Gellio Massimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gellio Massimo (latino: Gellius Maximus; ... – 219) fu un usurpatore contro l'imperatore romano Eliogabalo.

Figlio di Lucio Gellio Massimo, un medico,[1] Gellio divenne membro del Senato romano e servì come ufficiale nella Legio IIII Scythica in Siria. In occasione di alcune sommosse durante l'impero di Eliogabalo (219), Gelio si proclamò imperatore, ma fu rapidamente sconfitto e giustiziato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nutton, Vivian, "L. Gellius Maximus, Physician and Procurator", The Classical Quarterly, New Series, Vol. 21, No. 1 (1971), pp. 262–272.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma