Flagstaff (Arizona)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flagstaff
city
Flagstaff – Veduta
Localizzazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Flag of Arizona.svg Arizona
Contea Coconino
Amministrazione
Sindaco Sara Presler
Territorio
Coordinate 35°11′57″N 111°37′52″W / 35.199167°N 111.631111°W35.199167; -111.631111 (Flagstaff)Coordinate: 35°11′57″N 111°37′52″W / 35.199167°N 111.631111°W35.199167; -111.631111 (Flagstaff)
Altitudine 2106 m s.l.m.
Superficie 164,8 km²
Abitanti 65 870 (2010)
Densità 399,7 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 86001-86004, 86011
Prefisso 928
Fuso orario UTC-7
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Flagstaff
Flagstaff – Mappa
Sito istituzionale

Flagstaff è una città degli Stati Uniti nella contea di Coconino, nello stato dell'Arizona.

È la principale città della Flagstaff Arizona Metropolitan Statistical Area ed è attraversata dalla storica Route 66. Flagstaff è la più grande città del nord dell'Arizona e un buon punto di ristoro per le visite al Grand Canyon, poco più di un'ora e mezza di macchina dal centro cittadino.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La città è situata sul lato sudovest del Colorado Plateau e sul lato ovest della più vasta foresta di pini "ponderosa" degli Stati Uniti continentali. Collocata ad una altitudine di circa 2.135 m s.l.m. Flagstaff si trova adiacente al monte Elden e a sud del San Francisco Peak, la più alta montagna dell'Arizona, composta da varie vette, tra cui Doyle Peak, Humphreys Peak, Agassiz Peak, Fremon Peak, famigliarmente chiamati dai locali "the Peaks". L'Humphreys Peak, con i suoi 3.850 metri è il punto più alto dell'Arizona. Il monte si trova a circa 16 km a nord della città.

Nelle vicinanze si trovano inoltre i seguenti siti di interesse:

Da Flagstaff si può arrivare, in circa quattro ore d'auto, a Las Vegas, passando sulla famosa Hoover Dam, che segna il confine di stato tra Arizona e Nevada e la linea del cambio d'ora da quello centrale delle montagne a quello della costa Ovest.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'hotel storico Weatherford costruito nel 1897.

Nel 1855 il sottotenente Beale eseguiva la mappatura del territorio per una strada da Rio Grande in Nuovo Messico a Fort Tejon, in California, e passò nel punto ove attualmente sorge Flagstaff, piantando li il suo campo. Il primo residente ufficiale della città è stato Thomas F. McMillan che nel 1876 costruì una baita alla base delle Mars Hills, nell'attuale lato ovest della città.

Negli anni ottanta del XIX secolo la città iniziò a crescere, aprendo il suo primo ufficio postale ed attirando la nascente industria delle ferrovie. Inizialmente l'economia si basò principalmente sul taglio e la lavorazione del legname e sulla pastorizia, ovini e bovini. Nel 1886 Flagstaff era la maggiore città sulla rotta principale tra Albuquerque e la West Coast.

Nel 1894 l'astronomo Percival Lowell, del Massachusetts, era alla ricerca di un luogo dal cielo limpido, da cui osservare le stelle ed i pianeti. Assunse quindi A.E. Douglass con l'incarico di individuare un sito ideale per il nuovo osservatorio. Dopo una lunga missione di esplorazione nell'allora Territorio dell'Arizona Douglass individuò Flagstaff quale miglior collocazione per il famoso Lowell Observatory. Due anni dopo il telescopio "Clark" da 24 pollici che Lowell ordinò fu installato. Trentaquattro anni dopo il pianeta Plutone venne scoperto utilizzando uno del telescopi dell'osservatorio.

Durante le missioni Apollo, condotte dalla NASA negli anni sessanta, il telescopio "Clark" dell'osservatorio fu utilizzato per mappare la superficie lunare per provvedere agli astronauti una buona vista della zona ove avrebbero effettuato il loro storico "allunaggio".

Nel 1899 venne istituita la Northern Arizona Normal School che nel 1966 divenne la Northern Arizona University, comunemente chiamata N.A.U.

La storia culturale di Flagstaff subì un significante impulso l'11 aprile 1899, quando la "Flagstaff Symphony" tenne il suo concerto di debutto alla Babbit Opera Hause, sita in quello che oggi è il primo piano del Babbit Building, in downtown, il centro storico della città. L'orchestra è tuttora esistente e trova la sua sede nell'Adrey Auditorium, presso il campus del N.A.U.

La città crebbe abbastanza rapidamente, principalmente per la sua posizione lungo la linea transcontinentale est-ovest degli Stati Uniti. Al principio le Ferrovie acquistarono terreni nel West dal Governo Federale, che venne poi rivenduto a privati per finanziare lo sviluppo dei progetti delle Ferrovie stesse. Negli anni novanta Flagstaff si trovò situata lungo il più trafficato corridoio ferroviario degli States, con circa 80-100 treni al giorno transitanti per la città diretti a Los Angeles, Chicago ecc.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Il clima di Flagstaff è nettamente diverso dal tipico clima delle città più famose dell'Arizona come Phoenix. Flagstaff ha un clima più tipicamente montano con inverni solitamente freschi, primavera ed inizio estate molto ventose ed estati calde. Verso le prime settimane di luglio inizia quello che localmente viene chiamato "Monsoon" cioè il monsone, e quasi tutti i giorni si hanno precipitazioni a carattere temporalesco, talvolta anche di violenta entità, della durata di un'ora circa, che solitamente proseguono sino alla fine di agosto. L'autunno è mite, con bellissime giornate di sole e scarse o nulle precipitazioni. Negli ultimi anni il clima sta cambiando anche in questa zona: le precipitazioni invernali, sia pioggia che neve, sono diventate più rare tanto da creare problemi di scarsità di risorse idriche nei mesi estivi, risorse che le precipitazioni estive non sempre sono in grado di compensare.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

A Flagstaff è ambientato il terzo romanzo di Giorgio Faletti, Fuori da un evidente destino. La città ha dato i natali alla cantante Michelle Branch.

Presso Flagstaff sono stati trovati dei cristalli di flagstaffite[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carlo Maria Gramaccioli, Flagstaffite in "Come collezionare i minerali dalla A alla Z", pag. 789, Peruzzo editore (1988), Milano

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America