Deserto di Gibson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Localizzazione del Deserto di Gibson

Il Deserto di Gibson è un deserto dell’Australia. Copre una superficie di circa 155.000 chilometri quadrati, ed è situato tra il Lago Disappointment e il Lago Macdonald lungo il Tropico del Capricorno, nelle regioni occidentali del paese. L'area comprende colline sabbiose intervallate da prati secchi. Vi si trovano isolate colline e basse catene montuose, e fa parte del pianoro centrale dell’Australia Occidentale.

Il deserto è stato così nominato in onore di Alfred Gibson. Gibson morì nel tentativo di attraversarlo nel 1874 durante una spedizione con Ernest Giles. Giles solo per poco evitò un destino simile.

Le uniche popolazioni qui presenti sono di indigeni australiani. A causa di una grave siccità nel 1984, che aveva prosciugato tutte le sorgenti e esaurito le scorte alimentari, una tribù seminomade, i Pintupi, che tradizionalmente avevano per dimora il deserto Gibson si sono messi in contatto per la prima volta con la società occidentale australiana. Si ritiene fossero l'ultima tribù in Australia a non aver avuto ancora un contatto con l’uomo bianco.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Le precipitazioni nel deserto di Gibson variano dai 200 millimetri ai 250 millimetri all’anno. Il clima è generalmente caldo; in estate le temperature massime salgono sopra i 40 °C. (104 °F.), mentre in inverno le temperature possono scendere fino a 18 °C (64 °F).[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Great Victoria and Gibson Deserts, Western Australia da Climate and Weather Atlas of Australia di Michael Thompson, accesso 23-01-2006.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thackway, R and I D Cresswell (1995) An interim biogeographic regionalisation for Australia: a framework for setting priorities in the National Reserves System Cooperative Program Version 4.0 Canberra: Australian Nature Conservation Agency, Reserve Systems Unit, 1995. ISBN 0-642-21371-2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]