Hugh Jackman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hugh Jackman a Sydney per la prima di Les Misérables (2012)

Hugh Michael Jackman (Sydney, 12 ottobre 1968) è un attore australiano. È attivo sia al cinema sia a teatro, in particolare come interprete di musical. Ha raggiunto la notorietà internazionale per l'interpretazione del personaggio Marvel Wolverine.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni in Australia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto con il padre e i fratelli dopo il divorzio dei genitori, studia giornalismo alla University of Technology di Sydney, e si cimenta anche nel canto, sviluppando una efficace voce da baritono. Terminati gli studi, decide di cambiare strada, e frequenta un corso all'Actor Center, per poi iscriversi alla "Western Australian Academy of Performing Arts", famosa scuola d'arte drammatica australiana.

Nel 1995 è tra i protagonisti della serie televisiva Corelli al fianco di Deborra-Lee Furnes,[1] e nello stesso anno interpreta il ruolo di Gaston nell'edizione australiana del musical Beauty and the Beast, iniziando una fortunata carriera come attore di musical, che lo porterà, nel '96, al ruolo di Joe Gills nell'edizione australiana di Sunset Boulevard di Andrew Lloyd Webber accanto a Debra Byrne.

Oklahoma! [modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998, ormai ben noto in Australia ma ancora pressoché sconosciuto all'estero, fa il suo debutto nel Teatro del West End londinese interpretando il ruolo di Curly in Oklahoma! (personaggio che riprende l'anno successivo nella versione cinematografica diretta nel 1999 da Trevor Nunn).[1] Il ruolo gli vale una candidatura all'Olivier Award, e contribuisce a farlo conoscere al grande pubblico anche al di fuori dell'Australia.[1]. Circa questa esperienza Jackman ha affermato "Sentivo di non poter fare nulla di più bello! Sotto alcuni punti di vista, quella produzione resterà sempre uno dei punti più alti della mia carriera".[2]

Il successo cinematografico[modifica | modifica wikitesto]

Al cinema arriva al successo grazie a Bryan Singer, che lo sceglie per il ruolo di Wolverine nel suo film X-Men (2000). L'attore, in quel periodo ancora sconosciuto al grande pubblico, venne scritturato circa tre settimane prima dell'inizio riprese[3] dopo il rifiuto di Russell Crowe, prima scelta del regista.[4] Per riuscire ad interpretare il ruolo, Jackman ha scelto di ispirarsi agli attori Clint Eastwood e Mel Gibson[1], ed ill film si rivelerà un grande successo sia di pubblico[5][6] che di critica.[7]

Nella pellicola Jackman interpreta un mutante che non ricorda nulla sulle sue origini, ma capace di proprietà rigenerative, e di estroflettere artigli dalle proprie mani; inizialmente ostile a gran parte dei protagonisti (soprattutto a Ciclope, interpretato da James Marsden), Wolverine si unirà al gruppo denominato X-Men, e lo aiuterà a sconfiggere il nemico Magneto e i suoi subordinati.

Jackman interpreta il personaggio anche nei due sequel X-Men 2 (2003), X-Men: Conflitto finale (2006), nello spin-off X-Men le origini - Wolverine (2009) e come cameo nel prequel X-Men - L'inizio (2011).[8] Il penultimo di questi film è anche prodotto[9], e in parte sceneggiato, dall'attore.[10]

Wolverine - L'immortale[11], un sequel di X-Men le origini - Wolverine uscito nelle sale italiane il 25 luglio 2013, ritrova come suo protagonista Jackman sempre nei panni dell'eroe canadese. In questo film, ambientato nel Giappone dei nostri tempi, Logan deve affrontare una minaccia proveniente da un suo remoto passato. Questo film precede il sesto capitolo della saga, X-Men: Giorni di un futuro passato (2014) dove Jackman interpreta nuovamente il ruolo di Wolverine.

The Boy from Oz, Hollywood e Broadway[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al successo di X - Men, Jackman lavora assiduamente negli Stati Uniti, interpretando pellicole quali Codice: Swordfish e Kate & Leopold (nomination al Golden Globe), cui segue il ruolo di Van Helsing nell'omonimo film, che omaggia anche altri personaggi horror prodotti dalla Universal.[12]: un grande successo al botteghino[13], ma anche oggetto di critiche negative.[14]

Nel 2002 interpreta il ruolo di Billy Bigelow nell'edizione di Carousel presentata alla Carnegie Hall, mentre nel 2003 debutta infine a Broadway come protagonista dell'acclamato spettacolo The Boy from Oz. La sua interpretazione del musicista Peter Allen riceve grandi apprezzamenti da parte di pubblico e critica, ottenendo, nel 2004, il Drama Desk Award e il Tony Award come miglior interpretazione maschile in un musical. Lo spettacolo resta in scena per quasi un anno, posizionandosi tra i maggiori successi della stagione (con un incasso di oltre 40 milioni di dollari) per poi chiudere allo scadere del contratto di Jackman.

Per le tre stagioni successive (2003, 2004 e 2005) Jackman presenta la cerimonia di premiazione dei Tony Awards, vincendo, nel 2004, anche l'Emmy come miglior presentatore.

Nell'estate del 2006 riprende per alcune settimane il ruolo Peter Allen nello show Boy From Oz - Arena Spectacular, (un'edizione speciale del musical, diretta da Kenny Ortega); nell'autunno dello stesso anno lo vedono protagonista nelle sale Scoop di Woody Allen, The Prestige, diretto da Christopher Nolan e The Fountain di Darren Aronofsky.

Nel 2008 affianca Nicole Kidman in Australia di Baz Luhrmann, e nello stesso anno la rivista People lo proclama "Uomo più sexy del mondo" nella sua classifica annuale.[15]

Dal 2009 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 riceve grandi apprezzamenti come presentatore della Notte degli Oscar, esibendosi in numeri di danza e canto.[16] Due anni dopo vi ritornerà in veste di ospite a fianco di Neil Patrick Harris. Nell'autunno 2009 è ancora a Broadway come protagonista della pièce A Steady Rain.

Nel maggio 2011 è in scena al Curran Theatre di San Francisco in un "one man show", in cui alterna brani musicali (inclusi estratti da Oklahoma! e The Boy from Oz) ad aneddoti e racconti sulla propria vita e carriera, e a momenti di interazione con il pubblico. Nell'ottobre 2011 è tornato nuovamente a Broadway, con il suo nuovo spettacolo Hugh Jackman, Back on Broadway, ispirato al precedente spettacolo di San Francisco, in cui l'attore, accompagnato da un'orchestra di 18 elementi e da un ensemble di cantanti e ballerini, ripercorre i ruoli più importanti della sua carriera, affiancati a molti classici di Broadway.

Il 18 novembre 2011 è uscito in Italia il film Real Steel, diretto da Shawn Levy.[17][18]

Nel 2012 ha interpretato Jean Valjean in Les Misérables di Tom Hooper, ruolo che gli è valso un Golden Globe come migliore attore protagonista in un film commedia o musicale, e una nomination all'Oscar come miglior attore protagonista. L'anno successivo è uscito il nuovo spin-off degli X-Men Wolverine - L'immortale e ricoprirà nuovamente il ruolo anche in X-Men - Giorni di un futuro passato, nell'aprile 2014.[19]

Jackman sta attualmente lavorando alla creazione di una nuova serie di fumetti intitolata Nowhere Man, per la quale si prevede anche un futuro adattamento cinematografico.[20]; inoltre l'attore sarà impegnato in molte produzioni, tra cui il film Unbound Captives insieme a Rachel Weisz e Robert Pattinson[21].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Hugh Jackman insieme alla moglie Deborra-Lee Furness nel 2011

Nell'aprile del 1996 sposa l’attrice Deborra-Lee Furness, di 13 anni più grande, conosciuta nel set di Correlli.[22]

Dopo la scoperta di non poter avere figli[23], la coppia decide di adottarne due: Oscar Maximilian Jackman, nel 2000[24], e Ava Eliot Jackman, nel 2005.[25]

Il 22 novembre 2013 si è sottoposto ad un intervento per l'asportazione di un cancro alla pelle del tipo carcinoma basocellulare.[26], operazione ripetuta il 9 maggio 2014.[27]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Le impronte di Hugh Jackman sul piazzale del Grauman's Chinese Theatre, Los Angeles (California)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Jackman è stato doppiato da:

  • Fabrizio Pucci in X-Men, X-Men 2, X-Men - Conflitto finale, Kate & Leopold, Van Helsing, Stories of Lost Souls, The Fountain - L'albero della vita, X-Men le origini - Wolverine, X-Men - L'inizio, Real Steel, Les Misérables, Wolverine - L'immortale, Comic Movie, Prisoners, X-Men: Giorni di un futuro passato
  • Francesco Prando in Codice: Swordfish, The Prestige[28], Sex List - Omicidio a tre
  • Riccardo Rossi in Qualcuno come te, Scoop, Il ventaglio segreto
  • Vittorio Guerrieri in La saga dei McGregor
  • Gabriele Trentalance in Nella mente dell'assassino
  • Adriano Giannini in Australia

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Biography Today, Detroit, Michigan, Omnigraphics, 201 0, p. 876, ISBN 978-0-7808-1058-7.
  2. ^ Biography Today p. 86; id.
  3. ^ Chris Petrikin, Aussie Jackman jumps into Singer's X-Men pic in Variety, 11 ottobre 1999. URL consultato il 9 agosto 2008.
  4. ^ David Hughes, Comic Book Movies, Virgin Books, 2003, pp. 177–188, ISBN 0-7535-0767-6.
  5. ^ X-Men, Box Office Mojo. URL consultato il 7 agosto 2008.
  6. ^ 2000 Worldwide Grosses, Box Office Mojo. URL consultato il 7 agosto 2008.
  7. ^ X-Men, Rotten Tomatoes. URL consultato l'8 agosto 2008.
  8. ^ That Big Spoiler Cameo Scene In The Middle Of X-Men: First Class (SPOILERS) in BC, 25 maggio 2011. URL consultato il 25 maggio 2011.
  9. ^ Galloway, Steven, Studios Are Hunting the Next Big Property in The Hollywood Reporter, 10 luglio 2007. URL consultato il 16 gennaio 2010. [collegamento interrotto]
  10. ^ (EN) Trivia, IMDb.com. URL consultato il 25 luglio 2011.
  11. ^ Darren Aronofsky reveals THE WOLVERINE title, says it will be a one-shot movie
  12. ^ Un guazzabuglio di vampiri e uomini lupo da Repubblica del 07 maggio 2004
  13. ^ Van Helsing (2004). Box Office Mojo. Retrieved 2011-01-01.
  14. ^ Van Helsing Movie Reviews, Pictures. Rotten Tomatoes. Retrieved 2011-01-01.
  15. ^ Hugh Jackman: The Sexiest Man Alive in People, 19 novembre 2008. URL consultato il 6 settembre 2010.
  16. ^ Gans, Andrew."Tony Winner Jackman to Host Academy Awards," playbill.com, 12 December 2008
  17. ^ Marc Graser e Tatiana Siegel, Hugh Jackman to Star in ',Real Steel',. in Variety, 23 novembre 2009. URL consultato il 6 settembre 2010.
  18. ^ Real Steel at the Internet Movie Database
  19. ^ X-Men - Giorni di un futuro passato. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  20. ^ Michael Fleming, Jackman, Guggenheim go 'Nowhere' in Variety, 24 marzo 2008.
  21. ^ Michael Fleming, Trio bound to Stow's 'captives' in Variety, 13 maggio 2009. URL consultato il 6 settembre 2010.
  22. ^ Enough Rope with Andrew Denton, Australian Broadcasting Corporation, 29 marzo 2004. URL consultato il 6 settembre 2010.
  23. ^ Furness on enough rope-adoption, Australian Broadcasting Corporation, 29 marzo 2004. URL consultato il 6 settembre 2010.
  24. ^ Jenny Schafer, Hugh Jackman & His Birthday Boy in CelebrityBabyScoop.com, 16 maggio 2010. URL consultato il 6 marzo 2011.
  25. ^ Hugh Jackman & His Wife Adopt a Daughter in People, 27 luglio 2005. URL consultato il 6 marzo 2011.
  26. ^ Hugh Jackman annuncio choc: tumore alla pelle, ilsecoloxix.it, 22 novembre 2013. URL consultato il 24 novembre 2013.
  27. ^ Hugh Jackman operato per un tumore della pelle - VanityFair.it
  28. ^ Oltre al protagonista, Jackman interpreta anche il suo sosia, che nella versione italiana è doppiato da Massimo De Ambrosis

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 44501143 LCCN: n2001120551