Nitrato di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nitrato di sodio
Struttura cristallina
Nome IUPAC
Triossonitrato di sodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare NaNO3
Massa molecolare (u) 84,99
Aspetto solido incolore
Numero CAS [7631-99-4]
Numero EINECS 231-554-3
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 2,26 (20 °C)
Solubilità in acqua 730 g/l (0 °C)
874 g/l (20 °C)
921 g/l (25 °C)
1800 g/l (100 °C)
Temperatura di fusione 308 °C (581 K)
Temperatura di ebollizione 380 °C (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine comburente

attenzione

Frasi H 272 - 302
Consigli P 260 [1]

Il nitrato di sodio è il sale di sodio dell'acido nitrico. È anche noto con il nome di nitro del Cile, date le grandi quantità estratte nel nord del paese a partire dalla metà del XIX secolo e fino agli anni quaranta del secolo successivo.

A temperatura ambiente si presenta come un solido cristallino incolore inodore e igroscopico. È un composto nocivo, irritante.

Esso possiede proprietà ossidanti (per il suo elevato contenuto di ossigeno) e viene usato in composti esplosivi come la polvere nera.

È usato in piccole quantità come conservante, con la denominazione E251. Lo scopo principale è quello di rallentare l'imbrunimento della carne nei salumi, tuttavia svolge anche un'azione batteriostatica secondaria.

Il suo uso però, non copre solo la funzione di ossidante, in quanto può essere usato come concime in agricoltura. L'impiego del nitrato di sodio a scopo fertilizzante è praticamente abbandonato a causa del basso titolo in azoto (15-16% in N) e dell'elevato costo dell'unità fertilizzante. Ai concimi nitrici sono in genere preferiti il nitrato d'ammonio (titolo minimo 27% in N) e l'urea (46% in N), almeno in condizioni ambientali che non penalizzano la nitrificazione. Il difetto principale del nitrato di sodio, tuttavia, consiste nell'elevato contenuto in sodio: l'apporto di quantitativi di sodio non trascurabili ha effetti negativi sulla struttura del terreno. In condizioni operative che necessitano dell'apporto di azoto in forma nitrica, al nitrato di sodio si preferisce il nitrato di calcio che, per il contenuto in calcio, ha un effetto fertilizzante secondario e stabilizzante sulla struttura. È utilizzato nella tecnica di saldatura TIG, per la preparazione della punta dell'elettrodo: l'uniforme azione di erosione fa di tale procedimento un'alternativa secondaria rispetto alla classica molatura.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda del nitrato di sodio su IFA-GESTIS

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia