evidente fin dall'inizio che lei non gli crede affatto, scegliendo tuttavia di aiutarlo lo stesso. Walter incarica Felicity di indagare su un ammanco di diversi milioni di dollari dal bilancio dell'azienda e la ragazza scopre l'esistenza di una società segreta, la Tempest, riconducibile a Moira Queen. Anni prima la Tempest aveva acquisito un capannone, all'interno del quale Walter trova i resti del Queen's Gambit, lo yacht su cui Oliver e suo padre Robert si trovavano al momento del nubifragio. Felicity continua ad indagare sul caso e comincia a trovare indizi che conducono all'Undertaking, il diabolico piano di Malcom Merlyn per radere al suolo The Glades. Walter consegna a Felicity un'agenda dalle pagine vuote (e con uno strano simbolo raffigurato) che ha trovato a casa di Moira, e la ragazza inventa un oggetto tecnologico in grado di leggere le pagine apparentemente bianche: si tratta in realtà di una lista di nomi. Quando Walter viene rapito (per essersi avvicinato troppo alla verità sull'Undertaking), Felicity consegna la lista a Oliver, che rimane piuttosto sbalordito (si tratta della stessa lista che lui usa per portare avanti la sua missione). Felicity dice a Oliver che, pur sapendo che lui le ha raccontato un sacco di bugie, sente di potersi fidare di lui. Una sera, Felicity raggiunge la propria auto e vi trova dentro "l'incappucciato", che si rivela essere Oliver. Felicity ammette che ora molte cose su di lui le sono più chiare. Oliver è appena stato colpito con un colpo di pistola da sua madre Moira (che in realtà pensava di avere davanti solo "l'incappucciato" e non suo figlio), così chiede a Felicity di accompagnarlo nel suo covo. Qui Felicity incontra John Diggle e i due curano Oliver. Appena ripresosi, quest'ultimo chiede a Felicity di aiutarlo nella sua missione, e lei accetta solo temporaneamente con l'obiettivo di scoprire la verità sul rapimento del suo capo Walter Steele, nei confronti del quale si sente riconoscente. All'inizio Felicity mostra di avere dei dubbi sui metodi utilizzati da Oliver, come quello di torturare o addirittura di uccidere, tanto che decide di andarsene. Oliver e Diggle allora vanno da lei per convincerla a tornare e dimostrarle gli effetti positivi di ciò che fanno. Successivamente Felicity viene attaccata da Helena Bertinelli, che la costringe ad infiltrarsi nel sistema della polizia per scoprire dove suo padre Frank, che lei intende uccidere, è detenuto. Negli ultimi episodi della prima stagione, Felicity cerca di mediare tra Oliver e Diggle, che hanno litigato (tanto che l'ex soldato ha deciso di lasciare il team), senza grossi risultati. Felicity allora deve aiutare Oliver sul campo per la prima volta. I due scoprono che il proprietario di un casinò è collegato al rapimento di Walter e lo interrogano per farsi dire dove quest'ultimo è tenuto prigioniero, solo per venire a sapere che è stato ucciso. In realtà poco dopo Oliver ascolta una conversazione tra sua madre Moira e Malcom Merlyn, così Felicity riesce a risalire alla prigione di Walter, che viene liberato dal giustiziere. L'obiettivo iniziale di Felicity è raggiunto, ma lei decide comunque di restare nel Team Arrow. La polizia scopre che Felicity si è infiltrata nel sistema della Merlyn Global, così il detective Lance la convoca per interrogarla e la accusa di collaborare con il giustiziere. Felicity si rifiuta di rivelare l'identità dell'incappucciato e definisce quest'ultimo, invece che un assassino, un eroe pronto a sacrificare se stesso per il bene della città. Una volta scoperto il piano di Malcom di radere al suolo The Glades attraverso l'utilizzo di un congegno elettronico, Felicity individua dove questo si trova e guida il detective Lance nella disattivazione, tutto questo mentre Oliver e Diggle sono impegnati a combattere Malcom. Poco dopo però Oliver dice a Felicity che Malcom aveva piazzato un secondo congegno, ma ormai è troppo tardi: The Glades sta per essere distrutta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Felicity Smoak, su arrow.wikia.com. Arrowverse Wiki
  2. ^ Felicity Smoak Canon Overview, su fanlore.org.Fanlore.org