Flash (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la serie televisiva del 2014, vedi The Flash (serie televisiva).
Flash
PDVD 002.JPG
Immagine che compare all'inizio del primo episodio
Titolo originale The Flash
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1990-1991
Formato serie TV
Genere azione, supereroi
Stagioni 1 Modifica su Wikidata
Episodi 22 Modifica su Wikidata
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Rapporto 4:3
Crediti
Ideatore
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore Gail Morgan Hickman
Casa di produzione Warner Bros
Prima visione
Prima TV originale
Dal 20 settembre 1990
Al 18 maggio 1991
Rete televisiva CBS
Prima TV in italiano
Dal 14 marzo 1992
Al 30 maggio 1992
Rete televisiva Italia 1

Flash (The Flash) è una serie televisiva della CBS, ispirata dall'omonimo fumetto della DC Comics. Ne andò in onda soltanto una stagione composta da 22 episodi, dal 1990 al 1991, perché negli Stati Uniti avevano ricevuto un ascolto maggiore I Simpson e le partite di basket della NBA. In Italia la serie andò in onda in prima visione su Italia 1 nella primavera del 1992: ogni sabato in prima serata dal 14 marzo al 30 maggio[1]. Il primo episodio fu seguito da oltre 4 milioni di spettatori.

Gli ideatori della serie furono Danny Bilson e Paul De Meo. Il compositore Danny Elfman, a quell'epoca reduce dai successi di Batman e del suo sequel Batman - Il ritorno, si occupò delle musiche della sigla,[2][3][4] e la compositrice Shirley Walker delle musiche di sottofondo. Alcuni episodi sono stati sceneggiati da due noti autori di fumetti, Howard Chaykin e Gardner Fox.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Protagonista della serie è Barry Allen (John Wesley Shipp), ricercatore della polizia scientifica di Central City.

Dopo il violento contatto con un fulmine ed alcune sostanze chimiche, diventa in grado di muoversi ad altissima velocità. In seguito all'assassinio di suo fratello Jay da parte di Nicholas Pike (Michael Nader), gangster ed ex poliziotto, decide di sfruttare a fin di bene i suoi nuovi poteri: così assume l'identità supereroica di Flash, per vendicare il fratello e per amore della giustizia.

A conoscere il segreto di Barry sono Christina McGee (Amanda Pays), ricercatrice degli S.T.A.R. Labs (abbreviazione di Science and Technology Advanced Research Laboratories), l'investigatrice Megan Lockhart (Joyce Hyser) e il dottor Desmond Powell, più noto come "Ombra della Notte" (Jason Bernard). Da contrappunto comico alla serie fanno Julio Mendez (Alex Désert), collega di Barry Allen, e i due poliziotti Murphy (Biff Manard) e Bellows (Vito D'Ambrosio).

L'avversario più pericoloso di Flash, alter ego di Barry, è il pazzoide Trickster (Mark Hamill, già Luke Skywalker nella saga di Guerre stellari), che appare in due episodi, Il trasformista e Il lavaggio del cervello. Tra gli avversari sono da ricordare Nicholas Pike e un clone di Flash, chiamato Polluce (che compare nell'episodio Il superuomo), con un costume simile a quello rosso del vero Flash ma differente nel colore blu e nello stemma stampato.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nei commenti audio realizzati in occasione dell'uscita in DVD della serie, Danny Bilson e Paul De Meo hanno rivelato che nel caso di una seconda stagione per il serial, avevano pensato per la premiere season di far coalizzare Capitan Cold, Mirror Master e Trickster contro Flash.
  • In origine il personaggio di Flash/Barry Allen doveva essere interpretato da Richard Burgi, poi ingaggiato nel ruolo di un filantropo nell'episodio L'ombra della notte.
  • Col nome inglese di Prank ("scherzo, burla") si indicano due personaggi della serie legati al Trickster, principale nemico del supereroe.
  • Il primo è l'alter ego involontario di Megan Lockhart, la detective che conosce l'identità segreta di Flash e che nel tredicesimo episodio della serie, nel tentativo di far catturare il criminale psicopatico James Jesse (vero nome di Trickster) ne diventa ostaggio e vittima dei suoi trucchi, simili a quelli di Joker.
  • Il secondo è la complice vera e propria di Trickster, nella vita reale la venditrice di giocattoli Zoey Clark (Corinne Bohrer), che nell'ultimo episodio del telefilm lo aiuta ad evadere e a tentare invano di rendere Flash loro complice.
  • Nel tredicesimo episodio Trickster mostra una statua di Flash con in testa l'elmo del primo Flash, Jay Garrick.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni episodi di Flash furono riediti in VHS sotto forma di lungometraggi:

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

Prima di essere trasmesso in televisione, l'episodio pilota della serie venne distribuito in versione VHS, con un doppiaggio differente. Roberto Pedicini era la voce di Barry Allen/Flash, mentre Laura Boccanera doppiava Christina McGee. La stessa la ridoppierà nella serie del 2014.

La serie in DVD[modifica | modifica wikitesto]

Raccolta in un unico cofanetto con 4 DVD registrati a doppio strato. Dura circa 1040 minuti (mediamente un episodio 45 minuti) e contiene tutti i 22 episodi.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 22 1990-1991 1992

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ pag.18 de l'Unità del 30/5/1992, vd. Archivio Storico Unità [1].
  2. ^ 1990 Pilot Closing Theme
  3. ^ 1990 Live Action Theme - RA
  4. ^ 1990 Live Action Theme - MP3

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN117144647690908344734 · LCCN: (ENn2012064164
DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics