Gaio Vibio Treboniano Gallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Treboniano Gallo
Statua di Treboniano (Metropolitan Museum of Art di New York)
Statua di Treboniano (Metropolitan Museum of Art di New York)
Augusto dell'Impero romano
In carica 251 (con Ostiliano[1])
251-253 (con Volusiano[1])
Predecessore Decio
Erennio Etrusco
Successore Emiliano
Nome completo Gaius Vibius Trebonianus Gallus
Nascita Perugia, 206
Morte Terni, agosto 253
Consorte Afinia Gemina Bebiana
Figli Volusiano
Vibia Galla

Gaio Vibio Treboniano Gallo (latino: Gaius Vibius Trebonianus Gallus; Perugia, 206Terni, agosto 253) fu imperatore romano dal 251 al 253 insieme al figlio Volusiano, che associò al trono ed al figlio di Decio, Ostiliano[2][3].

Il suo regno fu caratterizzato da una lunga serie di disastri, come la peste che colpì l'Impero romano per anni,[3][4][1] le incursioni delle popolazioni barbare oltre i confini dell'impero e la perdita (secondo alcune fonti avvenuta durante il suo regno) della Siria in favore dei Sasanidi ed il saccheggio di Antiochia.[5]

Uomo di indubbie qualità amministrative e militari, il suo programma fu impresso nella dicitura delle monete che fece battere: Pax aeterna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Treboniano era nato a Monte Vibiano Vecchio (Perugia) da una famiglia di rango senatoriale, i Vibii, pare d'origine etrusca; tra i suoi antenati vi era un Vibio Veldumniano (205 circa, ILS 6616), mentre era forse parente di Giunio Veldumniano, console del 272.[6] Sposò Afinia Gemina Bebiana, da cui ebbe due figli: Volusiano, che associò al trono,[2] e Vibia Galla.

La sua carriera precedente all'ascensione al trono era stata il normale cursus honorum con molti incarichi sia politici che militari. Dopo essere stato console nel 250, fu nominato governatore della provincia della Mesia, un incarico che dimostrava la fiducia che l'imperatore Decio riponeva in lui. In quella provincia si rivelò una figura chiave nel respingere le frequenti invasioni dei Goti sul Danubio e divenne molto popolare nell'esercito: durante la campagna di Decio, Treboniano difese con successo la città.

Ascesa al trono[modifica | modifica wikitesto]

Statua di Treboniano Gallo al Metropolitan Museum of Art di New York. La statua, alta 2,41 m, è l'unico esempio di bronzo romano del III secolo in stato di conservazione quasi perfetto. La statua fu scoperta presso la basilica di San Giovanni in Laterano all'inizio del XIX secolo.[7]

Il 1º luglio 251, gli imperatori Decio ed Erennio Etrusco morirono nella battaglia di Abrittus per mano dei Goti; Treboniano fu allora acclamato imperatore dai soldati sul campo di battaglia. Alcune fonti affermano che Gallo ritardò volontariamente i rinforzi per causare la morte di Decio, o che fosse in qualche modo d'accordo con i Goti.[8]

Appena salito al trono fu tuttavia costretto a stipulare con i Goti una pace che concedeva loro il bottino e i prigionieri ottenuti con le incursioni (in particolare quella a Filippopoli) e che prevedeva anche un versamento annuo d'oro da parte dei Romani;[9] ottenuta la pace a termini poco onorevoli, Treboniano fu libero di tornare a Roma.[10] Qui si trovava l'altro figlio di Decio, Ostiliano, che era troppo giovane per seguire il padre in battaglia e che era cesare; assieme a questi si trovava pure l'augusta Erennia Cupressenia Etruscilla, moglie di Decio. Treboniano decise di adottare Ostiliano[3] e di adottarlo ed elevarlo a co-augusto[10][1] e, contemporaneamente, di elevare il proprio figlio naturale a cesare.[2]

Politica interna[modifica | modifica wikitesto]

All'epoca dell'arrivo di Treboniano, Roma era stata colpita dalla peste, nella quale sembra morì anche Ostiliano.[11] Zosimo invece insinua che Ostiliano fu eliminato da Treboniano per timore della rivolta.[12] In seguito a questi eventi, elevò al rango di co-augusto il figlio Volusiano. Di fronte all'emergenza della peste,[4] Treboniano agì con decisione: ordinò che lo Stato si incaricasse di fornire un funerale e una sepoltura appropriati a tutti coloro che erano troppo poveri per permetterselo, e ottenne in questo modo il favore popolare.

« Non meno della guerra, scoppiata ovunque, anche la peste si diffuse in città e villaggi, eliminando quanti erano scampati [alla guerra], e generando una tale moria di uomini quale mai era accaduto in precedenza. »
(Zosimo, Storia nuova, I, 26.2.)

Per il resto, non si dimostrò all'altezza del compito, non riuscendo ad affrontare con energia i problemi che si trovò davanti, sia interni che esterni.[13] In particolare non ostacolò le scorrerie di Goti,[13] Borani, Carpi e Urgundi[14] che tra il 252 e il 253 compirono saccheggi fino a Pessinunte ed Efeso.[15]

Le fonti cristiane parlano di una persecuzione dei cristiani ad opera di Treboniano; in realtà, l'unico evento attestato anche da altre fonti è l'arresto e l'incarcerazione di papa Cornelio nel 252.[16]

Politica estera[modifica | modifica wikitesto]

Il cosiddetto ritratto di Treboniano Gallo di Firenze

La situazione in oriente precipitò: probabilmente a causa di una disputa per il controllo dell'Armenia, da sempre oggetto di contesa tra l'Impero romano e i Sasanidi, Sapore I risalì l'Eufrate e nel 252 sconfisse l'esercito romano nella battaglia di Barbalissos, invadendo e conquistando gran parte della provincia di Siria,[17][5] compresa la stessa capitale Antiochia (fine del 252-inizi del 253).[5]

« [...] intanto i Persiani attaccavano l'Asia, occupando la Mesopotamia ed avanzando fino in Siria, addirittura ad Antiochia, che conquistarono, metropoli di tutto l'Oriente romano. E dopo aver ucciso una parte della popolazione e portato via come prigionieri l'altra parte, tornarono in patria con un immenso bottino, dopo aver distrutto tutti gli edifici della città, sia pubblici che privati, senza incontrare alcuna seria resistenza. I Persiani senza dubbio avrebbero conquistato tutta l'Asia con facilità se, felici per la ricca preda conquistata, non avessero ritenuto di portarlo in patria salvo con soddisfazione. »
(Zosimo, Storia nuova, I, 27.2)
« [...] l'insolenza dei Persiani che bruciarono ogni cosa stesse in piedi. »
(Libanio, Oratio XV, 16.)
« Ecco ciò che accadde ad Antiochia, quando la città era perfettamente tranquilla. Un attore comico stava compiendo una rappresentazione con sua moglie, rappresentando la vita di tutti i giorni, mentre gli spettatori ne erano deliziati e la moglie aveva esclamato: "Sto sognando o ci sono qui i Persiani?" Il pubblico immediatamente si voltò e fuggì in ogni direzione nel tentativo di evitare le frecce che erano state riversate su di loro. La città fu bruciata ed un numero di suoi cittadini fu ucciso, come chi, come succede in tempo di pace, era a passeggio con noncuranza, e tutti i luoghi del quartiere furono bruciati e devastati. »
(Ammiano Marcellino, Storie, XXIII, 5.3.)

Malgrado questa grave perdita, Gallo non organizzò alcuna controffensiva contro i Sasanidi. Farattanto, sul Danubio le tribù gote continuarono le loro incursioni fino a saccheggiare i territori romani della Cappadocia, giungendo sotto mura di Pessinunte ed Efeso.[15] Il nuovo governatore della Mesia Superiore[3] (Pannonia secondo Zosimo[15]), Marco Emilio Emiliano, si rifiutò di pagare il tributo dovuto, interpretando in questo il malcontento dell'esercito, contrariato dalla pace frettolosamente stipulata. I Goti reagirono attaccando il basso Danubio, ma Emiliano li intercettò[15] e li sconfisse sonoramente: l'esercito lo acclamò allora imperatore[18][19] (forse anche perché corrotto da una distribuzione di denaro dello stesso).[20]

Caduta[modifica | modifica wikitesto]

Gaio Vibio Treboniano Gallo

Emiliano raccolse le truppe danubiane e marciò sull'Italia pronto a combattere per il trono.[18] Treboniano prese con sé Volusiano e le truppe a disposizione e si mise in marcia verso nord; contemporaneamente ordinò a Publio Licinio Valeriano di prendere le legioni poste a protezione della frontiera del Reno e portargliele.[21]

Treboniano e Volusiano marciarono verso nord molto lentamente, forse intendendo rinviare il più possibile il momento dello scontro in attesa dei rinforzi (che non sarebbero mai giunti): ad agosto erano giunti appena a Interamna, dove avvenne lo scontro.[3] Emiliano risultò vittorioso,[22] e Treboniano e Volusiano fuggirono con pochi seguaci, le loro guardie,[23] fino a Forum Flaminii, dove però furono uccisi dai loro soldati,[21] i quali tornarono da Emiliano per ricevere una ricompensa.[24] Treboniano aveva 47 anni e aveva regnato per due.[3]

Il mese successivo Emiliano uscì da Roma per scontrarsi con Valeriano, finalmente giunto con le legioni settentrionali; lo scontro sarebbe dovuto avvenire vicino Spoleto, ma i soldati di Emiliano passarono al nemico e uccisero il proprio imperatore.

Titolatura imperiale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Monetazione da Massimino il Trace a Emiliano.
Titolatura imperiale Numero di volte Datazione evento
Tribunicia potestas 3/(4?[25]) volte:[26] la prima attorno nel giugno del 251, poi rinnovata ogni anno al 10 dicembre.
Consolato 2 volte: negli anni 240 e poi nel 252.[27]
Titoli vittoriosi 1 solo: Invictus.[28]
Salutatio imperatoria 1 sola volta? al momento dell'ascesa al trono.
Altri titoli Pontifex Maximus, Pater Patriae, Pius e Felix nel 251.[27]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXX, 1.
  2. ^ a b c Zosimo, Storia nuova, I, 24.1.
  3. ^ a b c d e f Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, IX, 5.
  4. ^ a b Zosimo, Storia nuova, I, 26.2.
  5. ^ a b c Zosimo, Storia nuova, I, 27.2.
  6. ^ Gary D. Farney, Ethnic Identity and Aristocratic Competition in Republican Rome, Cambridge University Press, 2007, ISBN 0-521-86331-7, p. 163.
  7. ^ Varner, Eric, Mutilation and Transformation, BRILL, 2004, ISBN 90-04-13577-4, pp. 208-209.
  8. ^ Zosimo, Storia nuova, I, 23.2; Eusebio, VII.1.
  9. ^ Zosimo, Storia nuova, I, 24.2.
  10. ^ a b Zosimo, Storia nuova, I, 25.1.
  11. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXX, 2.
  12. ^ Zosimo, Storia nuova, I, 25.2.
  13. ^ a b Zosimo, Storia nuova, I, 26.1.
  14. ^ Zosimo, Storia nuova, I, 27.1.
  15. ^ a b c d Zosimo, Storia nuova, I, 28.1.
  16. ^ Eusebio, vii.1; Liber Pontificalis, 22.
  17. ^ Zonara, 12.21.
  18. ^ a b Zosimo, Storia nuova, I, 28.2.
  19. ^ Giordane, 105.
  20. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXXI, 1.
  21. ^ a b Zosimo, Storia nuova, I, 28.3.
  22. ^ Eutropio, IX, 5; Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXXI, 1.
  23. ^ Giovanni di Antiochia, frammento 150.
  24. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXXI, 2.
  25. ^ CIL VI, 31240.
  26. ^ Miliari Tarraconensis 123; AE 1971, 335.
  27. ^ a b CIL VIII, 10046; CIL XIII, 8885; AE 1997, 839; CIL VIII, 22563, CIL VIII, 22424 e CIL VIII, 22420 insieme al figlio Volusiano.
  28. ^ CIL VIII, 21989; CIL III, 10624; CIL III, 11330.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie
Approfondimenti
  • M. Grant, Gli imperatori romani, Roma 1984.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore romano Successore Project Rome logo Clear.png
Decio
Erennio Etrusco
251 - 253
insieme a Ostiliano e successivamente Volusiano
Emiliano
Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
 ? (anni 240)  ? I
Imperatore Gaio Messio Quinto Traiano Decio Augusto III,
Quinto Erennio Etrusco Messio Decio Cesare
(252)
con Imperatore Cesare Gaio Vibio Volusiano Augusto
Imperatore Cesare Gaio Vibio Volusiano Augusto II,
Valerio Massimo
II

Controllo di autorità VIAF: 77390962