Massimiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Massimiano (disambigua).
Massimiano
Massimiano
Testa monumentale di Massimiano.
Augusto dell'Impero romano
In carica 21 luglio[1] o 25 luglio[2] 285 – 286 (come cesare di Diocleziano)
1º aprile 286[3] – 1º maggio 305 (come augusto d'Occidente, con Diocleziano augusto d'Oriente)[4]
tardo 306 – 11 novembre 308 (autoproclamatosi augusto)[5]
310 (autoproclamatosi augusto)[6]
Incoronazione 1º aprile 286
Predecessore Diocleziano
Successore Costanzo Cloro e Galerio
Nome completo Marcus Aurelius Valerius Maximianus Herculius[7]
Altri titoli Herculius (286), Germanicus maximus V (287, 287, 288, 293, 301), Sarmaticus maximus III (289, 294, 300), Persicus maximus II (295, 298), Carpicus maximus (296), Britannicus maximus (296), Armeniacus maximus (298), Medicus maximus (298), Adiabenicus maximus (298)[8]
Nascita Sirmio (Sremska Mitrovica, Serbia), 250 circa[9]
Morte Massilia (Marsiglia, Francia), luglio 310 circa[9]
Consorte Eutropia
Figli Flavia Massimiana Teodora
Massenzio
Fausta

Marco Aurelio Valerio Massimiano Erculio, noto più semplicemente come Massimiano (latino: Marcus Aurelius Valerius Maximianus Herculius; Sirmio, 250 circa – Massilia, luglio 310[9]), fu cesare (dal luglio 285[1][2]) e poi augusto (dal 1º aprile 286[3] al 1º maggio 305[4]) dell'Impero romano. Condivise quest'ultimo titolo con il suo amico, co-imperatore e superiore Diocleziano, le cui arti politiche erano complementari alle capacità militari di Massimiano.

Stabilì la propria capitale a Treviri, ma passò gran parte del proprio tempo impegnato in campagne militari. Nell'estate avanzata del 285 soppresse la ribellione dei Bagaudi in Gallia; tra il 285 e il 288 combatté contro le tribù dei Germani lungo la frontiera del Reno; insieme a Diocleziano fece terra bruciata in profondità nel territorio degli Alemanni nel 288, diminuendo per qualche tempo il timore di un'invasione di Germani nelle province renane. L'uomo che aveva incaricato di controllare la Manica, Carausio, si ribellò nel 286, causando la secessione della Britannia romana e della Gallia dall'Impero. Massimiano non riuscì a sconfiggere Carausio, in quanto la sua flotta d'invasione fu distrutta dalle tempeste nel 289 o 290. Il vice-imperatore di Massimiano, il cesare Costanzo, iniziò una campagna contro Alletto, successore di Carausio, mentre Massimiano era impegnato a presidiare la frontiera renana. La ribellione di Alletto ebbe fine nel 296, e Massimiano si mosse a sud, a combattere i pirati Mauri in Iberia e le incursioni dei Berberi in Mauretania. Alla fine di queste campagne, nel 298, partì per l'Italia, dove visse in agiatezza fino al 305. Su richiesta di Diocleziano, Massimiano abdicò assieme al collega il 1º maggio 305, cedendo il titolo di augusto a Costanzo e ritirandosi in Italia meridionale.

Verso la fine del 306 Massimiano riprese il titolo di augusto e aiutò la ribellione di suo figlio Massenzio in Italia. Nell'aprile 307 tentò di deporre il proprio figlio ma, avendo fallito, si rifugiò alla corte del successore di Costanzo, il figlio Costantino, a Treviri. Al concilio di Carnunto del novembre 308, Diocleziano e il suo successore Galerio obbligarono Massimiano a rinunciare alle sue pretese al trono ma, all'inizio del 310, questi cercò di sottrarre il titolo imperiale a Costantino, che si trovava impegnato in una campagna sul Reno; Massimiano riscosse l'appoggio di pochi e fu catturato da Costantino a Marsiglia; qui commise suicidio nell'estate di quell'anno per ordine di Costantino.

Durante la guerra tra Costantino e Massenzio, l'immagine di Massimiano fu rimossa dai luoghi pubblici, ma, dopo la vittoria di Costantino sul rivale, Massimiano fu riabilitato e divinizzato.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Origini e carriera militare[modifica | modifica sorgente]

Ritratto di Massimiano, oggi presso il Museo Archeologico di Milano.

Massimiano nacque nei pressi di Sirmio (ora Sremska Mitrovica, Serbia), nella provincia di Pannonia, intorno al 250, da una famiglia di bottegai.[10] Le fonti contengono vaghe allusioni all'Illirico come sua terra natale,[11] alle sue virtù pannoniche,[12] e alla sua dura educazione lungo la frontiera del Danubio tormentata dalla guerra.[13] Massimiano entrò nell'esercito, servendo con Diocleziano sotto gli imperatori Aureliano (270–275) e Probo (276–282). Prese parte probabilmente alla campagna mesopotamica di Caro nel 283, partecipando all'acclamazione a imperatore di Diocleziano il 20 novembre 284 a Nicomedia.[14] La rapida nomina di Massimiano a cesare di Diocleziano è stata interpretata dallo scrittore Stephen Williams e dallo storico Timothy Barnes come il segno di un accordo di lunga data tra i due uomini, che avrebbero deciso in anticipo i rispettivi ruoli, e del sostegno di Massimiano a Diocleziano durante la campagna contro Carino (283–285), ma non ci sono prove dirette di questa interpretazione.[15][16]

Dotato di grande energia, di carattere aggressivo e di una scarsa inclinazione alla ribellione, Massimiano era un ottimo candidato al ruolo di collega di Diocleziano. Lo storico del IV secolo Aurelio Vittore descrisse Massimiano come «un collega di leale amicizia, anche se alquanto noioso, e di grandi talenti militari».[17] Malgrado le sue qualità, Massimiano non aveva ricevuto un'educazione e preferiva comunque l'azione al ragionamento. Il panegirista del 289, dopo aver comparato le sue azioni alle vittorie di Scipione Africano su Annibale durante la seconda guerra punica, insinuò che Massimiano non li avesse mai sentiti nominare.[18] Le sue aspirazioni erano esclusivamente militari, in modo da lasciare la politica nelle mani di Diocleziano.[19] Il retore cristiano Lattanzio suggerisce che Massimiano condividesse in linea di massima gli atteggiamenti di Diocleziano, ma che fosse meno puritano nei suoi gusti, e che abbia in diverse occasioni approfittato dei vantaggi della sua posizione.[20] Lattanzio accusò Massimiano di aver sverginato figlie di senatori e di viaggiare con giovani vergini per soddisfare la sua lussuria senza fine, ma la credibilità dello scrittore cristiano è minata dalla sua ostilità verso i pagani.[21]

Massimiano ebbe due figli dalla moglie siriana Eutropia, Massenzio e Fausta, dei quali le fonti antiche non forniscono le date di nascita. Secondo le stime moderne, Massenzio sarebbe nato tra il 277 e il 287, mentre Fausta è generalmente fatta nascere attorno al 298.[22] Teodora, moglie di Costanzo Cloro, è spesso detta figliastra di Massimiano dalle fonti antiche, tanto che Otto Seeck ed Ernest Stein affermano che sia nata da un precedente matrimonio di Eutropia con Afranio Annibaliano;[23] Barnes critica questa ricostruzione, affermando che tutte le fonti che parlano di una "figliastra" derivano da una stessa fonte storica parzialmente inaffidabile, la Kaisergeschichte, mentre le fonti più affidabili fanno di Teodora la figlia naturale di Massimiano.[24] Barnes conclude che Teodora nacque non più tardi del 275 circa da una precedente moglie di Massimiano, sconosciuta.[25]

Massimiano Cesare[modifica | modifica sorgente]

Massimiano: antoniniano[26]
MAXIMIANUS RIC V 558-837708.jpg
IMP C M AUR VAL MAXIMIANUS PF AVG, testa radiata di Massimiano e busto con drappeggio e corazza verso destra. IOVI CONS-ERVAT, Giove in piedi di fronte, la testa verso sinistra, tiene un fulmine ed uno scettro; T(ertia oficina) XXI T.
22 mm, 3.80 gr, 5 h (zecca di Ticinum, terza officina) del 287.

A Mediolanum nel luglio 285[27] Diocleziano proclamò Massimiano suo co-imperatore, elevandolo al rango di cesare.[15][28] I motivi di questa scelta sono complessi. Quasi ogni provincia dell'impero era luogo di un conflitto, dalla Gallia alla Siria, dall'Egitto al basso Danubio; Diocleziano aveva dunque bisogno di un aiutante per gestire tutti questi impegni,[15][29] e, secondo alcune interpretazioni, si rese conto di essere un generale mediocre e di aver bisogno di un uomo come Massimiano che si occupasse degli aspetti militari.[30] Inoltre Diocleziano non aveva figli maschi, ma solo una figlia, Valeria, che non gli poteva succedere; doveva dunque cercare un co-imperatore al di fuori della propria famiglia di cui si potesse fidare.[31] Esiste un dibattito sulla possibilità o meno che Diocleziano abbia adottato Massimiano,[32] come già avevano fatto altri imperatori senza eredi prima di lui, ma quel che è certo è che Massimiano assunse il nomen di Diocleziano, Valerius.[33]

Inoltre Diocleziano sapeva che un regnare da solo era pericoloso e che esistevano precedenti per un governo a due. Ad esempio, malgrado le loro capacità militari, i due imperatori assoluti Aureliano e Probo erano stati facilmente deposti,[34] mentre l'imperatore Caro e i suoi due figli avevano regnato assieme efficacemente, sebbene non a lungo. Se già Augusto (27 a.C.–14 d.C.) aveva condiviso alcuni suoi poteri con dei colleghi, dall'epoca di Marco Aurelio (161–180) esisteva la posizione di co-imperatore.[35]

Il governo a due ebbe evidentemente successo. Intorno al 287 la relazione tra i due sovrani fu ri-definita in termini religiosi, con Diocleziano che assunse l'appellativo Iovius e Massimiano quello di Herculius;[36] si trattava di titoli pregni di simbolismo, secondo i quali Diocleziano-Giove aveva il ruolo dominante di pianificare e comandare, mentre Massimiano-Ercole aveva il ruolo eroico di portare a termine le imprese assegnategli.[37] Malgrado il simbolismo, però, i due imperatori non erano "divinità" secondo la tradizione del culto imperiale, sebbene nei panegirici fossero talvolta presentati in questo modo, ma piuttosto strumenti degli dèi, pronti a far rispettare la volontà divina sulla Terra.[38] Alla fine dei riti, Massimiano assunse il controllo della parte occidentale dell'impero e si recò in Gallia a combattere i ribelli Bagaudi, mentre Diocleziano tornò in Oriente.[15][39]

Contro i Bagaudi e i Germani[modifica | modifica sorgente]

Massimiano
Ritratto di Diocleziano, collega anziano di Massimiano e augusto.

I Bagaudi sono figure oscure, che sono trattate di passaggio alle fonti antiche, nelle quali compaiono per la prima volta con la rivolta del 285.[40] Lo storico del IV secolo Eutropio li descrive come una popolazione rurale sotto la guida di Armando ed Eliano, mentre Sesto Aurelio Vittore li definisce dei banditi.[41] Secondo un'interpretazione, si trattava di qualcosa di più di semplici contadini, e cercavano o un'autonomia politica della Gallia o la restaurazione del recentemente deposto imperatore Caro, il quale era nativo della Gallia Narbonense; in quest'ultimo caso sarebbero delle truppe imperiali disertrici, non briganti.[42] Sebbene male equipaggiati, addestrati e guidati – un avversario facile per le legioni romane – nondimeno Diocleziano li ritenne tanto pericolosi da richiedere un imperatore a combatterli.[15][43]

Massimiano mosse in Gallia, ingaggiando i Bagaudi nell'estate avanzata del 285.[44] I dettagli della campagna sono sparsi e non forniscono alcun dettaglio tattico: le fonti storiche sono interessate solo alle virtù e alle vittorie di Massimiano. Nel panegirico a lui dedicato nel 289 si afferma che i ribelli furono sconfitti sia con la durezza che con l'indulgenza.[45] Poiché si trattava di una campagna contro cittadini dell'impero stesso, non fu celebrata con titoli o trionfi; e infatti il panegirista di Massimiano afferma «tratto rapidamente questo episodio, in quanto vedo che nella tua magnanimità preferiresti piuttosto dimenticare questa vittoria che celebrarla».[46] Entro la fine dell'anno, la rivolta era stata quasi del tutto sedata, e Massimiano spostò il grosso delle sue truppe sulla frontiera del Reno, proclamando un periodo di stabilità.[47]

Massimiano non sedò la rivolta dei Bagaudi abbastanza velocemente da evitare la reazione dei Germani. Nell'autunno del 285 due eserciti barbarici, uno di Burgundi e Alemanni, l'altro di Chaibones ed Eruli, forzarono il limes renano ed entrarono in Gallia; il primo esercito morì di fame e malattia, mentre Massimiano intercettò e sconfisse il secondo.[15][48] Il cesare stabilì poi un quartiere generale sul Reno in previsione di future campagne,[49] o a Moguntiacum (Magonza), o ad Augusta Treverorum (Treviri), o a Colonia Agrippina (Colonia, tutte e tre nella moderna Germania).[50]

Rivolta di Carausio[modifica | modifica sorgente]

Antefissa recante lo stemma della Legio XX Valeria Victrix, una delle legioni che passarono dalla parte del ribelle Carausio.

Sebbene gran parte della Gallia fosse pacificata, le regioni che davano sulla Manica erano ancora affette dalla pirateria dei Franchi e dei Sassoni. Gli imperatori Probo e Carino avevano iniziato a fortificare la Costa sassone, ma molto rimaneva ancora da fare;[51] ad esempio, non c'è prova archeologica di basi navali a Dover e a Boulogne nel periodo 270-285.[52] Per risolvere il problema della pirateria, Massimiano nominò Carausio, un menapio della Germania inferiore (Paesi Bassi sud-occidentali), al comando della flotta della Manica.[15][53] Carausio si comportò molto bene:[54] per la fine del 285 riusciva a catturare navi pirata in grandi numeri.[55]

Massimiano venne presto a sapere che Carausio attendeva che i pirati terminassero i loro saccheggi prima di attaccarli e che il loro bottino finiva poi nelle tasche di Carausio invece di tornare alla popolazione o nelle casse imperiali;[56] ordinò allora che fosse arrestato e giustiziato, causandone la fuga in Britannia Il sostegno a Carausio tra i Britanni era forte, e almeno due legioni stanziate sull'isola, la II Augusta e la XX Valeria Victrix, passarono dalla sua parte, come fece pure, al completo o in parte, una legione acquartierata vicino Boulogne (probabilmente la XXX Ulpia Victrix).[57] Carausio eliminò rapidamente i pochi lealisti rimasti nel suo esercito e si proclamò augusto.[58] Massimiano poté fare poco per combattere la rivolta. La sua flotta era controllata da Carausio, mentre lui era impegnato a controllare gli Eruli e i Franchi. Nel frattempo Carausio rafforzò la propria posizione ingrandendo la flotta, arruolando mercenari franchi e pagando bene le proprie truppe;[58] entro l'autunno del 286 la Britannia, la Gallia nord-occidentale e l'intera Manica erano sotto il suo controllo.[59][60] Carausio si dichiarò alla testa di uno stato britannico indipendente, l'Imperium Britanniarum, e coniò monete di purezza nettamente superiore a quelle di Massimiano e Diocleziano, guadagnandosi il sostegno dei mercanti britannici e gallici.[61] Persino le truppe di Massimiano erano vulnerabili all'influenza e alla ricchezza di Carausio.[62]

Massimiano Augusto[modifica | modifica sorgente]

La divisione tetrarchica voluta da Diocleziano e le 12 diocesi dopo il 293. A Massimiano spettarono tre diocesi (in giallo) d'Italia, Spagna ed Africa.

Spronato dalla crisi con Carausio, il 1º aprile 286[3] Massimiano assunse il titolo di augusto;[59][63] in questo modo era allo stesso livello del ribelle, in modo che lo scontro fosse tra due Augusti invece che tra un Cesare e un Augusto, e, nella propaganda imperiale, Massimiano fu proclamato fratello di Diocleziano, suo eguale in autorità e prestigio.[64] Diocleziano probabilmente non era presente alla nomina di Massimiano,[65] e questo ha fatto dire ad alcuni studiosi che Massimiano abbia usurpato un titolo solo successivamente riconosciuto da Diocleziano allo scopo di evitare una guerra civile, ma questa ipotesi non ha raccolto molto sostegno ed è stata recentemente confutata;[66] malgrado la distanza fisica tra i due imperatori, Diocleziano si fidava di Massimiano tanto da concedergli i poteri imperiale, mentre Massimiano rispettava Diocleziano tanto da agire secondo le sue volontà.[67]

Il doppio governo non portò ad una divisione formale dell'impero; sebbene vi fossero delle separazioni – ciascun imperatore aveva la propria corte, il proprio esercito e la propria residenza ufficiale – queste furono dovute a questioni pratiche, non di sostanza, tanto che la propaganda imperiale, a partire dal 287 in poi, insiste sulla Roma unica e indivisibile, un patrimonium indivisum.[68] Così parla il panegirista del 289 rivolgendosi a Massimiano: «Così questo impero è un possesso comune a voi due, senza alcuna discordia, né sopporteremmo una qualunque disputa tra voi, ma semplicemente reggete lo stato in misura uguale, come una volta i due Eracleiadi, i re di Sparta, facevano».[69] Sia le decisioni di valore legale che le celebrazioni imperiali avvenivano in nome di entrambi i sovrani; le stesse monete erano coniato in entrambe le parti dell'impero.[70] Diocleziano emanò talvolta alcune disposizioni per la provincia d'Africa, dipendente da Massimiano, il quale a sua volta potrebbe aver fatto lo stesso per il territorio del collega.[71]

Campagne contro le tribù renane[modifica | modifica sorgente]

Flavio Costanzo, prefetto del pretorio di Massimiano e marito di sua figlia Teodora.

Massimiano comprese di non poter sconfiggere immediatamente Carausio e decise allora di impegnarsi contro le tribù renane,[59][72] le quali costituivano probabilmente un pericolo maggiore per la pace della Gallia di quanto non fosse Carausio e, al contempo, erano sostenitori dell'usurpatore britannico.[73] Sebbene lungo il Reno vivessero molti nemici dell'impero, questi erano più spesso in lotta fra loro che contro i Romani.[74] Poche sono le testimonianze che permettono di datare le campagne di Massimiano, sul Reno oltre al fatto che durarono dal 285 al 288.[75] Mentre stava ricevendo i fasci di console (1º gennaio 287), Massimiano fu raggiunto dalla notizia di un attacco di barbari; rimossa la toga e indossata la corazza, marciò contro il nemico e più tardi quello stesso anno, sebbene non lo avesse completamente disperso, celebrò una vittoria in Gallia.[59][76] Ritenendo che le tribù dei Burgundi e degli Alemanni stanziate nella regione della Mosella-Vosgi costituissero la maggiore minaccia, decise di affrontarle per primo; durante la campagna fece terra bruciata distruggendo le loro terre e riducendoli di numero per fame e malattie. Successivamente si mosse contro i più deboli Eruli e Chaibones, che mise in un angolo e sconfisse in una singola battaglia, cui partecipò personalmente, cavalcando lungo lo schieramento finché la linea germanica ruppe e le forze romane inseguirono e dispersero gli eserciti tribali nemici. Con i suoi nemici indeboliti dalla fame, Massimiano lanciò una grande invasione al di là del Reno.[77] Mossosi in profondità nelle territorio germanico, portò la distruzione in casa del nemico,[74] dimostrando la superiorità delle armi romane.[59] Entro l'inverno del 287 aveva guadagnato l'iniziativa e le terre del Reno erano libere dai Germani;[74] il panegirista di Massimiano giunse a dire che «tutto ciò che vedo oltre il Reno è romano».[78]

La primavera successiva, mentre Massimiano si preparava ad affrontare Carausio, Diocleziano tornò dall'oriente;[59][79] i due imperatori si incontrarono in un luogo e in una data sconosciuti,[80] e probabilmente si misero d'accordo per mettere in atto congiuntamente una campagna contro gli Alemanni e una spedizione navale contro Carausio.[81] Più tardi, quello stesso anno, Massimiano condusse un'invasione a sorpresa degli Agri decumates – la regione tra l'alto Reno e l'alto Danubio, posta all'interno del territorio degli Alemanni – mentre Diocleziano invase la Germania attraverso la Rezia; entrambi bruciarono le messi e le riserve di cibo nemiche, distruggendo i mezzi di sostentamento dei Germani,[79] e inglobarono vaste porzioni di territorio all'impero, cosa che permise a Massimiano di continuare la sua ricostruzione senza ulteriori disturbi.[59][82] Dopo la guerra si ricostruirono le città sul Reno, creando delle teste di ponte sulla sponda orientale in posti come a Magonza e Colonia e fondando una frontiera con forti, strade e paesi fortificati; una strada militare passava da Tornacum (Tournai, Belgio), Bavacum (Bavay, Francia), Atuatuca Tungrorum (Tongeren, Belgio), Mosae Trajectum (Maastricht, Paesi Bassi), e la città di Colonia.[83]

All'inizio del 288 Massimiano incaricò il proprio prefetto del pretorio Flavio Costanzo (Costanzo Cloro) di condurre una campagna contro gli alleati franchi di Carausio, i quali controllavano gli estuari del Reno, impedendo attacchi via mare a Carausio. Costanzo si mosse verso nord attraverso il loro territorio, causando panico, e raggiunse il Mare del Nord. I Franchi chiesero la pace e con l'accordo conseguente Massimiano rimise al potere il deposto re franco Gennobaude. Gennobaude divenne il vassallo di Massimiano e, con i capi tribali franchi che giurarono lealtà a Gennobaude, i Romani si assicurarono il dominio della regione.[59][84] Massimiano permise che Frisoni, Franchi Sali, Chamavi e altre tribù si insediassero in una striscia di territorio romano, o tra i fiumi Reno e Waal e da Noviomagus (Nimega, Paesi Bassi) a Traiectum (Utrecht, Paesi Bassi)[83] o nei pressi di Treviri.[59] Queste tribù, cui fu permesso di insediarsi in cambio del riconoscimento del dominio romano, da una parte fornivano una fonte immediatamente disponibile per l'arruolamento di truppe, dall'altra impedivano lo stanziamento nella regione delle popolazioni franche, formando una sorta di cuscinetto lungo la frontiera e permettendo a Massimiano di ridurre le guarnigioni impegnate.[83]

Nascita della tetrarchia e fine dell'Impero di Carausio[modifica | modifica sorgente]

Moneta di Carausio, l'imperatore ribelle della Britannia romana.

Per il 289 Massimiano organizzò un'invasione della Britannia romana controllata da Carausio, che però fallì, per motivi non chiari; il panegirista del 289 mostra ottimismo per l'impresa, mentre quello del 291 non ne fa menzione.[85] Il panegirista di Costanzo Cloro suggerisce che la sua flotta andò persa a causa di una tempesta,[86] ma è possibile che questa versione sia stata elaborata per ridurre l'imbarazzo di una sconfitta.[87] Diocleziano pose fine alla sua visita delle province orientali poco dopo, forse dopo essere venuto a conoscenza del fallimento di Massimiano,[88] e tornò in Occidente rapidamente, raggiungendo Emesa il 10 maggio 290,[89] e Sirmio, sul Danubio, il 1º luglio.[90] Diocleziano incontrò Massimiano a Milano o nel dicembre 290 o nel gennaio 291.[91] Folle si adunarono per assistere alla discesa dei sovrani in città, e gli imperatori dedicarono molto tempo alle apparizioni in pubblico;[92] alcuni storici hanno supposto che le cerimonie fossero organizzate per dimostrare il sostegno di Diocleziano al vacillante collega.[93] I sovrani discussero segretamente di politica e guerra,[94] e un questa occasione potrebbero aver discusso la possibilità di allargare il collegio imperiale fino a includere quattro imperatori (la tetrarchia).[95] Nel frattempo una delegazione del Senato romano incontrò gli imperatori, rinnovando un rapporto molto saltuario con i sovrani.[96] Gli imperatori non si incontrarono più fino al 303.[93]

Quinario di Alletto, successore di Carausio.

A seguito dell'invasione fallita del 289, Massimiano dovette concedere controvoglia una tregua a Carausio. L'imperatore tollerò il dominio di Carausio sulla Britannia romana e sul continente, ma si rifiutò di riconoscere ufficialmente lo stato secessionista; Carausio, da parte sua, si accontentò dei suoi territori della Gallia costiera.[97] Diocleziano, al contrario, non tollerava un tale affronto al suo ruolo; dovendo far fronte alla secessione di Carausio e ad altri problemi ai confini egiziani, siriani e danubiani, si convinse che due imperatori non erano sufficienti a gestire l'impero.[98] Il 1º marzo 293, a Mediolanum, Massimiano nominò Costanzo proprio cesare, una sorta di vice-imperatore per la parte occidentale dell'impero;[99] Lo stesso giorno, o un mese dopo, Diocleziano fece lo stesso con Galerio: era nata la tetrarchia, il "governo a quattro.[100] A Costanzo – cui era stata fatta sposare la figlia di Massimiano, Teodora – fu fatto capire che avrebbe dovuto avere successo lì dove Massimiano aveva fallito: sconfiggere Carausio.[101]

Costanzo svolse il proprio compito velocemente ed efficientemente, ed entro il 293 espulse le forze di Carausio dalla Gallia settentrionale; quello stesso anno il sovrano ribelle fu assassinato e sostituito dal suo tesoriere Alletto.[102] Costanzo marciò su per la costa fino agli estuari del Reno e dello Sheldt, dove riportò una vittoria sugli alleati franchi di Carausio e assunse il titolo di Germanicus maximus;[103] il suo successivo obiettivo era la Britannia, e quindi passò gli anni successivi a costruire una flotta d'invasione.[104] Massimiano, che si trovava ancora in Italia dopo la nomina di Costanzo, fu soddisfatto dei piani di invasione e nell'estate del 296 tornò in Gallia,[105] dove controllò le frontiere renane difendendole dagli alleati franchi di Carausio mentre Costanzo lanciò l'invasione della Britannia.[106] Alletto fu sconfitto e ucciso in battaglia dal prefetto del pretorio di Costanzo, Giulio Asclepiodoto; Costanzo sbarcò nei pressi di Dubris (Dover) e marciò su Londinium (Londra), dove fu accolto come un liberatore dalla popolazione.[107]

Campagne in Africa settentrionale[modifica | modifica sorgente]

Col ritorno vittorioso di Costanzo, Massimiano fu in grado di concentrarsi sul conflitto in Mauretania, in Africa nord-occidentale.[108] Con l'indebolimento dell'autorità romana durante il III secolo, le tribù di nomadi Berberi avevano iniziato a razziare gli insediamenti nella zona con conseguenze sempre più gravi. Nel 289, il governatore della Mauretania Caesariensis (corrispondente alla moderna Algeria) guadagnò un po' di respiro opponendo un piccolo esercito ai Bavari e ai Quinquegentiani, ma i razziatori tornarono presto all'attacco. Nel 296 Massimiano raccolse un esercito con le coorti pretoriane, con legionari di Aquileia, egiziani e danubiani, con ausiliari galli e germani e con reclute della Tracia; avanzò poi attraverso la penisola iberica nell'autunno di quell'anno.[109] Probabilmente difese la regione contro le incursioni dei Mauri,[110] prima di attraversare lo stretto di Gibilterra ed entrare in Mauretania Tingitana (il moderno Marocco), che protesse dai pirati franchi.[111]

Entro il marzo del 297, Massimiano diede inizio ad una sanguinosa offensiva contro i Berberi. La campagna fu lunga, e Massimiano spese l'inverno del 297–298 a riposarsi a Cartagine prima di riprendere l'offensiva.[112] Non contento di averli ricacciati nelle loro terre d'origine tra le montagne dell'Atlante, da dove avrebbero potuto proseguire gli attacchi, Massimiano si avventurò in profondità nel territorio berbero. Malgrado il terreno sfavorevole e l'abilità dei Berberi di mettere in atto tattiche di guerriglia, Massimiano non cedette la presa: cercando, probabilmente, di infliggere quanto più danno possibile a scopo punitivo, devastò delle terre ritenute sicure, uccise quanti più nemici possibile e respinse i restanti nel Sahara.[113] La campagna ebbe la sua conclusione nella primavera del 298; il 10 marzo Massimiano fece il proprio ingresso trionfale a Cartagine.[113][114] Furono eseguite delle iscrizioni a dimostrare la gratitudine delle popolazioni a Massimiano: come già Costanzo al suo ingresso a Londra, Massimiano vi è chiamato redditor lucis aeternae ("restitutore della luce eterna").[113] L'imperatore tornò in Italia nel 299, per celebrare un altro trionfo a Roma, nella primavera di quell'anno.[115]

Vita tra gli agi e ritiro[modifica | modifica sorgente]

Dopo la campagna in Mauretania, Massimiano tornò in Italia settentrionale, vivendo una vita tra gli agi nei palazzi imperiali di Mediolanum e Aquileia, e lasciando la cura degli affari militari a Costanzo.[116] Massimiano si dimostrò molto più aggressivo nei suoi rapporti con il Senato romano di quanto non fosse Costanzo, e Lattanzio sostiene che terrorizzava i senatori, fino al punto di accusarne falsamente e poi metterne a morte molti, tra cui il praefectus urbi di Roma nel 301/302.[117] Al contrario Costanzo tenne buone relazioni con l'aristocrazia senatoriale e passò il proprio tempo a difendere attivamente l'impero: nel 300 o 301 e poi nel 302 combatté i Franchi, mentre Massimiano si riposava in Italia, e poi continuò le campagne contro le tribù germaniche nell'alto Reno.[110]

Massimiano fu distratto dal suo riposo solo nel 303, in occasione dei vicennalia (ventennale di regno) di Diocleziano, celebrati a Roma, occasione in cui ai due augusti fu innalzato un arco trionfale, l'Arcus Novus. Alcuni indizi suggeriscono che in questa occasione Diocleziano strappò a Massimiano l'impegno di cedere insieme il potere e di passare i loro titoli di augusti ai cesari Costanzo e Galerio;[118] è probabile che Massenzio e Costantino, figli rispettivamente di Massimiano e Costanzo ed educati insieme a Nicomedia, sarebbero allora divenuti i nuovi cesari. Mentre Massimiano potrebbe non aver desiderato ritirarsi, Diocleziano aveva ancora il controllo della situazione e vi fu scarsa resistenza. Prima del ritiro, Massimiano avrebbe avuto un ultimo momento di gloria con la celebrazione dei Giochi secolari, nel 304.[119]

Il 1º maggio 305, in cerimonie separate a Mediolanum e Nicomedia, Diocleziano e Massimiano lasciarono il potere contemporaneamente; la successione, però, non andò esattamente come Massimiano aveva sperato, in quanto, forse per l'influenza di Galerio, i nuovi cesari furono Severo e Massimino, con l'esclusione dunque di Massenzio. Entrambi i nuovi cesari avevano delle lunghe carriere militari ed erano vicini a Galerio: Severo era suo nipote e Massimino un suo vecchio collega nell'esercito.[120] Massimiano rimase subito contrariato dalla nuova tetrarchia, che vide Galerio assumere la posizione dominante già ricoperta da Diocleziano; sebbene Massimiano avesse diretto la cerimonia che aveva proclamato cesare Severo, in due anni l'augusto ritirato era divenuto talmente insoddisfatto da sostenere la ribellione del figlio Massenzio contro il nuovo regime.[121] Diocleziano si ritirò nel suo nuovo palazzo costruito vicino a Salona, nella sua terra natale, la Dalmazia; Massimiano scelse invece delle ville in Campania o Lucania, dove visse una vita di agi e lussi.[122] Sebbene lontani dai centri politici dell'impero, Diocleziano e Massimiano rimasero in contatto regolare tra loro.[123]

Ribellione di Massenzio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra civile romana (306-324).
Massenzio, busto di Dresda.

Dopo la morte di Costanzo, avvenuta il 25 luglio 306, il figlio Costantino assunse il titolo di augusto; Galerio fu insoddisfatto da questo atto, e offrì invece al figlio del suo collega deceduto il titolo di cesare, che Costantino accettò, con Severo che successe a Costanzo.[124] Massenzio, geloso del potere ottenuto da Costantino, persuase una coorte della guardia imperiale a proclamarlo imperatore (28 ottobre 306); ritenendo insicuro regnare da solo, Massenzio inviò al padre delle vesti imperiali e lo salutò come "Augusto per la seconda volta", offrendogli un governo teoricamente alla pari ma in realtà un ruolo con meno poteri e di rango inferiore.[125] Galerio si rifiutò di riconoscere Massenzio e inviò a Roma Severo con un esercito, allo scopo di deporlo. Poiché, però, gran parte dei soldati di Severo avevano servito sotto Massimiano, dopo aver accettato denaro da Massenzio disertarono in massa Severo. L'augusto fuggì a Ravenna, dove fu assediato da Massimiano. La città era molto ben fortificata, cosicché Massimiano offrì delle condizioni per la resa che Severo accettò: fu preso da Massimiano e portato sotto scorta in una villa pubblica nella parte meridionale di Roma, dove fu tenuto come ostaggio. Nell'autunno 307 Galerio guidò un secondo esercito contro Massenzio, ma anche questa volta non riuscì a conquistare Roma, e tornò a nord con il proprio esercito praticamente intatto.[126]

Mentre Massenzio era occupato a rafforzare le difese di Roma, Massimiano si recò in Gallia per negoziare con Costantino: i due giunsero ad un accordo in base al quale Costantino avrebbe sposato la figlia minore di Massimiano, Fausta, e sarebbe stato elevato al rango di augusto nel dominio secessionista di Massenzio; in cambio Costantino avrebbe confermato l'antica alleanza famigliare tra Massimiano e Costanzo, oltre a sostenere la causa di Massenzio in Italia, pur rimanendo neutrale nella guerra contro Galerio. L'accordo fu stretto con una doppia cerimonia, tenutasi a Treviri nell'estate avanzata del 307, durante la quale Costantino sposò Fausta e fu proclamato augusto da Massimiano.[127]

Massimiano tornò a Roma nell'inverno 307-308, ma entrò rapidamente in contrasto col figlio e, nella primavera del 308, ne sfidò l'autorità. Davanti ad un'assemblea di soldati romani, Massimiano parlò del debole governo, di cui accusò Massenzio, e strappò le vesti imperiali del figlio; si attendeva che i soldati lo acclamassero, ma questi si schierarono con Massenzio, e Massimiano fu obbligato a lasciare l'Italia.[128]

L'11 novembre 308 si tenne a Carnuntum, sull'alto Danubio, un incontro cui parteciparono Galerio, che lo organizzò, Massimiano e Diocleziano, richiamato da Galerio; in questa occasione Massimiano fu obbligato ad abdicare, mentre Costantino fu nuovamente degradato a cesare, mentre Licinio, un leale commilitone di Galerio, fu nominato augusto d'Occidente.[129] All'inizio del 309 Massimiano tornò alla corte di Costantino in Gallia, l'unica dove fosse ancora ben accetto.[130]

Ribellione contro Costantino e morte[modifica | modifica sorgente]

Il sarcofago di Massimiano, fatto preparare per il suo monumentale mausoleo, ed oggi divenuto il fonte battesimale del duomo di Milano.

Nel 310 Massimiano si ribellò contro Costantino, mentre questi era impegnato in una campagna contro i Franchi. Massimiano era stato inviato verso sud, ad Arelate (Arles, Francia), con parte dell'esercito di Costantino e il compito di difendere la Gallia meridionale dagli attacchi di Massenzio; giunto in città, annunciò la morte di Costantino e assunse la porpora imperiale. Malgrado i suoi tentativi di corruzione di tutti coloro che potevano sostenerlo, la gran parte dell'esercito rimase leale a Costantino, e Massimiano fu obbligato a fuggire. Costantino, che all'annuncio del tradimento aveva abbandonato la sua campagna contro i Franchi e si era rapidamente recato in Gallia meridionale, raggiunse il fuggitivo a Massilia (Marsiglia, Francia), una città meglio organizzata di Arelate per sostenere un lungo assedio; Massimiano non poté giovarsi di questo vantaggio, però, in quanto alcuni cittadini leali al suo avversario gli aprirono le porte. Massimiano fu catturato, redarguito per i suoi crimini e privato del suo rango per la terza volta; sebbene Costantino dimostrasse una certa clemenza nei suoi confronti, ne incoraggiò con forza il suicidio. Nel luglio 310 Massimiano si impiccò.[131]

Dopo la sua morte, Massimiano giocò un ruolo nelle vicende che videro opposti Massenzio e Costantino. Malgrado la precedente rottura dei loro rapporti, dopo il suicidio di Massimiano Massenzio si atteggiò a figlio devoto;[132] coniò monete recanti l'immagine del padre divinizzato e dichiarò di volerne vendicare la morte.[133] Costantino, invece, prima presentò il suicidio come una sfortunata disgrazia familiare, poi, a partire dal 311, diffuse un'altra versione, secondo la quale Massimiano, perdonato da Costantino, aveva deciso di uccidere il genero nel sonno; Fausta svelò il piano del padre a Costantino, il quale mise un eunuco nel proprio letto e fece arrestare Massimiano dopo che l'ebbe ucciso; vistosi offerto un onorevole suicidio, Massimiano avrebbe accettato.[134] Inoltre Costantino decretò per Massimiano la damnatio memoriae, facendo cancellare il suo nome da tutte le iscrizioni e distruggendo tutte le opere pubbliche che recavano la sua effigie.[135]

Costantino sconfisse Massenzio nella battaglia di Ponte Milvio il 28 ottobre 312; con la morte di Massenzio, tutta l'Italia passò sotto il controllo di Costantino.[136] Eutropia dichiarò sotto giuramento che Massenzio non era figlio di Massimiano, e Costantino riabilitò la memoria del suocero. La sua apoteosi voluta da Massenzio fu dichiarata nulla e fu divinizzato nuovamente, probabilmente nel 317. Dal 318 iniziò a comparire sulla monetazione di Costantino come divus, assieme a Costanzo e Claudio il Gotico divinizzati;[137] tutti e tre erano presentati come antenati di Costantino e chiamati «i migliori tra gli imperatori».[138] Attraverso le sue figlie, Fausta e Teodora, Massimiano fu il nonno o il bisnonno di tutti gli imperatori romani che regnarono dal 337 al 363.[139]

Titoli onorifici[modifica | modifica sorgente]

I titoli onorifici e i consolati assunti da Massimiano furono, in ordine cronologico:[8]

  • 286: accetta il titolo di Herculius;
  • 287: console (I) assieme a Diocleziano (III); accetta i titoli Germanicus maximus e Germanicus maximus II per le guerre contro i Germani;
  • 288: console (II) assieme a Pomponio Ianuario; accetta il titolo Germanicus maximus III per la guerra contro i Germani;
  • 289: accetta il titolo di Sarmaticus maximus per una vittoria di Diocleziano;
  • 290: console (III) assieme a Diocleziano (IV);
  • 293: console (IV) assieme a Diocleziano (V); accetta il titolo di Germanicus maximus IV;
  • 294: accetta il titolo di Sarmaticus maximus II per una vittoria di Diocleziano;
  • 295: accetta il titolo di Persicus maximus per una vittoria di Galerio;
  • 296: accetta il titolo di Carpicus maximus per una vittoria di Diocleziano; accetta il titolo di Britannicus maximus per una vittoria di Costanzo;
  • 297: console (V) assieme a Galerio (II);
  • 298: accetta i titoli di Armeniacus maximus, Medicus maximus, Adiabenicus maximus e Persicus maximus II per una vittoria di Galerio;
  • 299: console (VI) assieme a Diocleziano (VII);
  • 300: accetta il titolo di Sarmaticus maximus III per una vittoria di Galerio;
  • 301: accetta il titolo di Germanicus maximus V per una vittoria di Costanzo;
  • 303: console (VII) assieme a Diocleziano (VIII);
  • 305: console (VIII) assieme a Diocleziano (IX);
  • 307: console (IX) assieme a Costantino.

Programma edilizio[modifica | modifica sorgente]

La torre del circo di Massenzio a Milano, ora campanile di San Maurizio.
Torre superstite delle mura milanesi di Massimiano, nei pressi di Corso Magenta.

La capitale scelta da Diocleziano per la parte orientale era Nicomedia, la capitale dell'impero occidentale fu Mediolanum, l'attuale Milano.[140] Nei pochi anni del suo regno Massimiano lasciò in questa capitale delle opere imponenti, e tra queste un grande ippodromo o circo,[141] il più grande dell'epoca delle tetrarchia (470 × 85 m), dotato di una parte monumentale (a Nord) con due torri, una delle quali esiste ancora trasformata in campanile del convento di San Maurizio Maggiore.[142] Tra le altre opere un mausoleo ottagonale (uguale a quello nella villa di Diocleziano a Spalato) per il quale fece costruire un sarcofago di porfido egiziano (il colore violaceo ricorda evidentemente quello della porpora).[143] Dopo varie vicissitudini questo è divenuto il fonte battesimale del duomo di Milano. Ampliò notevolmente i palazzi imperiali, che (come di consuetudine) davano direttamente sul circo. Fece costruire delle mura poderose, dotate di torri a 24 lati, per uno sviluppo di circa 4,5 km.[144] Da segnalare anche le terme Erculee, in un'area a est delle città, area ampliata dalle nuove mura e destinata evidentemente ad altri importanti interventi edilizi.[145] Massimiano operò altre costruzioni di enormi proporzioni anche ad Aquileia, al punto da farla apparire come una sorta di seconda capitale, essendo porto fluviale-marittimo sull'Adriatico e retrovia militare, vista la sua vicinanza al limes dei Claustra Alpium Iuliarum;.[146]

A Roma si occupò dell'edificazione delle Terme di Diocleziano.[147]

Nel 303 fu emanato un editto che diede il via ad una persecuzione contro i cristiani, che però in Occidente ebbe scarso seguito anche a causa della perenne situazione di tensione sul limes causata dalle popolazioni barbariche, che costrinse sia Cloro sia Massimiano a impiegare molte risorse ed energie nel contenimento del problema.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Barnes, Constantine and Eusebius, 6; Barnes, New Empire, 4.
  2. ^ a b Potter, pp. 280–81.
  3. ^ a b c Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 6–7; Potter, p. 282; Southern, pp. 141–42. La cronologia della nomina ad augusto di Massimiano è alquanto incerta (Corcoran, "Before Constantine", p. 40; Southern, p. 142). L'ipotesi che Massimiano fosse augusto sin dal luglio 285, senza quindi mai essere cesare, non ha molto successo tra gli storici (Potter, p. 281; Southern, p. 142; secondo quanto scritto in De Caesaribus 39.17).
  4. ^ a b Barnes, New Empire, p. 4.
  5. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 32–34; Barnes, New Empire, p. 13; Elliott, pp. 42–43; Lenski, p. 65; Odahl, pp. 90–91; Pohlsander, Emperor Constantine, p. 17; Potter, pp. 349–50; Treadgold, p. 29.
  6. ^ Barnes, New Empire, p. 13.
  7. ^ Barnes, New Empire, pp. 17–29.
  8. ^ a b Lendering, Jona, "Maximianus", Livius.org.
  9. ^ a b c Barnes, New Empire, p. 32.
  10. ^ Epitome de Caesaribus 40.10, citato in Barnes, New Empire, p. 32; Barnes, New Empire, p. 32; Rees, Layers of Loyalty, p. 30; Williams, pp. 43–44.
  11. ^ Aurelio Vittore, Liber de Caesaribus 39.26, citato in Barnes, New Empire, p. 32.
  12. ^ Panegirici latini 10(2).2.2ff, citato in Barnes, New Empire, p. 32.
  13. ^ Panegirici latini 10(2).2.4, citato in Rees, Layers of Loyalty, pp. 44–45.
  14. ^ Barnes, New Empire, 32–33; Rees, Layers of Loyalty, 30.
  15. ^ a b c d e f g Barnes, Constantine and Eusebius, p. 6
  16. ^ Williams, pp. 43–44.
  17. ^ Victor, Liber de Caesaribus 39, citato in Williams, p. 44.
  18. ^ Panegyrici latini 10(2), citato in Williams, p. 44.
  19. ^ Williams, p. 44.
  20. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 13.
  21. ^ Lactantius, De mortibus persecutorum 8, citato in Williams, p. 44.
  22. ^ Barnes, New Empire, p. 34, il quale fa risalire la nascita di Massenzio al 283 circa, mentre Massimiano era in Siria, e quella di Fausta al 289/290.
  23. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, 39.25; Eutropio, Breviaria 9.22; Girolamo, Cronaca 225g; Epitome de Caesaribus 39.2, 40.12, citati in Barnes, New Empire, p. 33.
  24. ^ Origo Constantini 2; Filostorgio, Historia ecclesiastica 2.16a, citati in Barnes, New Empire, p. 33; Barnes, New Empire, p. 33-34. Si veda anche Panegyrici latini 10(2)11.4.
  25. ^ Barnes, New Empire, pp. 33–34.
  26. ^ RIC V 558.
  27. ^ La nomina è stata datata sia al 21 luglio (Barnes, Constantine and Eusebius, p. 6; Barnes, New Empire, p. 4; Bowman, p. 69) che al 25 luglio (Potter, pp. 280–81).
  28. ^ Barnes, New Empire, p. 4; Bowman, p. 69; Corcoran, "Before Constantine", p. 40; Potter, pp. 280–81.
  29. ^ Rees, Layers of Loyalty, p. 30; Southern, p. 136.
  30. ^ Williams, 45.
  31. ^ Potter, p. 280; Southern, p. 136; Williams, p. 43.
  32. ^ Secondo William Seston, Massimiano divenne filius Augusti alla sua ascensione al trono, e alcuni storici concordano, ma secondo Frank Kolb questa interpretazione deriva da una lettura sbagliata delle fonti. Bowman, p. 69; Odahl, pp. 42–43; Southern, pp. 136, 331; Williams, p. 45.
  33. ^ Bowman, p. 69.
  34. ^ Potter, p. 280.
  35. ^ Corcoran, "Before Constantine", p. 40.
  36. ^ Corcoran, "Before Constantine", p. 40; Liebeschuetz, Continuity and Change, pp. 235–52, 240–43; Odahl, pp. 43–44; Rees, Layers of Loyalty, pp. 32–33.
  37. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 11–12; Corcoran, "Before Constantine", p. 40; Odahl, p. 43; Rees, Layers of Loyalty, pp. 32–33, 39, 42–52; Southern, pp. 136–37; Williams, pp. 58–59.
  38. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 11.
  39. ^ Southern, p. 137; Williams, pp. 45–46.
  40. ^ Rees, Layers of Loyalty, p. 29.
  41. ^ Eutropio, Breviarium, 9.20; Aurelio Vittore, De Caesaribus, 39.17; citati in Rees, Layers of Loyalty, pp. 29–30.
  42. ^ Potter, pp. 281–82.
  43. ^ Barnes, New Empire, p. 10; Rees, Layers of Loyalty, p. 30; Southern, p. 137; Williams, pp. 45–46.
  44. ^ Barnes, New Empire, p. 57; Bowman, pp. 70–71.
  45. ^ Southern, p, 137.
  46. ^ Panegyrici latini 10(2), citato in Williams, p. 46; Southern, p. 137.
  47. ^ Southern, pp. 139–138; Williams, p. 46.
  48. ^ Barnes, New Empire, p. 57; Bowman, p. 71; Rees, Layers of Loyalty, p. 31.
  49. ^ Williams, p. 46.
  50. ^ Potter, pp. 282–83. Potter e Barnes (New Empire, p. 56) propendono per Treviri, Williams (Diocletian, p. 46) per Magonza.
  51. ^ Southern, p. 138; Williams, p. 46.
  52. ^ Potter, p. 284.
  53. ^ Barnes, New Empire, p. 57.
  54. ^ Bowman, p. 71; Southern, p. 138; Williams, pp. 46–47.
  55. ^ Southern, p. 138; Williams, pp. 46–47.
  56. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 6–7; Bowman, p. 71; Potter, pp. 283–84; Southern, pp. 137–41; Williams, p. 47.
  57. ^ Potter, p. 284; Southern, pp. 139–40; Williams, p. 47. La maggior parte delle informazioni sulle legioni sotto il comando di Carausio proviene dalle sue emissioni monetarie. Stranamente, la Legio VI Victrix, stanziata a Eboracum (York, Regno Unito) e quindi geograficamente sotto il suo comando, non è tra quelle da lui controllate nella maggior parte delle ricostruzioni (Southern, p. 332). Panegyrici latini 8(4)12.1 ammette che una legione continentale, probabilmente la XXX Ulpia Victrix, passò dalla parte di Carausio (Potter, p. 650).
  58. ^ a b Williams, p. 47.
  59. ^ a b c d e f g h i Barnes, Constantine and Eusebius, p. 7.
  60. ^ Bowman, p. 71; Southern, p. 140.
  61. ^ Williams, pp. 47–48.
  62. ^ Potter, p. 284; Williams, pp. 61–62.
  63. ^ Bleckmann; Corcoran, "Before Constantine", p. 40; Potter, p. 282; Southern, pp. 141–42; Williams, p. 48. Il titolo era Imperator Caesar Marcus Aurelius Valerius Maximianus Augustus Herculius.
  64. ^ Williams, p. 48.
  65. ^ Potter, pp. 282, 649. Diocleziano si trovava tra Bisanzio (Istanbul, Turchia), dove era il 22 marzo 286, e Tiberiade, che visitò dal 31 maggio al 31 agosto (Barnes, New Empire, pp. 50–51; Potter, pp. 282, 649).
  66. ^ Potter, pp. 282, 649.
  67. ^ Potter, p. 282; Williams, p. 49.
  68. ^ Bowman, p. 70; Potter, p. 283; Williams, pp. 49, 65.
  69. ^ Panegyrici latini 10(2)9.4, citato in Potter, p. 283.
  70. ^ Potter, 283; Williams, 49, 65.
  71. ^ Potter, p. 283.
  72. ^ Bowman, p. 71; Corcoran, "Before Constantine", p. 40.
  73. ^ Southern, p. 141; Williams, p. 50.
  74. ^ a b c Williams, p. 50.
  75. ^ Southern, p. 142. Barnes, in New Empire p. 57, elenca cinque date: il 10 febbraio 286, a Milano (Codex Iustinianus 8.53(54).6; Fragmenta Vaticana 282); 21 giugno 286 a Magonza (Fragmenta Vaticana 271); 1º gennaio 287 a Treviri, Colonia o Magonza (data dell'assunzione del consolato, Panegyrici latini 10(2).6.2 ff.); e 287, la «spedizione al di là del Reno» (Panegyrici Latini 10(2).7.1ff.).
  76. ^ Bowman, p. 72.
  77. ^ Barnes, New Empire, p. 57; Williams, p. 50.
  78. ^ Panegyrici latini 10(2).7.7, tradotto da Nixon in Nixon and Rodgers, citato in Bowman, p. 72.
  79. ^ a b Southern, pp. 142–43; Williams, p. 50.
  80. ^ Barnes, New Empire, p. 57; Rees, Layers of Loyalty, p. 31.
  81. ^ Rees, Layers of Loyalty, p. 31; Southern, pp. 142–43; Williams, p. 50. Barnes (Constantine and Eusebius, 7) data l'incontro dopo la campagna contro gli Alemanni.
  82. ^ Corcoran, "Before Constantine", p. 40; Southern, p. 143; Williams, p. 50.
  83. ^ a b c Williams, pp. 50–51.
  84. ^ Bowman, p. 72; Williams, p. 51.
  85. ^ Southern, p. 143.
  86. ^ Panegyrici latini 8(5)12.2; Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 7, 288; Bowman, pp. 72–73; Potter, pp. 284–85, 650; Southern, p. 143; Williams, p. 55.
  87. ^ Southern, p. 143; Williams, p. 55.
  88. ^ Potter, p. 285; Southern, p. 144.
  89. ^ Codex Justinianus 9.41.9; Barnes, New Empire, p. 51; Potter, pp. 285, 650.
  90. ^ Codex Justinianus 6.30.6; Barnes, New Empire, p. 52; Potter, pp. 285, 650.
  91. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 8; Potter, p. 285.
  92. ^ Panegyrici latini 11(3)10, citato in Williams, p. 57.
  93. ^ a b Potter, p. 285.
  94. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 8; Potter, pp. 285, 288; Rees, Layers of Loyalty, pp. 69.
  95. ^ Potter, p. 285; Rees, Layers of Loyalty, p. 69.
  96. ^ Panegyrici latini 11(3)2.4, 8.1, 11.3–4, 12.2; Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 8, 288; Potter, pp. 285, 650.
  97. ^ Williams, pp. 55–56, 62.
  98. ^ Williams, pp. 62–64.
  99. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 8–9; Barnes, New Empire, pp. 4, 36–37; Potter, p. 288; Southern, p. 146; Williams, pp. 64–65.
  100. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 8–9; Barnes, New Empire, pp. 4, 38; Potter, p. 288; Southern, p. 146; Williams, pp. 64–65.
  101. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 8, 15; Williams, p. 71.
  102. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 15; Potter, p. 288; Rees, Layers of Loyalty, p. 99; Southern, pp. 149–50; Williams, pp. 71–72.
  103. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 15–16; Barnes, New Empire, p. 255.
  104. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 15–16; Southern, p. 150.
  105. ^ Barnes, New Empire, pp. 58–59.
  106. ^ Barnes, New Empire, p. 59; Southern, p. 150; Williams, p. 73.
  107. ^ Southern, p. 150; Williams, pp. 73–74; Barnes, Constantine and Eusebius, p. 16.
  108. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 16; Southern, p. 150; Williams, p. 75.
  109. ^ Barnes, New Empire, p. 59; Williams, p. 75.
  110. ^ a b Barnes, Constantine and Eusebius, p. 16.
  111. ^ Williams, p. 75.
  112. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 16; Barnes, New Empire, p. 59.
  113. ^ a b c Odahl, p. 58; Williams, p. 75.
  114. ^ Barnes, New Empire, 59.
  115. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 16; Barnes, New Empire, p. 59; Odahl, p. 58.
  116. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 16; Barnes, New Empire, p. 56.
  117. ^ Lactantius, De mortibus persecutorum 8.4; Barnes, Constantine and Eusebius, p. 16.
  118. ^ Panegyrici latini 7(6)15.16; Lattanzio, De mortibus persecutorum, 20.4; Potter, p. 340; Southern, pp. 152, 336.
  119. ^ Potter, p. 340.
  120. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 25–27; Williams, p. 191.
  121. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 25–27; Potter, pp. 341–42.
  122. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 27; Southern, p. 152.
  123. ^ Southern, 152.
  124. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 27–28; Barnes, New Empire, p. 5; Lenski, pp. 61–62; Odahl, pp. 78–79.
  125. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 30–32.
  126. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 30–31; Elliott, pp. 41–42; Lenski, pp. 62–63; Odahl, pp. 86–87; Potter, pp. 348–49.
  127. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 31; Lenski, p. 64; Odahl, pp. 87–88; Pohlsander, Emperor Constantine, pp. 15–16.
  128. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 32; Lenski, p. 64; Odahl, pp. 89, 93.
  129. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 32–34; Elliott, pp. 42–43; Lenski, p. 65; Odahl, pp. 90–91; Pohlsander, Emperor Constantine, p. 17; Potter, pp. 349–50; Treadgold, p. 29.
  130. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 32.
  131. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 34–35; Elliott, p. 43; Lenski, pp. 65–66; Odahl, p. 93; Pohlsander, Emperor Constantine, p. 17; Potter, p. 352.
  132. ^ Elliott, p. 43; Lenski, p. 68; Pohlsander, Emperor Constantine, p. 20.
  133. ^ Barnes, New Empire, p. 34; Elliott, p. 45; Lenski, p. 68.
  134. ^ Lattanzio, De mortibus persecutorum 30.1; Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 40–41, 305.
  135. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 41; Lenski, p. 68.
  136. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, pp. 42–44.
  137. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 47; Barnes, New Empire, p. 35.
  138. ^ Barnes, Constantine and Eusebius, p. 47.
  139. ^ Barnes, New Empire, pp. 265–66.
  140. ^ Marta Sordi,Come Milano divenne capitale, p. 33-45.
  141. ^ Elena M.Menotti, Il circo, in Milano romana, Milano 1980, p.4.
  142. ^ Elena M.Menotti, Il circo, in Milano romana, Milano 1980, p.9.
  143. ^ Ambrogio, De oblitu Valentiniani, 3, 42, 49 e 58.
  144. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXXIX, 45. D.Caporusso & A.Ceresa Mori, C'era una volta Mediolanum, in Archeo attualità dal passato di settembre 2010, n.307, p.86.
  145. ^ Ausonio, Ordo urbium nobilium, V, 41.
  146. ^ Decimo Magno Ausonio, Ordo urbium nobilium, 9, 64-67.
  147. ^ CIL VI, 31242.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • Timothy Barnes, Constantine and Eusebius, Cambridge, MA, Harvard University Press, 1981. ISBN 978-0-674-16531-1.
  • Barnes, Timothy. The New Empire of Diocletian and Constantine. Cambridge, MA: Harvard University Press, 1982. ISBN 0-7837-2221-4
  • Bowman, Alan K. "Diocletian and the First Tetrarchy." In The Cambridge Ancient History, Volume XII: The Crisis of Empire, Alan Bowman, Averil Cameron, e Peter Garnsey ed., 67–89. Cambridge University Press, 2005. ISBN 0-521-30199-8
  • Corcoran, Simon. The Empire of the Tetrarchs: Imperial Pronouncements and Government, AD 284–324. Oxford: Clarendon Press, 1996. ISBN 0-19-815304-X
  • Corcoran, Simon. "Before Constantine." In The Cambridge Companion to the Age of Constantine, Noel Lenski ed., 35–58. New York: Cambridge University Press, 2006. Hardcover ISBN 0-521-81838-9 Paperback ISBN 0-521-52157-2
  • DiMaio, Michael. "Constantius I Chlorus (305–306 d.C.)." De Imperatoribus Romanis (1996a). Visitato l'8-3-2008.
  • DiMaio, Michael. "Galerius (305–311 d.C.)." De Imperatoribus Romanis (1996b). Visitato l'8-3-2008.
  • DiMaio, Michael. "Maximianus Herculius (286–305 A.D)." De Imperatoribus Romanis (1997a). Visitato l'8-3-2008.
  • DiMaio, Michael. "Maxentius (306–312 d.C.)." De Imperatoribus Romanis (1997b). Visitato il 5-4-2008.
  • Elliott, T. G. The Christianity of Constantine the Great. Scranton, PA: University of Scranton Press, 1996. ISBN 0-940866-59-5
  • Lenski, Noel. "The Reign of Constantine", in The Cambridge Companion to the Age of Constantine, Noel Lenski ed., 59–90. New York: Cambridge University Press, 2006. Hardcover ISBN 0-521-81838-9 Paperback ISBN 0-521-52157-2
  • Liebeschuetz, J. H. W. G. Continuity and Change in Roman Religion. Oxford: Oxford University Press, 1979. ISBN 0-19-814822-4.
  • Mackay, Christopher S. "Lactantius and the Succession to Diocletian." Classical Philology 94:2 (1999): 198–209.
  • Mathisen, Ralph W. "Diocletian (284–305 d.C.)." De Imperatoribus Romanis (1997). Visitato il 16-2-2008.
  • Elena M.Menotti, Il circo, in Milano romana, Milano 1980.
  • Nixon, C.E.V., Barbara Saylor Rodgers. In Praise of Later Roman Emperors: The Panegyrici Latini. Berkeley: University of California Press, 1994. ISBN 0-520-08326-1
  • Odahl, Charles Matson. Constantine and the Christian Empire. New York: Routledge, 2004. Hardcover ISBN 0-415-17485-6 Paperback ISBN 0-415-38655-1
  • Pohlsander, Hans. The Emperor Constantine. London & New York: Routledge, 2004a. Hardcover ISBN 0-415-31937-4 Paperback ISBN 0-415-31938-2
  • Pohlsander, Hans. "Constantine I (306 - 337 d.C.)." De Imperatoribus Romanis (2004b). Visitato il 16-12-2007.
  • Potter, David S. The Roman Empire at Bay: AD 180–395. New York: Routledge, 2005. Hardcover ISBN 0-415-10057-7 Paperback ISBN 0-415-10058-5
  • Rees, Roger. Layers of Loyalty in Latin Panegyric: AD 289–307. New York: Oxford University Press, 2002. ISBN 0-19-924918-0
  • Rees, Roger. Diocletian and the Tetrarchy. Edinburgh: Edinburgh University Press, 2004. ISBN 0-7486-1661-6
  • (IT) Marta Sordi, Come Milano divenne capitale, in L'impero romano-cristiano: problemi politici, religiosi, culturali, Roma, a cura di M. Sordi, 1991.
  • (EN) Pat Southern, The Roman Empire: from Severus to Constantine, Londra & New York, 2001. ISBN 0-415-23944-3.
  • Stephen Williams, Diocletian and the Roman Recovery, New York, Routledge, 1997. ISBN 0-415-91827-8.
Romanzi

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Imperatore romano Successore Project Rome logo Clear.png
Diocleziano 286 - 305 (con Diocleziano) Costanzo Cloro,
Galerio
I
Massenzio,
Galerio
306 - 308 (con Galerio, Costantino I, Massenzio e Flavio Severo) Licinio,
Massenzio,
Galerio
Costantino I
II

Controllo di autorità VIAF: 50478873 LCCN: n78022482

antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Roma
Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 31 dicembre 2011vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue