Casino Royale (film 2006)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Agente 007 - Casinò Royale)
Casino Royale
Casino gip.jpg
Le Chiffre tortura Bond
Titolo originale Casino Royale
Paese di produzione USA, Regno Unito, Italia
Anno 2006
Durata 144 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere azione, spionaggio
Regia Martin Campbell
Soggetto dal romanzo omonimo di Ian Fleming
Sceneggiatura Neal Purvis, Robert Wade, Paul Haggis
Produttore Michael G. Wilson, Barbara Broccoli
Casa di produzione Sony Pictures Entertainment
Distribuzione (Italia) Columbia Pictures
Fotografia Phil Meheux
Montaggio Stuart Baird
Effetti speciali Chris Corbould
Musiche David Arnold
Tema musicale You Know My Name - Chris Cornell
(David Arnold, Chris Cornell)
Scenografia Peter Lamont
Costumi Lindy Hamming
Trucco Paul Engelen
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Sapevo che era troppo presto per promuoverla. »
(M rivolta a un ancora inesperto James Bond)

Casino Royale è un film del 2006 diretto da Martin Campbell.

Ventunesimo capitolo della serie cinematografica di 007, è il primo con l'attore britannico Daniel Craig nel ruolo dell'agente segreto dell'MI6, James Bond; dopo Sean Connery, George Lazenby, Roger Moore, Timothy Dalton e Pierce Brosnan, Craig è il sesto attore a impersonare la spia britannica nella saga ufficiale. La pellicola viene considerata come un riavvio della serie, in quanto presenta uno 007 giovane e all'inizio della sua carriera come agente doppio 0, con un comportamento spesso vulnerabile e inesperto rispetto ai film precedenti.

Casino Royale rappresenta la terza trasposizione dell'omonimo romanzo di Ian Fleming, il primo a trattare le vicende di Bond: nel 1954, negli Stati Uniti ne era stato tratto l'episodio Casino Royale della serie antologica Climax!, mentre nel 1967 fu realizzato un film parodia dei primi capitoli della saga, James Bond 007 - Casino Royale. La pellicola è stata adattata dagli sceneggiatori Neal Purvis e Robert Wade, assieme al premio Oscar Paul Haggis. Alla regia è stato scelto Campbell, che ritorna a dirigere per la seconda volta un film della serie dopo GoldenEye del 1995.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La spia britannica James Bond si guadagna la licenza di "doppio 0" uccidendo a sangue freddo due traditori dell'MI6 di stanza a Praga. Inviato in missione in Madagascar, qui insegue ed elimina un mercenario, assoldato per compiere un attentato; l'assassinio però viene ripreso dalle telecamere all'interno di un'ambasciata, generando un caos mediatico che comporta la momentanea sospensione del neopromosso agente. Indagando per proprio conto, 007 raggiunge quindi le Bahamas, dove scopre che il temuto attentato sta per essere compiuto da un secondo mercenario: il bersaglio è il prototipo di un moderno velivolo che sta per essere presentato all'aeroporto di Miami, ma anche stavolta Bond riesce a sventare il pericolo. L'MI6 scopre che il mandante di tutto è un banchiere privo di scrupoli soprannominato Le Chiffre, presumibilmente albanese, brillante matematico e giocatore di poker, la cui specialità è arricchirsi in borsa tramite la vendita allo scoperto di azioni destinate a scendere, a seguito degli attentati da lui organizzati.

Le recenti azioni di 007 hanno tuttavia causano al banchiere un debito di diverse centinaia di milioni. Per rifarsi delle perdite, questi organizza nel piccolo e tranquillo Casino Royale in Montenegro una partita di Texas hold 'em, con poste molto alte: se infatti Le Chiffre non riguadagnerà al più presto il denaro che ha dilapidato, i suoi clienti lo uccideranno. Bond, nonostante le ancora numerose pecche mostrate in servizio, è considerato uno dei pochi in grado di tener testa a Le Chiffre sul tavolo verde; partecipa quindi alla partita, finanziato dal tesoro britannico rappresentato dall'affascinante Vesper Lynd, per cui inizia presto a maturare dei sentimenti. I servizi inglesi vogliono infatti sfruttare a loro favore questa situazione, portando alla bancarotta il banchiere e costringendolo così a chiedere la loro protezione, in cambio d'informazioni circa i suoi loschi contatti.

Le Chiffre è particolarmente abile nel volgere la partita a suo favore, ingannando uno 007 fin troppo sicuro di se, che finisce così per perdere tutti i suoi soldi. L'avventato comportamento mostrato al tavolo spinge Vesper a rifiutarsi di aprire ulteriormente le casse del tesoro per offrirgli la somma necessaria a rientrare in gioco. Inaspettatamente, viene in aiuto dell'inglese il giocatore Felix Leiter, identificatosi solo all'ultimo momento come un uomo della CIA, che offre al collega la somma per sfidare nuovamente il banchiere; in cambio, l'americano ottiene che sia la sua agenzia a incastrare il pericoloso malvivente. Dopo un tentativo di avvelenamento da parte di Le Chiffre, e grazie a una mano particolarmente fortunata, è Bond a vincere la partita. Con le spalle al muro e senza altre opzioni, il banchiere cattura e tortura brutalmente 007 con l'intento di riprendersi il denaro, ma questi non cede. Tuttavia, prima che possa proseguire nei suoi intenti vendicativi, Le Chiffre viene freddato da un misterioso sicario che rende la vita alla spia.

Ormai innamorati, Bond e Vesper passano sempre più tempo assieme e, a Venezia, l'uomo matura la decisione di lasciare lo spionaggio. Proprio in laguna, però, 007 è messo di fronte alla realtà scoprendo il tradimento della donna, intenta a consegnare il ricavato della vincita al casinò agli uomini dell'organizzazione di Le Chiffre. Nell'intento di impedire la consegna, l'agente uccide tutti i mercenari, ma Vesper perde la vita nonostante i suoi tentativi di salvarla. I soldi finiscono nelle mani dell'uomo che lo risparmiò alla morte di Le Chiffre, Mr. White. Proprio grazie a un ultimo SMS di Vesper, scritto a Bond prima di morire, la spia riesce a localizzare il sicario. Ormai conscio dei rischi della sua professione, si reca nella dimora di questi e lo affronta, dichiarando, infine: «il mio nome è Bond, James Bond».

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • James Bond, interpretato da Daniel Craig.
    È un agente segreto britannico a cui, dopo la promozione ad Agente Doppio 0, viene affidata la missione di battere il losco affarista Le Chiffre ad una partita a poker con poste molto alte presso il Casino Royale in Montenegro. Durante la sua missione, però, si fa troppo coinvolgere emotivamente.
  • Vesper Lynd, interpretata da Eva Green.
    È un agente del tesoro britannico che deve supervisionare e finanziare James Bond durante la sua missione al Casino Royale in Montenegro. Dopo la partita a poker si innamora di James Bond e insieme progettano di lasciare i servizi segreti. L'amore dura fino a quando 007 non scopre che lei sta segretamente aiutando l'organizzazione terroristica di Le Chiffre.
  • Le Chiffre, interpretato da Mads Mikkelsen.
    È un losco banchiere, affiliato ad una misteriosa organizzazione terroristica. È un genio matematico ed esperto di poker.
  • M, interpretata da Judi Dench.
    È il capo dell'MI6. Promuove James Bond ad Agente Doppio 0 ed è spesso indignata nei suoi confronti per il suo atteggiamento irresponsabile. Esercita sull'agente segreto un ruolo simile a quello materno.
  • Solange, interpretata da Caterina Murino.
    È la moglie del cattivo Dimitrios. Viene sedotta da Bond alle Bahamas in cambio di informazioni; per questo viene uccisa dall'organizzazione terroristica di Le Chiffre.
  • Felix Leiter, interpretato da Jeffrey Wright.
    È un agente della CIA che partecipa al torneo di poker al Casino Royale in Montenegro con il compito di aiutare James Bond.
  • René Mathis, interpretato da Giancarlo Giannini.
    È un agente, forse doppiogiochista, che aiuta Bond in Montenegro.
  • Carlos, interpretato da Claudio Santamaria.
    È un terrorista che cerca di far esplodere un aereo all'aeroporto di Miami.
  • Mr. White, interpretato da Jesper Christensen.
    È un cattivo che ha rapporti con l'organizzazione terroristica di Le Chiffre.

Come nel romanzo originale, nel film non compare il personaggio dell'armiere Q, mentre Miss Moneypenny (che fa una fugace apparizione nel romanzo) è stata del tutto esclusa, tranne che per un'allusione "criptica" al suo nome nella scena in cui compare per la prima volta Vesper: quest'ultima si presenta dicendo «I'm the money» («Sono il denaro»), e Bond aggiunge «every penny of it» («e ne vali ogni penny»). Il film è così il primo della serie senza la segretaria Moneypenny e, unitamente ad Agente 007 - Licenza di uccidere e Agente 007 - Vivi e lascia morire, il terzo senza Q.

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

La supermodella Alessandra Ambrosio appare in un breve cameo quando Bond arriva per la prima volta all'Ocean Club, mostrandosi nei panni della tennista che si volta a guardarlo dopo averlo incrociato. Nelle sequenze ambientate all'aeroporto di Miami è inoltre presente l'imprenditore Richard Branson, fondatore del Virgin Group e co-sponsor del film, in una fugace comparsata al controllo passeggeri. Il produttore Michael G. Wilson appare infine nel suo consueto cameo all'interno dei film della saga, questa volta come capo della polizia montenegrina.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Casino Royale (Climax!) e James Bond 007 - Casino Royale.

Prima della realizzazione del film del 2006, il romanzo Casino Royale risultava essere uno dei pochi di Ian Fleming a non aver avuto una trasposizione cinematografica nella serie ufficiale prodotta dalla EON Productions. Infatti, a differenza degli altri film, Casino Royale era l'unico romanzo i quali diritti non erano stati venduti ai produttori della serie poiché lo stesso Ian Fleming, un anno dopo l'uscita del romanzo e più precisamente nel 1954, vendette l'adattamento del libro a Michael Garrison, conosciuto per la serie televisiva americana The Wild Wild West, e Gregory Ratoff entrambe della televisione americana CBS. Proprio quest'ultima nello stesso anno dell'acquisizione dei diritti produsse l'episodio Casino Royale all'interno della serie antologica Climax! il cui protagonista era "Jimmy" Bond, agente segreto della CIA, interpretato da Barry Nelson.

Il Grandhotel Pupp di Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, è diventato nella finzione cinematografica l'Hotel Splendide in Montenegro, luogo di soggiorno di James Bond e Vesper Lynd durante la sfida ai tavoli da gioco contro Le Chiffre.

Dopo la morte di Ratoff i diritti furono venduti al produttore Charles K. Feldman che negli anni sessanta, a seguito del grande successo cinematografico dei primi film di James Bond (Licenza di uccidere, Dalla Russia con amore e Missione Goldfinger) propose alla EON Productions una cooperazione per la produzione di film della serie. Questa offerta fu rifiutata dai produttori Albert R. Broccoli e Harry Saltzman dopo che lo stesso tipo di proposta gli fu fatta da un altro produttore, Kevin McClory, il quale nel 1983 produsse un altro film non-ufficiale su 007, chiamato Mai dire mai.

Per questi motivi Feldman decise di produrre un nuovo adattamento del romanzo, James Bond 007 - Casino Royale, che risultava essere una parodia dei film ufficiali. Tra il cast del film figuravano David Niven e Peter Sellers nel ruolo di James Bond, Woody Allen/Jimmy Bond, Ursula Andress/Vesper Lynd, Orson Welles/Le Chiffre e l'attrice Barbara Bouchet/Miss Moneypenny.

Dopo vari anni il film passò alla Sony Pictures Entertainment che ad inizio degli anni novanta decise di produrre nuovamente il film seguendo uno stile più serio rispetto alla serie ufficiale. Questa iniziativa fu ostacolata nel 1999 quando gli fu intentata dalla MGM una causa riguardante i film di James Bond. La questione si risolse con la parziale cessione dei diritti sull'Uomo Ragno.[1]

Nel 2005, con l'acquisizione da parte della Sony Pictures Entertainment della Columbia TriStar Pictures, tra la prima e la EON Productions fu stipulato un contratto che prevedeva la realizzazione insieme di due film di James Bond. Il primo fu Casino Royale, seguito da Quantum of Solace.

Pre-produzione[modifica | modifica wikitesto]

Villa del Balbianello sul lago di Como, location utilizzata per la convalescenza di 007 a seguito delle torture di Le Chiffre.

Nel 2004 gli sceneggiatori Neal Purvis e Robert Wade iniziarono una prima stesura della sceneggiatura basata sulla figura di Pierce Brosnan nel ruolo di un James Bond più serio e vicino ai "canoni" di Ian Fleming. Per la regia espresse interesse Quentin Tarantino,[2] da sempre fan della serie. Il progetto tarantiniano, però, saltò dopo che il regista rifiutò dichiarando che nella realizzazione del film non avrebbe avuto troppa libertà. Alla fine fu scelto per la regia Martin Campbell, che già aveva diretto l'acclamato Agente 007 - GoldenEye nel 1995.

Col passare del tempo sfumò per l'attore Pierce Brosnan la possibilità di girare un nuovo film di 007 dopo che gli stessi produttori decisero di rinnovare la serie ingaggiando un nuovo attore nei panni del protagonista. Vari furono i candidati tra cui Henry Cavill, Eric Bana, Hugh Jackman, Goran Višnjić e Clive Owen. Nell'estate del 2005 si rincorsero sempre più rumors che i produttori avrebbero indirizzato la loro scelta su un altro attore, Daniel Craig, che da poco aveva finito di girare il film di Steven Spielberg, Munich. La conferma arrivò il 14 ottobre 2005 attraverso una conferenza stampa a Londra.[3] Varie furono però le critiche riguardanti la scelta dell'attore ritenuta in contrasto con quella delle precedente reincarnazioni dell'agente segreto. Prima fra tutte ci fu una dura campagna di boicottaggio del film sostenuta da parte di alcuni fan su internet attraverso il sito "danielcraigisnotbond.com", che sostenevano il ritorno di Pierce Brosnan.

Nella seconda parte del 2005, oltre agli sceneggiatori Neal Purvis e Robert Wade, fu chiamato a ripulire la stesura della sceneggiatura e a scrivere il climax del film, lo sceneggiatore canadese vincitore di un premio Oscar, Paul Haggis.

Lavorazione[modifica | modifica wikitesto]

Il produttore Michael G. Wilson e l'attore Daniel Craig durante una pausa delle riprese della pellicola a Venezia

Le riprese ufficiali della pellicola partirono il 30 gennaio 2006, iniziando da alcuni ciak a Londra per poi proseguire a Praga – città utilizzata per ambientare sia il fallito attentato all'aeroporto di Miami che l'albergo veneziano dove soggiornano Bond e Vesper – e alle Bahamas, specialmente a Nassau, nei mesi di febbraio e marzo; tra le principali location dell'isola figurò anche un casinò già utilizzato in occasione di Thunderball.

Ad aprile la troupe ritornò in Repubblica Ceca, nelle cittadine di Karlovy Vary e Loket, per girare gli esterni del Casinò Royale e dell'Hotel Splendide, mentre gli interni furono filmati a Londra agli inizi di maggio. Per l'ultima parte del film la troupe si spostò in Italia, precisamente sul lago di Como e a Venezia. Le riprese furono ultimate il 21 luglio 2006, dopo 118 giorni, con un budget di circa 150.000.000 dollari.[4]

Post-produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto del 2006 vennero ultimate e rifinite alcune scene del film nei Pinewood Studios di Londra. Proprio alla fine delle riprese gli storici studi andarono in fiamme anche se non impedirono il completamento del film.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le scene della tortura di Bond sono state parzialmente tagliate rispetto alla versione originaria, perché altrimenti il film non avrebbe ottenuto nel Regno Unito il visto "12A" – ossia, l'età minima 12 anni con accompagnamento di un adulto – del British Board of Film Classification; a detta del regista Campbell, la pellicola contiene le scene più crude che siano mai state girate in un film di 007.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Casino Royale è uscito nelle sale negli Stati Uniti d'America il 17 novembre 2006, mentre è approdato nelle sale italiane il 5 gennaio 2007.

Il 21º film dedicato all'agente 007 ha avuto uno straordinario successo internazionale: la pellicola ha incassato nel mondo 594.200.000 dollari, di cui solo 167.445.960 negli Stati Uniti, mentre nelle sale italiane il film ha fruttato 7.971.884 euro.[5]

Casino Royale divenne all'epoca il film di James Bond più remunerativo nella storia della serie (superato poi nel 2012 da Skyfall), e si posizionò al 4º posto nella classifica dei film più visti nel 2006, oltre che al 38º nella lista di film che hanno incassato di più nella storia del cinema.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La critica ha dato all'uscita del film vari pareri positivi, specialmente riguardanti l'interpretazione di Daniel Craig, nonostante un gruppo nutrito di fan lo avesse duramente criticato durante la produzione del film. Furono soggetto di dibattito e di confronto soprattutto le differenze tra lo 007 di Daniel Craig e quello dei precedenti attori, in primis Sean Connery. Il giornale inglese The Daily Telegraph lodò il film per la qualità delle doti interpretative degli attori e per la sceneggiatura che riprendeva lo stile retrò e gretto dei libri di Ian Fleming. Il The Times lodò Craig poiché aveva espresso maggior sicurezza nell'interpretazione del personaggio rispetto a Timothy Dalton e diede ottimi pareri riguardo alle scene d'azione, definite dense di tensione.[6] Vari critici hanno descritto Daniel Craig come il primo attore ad interpretare la vera personalità del James Bond dei romanzi di Ian Fleming: ironico, brutale e freddo.

Casino Royale viene ritenuto come uno dei migliori film della serie di James Bond: secondo l'Internet Movie Database[7] si classifica al 238º posto tra i 250 film migliori della storia del cinema con un rating del 8.0, per Rotten Tomatoes[8] raggiunge un rating del 94% e per Metacritic[9] un 81 che significa «Universal Acclaim» (ovvero «Acclamazione universale»).

Il film è apparso anche nella Top Ten di vari giornali americani come uno tra i migliori film del 2006:

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Chris Cornell ha interpretato You Know My Name, canzone che accompagna i titoli di testa. Il brano, dalla spiccata influenza rock, si discosta molto dalle classiche sonorità della saga.

La colonna sonora della pellicola è stata scritta da David Arnold, già autore delle musiche dei tre precedenti film dell'agente segreto nonché del tema principale di Casino Royale, la ballata rock You Know My Name interpretata da Chris Cornell, che accompagna i titoli di testa.

Per rappresentare un Bond più giovane e inesperto, Arnold utilizza le note della canzone come tema portante del film per quasi tutte le tracce della colonna sonora, facendo un minimo uso del classico tema The James Bond Theme scritto da Monty Norman e John Barry, utilizzandone solo le caratteristiche note introduttive nei momenti che caratterizzano il personaggio, ad esempio al termine di una partita a carte, durante il volo per Miami o dopo che Bond è riuscito a scampare ad un letale veleno. La versione completa del tema, però, si può sentire solo alla fine del film, quando Bond si conferma finalmente come l'agente segreto che conosciamo.

Altri due temi sono ricorrenti. Il primo è il Suspense motif, un tema caratteristico di Arnold che consiste in un diminuendo di quattro note, già utilizzato nelle colonne sonore dei precedenti film di James Bond di cui si è occupato Arnold. Può essere udito durante African Rundown, Miami International e Dirty Martini. Il secondo è il tema di Vesper, che ritrae l'interesse femminile di Bond; il tema inizia con una melodia malinconica, rappresentando il personaggio nelle sue vesti fredde e dure con cui appare nel suo primo incontro con Bond; quindi prosegue in maniera molto più dolce e passionale, descrivendo l'amore e i cuori di ghiaccio dei due protagonisti che si sono sciolti; si conclude riprendendo la melodia iniziale, simboleggiando la vera natura di Vesper, come rivelato nel finale del film.

Tracce
  1. African Rundown
  2. Nothing Sinister
  3. Unauthorised Access
  4. Blunt Instrument
  5. CCTV
  6. Solange
  7. Trip Aces
  8. Miami International
  9. I'm the Money
  10. Aston Montenegro
  11. Dinner Jackets
  12. The Tell
  13. Stairwell Fight
  14. Vesper
  15. Bond Loses It All
  16. Dirty Martini
  17. Bond Wins It All
  18. The End of an Aston Martin
  19. The Bad Die Young
  20. City of Lovers
  21. The Switch
  22. Fall of a House in Venice
  23. Death of Vesper
  24. The Bitch Is Dead
  25. The Name's Bond... James Bond

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in DVD nel mercato italiano il 22 maggio 2007,[10] disponibile in edizione disco singolo e doppio. Lo stesso giorno è stata messa in commercio anche la versione del film ad alta definizione Blu-ray Disc. L'edizione del film in alta definizione Blu-ray in Europa è stata record di vendite classificandosi al secondo posto come numero di vendite in Blu-ray del 2007, preceduto solamente dal film 300.[11]

Inesattezze[modifica | modifica wikitesto]

Il Montenegro, caratterizzato da territori montuosi e da uno sbocco sul Mar Mediterraneo, è in realtà molto diverso dai luoghi mostrati in Casino Royale.
  • Grossolana è la raffigurazione del Montenegro come una località di evidente impronta mitteleuropea, con grandi vallate intervallate da fiumi e castelli, centri storici con campanili a cipolla e piazzette in stile tardo barocco. E difatti le riprese sono state effettuate a Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, motivo per cui sono riconoscibili la sigla delle ferrovie e delle telecomunicazioni ceche, l'insegna del Bílý Koníček ("cavallino bianco" in ceco), la polizia si serve di autovetture Škoda e le divise sono quelle ceche leggermente modificate. Inoltre, quando Bond si reca al bar durante la partita a poker, sono chiaramente visibili due bottiglie di Becherovka, liquore nazionale prodotto proprio nella cittadina ceca. Infine quello che viene chiamato Hotel Splendide è in realtà il Grandhotel Pupp, sempre a Karlovy Vary.
  • Nelle scene ambientate a Venezia Bond e Vesper navigano in barca a vela lungo il Canal Grande, cosa impossibile per la presenza di ponti non molto alti: per girare la scena l'albero è stato smontato e rimontato nel tratto di Canal Grande tra il ponte degli Scalzi ed il ponte di Rialto. In più, se si osserva con attenzione, la scia lasciata dalla barca a vela in Canal Grande, si vede che è spostata rispetto alla barca: in effetti durante quelle riprese la barca aveva il motore fuori uso e quindi era affiancata da un gommone (ovviamente non inquadrato) che la spingeva.[senza fonte]
  • Nel doppiaggio italiano della pellicola c'è un'altra incongruenza: la mano con cui Bond vince la partita contro Le Chiffre al Casino Royale è una scala a colore, ma il croupier afferma invece essere una scala reale.

Product placement[modifica | modifica wikitesto]

Anche in questo film di James Bond, molti sono i casi di product placement presenti in modo più o meno appariscente. Tra gli altri figurano i cellulari Sony Ericsson, i laptop Sony VAIO, il motore di ricerca Google, un escavatore New Holland, uno yacht Sunseeker dove un esperto pokerista gioca a poker con un politico, due pacchetti con l'iscrizione FedEx al momento dell'arrivo all'hotel in Montenegro, nonché la birra Heineken, lo champagne Bollinger e la compagnia aerea Virgin Atlantic. Vengono citati il programma di fotoritocco Adobe Photoshop, le marche di orologi Rolex e Omega, lo smoking (o Tuxedo) Brioni e gli occhiali Persol. Sono utilizzate molte automobili appartenenti (all'epoca) al gruppo Ford come Aston Martin (classico della serie), Jaguar e Land Rover, oltre all'ultimo modello della Ford Mondeo (motivo per cui venne scherzosamente ribattezzata "Bondeo"). Infine, il vestito viola con cui Vesper fa il suo ingresso alla partita a poker di Le Chiffre è stato realizzato dallo stilista italiano Roberto Cavalli.

Casi mediatici[modifica | modifica wikitesto]

La Aston Martin DBS V12 portata al debutto in anteprima all'interno del film

Nel film James Bond guida una Aston Martin DBS V12, appositamente realizzata dalla casa automobilistica inglese per questa pellicola (tuttavia, nella scena dell'incidente, l'auto è in realtà una Aston Martin DB9 ricarrozzata). Tale autovettura è stata oggetto di un nuovo primato: nella scena dell'incidente, l'auto di 007 si rovescia per ben sette volte, stabilendo così un nuovo record del mondo per quanto riguarda i cappottamenti consecutivi di un'auto.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il buon successo del film, è stato prodotto il seguito dal titolo Quantum of Solace uscito tra ottobre e novembre 2008. Il film è uscito nelle sale negli Stati Uniti d'America il 14 novembre 2008[12] ed ha ancora come protagonista Daniel Craig sempre nel ruolo di James Bond, mentre il ruolo della Bond girl è stato affidato all'attrice Olga Kurylenko.[13]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il cocktail Vesper creato da Bond nel film e dedicato al personaggio di Vesper Lynd è invenzione dello stesso Ian Fleming.
  • Grazie anche alla moda esplosa in quel periodo, nella partita al Casino Royale il baccarà descritto nel libro di Fleming è sostituito dal Texas hold 'em, la variante sportiva (ma nel film giocata con vero denaro) del poker.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) James Sterngold, Sony Pictures, in an accord with MGM, drops its plan to produce new James Bond movies in The New York Times, 30 marzo 1999. URL consultato il 20 giugno 2007.
  2. ^ (EN) Kill Bill director aims for Bond in news.bbc.co.uk, 16 maggio 2004. URL consultato il 5 marzo 2007.
  3. ^ (EN) Daniel Craig confirmed as 006th screen Bond in guardian.co.uk, 14 ottobre 2005. URL consultato il 15 maggio 2007.
  4. ^ (EN) Box office / business for "Casino Royale", imdb.com. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  5. ^ Incassi del film "Casino Royale", movieplayer.it. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  6. ^ (EN) 'Brilliant' Bond seduces critics in news.bbc.co.uk, 4 novembre 2006. URL consultato il 21 novembre 2006.
  7. ^ (EN) IMDb Charts: IMDb Top 250, imdb.com. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  8. ^ (EN) Casino Royale/Tomatometer, rottentomatoes.com. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  9. ^ (EN) Casino Royale/Metascore, metacritic.com. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  10. ^ Casino Royale - Edizione speciale, movieplayer.it. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  11. ^ Blu-ray batte HD-DVD anche in Europa in gamesblog.it, 29 novembre 2007. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  12. ^ (EN) Release dates for "Quantum of Solace", imdb.com. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  13. ^ Fabio Fusco, Olga Kurylenko è la nuova Bond-Girl in movieplayer.it, 8 gennaio 2008. URL consultato il 16 ottobre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

James Bond Portale James Bond: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di James Bond