Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Taltibio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Agamennone, Taltibio ed Epeo, rappresentanti su un frammento di bassorilievo proveniente da Samotracia, Museo del Louvre, Parigi

Taltibio, (in greco Ταλθύβιος), è un personaggio acheo che compare in diverse opere greche oltre che nell'Iliade (I, v. 320, III, v. 118, IV, vv. 192-193, VII, v. 276, XIX, vv. 196-250-267, XXIII, v 897.)

Taltibio e Euribate, messaggeri e araldi di Agamennone, furono inviati dallo stesso Agamennone alla tenda di Achille per prendere e portargli Briseide[1].

Taltibio è anche un personaggio delle tragedie Ecuba e Troiane di Euripide.

(GRC)

« ἀλλ' ὄ γε Ταλθύβιόν τε καὶ Εὐρυβάτην προσέειπε, »

(IT)

« ma diceva e Taltibio ed Euribate »

([2])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Omero, Iliade, I, v. 320, trad., G. Cerri. Milano, BUR, 1966.
  2. ^ Omero, Iliade, Ibidem, I, v. 320.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Cantarella. La letteratura greca classica. Milano, BUR, 2002. ISBN 88-17-11251-8.
  • Omero, trad. G. Cerri, Iliade. Milano, BUR, 1966.
  • AA VV, Letteratura greca della Cambridge University. Milano, Mondadori, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]