Clito (Iliade)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clito
SagaGuerra di Troia
Nome orig.Κλειτός
SessoMaschio
ProfessioneGuerriero

Clito (in greco antico Κλειτός) od anche citato come Cleito (in greco antico Κλεῖτος) è un personaggio della mitologia greca citato nell'Iliade (XV, v. 445), fu un guerriero troiano[1].

Clito fu ucciso da Teucro nell'azione bellica descritta nel libro XV dell'Iliade, relativo al Contrattacco dalle navi, ai versi 445 e seguenti.

(GRC)

« καί δ' ἔΒαλε Κλεῖτον, Πεισήνορος ἀγλαὸν υἰόν, »

(IT)

« Colpì Clito lo splendido figlio di Pisenore, »

([2])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Omero, Iliade, XV, v. 445, trad., G. Cerri. Milano, BUR, 1966.
  2. ^ Omero, Iliade, Ibidem.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Cantarella. La letteratura greca classica. Milano, BUR, 2002. ISBN 8817112518.
  • Omero, trad. G. Cerri, Iliade. Milano, BUR, 1966.
  • AA VV, Letteratura greca della Cambridge University. Milano, Mondadori, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia