Deserto del Mojave

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Deserto del Mojave nel Parco nazionale del Joshua Tree.
Posizione del Mojave e del deserto di Sonora. Fonte: USGS

Il deserto del Mojave è una regione desertica della California (USA), situata ad un centinaio di miglia nord-est di Los Angeles. Il termine Mojave è anche usato per indicare il deserto mentre Mohave è utilizzato per identificare i nativi.

Nella lingua dei nativi Mohave viene chiamato Hayikwiir Mat'aar.[1]

Si estende per 38.000 chilometri quadrati ed è situato fra la Sierra Nevada e i monti che chiudono la regione di Los Angeles verso il Pacifico. A sud confina con il più assolato deserto di Sonora.

Si tratta di un altopiano con numerosi bacini salati (Lago Rogers) e con precipitazioni scarse. Nonostante l'aridità dell'area, si stima che un numero compreso tra 1750 e 2000 specie di piante siano riuscite ad ambientarsi in questo territorio.[2]

Nel territorio vi sono molti giacimenti minerari (tungsteno, oro, argento, minerali di ferro, borace, potassio, salgemma, materiale da costruzione).

Vi si trova la base aerea militare Edwards AFB, luogo di atterraggio alternativo a Cape Canaveral per gli Shuttle al rientro dalle missioni spaziali (in orbita polare) e che al tempo dei primi voli supersonici del capitano Charles Elwood "Chuck" Yeager si chiamava "Muroc Army Air Force Base".

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il deserto del Mojave riceve in media meno di 254 mm di pioggia all'anno. Ha un'altitudine media compresa tra i 910 e i 1800 m s.l.m. e al suo interno si trova il parco della Mojave National Preserve e la Valle della Morte, il punto più basso e caldo del Nord America, dove la temperatura raggiunge abitualmente i 49 °C in luglio e agosto. Il Parco nazionale di Zion, nell' Utah, si trova alla congiunzione tra il Mojave, il Great Basin Desert e l'Altopiano del Colorado. Nonostante l'aridità, nel Mojave (in particolare nell'Antelope Valley a sud-ovest), si è coltivata per lungo tempo l'erba medica, sfruttando la falda acquifera sotterranea, e in seguito gli impianti di irrigazione.

Nel Mojave si distinguono bene le quattro stagioni. Durante l'inverno la temperatura può scendere fino a -7 °C nelle vallate e -18 °C sulle cime dei monti. Le tempeste provenienti dal nord-ovest del Pacifico possono portare pioggia e talvolta anche la neve, anche se la situazione più frequente è solo di nuvole e vento freddo, a causa dell'effetto di ombra pluviometrica creato dalle montagne della Sierra Nevada e dalle Spring Mountains. In assenza di perturbazioni, la temperatura diurna invernale può salire fino a 27 °C.

In primavera il clima è ancora influenzato dalle perturbazioni del Pacifico, con precipitazioni più frequenti che diminuiscono dalla fine di Aprile. Dalla metà di maggio le temperature cominciano a salire fino a 32 °C e possono raggiungere i 38 °C.

L'estate è dominate dal calore torrido e dal monsone, e le temperature salgono fino a 49 °C, con punte di 54 °C nelle depressioni. In situazioni di bassa pressione, le alte temperature e la bassa umidità fanno affluire aria umida dal golfo del Messico provocando violenti temporali nella parte sud-ovest del deserto tra metà giugno e l'inizio di settembre.

L'autunno è generalmente mite, con al massimo un paio di perturbazioni piovose. Ottobre è in genere il mese più secco e soleggiato, e le temperature oscillano tra i 21 °C e i 32 °C.

Dopo l'alta temperatura, il vento è un'altra delle componenti tipiche del Mojave, come negli altri deserti. Durante il periodo di elevata nuvolosità tipica del mese di giugno, c'è una infiltrazione di aria più fredda dalla California; al contrario, quando soffiano i Venti di Santa Ana, è l'aria calda del deserto che fluisce verso le regioni costiere. Entrambe queste situazioni vengono sfruttate negli impianti dei parchi eolici dagli agricoltori.

Le montagne del Mojave raggiungono altezze elevate, come nel caso del Charleston Peak alto 3633 m s.l.m.[3]. Nel Mojave d'altra parte si trova anche il Bacino di Badwater, nella Valle della Morte, che con i suoi -86 m è il punto più basso del Nord America.

Il Mojave non era mai stato storicamente interessato da incendi, a causa dell'aridità e le scarsa accessibilità. La recente introduzione di piante invasive del genere Bromus spp., Schismus spp. e Brassica spp. sta però cambiando la situazione.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante l'aridità dell'area, si stima che un numero compreso tra 1750 e 2000 Specie di piante siano riuscite ad ambientarsi in questo territorio.[2]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Puma

Come in altri deserti, anche nel Mojave si trova una fauna varia e diversificata. Tra esemplari più diffusi che vivono in questa zona si possono elencare i seguenti:

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Maturango Museum, a Ridgecrest

Il Mojave ospita al suo interno una serie di musei che coprono vari aspetti di interesse:

Parchi e aree protette[modifica | modifica wikitesto]

Il Mojave racchiude al suo interno anche una serie di parchi e aree protette:

Il deserto del Mojave nei media[modifica | modifica wikitesto]

  • Il quarto capitolo di Fallout: "Fallout New Vegas" è ambientato nel Deserto del Mojave dopo un immaginario olocausto nucleare.
  • Gran parte del gioco Parasite Eve II è ambientato nel Deserto del Mojave.
  • Il film Desert Moon (Mojave Moon) con Danny Aiello e Angelina Jolie, è ambientato in gran parte in questo deserto.
  • Il film d'animazione Rango è ambientato a Polvere, un paese fittizio situato nel deserto del Mojave.
  • Il video musicale del brano Cover di Caparezza è stato girato nel deserto.

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Munro, P et al., A Mojave Dictionary, Los Angeles: UCLA, 1992
  2. ^ a b Mazzucchelli, Vincent G., 1967,"The Southern Limits of the Mohave Desert, California," The California Geographer, VIII: 127-133.
  3. ^ Lloyd R. Stark and Alan T. Whittemore, Bryophytes From the Northern Mojave Desert in Bryophytes of Nevada On-line. URL consultato il 26 aprile 2010.
  4. ^ John Annerino (1999) Canyoneering: How to Explore the Canyons of the Great Southwest, Stackpole Books, 154 pp ISBN 0-8117-2700-9
  5. ^ Michael G. Barbour, William Dwight Billings (2000) North American Terrestrial Vegetation, Cambridge University Press, 708 pp ISBN 0-521-55986-3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

California Portale California: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di California