Marco Claudio Tacito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando lo storico latino, vedi Publio Cornelio Tacito.
Tacito
Tacito
Busto di Tacito.
Imperatore romano
In carica novembre 275 - giugno 276
Predecessore Aureliano
Successore Floriano
Nome completo Marco Claudio Tacito
Altri titoli Gothicus maximus[1]
Nascita Interamna Nahars[2], 200 circa
Morte Tyana, giugno 276

Marco Claudio Tacito (latino: Marcus Claudius Tacitus; Interamna Nahars, 200 circa – Tyana, giugno 276) è stato un imperatore romano, al potere dal novembre 275 fino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

L'unica informazione certa sulla vita di Tacito antecedente alla sua ascesa al trono è il suo consolato nel 273, con Giulio Placidiano come collega. La Historia Augusta racconta che ricoprì diversi incarichi pubblici e che era imparentato con lo storico Tacito, ma queste informazioni sono ritenute inattendibili.

Nell'autunno 275, l'imperatore Aureliano cadde vittima di una congiura improvvisata. I suoi soldati, contrariati, non vollero che nessuno dei suoi generali prendesse la porpora, né vi era un erede designato disponibile. L'esercito decise allora di chiedere al Senato romano di scegliere un nuovo imperatore, e la scelta cadde su Tacito, il quale, alla notizia della morte di Aureliano, ne aveva proposto la divinizzazione e si era poi ritirato nelle sue proprietà campane. Le fonti parlano di un interregno di sei mesi dopo la morte di Aureliano; gli storici ritengono che questa sia un'esagerazione, sebbene dovessero passare diverse settimane prima dell'elezione di Tacito.[3]

Tacito ricevette l'acclamazione dell'esercito, poi si recò a Roma verso la fine del 275. Secondo una fonte aveva circa 75 anni all'epoca. Tra i suoi primi atti ufficiali vi fu la deificazione di Aureliano e la cattura e messa a morte di molti dei cospiratori coinvolti nel suo assassinio.[3] È possibile che la sua politica fosse in qualche modo riconciliatoria verso il Senato. Proclamò sulle proprie monete la clementia temporum, non assunse il titolo di deus et dominus natus assunto da Aureliano e non coniò alcuna moneta in onore della divinità solare favorita dal suo predecessore, il Sol Invictus; al contrario alcune sue monete recano il digramma SC, relativo alla coniazione controllata dal Senato, mentre altre sono dedicate al GENIVS SENATVS. Assunse i titoli di auctor verae libertatis[1] e, sulle monete, di restitutor rei publicae.

Era probabilmente ancora a Roma all'inizio del 276, quando entrò in carica per il suo secondo consolato,[4] ma dovette recarsi presto in Oriente,[3] dove le popolazioni gote stavano saccheggiando il Ponto, la Galazia, la Cappadocia e la Cilicia. Tacito nominò il proprio fratellastro Marco Annio Floriano prefetto del pretorio e si recò assieme a lui in Oriente, vinse i ribelli e assunse il titolo di Gothicus maximus.[1]

Dopo la vittoria, Tacito intendeva lasciare il suo prefetto in Oriente e tornare in Italia, probabilmente passando per la frontiera renana, dove si registravano alcune sommosse, ma, nel giugno 276, morì a Tyana.[3] Secondo uno storico antico, fu assassinato per avvelenamento da personaggi coinvolti con la recente uccisione di un suo parente, il severo governatore della Siria Massimino.[5][6] Tacito non fu né divinizzato né colpito da damnatio memoriae.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c CIL XII, 5563.
  2. ^ Italo Ciaurro: "Latina Gens 1931"
  3. ^ a b c d Southern.
  4. ^ Esistono prove numismatiche di un terzo consolato di cui però non v'è traccia nei Fasti.
  5. ^ Zosimo, i.63.2; Zonara, xii.28.
  6. ^ Alan K. Bowman, Peter Garnsey, Averil Cameron, The Cambridge ancient history: The crisis of empire, A.D. 193-337, Cambridge University Press, 2005, ISBN 9780521301992, p. 54.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • André Chastagnol, L'accentrarsi del sistema: la tetrarchia e Costantino, in: AA.VV., Storia di Roma, Einaudi, Torino, 1993, vol. III, tomo 1; ripubblicata anche come Storia Einaudi dei Greci e dei Romani, Ediz. de Il Sole 24 ORE, Milano, 2008 (v. il vol. 18°)
  • Santo Mazzarino, L'Impero romano, tre vol., Laterza, Roma-Bari, 1973 e 1976 (v. vol. II); riediz. (due vol.): 1984 e successive rist. (v. vol. II)
  • Robin Mc Mahon, "Tacitus (275-276 A.D.)", De Imperatoribus Romanis, 2 febbraio 2000
  • Pat Southern, The Roman Empire from Severus to Constantine, Routledge, 2001, ISBN 9780203451595, pp. 126-127.

_ "Latina Gens 1931", Italo Ciaurro

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Imperatore romano Successore Project Rome logo Clear.png
Aureliano 275 - 276 Floriano
Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Imperatore Cesare Lucio Domizio Aureliano Augusto III 276 Imperatore Cesare Marco Aurelio Probo Augusto
con Marcellino con Emiliano II con Paolino

Controllo di autorità VIAF: 20744377