Osservatorio Lowell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La cupola del telescopio Clark

L'osservatorio Lowell (Lowell Observatory) è un osservatorio astronomico che si trova a Flagstaff (Arizona). È uno dei più antichi osservatori degli Stati Uniti, dal 1965 è nella lista dei monumenti storici nazionali.[1][2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'osservatorio è stato fondato nel 1894 dall'astronomo Percival Lowell. Il primo telescopio installato è stato un rifrattore da 61 cm costruito da Alvan Clark, noto costruttore di telescopi. Il telescopio Clark, costato nel 1896 20.000 dollari, è ancora in uso ai giorni nostri, anche se solo a scopo educativo a beneficio degli oltre 70.000 visitatori annuali dell'osservatorio.

Ad amministrare il telescopio si sono succeduti vari membri della famiglia Lowell, prestigiosa famiglia di Boston. Oltre al fondatore, Percival Lowell, si sono occupati dell'osservatorio l'architetto Guy Lowell e Roger Lowell Putnam, che lo ha guidato per 40 anni. L'attuale amministratore è William Lowell Putnam, figlio di Roger e pronipote del fondatore.

Importanti scoperte[modifica | modifica sorgente]

L'astrografo usato per scoprire Plutone.

L'osservatorio Lowell ha permesso importanti scoperte astronomiche, tra cui:



Telescopi[modifica | modifica sorgente]

L'osservatorio gestisce diversi telescopi in due località.
La storica struttura principale si trova sulla collina Mars Hill, poco distante del centro di Flagstaff. Questa località ospita il telescopio Clark originario e anche il telescopio da 33 cm usato da Clyde Tombaugh per scoprire il pianeta nano Plutone, oltre ad altri piccoli telescopi dedicati alla ricerca.
L'altra struttura, chiamata Stazione Anderson Mesa, si trova a circa 20 km a sudest di Flagstaff; comprende il Telescopio Perkins da 1,8 metri e il Telescopio John S. Hall da 1,05 m. In questa località è anche ospitato il Navy Prototype Optical Interferometer (NPOI), un progetto in collaborazione con lo United States Naval Observatory.

Una struttura dell'osservatorio

Il Lowell Observatory sta attualmente costruendo il Telescopio Discovery Channel da 4,2 metri in collaborazione con Discovery Communications Inc.

Elenco dei telescopi dell'osservatorio Lowell:

Attuali ricerche[modifica | modifica sorgente]

Gli astronomi dell'osservatorio Lowell conducono ricerche in vasti campi dell'astrofisica e nello studio del sistema solare, usando telescopi terrestri, aviotrasportati e spaziali.

Tra i molti programmi attualmente in corso c'è la ricerca di asteroidi near-Earth, lo studio della fascia di Kuiper, la ricerca di pianeti extrasolari, uno studio decennale sulla stabilità della luminosità solare e una serie di indagini sulla formazione stellare e altri processi nelle galassie distanti. Inoltre lo staff dell'osservatorio progetta e costruisce strumenti personalizzati da usare all'osservatorio o anche altrove. Per esempio il personale dell'osservatorio ha costruito la sofisticata fotocamera ad alta velocità usata nello Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy (SOFIA), un progetto delle agenzie spaziali americana (NASA) e tedesca (DLR) che consiste in un telescopio da 2,5 metri trasportato da un Boeing 747 SP.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lowell Observatory in National Historic Landmark summary listing, National Park Service. URL consultato il 27 settembre 2007.
  2. ^ Marilynn Larew, National Register of Historic Places Inventory-Nomination: Lowell Observatory (PDF), National Park Service, 31 ottobre 1977. URL consultato il 5 maggio 2009. and Accompanying six photos, exterior, from 1964 and 1976

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Strauss D., Lowell,Percival, Pickering, W.H. and the founding of the Lowell Observatory in Annals of Science, vol. 51, n. 1, 1994, pp. 37–58. DOI:10.1080/00033799400200121.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica