Casa da gioco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Casinò" rimanda qui. Se stai cercando il film di Martin Scorsese, vedi Casinò (film).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film di Jerry Hopper, vedi Casa da gioco (film).
Una slot machine

La casa da gioco o casinò è un luogo riservato al gioco d'azzardo, in Italia vietato negli altri luoghi pubblici. Nei giochi praticati nel casinò il banco, ovvero lo stesso casinò, è sempre favorito: direttamente quando le possibilità di vincita del banco sono superiori a quelle dei giocatori (come nella roulette) o indirettamente quando il banco gestisce il gioco tra due giocatori prelevando poi una quota dalle vincite (come nello chemin de fer). Una sostanziosa fonte d'entrata dei casinò è costituita dalla mance concesse ai croupier, gli addetti a condurre i giochi.

Un antenato storico dei casinò è dato dalle baratterie medioevali. Nelle baratterie era concesso praticare i giochi d'azzardo che erano invece vietati nelle piazze e soprattutto nelle vicinanze delle chiese.

I più famosi casinò sono quelli di Las Vegas, Venezia e Monte Carlo.

Casinò in Italia[modifica | modifica sorgente]

In deroga al codice penale, che in realtà su tale fronte ha una legislazione molto lacunosa, in Italia esistono quattro casinò autorizzati situati a Campione d'Italia (Casinò di Campione), Saint-Vincent (Casino de la Vallée), Sanremo (Casinò di Sanremo), Venezia (Casinò di Venezia).

Il Casinò Municipale di Sanremo, inaugurato con il nome di Kursaal il 12 gennaio 1905, vanta di essere il più antico di Italia[senza fonte], ma il casinò di Venezia, ospitato dal 1638 nella Ca' Vendramin sul Canal Grande, si definisce la casa da gioco più antica del mondo[1].

La scelta di autorizzare lo sfruttamento legale del gioco d'azzardo in appositi luoghi selezionati è stata spiegata dal legislatore italiano sia in base a considerazioni politiche che economiche. È infatti da rilevare che due delle quattro case da gioco, Saint-Vincent (che però nacque per iniziativa autonoma della regione) e Sanremo, sono ai confini del paese; Campione d'Italia è addirittura un'exclave in territorio svizzero e Venezia si trova di fronte a Slovenia e Croazia. La giustificazione è di fermare i flussi di giocatori diretti oltre frontiera, nonché di consentire lo sviluppo di zone considerate depresse dal punto di vista economico.

Tuttavia, si parla da tempo di aprire altri casinò in Italia e la Corte costituzionale ha più volte chiesto al legislatore di fare chiarezza e porre regole certe. Nel 2002 un tentativo autonomo di creare nuove case da gioco, effettuato da parte della regione Friuli-Venezia Giulia (regione autonoma a statuto speciale), è stato fermato dalla Consulta. Quindi sarà lo Stato a dover risolvere tale questione. L'ipotesi più accreditata è di una casa da gioco per regione in località turistiche: molte proposte di legge sono state presentate in tal senso da entrambi gli schieramenti politici italiani.

Nella Repubblica di San Marino dopo la seconda guerra mondiale, nel 1947, fu aperto un casinò che dopo poco tempo fu chiuso sotto pressione del governo italiano. Successivamente, nel 1953, le autorità sammarinesi si impegnarono a non aprire case da gioco. Nel 2007 è stato tuttavia costituito un Ente di Stato Sammarinese dei Giochi, questo pare un primo passo verso la riapertura di un casinò; l'ultima parola spetta all'Italia dato che vi è un accordo tra i 2 paesi a vietare case da gioco sul Titano, ma il dibattito è molto aperto.

Mappa di localizzazione: Italia
Le case da gioco in Italia

Casinò negli altri paesi[modifica | modifica sorgente]

Altri paesi hanno leggi più permissive e molti italiani amanti del gioco d'azzardo frequentano casinò oltrefrontiera: in Slovenia sono presenti più di 10 case da gioco e Nova Gorica è stata soprannominata "Piccola Las Vegas" perché attrae molti turisti grazie al gioco d'azzardo[2][3].

Tra le città che all'estero famose per i propri casinò ci sono Monte Carlo, Las Vegas, Atlantic City, Reno e Macao.

Sheldon Adelson e Kirk Kerkorian sono i più ricchi gestori di casinò del pianeta, rispettivamente a capo dei gruppi Las Vegas Sands e MGM Mirage.

Giochi da casinò[modifica | modifica sorgente]

Giochi tradizionali (o europei) in uso nei casinò italiani sono: Roulette francese, Trente et quarante, Chemin de fer, Boule, Baccarat. Negli anni ottanta sono stati introdotti i giochi americani: Roulette americana, Poker e Slot machine.

Casinò online[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Casinò online.

La crescente diffusione di internet e dei mezzi di pagamento elettronici ha favorito lo sviluppo di casinò online. Si tratta di un mercato in forte crescita tanto che nella finanziaria 2006 (Legge 266/2005 artt. 535-536) è stata inserita una norma per bloccare l'accesso da parte degli utenti italiani ai siti web che ospitano dei casinò online. Sono stati quindi oscurati migliaia di casinò in rete, cercando di limitare l'accesso ai giocatori italiani obbligando i provider internet a reindirizzare (redirect) il dominio del casinò su una pagina dei Monopoli di Stato.[4] Il poker "on line" è stato invece inserito nella Finanziaria 2007 quale gioco lecito, in quanto alcune sue varianti sono considerate gioco di abilità e non d'azzardo. Lo si può giocare esclusivamente nella modalità torneo - chiamata in Italia poker sportivo - nei siti dei concessionari con regolare licenza per la raccolta telematica del gioco, collegati ai Monopoli di Stato, previa registrazione personale ed attivazione di un conto di gioco univoco. La decisione di avviare un sistema monopolistico ha sollevato numerose proteste in sede europea[5] ma la direzione presa dalla maggior parte dei Paesi dell'Unione Europea fa pensare che quello italiano sia un modello destinato a durare vista la conformità con le leggi vigenti.

Il casinò nell'immaginario collettivo[modifica | modifica sorgente]

Il casinò ha sempre avuto un fascino speciale nell'immaginario collettivo, alimentato dalla letteratura, dal cinema e altri media. Centinaia di film hanno trattato in modo diretto o indiretto delle case da gioco; uno dei film che ha meglio rappresentato il clima che si vive in esse è considerato Casinò di Martin Scorsese.

Patologie connesse ai casinò[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gioco d'azzardo patologico.

Il gioco d'azzardo patologico è un disturbo del comportamento che rientra nella categoria diagnostica dei disturbi ossessivo-compulsivi.

Il giocatore patologico mostra una crescente dipendenza nei confronti del gioco d'azzardo, aumentando la frequenza delle giocate, il tempo passato a giocare, la somma spesa nel tentativo di recuperare le perdite, investendo più delle proprie possibilità economiche e trascurando i normali impegni della vita per dedicarsi al gioco.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito del casinò di Venezia
  2. ^ [1] Il Piccolo 12 dicembre 2007
    Il Piccolo 3 marzo 2004
  3. ^ Roberto Covaz, Gorizia-Nova Gorica. Niente da dichiarare, Biblioteca dell'Immagine, 2007, ISBN 88-89199-71-7
  4. ^ La lista completa dei casino oscurati sul sito dei Monopoli di Stato Sito AAMS
  5. ^ L'Europa Attacca AAMS

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]