Deserto di Atacama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Locazione geografica del deserto e delle zone di transizione
Il deserto di Atacama

Il Deserto di Atacama è situato nel Cile settentrionale, nella regione di Antofagasta e la parte settentrionale della regione di Atacama.

Il deserto si trova tra la catena andina (Puna de Atacama) e la Cordigliera della Costa presso il Pacifico.

È caratterizzato da un clima desertico-oceanico e da una forte escursione termica, le cui temperature oscillano tra gli 0 °C notturni ed i 25-30 °C diurni.

Il deserto di Atacama è il deserto più asciutto del mondo (tranne forse per le valli asciutte di McMurdo in Antartide) ed è virtualmente sterile perché è protetto dall'umidità, da entrambi i lati, dalle montagne delle Ande e dalle montagne litoranee. La corrente di Humboldt, che è fredda, raffredda l'aria rendendo impossibile la formazione di nuvole, come accade per il deserto del Namib e la corrente del Benguela. La sua piovosità media è di 0,08 mm annui. Inoltre, prima del 1971, in questo deserto la pioggia non era mai caduta in 400 anni. Il deserto di Atacama è vecchio 150 milioni di anni ed è 50 volte più arido della Death Valley della California.

La parte più asciutta dell'Atacama è una zona denominata 'la doppia ombra della pioggia'. Nel 2003 una squadra di ricercatori ha pubblicato un rapporto in Science Magazine intitolato "I terreni simil-marziani del deserto di Atacama, Cile, ed il limite igroscopico della vita microbica" nel quale hanno riprodotto gli esperimenti e le prove effettuate dai veicoli spaziali Viking 1 e Viking 2 sul pianeta Marte per verificare la presenza di vita, non riuscendo ad individuarne alcuno nel terreno del deserto di Atacama.

Tramonto sul deserto

La regione a questo riguardo può essere definita unica sul pianeta: il deserto risulta infatti del tutto privo di oasi.

L'area è scarsamente popolata: le uniche presenze sono quelle degli indios Chandos e di bianchi, la maggior parte dei quali lavora nei giacimenti di nitrati e nei ricchi depositi di rame.

Dal nome della regione deriva quello del minerale tipico dei giacimenti di rame, l'atacamite, nonché quello della paratacamite. La zona è il più grande serbatoio naturale del mondo di nitrato di sodio o nitrato del Cile, ricavato tra l'altro dal guano del Cile, che è stato estratto su vasta scala fino all'inizio degli anni quaranta.

La regione, proprio a causa delle ricchezze minerarie, fu militarmente contesa fra Cile e Bolivia. Fu conquistata dal Cile con la Guerra del Pacifico del 1879-83, che sottrasse la regione di Antofagasta alla Bolivia e quella di Tarapacà al Perù.

Reperti archeologici indicano che la zona di San Pedro de Atacama fu il centro di una misteriosa civilizzazione del Paleolitico che ha costruito fortificazioni sulla roccia delle ripide montagne che circondano la valle.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia