Usurpatori dell'Impero romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Usurpatore (impero romano))

Questa è una lista degli usurpatori dell'impero romano, ovvero una lista di imperatori considerati "illegittimi", perché autoproclamati, postisi a capo di rivolte, o, soprattutto nel Basso Impero, nell'epoca del massimo potere dell'esercito, eletti al titolo imperiale dalle proprie truppe. L'illegittimità risiede nel fatto che tali imperatori, pur controllando effettivamente per un certo periodo una porzione di territorio dell'impero, solitamente circoscritta, si ponevano al di fuori della normale successione, che poteva avvenire in vari modi, ma, almeno nei periodi in cui regnavano nello stato la pace e l'ordine politico e sociale, sempre nell'ambito di un usus consolidato (successione dinastica di padre in figlio - anche per adozione - con designazione da parte dell'imperatore in carica del proprio erede, oppure nomina da parte di organi ufficiali dello stato, come il senato; in alcuni casi, dopo lotte tra vari pretendenti, come nel 68-69 o nel 193, il nuovo principe veniva poi comunque riconosciuto formalmente nello status quo, una volta ristabilito l'ordine).

L'usurpatore si configurava pertanto chiaramente come un sovvertitore che si metteva contro il potere centrale, non sempre necessariamente con la velleità di detronizzare l'imperatore in carica a Roma e subentrargli.

Questa caratterizzazione diviene però molto più sfumata in periodi di grave crisi politica, dove la stessa successione "legittima" non è sempre chiara; ciò è vero in modo particolare durante la crisi del III secolo, nel periodo più difficile della quale, l'impero si trovò addirittura diviso in tre parti, con successioni parallele di imperatori. Di solito per questo periodo si considerano legittimi i sovrani, spesso avvicendatisi tra loro in modo poco chiaro o comunque non lineare, che ebbero il controllo di Roma e della maggior parte dei territori dell'impero (nei circa quindici anni, 260-274, in cui l'impero fu diviso in tre parti a causa di secessioni, ciò equivale alla porzione centrale e più vasta dell'impero, senza cioè l'occidente e l'oriente). Si considerano perciò legittimi, dal 235 al 284: Massimino il Trace, Gordiano I, Gordiano II, Balbino, Pupieno, Gordiano III, Filippo l'Arabo, Decio, Treboniano Gallo, Emiliano, Valeriano, Gallieno, Claudio II il Gotico, Quintillo, Aureliano, Tacito, Floriano, Probo, Caro, Carino, Numeriano. I rimanenti imperatori testimoniati per questa epoca, molti dei quali sono noti unicamente da fonti numismatiche, che regnarono nell'Imperium Galliarum, nel Regno di Palmira, oppure, in momenti diversi, in varie zone perlopiù circoscritte dell'impero, sono considerati usurpatori.

Lista degli usurpatori[modifica | modifica wikitesto]

I secolo[modifica | modifica wikitesto]

II secolo[modifica | modifica wikitesto]

Contro Marco Aurelio
Contro Settimio Severo (193-211)

III secolo[modifica | modifica wikitesto]

Contro Eliogabalo (218-222)
Contro Alessandro Severo (222-235)
Contro Massimino il Trace (235-238)
Contro Gordiano III (238-244)
Contro Filippo l'Arabo (244-249)
Contro Decio (249-251)
Contro Valeriano e Gallieno (253-268)
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Usurpatori al tempo di Gallieno.
Contro Claudio II (268-270)
Contro Aureliano (270-275)
Contro Probo (276-282)
Contro Carino (283-285)
Contro Diocleziano (284-305)

IV secolo[modifica | modifica wikitesto]

Contro Costanzo II (337-361)
  1. Magnenzio (350353), in occidente
  2. Decenzio (350–353), in occidente
  3. Vetranione (350) (contro Magnenzio), nell'Illirico
  4. Nepoziano (350) (contro Magnenzio), a Roma, giustiziato
  5. Claudio Silvano 355
Contro Valente
  1. Procopio (365-366), a Costantinopoli
  2. Marcello (366), a Calcedonia
  3. Firmo (372-375) contro Valentiniano I, in Africa, suicida
Contro Teodosio I (379-395)
  1. Magno Massimo (384-388), in occidente
  2. Flavio Vittore (384-388), in occidente
  3. Flavio Eugenio (392-394), in occidente

V secolo[modifica | modifica wikitesto]

Contro Flavio Onorio (395-423)
  1. Marco (406-407), in Britannia, ucciso dai propri soldati
  2. Graziano (407), in Britannia, ucciso dai propri soldati
  3. Costantino III (407-411), in Europa occidentale, giustiziato
  4. Costante II (408-411), in Europa occidentale
  5. Prisco Attalo (409410, 414-415), Roma
  6. Massimo (409-411, 420-422), in Hispania, giustiziato
  7. Giovino (411-413), in Gallia, giustiziato
  8. Sebastiano (412-413), in Gallia, giustiziato
  9. Eracliano (412-412), in Africa
Contro Valentiniano III (423-425)
  1. Giovanni Primicerio (423-425), in occidente
Contro Antemio (467-472)
  1. Romano (470), a Roma

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma