Giulio Saturnino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giulio Saturnino (latino: Iulius Saturninus; ... – 280) è stato un usurpatore contro l'imperatore romano Marco Aurelio Probo.

Di origine gallica (anche se alcuni sostengono che fosse un moro), venne nominato dall'imperatore Marco Aurelio Probo, di cui era amico, governatore della Siria (circa 279).

Dopo che Probo aveva lasciato la Siria per recarsi sulle frontiere del Reno, Saturnino, seppur riluttante, venne costretto ad accettare il titolo di imperatore da alcuni soldati ribelli e dalla popolazione di Alessandria d'Egitto. Per evitare questa situazione, Saturnino fuggì da Alessandria e si rifugiò in Palestina, dove però decise di assumere l'incarico affidatogli. Si proclamò quindi imperatore nel 280. Tuttavia, Saturnino morì, ucciso dai propri soldati, prima che Probo potesse prendere delle contromisure.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma