Astinoo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nella mitologia greca, Astinoo era il nome di diversi personaggi legati ognuno al mito della guerra di Troia.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Durante la guerra combattuta fra gli achei e la potente città di Troia ritroviamo sotto tale nome:

  • Astinoo, figlio di Protiaone;
  • Astinoo, guerriero troiano ucciso in battaglia da Diomede con un colpo al petto grazie alla sua arma di bronzo rifinito.

Astinoo figlio di Protiaone[modifica | modifica wikitesto]

Durante una delle tante battaglie fra i due eserciti, Astinoo era in prima fila a combattere per i troiani. Polidamante, un eroe al servizio dell'esercito di Priamo, in quel frangente rimase senza auriga, e quindi anche se combatteva a piedi se ne avesse avuto bisogno gli era stato precluso ogni via di fuga. Appena vide libero Astinoo subito gli affidò le sorti dei suoi cavalli e lui fu ben felice di servirlo.

Quando Neottolemo, l'eroe figlio di Achille, giunse in Troade per aiutare gli Achei contro i troiani, egli assunse il comando dei Mirmidoni e con essi riuscì a massacrare quasi tutti gli eroi troiani. Sotto la sua lancia cadde sia Euripilo, nipote di Priamo giunto in soccorso dei Troiani, e anche Agenore, il valoroso figlio di Antenore. Insieme a loro venne inoltre ucciso anche Astinoo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Omero, Iliade V versi 144, XV versi 455

Traduzione delle fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Omero, Iliade, quinta edizione, Bergamo, BUR, 2005, ISBN 88-17-17273-1. Traduzione di Giovanni Cerri

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca