Bahram I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bahram I
VarahranIProfile.jpg
Shah di Persia
In carica 273 - 276
Predecessore Ormisda I
Successore Bahram II
Morte 276
Padre Sapore I
Figli Bahram II

Bahram I (Vahram; italianizzato anche come Vararane; ... – 276) fu Imperatore sasanide di Persia dal 273 al 276.

Il nome teoforico Bahram viene dal medio persiano varahrän, "vittoria", ed è un riferimento alla omonima divinità Vahram.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le fonti romane e Tabari, Bahram sarebbe stato nipote di re Sapore I; alcune iscrizioni pahlavi (medio persiano) lo vogliono invece figlio del grande re sasanide. Nell'iscrizione di Kaʿba-ye Zardošt[1] è citato per primo, col nome di «Bahrām Gēlān Šāh» («Bahram re di Gēlān»), e dunque dovrebbe essere stato il figlio maggiore;[2] tale informazione è anche confermata dal bassorilievo di Naqš-e Rajab, scolpito per celebrare l'elezione di Ardashir I, in cui Bahram è posto di fronte alla divinità di cui porta il nome. Anche i motivi raffiguranti il cinghiale nella iconografia reale, come nei sigilli e nella corona, sono probabilmente un riferimento alla yazata (divinità dello Zoroastrismo) della vittoria.

Malgrado la primogenitura, alla morte del padre il nuovo re fu il fratello minore Ormisda I (272). Ormisda, però, regnò meno di un anno, e nel 273 Bahram ottenne il trono, probabilmente con l'aiuto dell'influente sacerdote Kartir.

Appassionato di combattimenti, cacce e feste, il suo regno non fu caratterizzato da eventi particolari, se non per la sua politica di intolleranza religiosa: sotto di lui Kartir e gli altri sacerdoti poterono costituire lo Zoroastrismo come religione di Stato; nel 274 Bahram ordinò l'arresto e l'esecuzione di Mani, profeta del Manicheismo, e la persecuzione dei suoi seguaci.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A. Maricq, Classica et Orientalia, Paris, 1965, pp. 61-62.
  2. ^ Henning, «Notes on the Great Inscription of Šāpūr I», Professor Jackson Memorial Volume, Bombay, 1954, p. 419 n. 6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore
Ormisda I
Sovrani sasanidi di Persia
273-276
Successore
Bahram II