Dasyurus geoffroii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Quoll occidentale
Chuditch at Caversham Wildlife Park.png
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Dasyuromorphia
Famiglia Dasyuridae
Sottofamiglia Dasyurinae
Tribù Dasyurini
Genere Dasyurus
Specie D. geoffroii
Nomenclatura binomiale
Dasyurus geoffroii
Gould, 1841
Areale

Western Quoll Range.JPG

Il quoll occidentale (Dasyurus geoffroii Gould, 1841), noto anche come gatto marsupiale di Geoffroy o chuditch (dal termine aborigeno djooditj), è un mammifero dasiuromorfo australiano[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il quoll occidentale ha pressappoco le dimensioni di un gatto: i maschi hanno una lunghezza testa-corpo di 31-40 cm e una coda di 25-35 cm, le femmine una lunghezza testa-corpo di 26-36 cm e una coda di 21-31 cm; i primi pesano 0,7-2 kg, le seconde 0,6-1,1 kg. Ha un mantello morbido, di colore marrone, segnato, su dorso e zampe, da una serie di macchie bianche. La coda è ricoperta da lunghi peli neri. La faccia è appuntita e ha una colorazione più chiara del resto del corpo; gli occhi sono piuttosto grandi e le orecchie, ricoperte di peli bianchi, rotondeggianti[3].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

È un marsupiale solitario e notturno, strettamente territoriale; le zone centrali degli home range sono delimitate da cumuli di escrementi. Maschi e femmine si incontrano unicamente nella stagione degli amori (tra maggio e luglio), sebbene i territori dei primi, estesi per circa 15 km², si sovrappongano a quelli di più femmine, ciascuno di 3-4 km², o addirittura alle zone periferiche dei territori di altri maschi. Quelli delle femmine, invece, non si sovrappongono mai. Ciascun territorio di una femmina può comprendere circa 70 tronchi-ricovero e 110 gallerie. I quell trovano riparo in tronchi caduti, cumuli di pietre e tane, scavate da essi stessi o abbandonate da altri animali[3].

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Il quoll occidentale è un animale molto opportunista, e la sua dieta varia a seconda dell'habitat: nelle zone aride, infatti, essa è costituita essenzialmente da mammiferi di piccole o medie dimensioni, lucertole, rane e grossi invertebrati, mentre nelle zone umide comprende insetti, crostacei d'acqua dolce, rettili, uccelli e mammiferi. Divora anche carogne, così come piccoli frutti, parti di fiori e la polpa rossa che circonda i semi di Zamia. Il quoll ricava i liquidi necessari dagli alimenti e quindi beve solo raramente[3].

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Le femmine, dopo una gestazione di 17-18 giorni, partoriscono da due a sei piccoli, che si dirigono rapidamente nel marsupio materno, dove rimarranno per otto-nove settimane. In seguito, essi rimangono con la madre ma vengono spesso lasciati nella grande tana da essa costruita prima del parto. Raggiungono l'indipendenza a 18 settimane di età, ma diverranno sessualmente maturi solo all'età di un anno[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

In passato il quoll occidentale era diffuso in gran parte del continente australiano, compresi Queensland, Nuovo Galles del Sud e Victoria. Attualmente, è presente unicamente nell'angolo sud-occidentale dell'Australia Occidentale, dove si incontra in foreste umide e secche di sclerofille umide e aride, e nel mallee[4].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il quoll occidentale è stato descritto per la prima volta da John Gould nel 1841, quando era ancora diffuso in gran parte del continente. Il suo nome specifico, geoffroii, commemora il grande naturalista francese Étienne Geoffroy Saint-Hilaire, che istituì il genere Dasyurus nel 1796. Questa specie è stata talvolta classificata in un genere a parte, Dasyurinus[5].

Appartiene alla famiglia dei Dasiuridi ed è strettamente imparentato con il quoll bronzeo (Dasyurus spartacus), una specie descritta solo di recente diffusa in Nuova Guinea e ritenuta talvolta una popolazione periferica di quoll occidentale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Lamoreux, J. & Hilton-Taylor, C. (Global Mammal Assessment Team) 2008, Dasyurus geoffroii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Dasyurus geoffroii in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ a b c d Chuditch on ARKive
  4. ^ Peter Menkhorst, A Field Guide to the Mammals of Australia, Oxford University Press, 2001, p. 48.
  5. ^ M. Serena e T. Soderquist, Western Quoll in Ronald Strahan (a cura di), The Mammals of Australia, Reed Books, 1995, pp. 62–64.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi