Sapore I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Shapur
Rilievo sasanide a Naqsh-e Rustam raffigurante Sapore I che tiene prigioniero Valeriano e riceve l'omaggio di Filippo l'Arabo, inginocchiato davanti al sovrano sasanide.
Rilievo sasanide a Naqsh-e Rustam raffigurante Sapore I che tiene prigioniero Valeriano e riceve l'omaggio di Filippo l'Arabo, inginocchiato davanti al sovrano sasanide.
Re sasanide di Persia
In carica 12 aprile 241 – maggio 270
Predecessore Ardashir I
Successore Ormisda I
Nome completo Shapur
Altri titoli L'adoratore di Ohrmazd, il Signore Sapores, Re dei Re degli Ariani, Iraniani, e non-Ariani, di discendenza divina, figlio dell'adoratore di Ohrmazd, il Signore Artaserse, Re dei Re degli Ariani, nipote del Signore-Re Papak
Nascita Firuzabad, circa 215
Morte Bishapur, 270
Dinastia sasanide
Padre Ardashir I
Madre Myrôd
Figli Ormisda I

Sapore I (persiano: شاپور اول, Šāpūr, traslitterato anche come Shāhpur o Šābuhr - dall'antico-persiano xšayaθiya puθra ("figlio di re") -; Firuzabad, 215 circa – Bishapur, maggio 270) è stato re sasanide di Persia dal 12 aprile 241 alla sua morte.

Conseguì diverse vittorie contro eserciti invasori dell'Impero romano, catturando l'imperatore romano Valeriano.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Res Gestae Divi Saporis.

Ascesa al trono[modifica | modifica wikitesto]

La Persia sasanide sotto Sapore I

Figlio di Ardashir I e di una Signora Myrôd,[1] partecipò con il padre alla campagna contro gli Arsacidi, che permise ai Sasanidi di impossessarsi della Persia. Venne nominato successore dal padre di fronte ad una assemblea di notabili, e compare nel bassorilievo dell'incoronazione di Ardashir a Naqš-e Rajab.

In seguito fu Ardashir stesso a incoronare Sapore re (12 aprile 241):[2] un rilievo a Naqš-e Rajab raffigura Sapore che riceve il diadema regale stando a cavallo. Padre e figlio governarono insieme per un anno,[3] prima che Ardashir si ritirasse a vita privata. Le monete di Ardashir di questo periodo continuano a mostrare la consueta raffigurazione di un elaborato altare del fuoco con la legenda "Fuoco di Ardaxštar", ma lo rappresentano insieme ad un giovane principe, Sapore, identificato anche dalla legenda "Divino Sapore Re dell'Iran, il cui seme viene dagli dei". Altre testimonianze del regno congiunto sono un rilievo a Salmâs in Atropatekan (moderno Azerbaijan) che mostra due cavalieri che indossano la corona di Ardashir, e il rilievo a Dârâbgerd che rappresenta il re vittorioso sui Romani, che indossa la corona del padre.

Campagne contro i Romani[modifica | modifica wikitesto]

Sapore a cavallo sul corpo di Gordiano III riceve l'omaggio di Filippo l'Arabo. Rilievo a Bishapur.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campagne siriano-mesopotamiche di Shapur I.

Sapore continuò la campagna contro l'Impero romano iniziata dal padre, conquistando le fortezze frontaliere Nisibis e Carrhae, attraversando la Mesopotamia e avanzando in Siria. Qui fu fermato e sconfitto dal prefetto del pretorio Timesiteo, suocero dell'imperatore Gordiano III, nella Battaglia di Resaena (243); ma, dopo che Timesiteo morì e il nuovo prefetto Filippo l'Arabo assassinò Gordiano, Sapore riuscì a concludere una pace molto vantaggiosa per i Persiani (244) con il nuovo imperatore, Filippo.

In seguito alle invasioni dei Goti e al periodo di instabilità che colpì l'Impero romano dopo la morte dell'imperatore Decio (251), Sapore riprese le ostilità, conquistò l'Armenia, invase la Siria e saccheggiò Antiochia. Alla fine, l'imperatore Valeriano marciò incontro a Sapore, che però lo catturò ad Edessa con uno stratagemma, arrestandolo quando aveva raggiunto il sovrano sasanide per parlamentare (260). Cogliendo l'occasione e attaccando un Impero romano agitato da rivolte, entrò in Asia Minore, dove però fu fermato dal prefetto del pretorio Ballista; intanto alle spalle dell'esercito sasanide comparve Settimio Odenato, governatore di Palmira, che sconfisse Sapore, recuperando Carrhae e Nisibis (odierne Haran e Nusaybin, nella Turchia sudorientale), catturò l'harem reale e investì due volte (263 e 265) la capitale sasanide, Ctesifonte in Khvarvaran (moderno Iraq). Incapace di riassumere l'iniziativa, Sapore perse anche l'Armenia.

Secondo una tradizione persiana, conquistò la grande fortezza di Hatra nel deserto mesopotamico.

Cattura di Valeriano[modifica | modifica wikitesto]

Umiliazione di Valeriano, Hans Holbein il Giovane, 1521.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglia di Edessa.

L'evento più famoso del regno di Sapore fu la cattura dell'imperatore romano Valeriano nel 260. Controverso è il destino dell'imperatore dopo la cattura.

La versione di Lattanzio è che Valeriano fu prima umiliato da Sapore, che lo usò come uno sgabello per montare a cavallo, e poi venne scuoiato e la sua pelle, riempita di scarti, dipinta di rosso usata come trofeo.[4]

Sapore fece scolpire il proprio trionfo su Valeriano nei rilievi a Istakhr (vicino Persepoli), sotto le tombe achemenidi a Naqsh-e Rustam, e poi una seconda volta presso le rovine di Darabjird (Bishapur): la scena rappresentata mostra Sapore a cavallo che afferra per le braccia un prigioniero e riceve l'omaggio di un uomo inginocchiato vestito alla romana. Due le possibili interpretazioni: o l'uomo inginocchiato è Valeriano, oppure l'imperatore prigioniero è raffigurato mentre viene afferrato da Sapore, e l'uomo inginocchiato è Filippo l'Arabo.

Alcune fonti riferiscono che i soldati romani fatti prigionieri vennero mandati, insieme a Valeriano, a Bishapur e Shushtar, dove vennero impiegati come forza lavoro nella costruzione di alcune opere, tra cui un ponte.

Costruttore di città[modifica | modifica wikitesto]

Resti del ponte "romano" di Shushtar

Sapore costruì la grande città di Gundishapur, nei pressi dell'antica capitale achemenide di Susa. Provvide anche a rendere più fertile la regione, facendo costruire ai prigionieri romani una diga sul fiume Karun nei pressi di Shushtar, quella che ancora oggi è ricordata come Band-e Kaisar, "il molo di Cesare".

I soldati di Valeriano costruirono per lui anche Bishapur.

Religioni[modifica | modifica wikitesto]

Fu durante il regno di Sapore che il profeta Mani, fondatore del Manicheismo, iniziò la sua predicazione in Persia; Sapore stesso pare abbia sostenuto la nuova predicazione.

Shmuel, il più famoso degli Amoraim di "Bavel" (Babilonia), viene talvolta chiamato Shvor Malka, che è la forma in aramaico del nome di Sapore (Shapur). Le relazioni tra Sapore e la comunità giudaica furono buone, con sensibili vantaggi per gli Ebrei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La leggenda persiana che lo vuole figlio di una principessa arsacide non è vera.
  2. ^ Bal'ami; Mas'udi.
  3. ^ Nel 242, l'imperatore romano Gordiano III inviò una lettera al senato da Antiochia, in Syria, in cui affermava di aver rimosso i reges persarum, i "re persiani".
  4. ^ Lattanzio, De mortibus persecutorum, 5.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • J.-M. Carriè, Eserciti e strategie, La Roma tardo-antica, per una preistoria dell'idea di Europa, vol.18, in "Storia Einaudi dei Greci e dei Romani", Milano, Einaudi, 2008.
  • H. J. W. Drijvers, "Hatra, Palmyra and Edessa", in Aufstieg Niedergang Römischen Welt, II.8 (1977).
  • X. Loriot, Les premières années de la grande crise du III siecle: de l'avènement de Maximin Thrace (235) à la mort de Gordian III (244), Aufstieg Niedergang Römischen Welt, II.2 (1975).
  • A. Maricq, "Les dernières années d'Hatra: l'alliance romaine", in Syria 34 (1957).
  • F. Millar, The Roman near East (31 BC - AD 337), Cambridge Massachusetts & London 1993.
  • (EN) Pat Southern, The Roman Empire: from Severus to Constantine, Londra & New York, 2001, ISBN 0-415-23944-3.
  • W. B. Henning e S. H. Taqizadeh, "The Dates of Mani's Life", in Asia Major 6 (1957), pp. 106-21 (rist. in Selected Papers II, Leiden, 1977 [=Acta Iranica 15], pp. 505-520.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore
Ardashir I
Sovrani sasanidi di Persia
241-272
con Ardashir I (241)
Successore
Ormisda I

Controllo di autorità VIAF: 98206854 LCCN: n83168463