Richard Branson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Branson

Sir Richard Charles Nicholas Branson (Shamley Green, 18 luglio 1950) è un imprenditore britannico, fondatore del Virgin Group.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Da bambino era molto indietro sul programma scolastico (si dice che lo fosse di due anni sulla tabella di marcia), ma, secondo i suoi amici, al telefono sembrava un adulto sia per il tono di voce che per il modo di parlare. Il preside della scuola che frequentava disse ai suoi genitori: «O finisce in galera o diventa milionario», poiché come studente non era dei più meritevoli, ma già alla giovane età di 17 anni dimostrava un'incredibile attitudine all'imprenditoria, fondando il giornalino scolastico Student.

A 22 anni ottiene il primo clamoroso successo grazie alla Virgin Records (leggenda vuole che il nome Virgin, "Vergine" in lingua inglese, gli sia balenato in testa grazie a un paio di ragazze che hanno detto scherzando: "Noi siamo tutte vergini!", anche se non era vero). Il nome Virgin deriva invece dal suggerimento dato da un impiegato per indicare che Richard e i suoi soci erano "nuovi" (e quindi Vergini) nell'ambiente dell'imprenditoria. È uno degli uomini più ricchi del Regno Unito, con patrimonio stimato di 4,4 miliardi di dollari. Conosciuto da molti come il capitalista hippie, snobba ricevimenti del jet set, adora gli sport estremi, detesta giacca e cravatta.

L'ultima avventura di Richard (come si vuole far chiamare dai suoi dipendenti, 30.000 circa) è Virgin Galactic, un viaggio nell'orbita terrestre. Fin d'ora ci sono centinaia di prenotazioni, anche se il primo lancio era previsto per il 2010. Costo approssimativo: 200.000,00 sterline a testa, recentemente un biglietto è stato acquistato dal pilota di formula 1 Rubens Barrichello. Sotto il suo marchio, "Virgin", appaiono numerose attività tra cui compagnie aeree, carte di credito, assicurazioni pensionistiche, autonoleggi ecc. Ha intentato e vinto una causa legale contro la compagnia aerea di bandiera inglese, in merito ai famosi dirty tricks.

Durante il GP di F1 a Melbourne del 2009 le due monoposto Brawn GP hanno sfoggiato il marchio Virgin sulla loro carrozzeria, continuando per la maggior parte della stagione. Visti gli strepitosi titoli Piloti e Costruttori 2009 della neonata scuderia, Branson ha dichiarato di essere pronto a rinnovare la collaborazione. In seguito però, la Virgin è diventata sponsor della neonata Manor. Successivamente Branson ha acquisito del tutto il team Manor che è diventato Virgin Racing. Nella stagione 2010 i piloti del team sono stati Timo Glock e Lucas Di Grassi.

Nel novembre 2010 fu confermata la cessione di una quota azionaria della scuderia alla casa automobilistica russa Marussia Motors, in seguito al quale la scuderia cambiò nome in Marussia Virgin Racing[1]. Nella stagione 2011 la Marussia Virgin Racing correrà con la nuova vettura Virgin MVR-02 e con i piloti Timo Glock e Jérôme d'Ambrosio.

Il 17 ottobre 2011 ha inaugurato nel deserto del Nuovo Messico, negli Stati Uniti, lo "Spaceport America", il primo aeroporto spaziale della storia, firmato dall'architetto britannico Norman Foster. La prima navetta, la cui entrata in servizio è prevista per il 2012/2013, è chiamata "WhiteKnight Two" (Cavaliere bianco 2), e porterà i primi turisti nello spazio ad un prezzo medio di 200.000 dollari.

Impegno sociale e umanitario[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004 Virgin Group, tramite la Virgin Foundation, lancia un progetto dedicato alla beneficenza, sotto il nome di "Virgin Unite". Tra le donazioni vi sono anche quella fatta alla Wikimedia Foundation e quelle atte a combattere l'AIDS nell'Africa sub-sahariana[2] Nel 2009 aderisce al progetto per la realizzazione del film "Soldiers of Peace"[3][4] che coinvolge 14 Paesi nel Mondo nella realizzazione di una pace globale.

Nel 2011 lancia il progetto "Virgin Oceanic".[5][6] Col suo "Deepflight Challenger" cercherà di esplorare cinque delle fosse oceaniche più profonde, cominciando dalla Fossa delle Marianne. In un'intervista concessa alla CNN si è dichiarato ateo[7].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 2000

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Virgin conferma l'accordo con Marussia Motors, gpupdate.net, 11-11-2010. URL consultato l'11-11-2010.
  2. ^ Virgin Unite - founded by Richard Branson and the Virgin Group
  3. ^ Sir Richard Branson - The Cast - Soldiers of Peace
  4. ^ Soldati di Pace (Soldiers of Peace)
  5. ^ Branson alla scoperta degli abissi
  6. ^ Virgin Oceanic
  7. ^ Photos: Famous atheists and their beliefs, CNN, 25 maggio 2013

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84074806 LCCN: n87888343

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie