Quintillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quintillo
Quintillo
Antoniniano di Quintillo.
Imperatore romano
In carica 270
Predecessore Claudio il Gotico
Successore Aureliano
Nome completo Marcus Aurelius Claudius Quintillus
Nascita Sirmio, ca. 220
Morte Aquileia[1], 270
Figli 2 figli

Quintillo, il cui nome completo era Marco Aurelio Claudio Quintillo (latino: Marcus Aurelius Claudius Quintillus) (Sirmia, 220 circa – Aquileia, 270), è stato un imperatore romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era fratello di Claudio II il Gotico, nato anch'egli in Illiria o Dalmazia intorno al 220, quando il fratello morì, egli era probabilmente a capo di una colonna mobile, composta prevalentemente da cavalieri, a difesa dell'Italia. Venne eletto dal senato, ansioso di riprendersi gli antichi poteri, ormai persi da tempo e proclamato imperatore ad Aquileia. Alla notizia della proclamazione di Aureliano nell'aprile del 270, i suoi uomini gli voltarono le spalle e dopo pochi giorni (o forse pochi mesi[2]) sparì dalla scena.[3][1]

La morte prematura di Claudio costrinse Aureliano a concludere rapidamente la guerra contro i Goti in Tracia e nelle Mesie, ponendo fine agli assedi di Anchialus (nei pressi della moderna Pomorie, lungo le coste bulgare del Mar Nero) e di Nicopolis ad Istrum.[4]

Secondo quanto ci tramanda la Historia Augusta, Quintillo, a causa della brevità del suo regno, non viene ricordato per nulla di importante. Egli, infatti, al diciassettesimo giorno di regno[5] oppure al ventesimo,[6] poiché si era mostrato severo con le truppe, venne ucciso[7] alla maniera di Galba e di Pertinace.[8] Un'altra versione gli attribuisce una fine diversa: si sarebbe suicidato tagliandosi le vene.[9]

« Molti narrano che il fratello di Claudio, Quintillo, trovandosi in Italia per la sua difesa, quando sentì della morte di Claudio, assunse l'impero; quando poi gli giunse notizia che Aureliano era stato fatto imperatore, venne abbandonato da tutto l'esercito. E poiché aveva fatto un discorso contro lo stesso [Aureliano], ma non era stato ascoltato dai soldati, si tagliò le vene e morì nel ventesimo giorno di impero. »
(Historia Augusta, Divus Aurelianus, 37.5-6)

Secondo, infine, Giovanni di Antiochia e Zosimo, Quintillo rinunciò al potere di buon grado; poi uno dei suoi medici gli tagliò una vena e lasciò scorrere il sangue.[10]

« Quando Quintillo venne a sapere che l'impero era stato affidato ad Aureliano, ricevette dai suoi famigliari il consiglio di ritirarsi volontariamente, lasciando l'impero a chi era molto più forte di lui. Si racconta che l'abbia fatto e che un medico gli tagliò una vena, lasciando scorrere il sangue fino a quando non morì dissanguato. »
(Zosimo, Storia nuova, I, 47.)

Di Quintillo, Eutropio scrive:

« Quintillo, fratello di Claudio, uomo di unica moderazione e gentilezza, paragonabile o preferibile al fratello. »
(Eutropio, Breviarium ab urbe condita, IX, 11.)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Watson 1999, pp. 47-48.
  2. ^ Southern 2001, p. 110.
  3. ^ Sesto Aurelio Vittore, Epitome de Caesaribus, 34.5; Historia Augusta, Divus Aurelianus, 37.5-6.
  4. ^ Historia Augusta - Claudio, 12.4; Historia Augusta - Aureliano, 17.5.
  5. ^ Eutropio, IX, 12; Giovanni Zonara, XII, 26; Historia Augusta, Divus Claudius, 12.5.
  6. ^ Historia Augusta, Divus Aurelianus, 12.5.
  7. ^ Historia Augusta, Divus Aurelianus, 16.1.
  8. ^ Historia Augusta, Divus Claudius, 12.5.
  9. ^ Historia Augusta, Divus Aurelianus, 37.6; Giovanni Zonara, XII, 26.
  10. ^ Giovanni di Antiochia, frammento 154.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Storiografia moderna

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Imperatore romano Successore Project Rome logo Clear.png
Claudio II il Gotico 270 Aureliano