Cappadocia (provincia romana)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cappadocia
Informazioni generali
Nome ufficiale (LA) Cappadocia
Capoluogo Caesarea (l'odierna Kayseri)
Dipendente da Impero romano, Impero bizantino
Suddiviso in Cappadocia, Pontus Polemoniacus e Armenia Minor con la riforma tetrarchica di Diocleziano
Amministrazione
Forma amministrativa Provincia romana
Evoluzione storica
Inizio 17 d.C.
Causa annessione romana del regno "cliente"
Fine VII secolo
Causa Guerre arabo-bizantine
Preceduto da Succeduto da
Regno di Cappadocia Arabi
Cartografia
La provincia (in rosso cremisi) al tempo dell'imperatore Traiano
La provincia (in rosso cremisi) al tempo dell'imperatore Traiano

Cappadocia era il nome di una vasta provincia romana dell'Anatolia centrale, situata nell'omonima regione dell'odierna Turchia.

Statuto[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Province romane, diocesi (storia romana) e Governatori romani della Cappadocia.

La Cappadocia venne provincializzata da Tiberio nell'anno 17/18 d.C., quando Roma decise di eliminare il regno ellenistico ivi presente governato da Archelao di Cappadocia. Tiberio affidò la nuova provincia ad un prefetto di rango equestre (da Claudio nominato Procurator Augusti), al comando di truppe ausiliarie.

Dal 69/70 d.C. al 98 d.C., la Cappadocia venne unita alla Galazia sotto il comando di un legatus Augusti pro praetore di rango pretorio. Con il principato di Traiano, la Cappadocia divenne nuovamente una provincia a sé stante, governata da legatus Augusti pro praetore di rango pretorio.

Con la riforma tetrarchica di Diocleziano dell'organizzazione provinciale alla fine del III secolo d.C., la Cappadocia venne divisa nelle province di Cappadocia, Pontus Polemoniacus e Armenia Minor ed inserita nel Diocesi Pontica, più tardi inserita nella Prefettura del pretorio d'Oriente; nel 395 d.C., la provincia di Cappadocia venne nuovamente divisa in Cappadocia I, Cappadocia II.

EVOLUZIONE DELLE PROVINCE ORIENTALI-SETTENTRIONALI (FUTURA DIOCESI DEL PONTO)
prima della conquista romana
regno di Bitinia
regno del Ponto
regno di Galazia
regno di Cappadocia
regno di Armenia
dal 74 a.C.
prov. di Bitinia
regno del Ponto
regno di Galazia
regno di Cappadocia
regno di Armenia
dal 63 a.C.
prov. di Bitinia e Ponto
regno di Galazia
regno di Cappadocia
regno di Armenia
dal 36 a.C.
Bitinia e Ponto
regno di Galazia
(protettorato romano)
regno di Cappadocia
(protettorato romano)
regno di Armenia
(protettorato romano)
dal 25 a.C.
Bitinia e Ponto
prov. di Galazia
regno di Cappadocia
(protettorato romano)
regno di Armenia
(protettorato romano)
dal 17 d.C.
Bitinia e Ponto
Galazia
prov. di Cappadocia
regno di Armenia
(protettorato romano)
dal 74
Bitinia e Ponto
Cappadocia
(Galazia inglobata)
regno di Armenia
(protettorato romano)
dal 114
Bitinia e Ponto
Galazia
Cappadocia
prov. di Armenia
dal 117
Bitinia e Ponto
Galazia
Cappadocia
regno di Armenia
(protettorato romano)
dal 163
Bitinia e Ponto
Galazia
Cappadocia
prov. di Armenia (?)
dal 180/192 (?)
Bitinia e Ponto
Galazia
Cappadocia
regno di Armenia
(protettorato romano)
al momento della divisione tetrarchica 293
Bitinia
Paflagonia
Galazia
Pontus Polemoniacus
(dalla Cappadocia)
Cappadocia I
Cappadocia II
Armenia I
(dalla Cappadocia)
Armenia II
(dalla Cappadocia)
regno di Armenia
(protettorato romano)
al tempo della Not.Dign. 400
Bitinia
Paflagonia
Elenoponto
Galatia I
Galatia II
Pontus Polemoniacus
(dalla Cappadocia)
Cappadocia I
Cappadocia II
Armenia I
Armenia II
regno di Armenia
(protettorato sasanide)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di Roma[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno di Cappadocia.

La Cappadocia fu prima della conquista romana un regno ellenistico sempre in guerra con il vicino regno di Pergamo e con quello che sarebbe diventato successivamente il regno dei Parti.

Il regno di Cappadocia vide un periodo di piena fioritura dal 300 al 100 a.C., dopo il 100 a.C. con la fine del regno di Pergamo e l'intromissione dell'impero romano nel mondo orientale il regno di Cappadocia perse gran parte del suo vecchio potere e nel 17/18 d.C. venne conquistata da Tiberio non senza aspre lotte, il regno di Cappadocia pur essendo indebolito e ormai soggiogato dal punto di vista politico (infatti si poteva quasi considerare uno stato vassallo dell'impero romano) utilizzò gli ampi deserti e la poderosa cavalleria per combattere i romani che solo dopo lunghe e aspre lotte vinsero.

Esercito e difesa[modifica | modifica wikitesto]

La Cappadocia e l'Anatolia antica

Legioni romane[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Legione romana, Elenco delle fortezze legionarie romane e Dislocazione delle legioni romane.

In Oriente, sotto Vespasiano, veniva sedata dal figlio Tito, una difficile rivolta in Giudea, che aveva portato alla conquista di Gerusalemme (nel 70), dove venne posta come guarnigione permanente la legio X Fretensis.[1] In seguito a questi eventi due legioni furono trasferite lungo il fiume Eufrate in Cappadocia (la XII Fulminata e la XVI Flavia Firma).[2] La legio XII Fulminata venne rimossa dalla Siria e, mentre prima era accampata a Raphana, venne inviata nella città chiamata Melitene posizionata presso l'Eufrate, lungo il confine tra il regno d'Armenia e la provincia di Cappadocia.[3]


Sotto Vespasiano due legioni (la XII Fulminata e la XVI Flavia Firma) furono trasferite lungo il fiume Eufrate in Cappadocia «per difenderla dalle continue incursioni dei barbari e ne pose a capo un legato consolare al posto di un cavaliere romano».[4] La legio XII Fulminata venne stanziata a Melitene, mentre la XVI Flavia Firma a Satala. Sappiamo che nel 9 d.C. vi erano le seguenti legioni, così dislocate nella provincia di Siria:

ANNO
72 d.C.
unità legionaria località antica località moderna annotazioni varie
1
Legio XVI Flavia Firma Satala Sadagh Questa legione rimase fino alle campagne partiche di Traiano
2
Legio XII Fulminata[3] Melitene[3] Melitene[3]

Traiano dopo aver impiegato nelle campagne contro i Parti la legio XV Apollinaris (114-117), nella nuova riorganizzazione orientale operata da Adriano posizionò quest'ultima legione definitivamente a Satala in Cappadocia.[5]

ANNO
117
unità legionaria località antica località moderna annotazioni varie
1
Legio XV Apollinaris Satala Sadagh
2
Legio XII Fulminata Melitene Melitene

Sappiamo che all'abdicazione di Diocleziano (305) c'erano almeno 53/56 legioni in tutto l'impero, quatto delle quali si trovavano nell'antica provincia di Cappadocia-Armenia Prima.[6]

ANNO
305
unità legionaria località antica località moderna annotazioni varie
1
Legio XV Apollinaris e
legio II Armeniaca
Satala Sadagh
2
Legio I Armeniaca Claudiopolis Mut
3
Legio XII Fulminata Melitene Melitene

Nel V secolo la legio XV Apollinaris era ancora in Cappadocia, secondo la Notitia dignitatum, con base a Satala ed Ancyra, sotto il comando del Dux Armeniae.

Auxilia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Truppe ausiliarie dell'esercito romano e Lista delle truppe ausiliarie romane.

Inizialmente la provincia fu difesa esclusivamente da reparti di ausiliari.

Durante il regno di Domiziano (nel 92), vi erano: 3 alae di cavalleria e 13 cohortes di fanteria (o miste),[7] tra cui ricordiamo:

  • per le ali: Thracum Herculana, I Gemina colonorum e I Augusta Germaniciana;
  • per le coorti: I Augusta civium Romanorum e I Italica milliaria voluntariorum civium Romanorum.

Durante il regno di Adriano (nel 134), vi erano secondo quanto ci racconta Arriano nel suo Schieramento contro gli Alani: 4 alae di cavalleria e 10 cohortes di fanteria (o miste), tra cui ricordiamo:

  • per le ali: I Augusta Colonorum, I Ulpia Dacorum, II Gallorum e II Ulpia Auriana;
  • per le coorti: I Raetorum equitata, I Ituraeorum sagittariorum equitata, I Italica voluntariorum civium Romanorum, I Germanorum milliaria equitata, I Bosporanorum milliaria equitata, I Apuleia civium Romanorum, I Numidarum equitata, III Augusta Cyrenaica sagittaria equitata, III Ulpia Patraeorum sagittaria milliaria equitata e IV Raetorum equitata.

Geografia economica e politica[modifica | modifica wikitesto]

La provincia confinava a nord con la provincia di Galazia e della Bitinia e Ponto ad occidente con la provincia d'Asia e sud con le province di Cilicia e la Siria. La Cappadocia era una provincia limitanea, cioè posta sui confini dell'impero, lungo il limes orientale, ai margini del Regno d'Armenia. A causa della conformazione geologica della regione e dell'assenza di una tessuto urbano importante, la provincia di Cappadocia fu fra le meno ricche e fra le meno abitate dell'intero Oriente romano.

In Cappadocia i romani allevavano i migliori cavalli per i loro eserciti.

Maggiori centri provinciali[modifica | modifica wikitesto]

La capitale provinciale era Caesarea (l'odierna Kayseri). Altro centro importante fu Melitene.

Principali vie di comunicazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Flavio, La guerra giudaica, VII, 1.2.
  2. ^ Svetonio, Vita di Vespasiano 8.
  3. ^ a b c d Giuseppe Flavio, La guerra giudaica, VII, 1.3.
  4. ^ Svetonio, Vita di Vespasiano 8.
  5. ^ Julian Bennett, op.cit., pp. 305-306.
  6. ^ J. R. González, Historia de las legiones Romanas, pp. 709-710; G. Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, Rimini 2009, p. 44.
  7. ^ AE 2004, 1920.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Teja R., Die römische Provinz Kappadokien in der Prinzipatszeit ANRW, 1980 II/7.2, pp. 1083-1124.
  • Michele Mazzeo, Lettere di Pietro, Lettera di Giuda, 2002, pp480.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma